Club Of Rome: Dichiarato Piano di Emergenza Planetaria

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Club of Rome è stato originariamente fondato in una riunione nella casa di David Rockefeller a Bellagio, in Italia, e ha promosso allarmismo sulla crescita della popolazione. È il libro del 1973, Limiti alla crescita, ha coinciso con la creazione della Commissione Trilaterale, sempre di Rockefeller. Ci sono ancora.

Questo testo è tratto dalla relazione 2002 del Club di Roma, Piano di emergenza planetario: garantire un nuovo accordo per le persone, la natura e il clima.

Dato che il Grande Panico del 2020 (pandemia) sta attualmente dominando il nuovo ciclo, non pensare per un minuto che l'allarmismo radicale sul cambiamento climatico sia svanito. Al contrario, sta solo aspettando i massicci finanziamenti che verranno raccolti durante il Great Reset. ⁃ TN Editor

Per 10,000 anni, la civiltà umana è cresciuta e prosperata grazie alla straordinaria stabilità climatica della Terra e alla ricca diversità biologica. Negli ultimi 50 anni l'attività umana ha gravemente minato questa capacità di recupero. I nostri modelli di crescita economica, sviluppo, produzione e consumo stanno spingendo i sistemi di supporto vitale della Terra oltre i loro confini naturali. La stabilità di questi sistemi - i nostri beni comuni globali da cui dipendiamo così fondamentalmente - è ora a rischio. La scienza è chiara che ora stiamo accelerando verso punti critici e che le conseguenze dell'inazione saranno catastrofiche per l'umanità. Il tempo per agire sta finendo.

Questa è un'emergenza planetaria. La definizione di emergenza è un evento pericoloso che richiede un'azione immediata per ridurre il rischio di risultati potenzialmente catastrofici. Gli impatti del cambiamento climatico e della distruzione ecologica sono più gravi e si stanno manifestando prima di quanto prevedessero molte previsioni scientifiche nei decenni precedenti. Le più autorevoli valutazioni scientifiche globali concludono che senza grandi interventi, i rischi raggiungeranno presto una fase critica. Dobbiamo stabilizzare il clima a 1.5 ° C al di sopra delle temperature preindustriali, arrestare la perdita di biodiversità, lo scioglimento lento della calotta polare e il ritiro dei ghiacciai, proteggere i biomi critici e immagazzinare più carbonio nel suolo, nelle foreste e negli oceani. In questo modo garantiremo la salute e il benessere a lungo termine delle persone e del pianeta. Per fare ciò, tuttavia, la nostra risposta a questa complessa emergenza deve riflettere gli intricati legami tra la vita sul nostro pianeta ei sistemi che la regolano. Deve affrontare la convergenza delle crisi e dei punti critici che hanno creato questa emergenza planetaria. Non abbiamo più tempo per un'azione politica incrementale e in silos.

Il 2020 è un "Super Anno" per l'azione politica internazionale. È il 75 ° anniversario delle Nazioni Unite. È la prima opportunità per le nazioni di aumentare l'ambizione climatica e raggiungere gli obiettivi netti del 2050. Verrà concordato un nuovo trattato sugli oceani. Saranno annunciati gli obiettivi di biodiversità. E il 2020 segnerà l'inizio del decennio per scalare l'azione per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Questo decennio deve essere un punto di svolta, il momento in cui il mondo piega la curva, scongiura il disastro imminente e sceglie invece di intraprendere la trasformazione economica più rapida della nostra storia. La dichiarazione di un'emergenza planetaria fornisce una nuova bussola per le nazioni e inietta l'urgenza essenziale nel processo decisionale. Garantirà che tutte le azioni a partire dal 2020 saranno prese alla luce del suo impatto sulla stabilità dei sistemi di supporto vitale della Terra e saranno sostenute dalle trasformazioni sociali ed economiche necessarie per garantire la salute e il benessere a lungo termine delle persone e pianeta. Mentre i nostri sforzi dovrebbero essere globali, le nostre risposte devono essere locali. Dovrebbero essere adattati alle esigenze, alle risorse e alle culture locali per garantire il massimo impatto e lavorare a vantaggio di tutti.

Il rischio esistenziale è reale. Tuttavia, le opportunità non solo per evitare il disastro, ma anche per ricostruire, migliorare e rigenerarsi sono prontamente disponibili. La storia ha dimostrato che l'umanità è straordinariamente resistente. Siamo ben adattati per rispondere al disastro attraverso la cooperazione e l'innovazione. Ma le potenziali conseguenze che dobbiamo affrontare questa volta sono diverse: abbiamo una finestra ristretta per agire ora per ridurre il rischio o evitare catastrofi. Non sappiamo come ricostruire la criosfera, il ciclo idrologico, le foreste pluviali, le barriere coralline e tutti gli altri sistemi di supporto vitale sulla Terra. Una volta che l'emergenza si manifesta completamente, sarà semplicemente troppo tardi per invertire il guasto. Oltre ad arrestare il cambiamento climatico e proteggere la natura, questi sforzi miglioreranno la salute, i mezzi di sussistenza e l'equità e creeranno città e comunità rurali più vivibili e sostenibili.

I nostri impegni proposti e l'azione di sostegno sono della scala necessaria per rispondere all'emergenza che le persone e il pianeta devono affrontare. Il nostro obiettivo è proteggere i beni comuni globali attraverso 10 impegni chiari e garantire che siano rispettati implementando immediatamente una serie di politiche di trasformazione e leve di mercato. Questa è la nostra polizza assicurativa per uscire dall'emergenza e garantire una transizione giusta per tutti.

Invitiamo le nazioni a discutere il caso per un piano di emergenza planetario. Proponiamo che tale piano sia fondato sull'urgente necessità di dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030, per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, arrestando la perdita di biodiversità e proteggendo i beni comuni globali essenziali. Tale iniziativa è coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile per porre fine alla povertà e migliorare la qualità della vita. Possiamo uscire dall'emergenza in un mondo che avvantaggia tutte le specie, entro i confini planetari e senza lasciare indietro nessuno. Questo è il mondo che immaginiamo e il mondo a cui tutti dobbiamo aspirare.

La logica dell'azione di emergenza

La scienza è chiara: il clima e la biodiversità sono completamente integrati e interdipendenti. Ogni anno dalla rivoluzione industriale, gli ecosistemi terrestri e oceanici hanno assorbito quasi la metà di tutte le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili. Senza la capacità della natura di assorbire e immagazzinare le nostre emissioni di GHG, avremmo già superato i 2 ° C di riscaldamento, con conseguenze potenzialmente disastrose. Il superamento di questa soglia di riscaldamento potrebbe spingere il pianeta verso feedback irreversibili e catastrofici della biosfera

Quando il cambiamento climatico altera una fessura nel sistema planetario, può innescare una catena di circuiti di feedback negativi. L'aumento della siccità, ad esempio, sta riducendo la capacità delle foreste tropicali di immagazzinare carbonio, rendendole più inclini agli incendi, rilasciando ancora più emissioni di GHG. La significativa perdita della criosfera ha ridotto la capacità dell'albedo dei principali sistemi terrestri di riflettere il calore lontano dal pianeta. Più alta è la temperatura, più il permafrost si scioglie, con maggiori emissioni sia di CO2 che di metano, portando a un riscaldamento ancora maggiore e innescando ulteriori circuiti di feedback negativi.

Almeno un milione di specie rischia la scomparsa, molte entro decenni7. Le catene alimentari potrebbero disintegrarsi e gli ecosistemi vitali collassare. La diversità delle specie e l'integrità degli ecosistemi giocano un ruolo fondamentale nella regolazione del clima, dei cicli dell'acqua, del sequestro del carbonio e della produzione alimentare.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leer la historia completa aquí. Vía Technocracy.news [...]

[…] Leggi l'intera storia qui. Tramite Technocracy.news [...]

[…] Per saperne di più: Club of Rome creato dal culto - gli ingegneri della bufala del "cambiamento climatico" (vedi The An ... [...]

[…] Di Roma: Piano di emergenza planetario dichiarato - commento di Patrick Wood - https://www.technocracy.news/club-of-rome-planetary-emergency-plan-declared/ - “Questa è un'emergenza planetaria. La definizione di emergenza è un evento pericoloso [...]

[…] Quelle: Club Of Rome: Piano di emergenza planetario dichiarato […]

trackback

[…] Club Of Rome: Dichiarato Piano di Emergenza Planetaria […]