Dispositivi con orecchie: cosa significano Alexa e Siri per la privacy

dispositivi con orecchieYahoo
Per favore, condividi questa storia!

Tutti vogliono ascoltare ogni tua parola, raccogliere tutti i tuoi dati e poi usarli per analizzare la tua stessa anima per essere usato per manipolarti ulteriormente. Tecnocrazia? Sì!  Editor TN

Tra il tuo laptop, smartphone, smart TV e forse un assistente virtuale, quanti microfoni ci sono nella tua casa?

Il numero di famiglie con un assistente a mani libere cresce di milioni ogni anno, ma la loro comodità può avere un prezzo. Con le forze dell'ordine che utilizzano già i dati raccolti dai dispositivi intelligenti come prova, i diritti alla privacy digitale stanno diventando più importanti e meno compresi che mai, poiché il rapido ritmo del progresso tecnologico e gli atteggiamenti mutevoli nei confronti della privacy mantengono l'argomento oscuro.

L'assistente di casa Echo era di Amazon prodotto più venduto la scorsa stagione delle vacanze, con Forrester Research che suggerisce 6 milione di vendite solo in 2016. La famiglia di dispositivi Echo sono tutte variazioni sul tema di un altoparlante intelligente che può ascoltare, comprendere e rispondere ai comandi vocali per tutto dalle conversioni di unità, allo spelling, allo shopping. Come l'implementazione di Siri nei recenti dispositivi iOS, gran parte della comodità è come il dispositivo è sempre in ascolto, quindi non devi mettere giù quello che stai facendo e trovare il tuo telefono per ottenere una risposta.

Ma qualche preoccupazione c'è una linea sottile tra ascoltare sempre e registrare sempre. L'analista politico senior ACLU Jay Stanley avverte che "anche la più remota minaccia di sorveglianza" può lanciare "autocoscienza ed effetti agghiaccianti … Su conversazioni private altrimenti a ruota libera ”.

Agiamo tutti in modo diverso quando pensiamo di essere in privato. La domanda è: siamo veramente soli quando siamo con i nostri dispositivi?

Nel caso di Siri, la risposta sembra essere sì, principalmente. Non ci sono record accessibili all'utente delle tue query precedenti perché Apple le associa a un numero ID casuale, piuttosto che al tuo indirizzo e-mail o account iCloud. Dopo sei mesi, entrambi vengono eliminati.

Per Echo, invece, è più complicato. "Il costo del dispositivo non è il reddito finale per queste aziende: la pubblicità e le informazioni personali sono ciò che è alla fine dell'arcobaleno per loro", spiega Albert Gidari, direttore della privacy presso lo Stanford Center for Internet and Society, in un e-mail al Christian Science Monitor.

Nell'ambito della sua ricerca di raccomandazioni sempre più accurate e di migliorare la sua tecnologia di riconoscimento vocale, Amazon mantiene un database delle tue conversazioni con Echo, che puoi vedere e gestire online. In aggiunta, i dati audio sono crittografati quando entra ed esce di casa, per ridurre al minimo il rischio di intercettazione da parte degli hacker.

Perché spedire i dati a tutti? Perché Echo e iPhone sono più orecchio che cervello, e tutti i pesanti scricchiolii di dati richiesti affinché le macchine comprendano il linguaggio umano vengono eseguiti su server Amazon e Apple lontani. La buona notizia è che le orecchie stesse non sono così intelligenti. Oltre ai comandi di riattivazione di "Alexa" o "Ehi Siri", pochissimi dati vengono archiviati localmente e i dispositivi non registrano alcuna conversazione a meno che non sentano prima la frase di riattivazione.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti