Nonostante la guerra, l'Ucraina si tuffa a capofitto nella tecnocrazia

Reddit
Per favore, condividi questa storia!
Soluzioni digitali, governo digitale, ID digitale, CBDC, privatizzate, automatizzate e esternalizzate. La guerra Russia/Ucraina si sta rivelando poco più di una distrazione mentre i tecnocrati prendono il controllo di tutto ciò che vedono. Il costo non è solo denaro, ma vite umane. Un'Ucraina terra bruciata è l'ambientazione perfetta per un test del Great Reset e Build Back Better - e stanno già gettando le basi per questo. ⁃ Editore TN

"Il governo deve diventare flessibile e mobile come un'azienda IT, automatizzare tutte le funzioni e i servizi,... ridurre il 60% dei funzionari, introdurre la privatizzazione su larga scala e l'esternalizzazione delle funzioni governative": il ministro ucraino per la trasformazione digitale

L'Ucraina potrebbe subire un'ondata crescente di continui blackout e interruzioni di Internet con l'intensificarsi della guerra per procura tra Russia e NATO, ma ciò non sembra aver frenato le ambizioni del governo Zelensky di trasformare il paese in un paese delle meraviglie digitale. Solo la scorsa settimana, la banca centrale ucraina ha svelato i piani per una E-grivna digitale e Kiev ha firmato un accordo commerciale digitale (sì, esistono) con il Regno Unito.

Il "DTA" appena firmato è apparentemente volto ad aiutare l'economia ucraina a riprendersi dal suo attuale malessere, aumentando al contempo la produzione digitale di entrambi i paesi. E indovina cosa include? Una disposizione per la collaborazione sull'identità digitale. Da un governo del Regno Unito comunicato stampa:

“[T]c'è un bisogno fondamentale che le persone siano in grado di utilizzare soluzioni digitali per dimostrare di essere chi dicono di essere, nonostante la perdita di documentazione critica o lo spostamento oltre confine. L'accordo fornisce un quadro per la cooperazione tra il Regno Unito e l'Ucraina per promuovere la compatibilità tra i rispettivi sistemi di identità digitale per aiutare a risolvere questo problema.

Se è vero che identificare i cittadini nel bel mezzo della guerra è un compito sia impegnativo che vitale, l'identità digitale è un'area in cui l'Ucraina già eccelle. Infatti, come afferma il gruppo per i diritti digitali Reclaim the Net note, ha molto da insegnare al Regno Unito in materia:

L'ID digitale altamente sofisticato dell'Ucraina, Diia, viene utilizzato per garantire al pubblico l'accesso alla maggior parte dei servizi governativi online. Dispone di nove credenziali digitali: la carta d'identità, il certificato dell'identity provider (IDP) per l'accesso alla rete, il certificato di nascita, il passaporto, la patente di guida, il codice fiscale, la carta dello studente e la carta di circolazione.

Diia è stata lanciata per la prima volta nel febbraio 2020 dal Ministero della trasformazione digitale, a sua volta creato alla fine del 2019. La piattaforma è in parte finanziata dall'iniziativa eu4digital dell'Unione europea, che nella sua parole proprie "mira ad estendere i benefici del mercato unico digitale dell'Unione europea agli Stati partner orientali, canalizzando il sostegno dell'UE per sviluppare il potenziale dell'economia e della società digitale, al fine di portare crescita economica, generare più posti di lavoro, migliorare la vita delle persone e delle imprese. "

Il sostegno dell'UE alla trasformazione digitale dell'Ucraina è anche un mezzo per avvicinare l'Ucraina al mercato unico digitale dell'UE, secondo Ambasciatore Matti Maasikas, capodelegazione dell'Unione Europea in Ucraina. L'obiettivo finale di Diia, che significa "azione" in ucraino, è digitalizzare e automatizzare tutti i servizi governativi come parte del concetto di "Stato in uno smartphone" del presidente Volodymyr Zelenskyy.

“Per i cittadini, il governo dovrebbe essere solo un servizio – semplice, ma soprattutto comprensibile”, ha dichiarato Zelenskyy. disse all'inizio della presentazione Diia. “In generale, il nostro obiettivo è fare in modo che tutti i rapporti con lo Stato possano svolgersi con l'ausilio di un normale smartphone e di Internet. In particolare, il voto. Questo è il nostro sogno e lo realizzeremo durante le elezioni presidenziali, parlamentari o locali. È una sfida. Ambizioso ma realizzabile.”

Questo viene da un uomo che ha vietato le attività della maggior parte dei partiti di opposizione del paese e guidò un assalto a tutto campo sui diritti dei lavoratori.

La guerra come catalizzatore

La digitalizzazione dei servizi governativi dell'Ucraina precede il conflitto con la Russia, ma nell'eterno spirito di non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata, è stata notevolmente ampliata e accelerata nei mesi successivi. All'inizio di marzo, Simon Johnson, ex capo economista del FMI, e Oleg Ustenko, consigliere economico del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, lanciò l'idea di creare un reddito di base universale, pagato con i miliardi di euro di beni russi congelati.

Sebbene l'idea non sia decollata del tutto, soprattutto a causa dei timori per il potenziale contraccolpo derivante dall'espropriazione dei fondi russi, l'Ucraina ha sperimentato con dispense finanziarie digitali. Il 6 marzo, il primo ministro ucraino Denis Shmyhal ha annunciato una "economia in tempo di guerra" con un pagamento una tantum di 6500 UAH (circa $ 200) a lavoratori dipendenti, autonomi e altri imprenditori che hanno perso il lavoro in alcune delle aree più colpite dalle ostilità . Dato quanto sono disperate le persone nel paese, l'offerta di assistenza governativa gratuita è particolarmente allettante. La registrazione per i fondi è possibile solo tramite l'app Diia.

In qualità di ministro ucraino per la trasformazione digitale e vice primo ministro Mykhailo Fedorov detto partecipanti all'edizione 2021 del programma Young Global Leaders del World Economic Forum, l'obiettivo del governo è creare un sistema di identificazione digitale che entro tre anni renda l'Ucraina lo Stato più conveniente al mondo operando come un fornitore di servizi digitali. "Stiamo dando forma alla visione di un governo del dopoguerra", ha affermato. E in quella visione, il governo sarà digitalizzato, privatizzato, automatizzato e esternalizzato:

Il governo deve diventare flessibile e mobile come un'azienda IT, automatizzare tutte le funzioni e i servizi, modificare in modo significativo la struttura, ridurre il 60% dei funzionari, introdurre la privatizzazione su larga scala e l'esternalizzazione delle funzioni governative. Anche in dogana. Solo un tale governo sarà in grado di attuare riforme rapide e coraggiose per ricostruire il Paese e garantire un rapido sviluppo.

Secondo un Articolo di settembre 2022 per il sito web di soluzioni IT per lo sviluppo, ICT works, di Troy Etulain, con sede a Washington, ex consigliere del ministro delle Infrastrutture ucraino, la popolarità di Diia sta esplodendo mentre le ambizioni di Kiev per la piattaforma continuano a crescere:

Nel 2021 gli utenti Diia erano 12 milioni. Ad agosto 2022, il numero era cresciuto fino a 18 milioni, con 50,000-70,000 utenti che si univano ogni giorno. Il vice primo ministro e ministro della trasformazione digitale (e amico di Zelensky) Mykhailo Fedorov ha ancora molte ambizioni per Diia, il suo risultato distintivo...

Diia sta rapidamente espandendo i suoi servizi. Ad agosto, Diia ha lanciato un servizio per consentire alle persone di registrare le proprietà danneggiate o perse a causa dell'aggressione russa in Ucraina, anche nel lontano 2014, quando i russi hanno iniziato a occupare la Crimea. Mentre i cittadini possono presentare domanda ora, una commissione sarà formata in un secondo momento per valutare le richieste di risarcimento danni. Presto il governo lo utilizzerà per pagare le pensioni.

Il ministro Fedorov ha la nobile ambizione di contrastare la piccola corruzione spostando anche a Diia piccole transazioni ufficiali, come la richiesta di un permesso di costruzione o l'ottenimento di qualsiasi tipo di licenza. E ad agosto, ha annunciato l'integrazione di Diia con la piattaforma di governance digitale myObywatel della Polonia.

Successivo: un CBDC ucraino

Etulain, che secondo il suo propria biografia "ha esperienza nella progettazione e implementazione" di programmi di sviluppo tecnologico e dei media, "comprese le strategie per le Nazioni Unite e USAID", ha evidenziato uno dei prossimi passi chiave nella trasformazione digitale dell'Ucraina (che non dovrebbe sorprendere i lettori di NC): l'istituzione di una banca centrale valuta digitale (CBDC). Come ho sostenuto in articoli precedenti e nel mio libro Scanned, una valuta digitale della banca centrale sarebbe quasi impossibile da realizzare senza prima installare un sistema di identità digitale controllato centralmente. Che, per fortuna, l'Ucraina ha già. Torniamo a Etulain:

Ogni grivna digitale avrebbe il proprio numero di identificazione univoco, proprio come ogni dollaro USA fisico ha un numero di serie univoco e può essere monitorato lungo il suo viaggio attraverso transazione dopo transazione. Ciò aiuterebbe enormemente a tenere traccia di come sono stati spesi i fondi per la ricostruzione. E con una maggiore fiducia internazionale arriverà un maggiore sostegno.

L'idea di una valuta digitale nazionale (chiamata anche valuta digitale della banca centrale, o CBDC) non è nuova. La Federal Reserve americana sta valutando un dollaro digitale. E nel 2021 gli amici dell'Ucraina dall'altra parte del Mar Nero in Georgia hanno lanciato la propria valuta digitale, in gran parte per arginare la corruzione (e consentire pagamenti istantanei e, infine, contratti intelligenti). E nel 2020 la Banca nazionale ucraina ha preso in considerazione l'idea.

Ovviamente la digitalizzazione dei pagamenti lungo l'intera catena del valore della ricostruzione renderà le cose più efficienti, in particolare se integrate con una grivna digitale. E, oltre alla promessa delle valute digitali di abbassare il costo del capitale (stampare denaro, immagazzinare bancomat, trasportarlo in veicoli antiproiettile), immagina solo la logistica impegnativa e costosa di fornire denaro in aree con infrastrutture decimate.

Un'economia digitale senza elettricità

Ma per quanto riguarda la logistica di gestire una società, un governo e un'economia sempre più digitalizzati in un paese con un'infrastruttura elettrica decimata? Come i lettori di NC sanno bene, l'esercito russo ha passato gli ultimi due mesi a eseguire una distruzione chirurgica della rete elettrica ucraina. Secondo John Helmer, l'obiettivo principale della Russia è ostacolare la capacità dell'Ucraina di trasportare (invece di produrre) elettricità. E come ha notato Yves nel suo articolo del 3 novembre, La Russia ha già pagato l'Ucraina?, sembrerebbe che "il modo più efficiente per l'Ucraina di ripristinare la rete (e ricorda che nessuna ricostruzione sarà terribilmente efficiente) sarebbe quello di ottenere l'attrezzatura necessaria dalla Russia".

Non succederà, almeno non tanto presto. Nel frattempo, l'Ucraina deve fare i conti con blackout continui sempre più diffusi. Come Aljazeera segnalati pochi giorni fa, anche se l'elettricità viene ripristinata in un'area locale, viene rapidamente nuovamente interrotta dagli attacchi dei missili da crociera russi:

Gli ingegneri fanno turni doppi o tripli per riparare o sostituire circuiti fritti e trasformatori anneriti. Dopo alcuni giorni, il potere è fisso.

Quindi, la Russia lo fa di nuovo.

Eppure, ironia della sorte, anche se la Russia intensifica i suoi attacchi alla rete elettrica ucraina, facendo precipitare nell'oscurità vaste aree del paese, la missione di digitalizzare l'economia ucraina si sta, semmai, intensificando. La scorsa settimana, la Banca nazionale dell'Ucraina (NBU) ha rivelato la sua progetto di concetto per lo sviluppo di un CBDC noto come grivna digitale o e-grivna.

"Lo sviluppo e l'implementazione dell'e-grivna può essere il prossimo passo nell'evoluzione dell'infrastruttura di pagamento dell'Ucraina, promuovere la digitalizzazione dell'economia, promuovere ulteriormente i pagamenti senza contanti e ridurne il prezzo, migliorare la trasparenza dei pagamenti e aumentare la fiducia generale nella moneta nazionale. ” ha affermato Oleksiy Shaban, vicepresidente della NBU.

L'NBU ha delineato tre possibili forme che il CBDC potrebbe assumere:

  • "Per pagamenti al dettaglio non in contanti con la possibile funzionalità di denaro programmato [o programmabile]."
  • Nella circolazione delle risorse digitali. In base a questa opzione, l'e-hyrvnia "può diventare uno degli elementi chiave dello sviluppo infrastrutturale qualitativo per il mercato delle risorse virtuali in Ucraina".
  • Per facilitare i pagamenti transfrontalieri.

Non è affatto chiaro quanto tempo potrebbe impiegare l'NBU per lanciare un'e-hyrvnia. Una cosa è lanciare una bozza di prova del concetto; tutt'altra cosa è lanciare effettivamente un CBDC che sia: a) funzionale; eb) ampiamente adottato. Come lettori può ricordare, il primo CBDC a vivere pienamente in un'economia più ampia, l'e-Naira della Nigeria, è stato finora un debole squib.

Come per l'identità digitale, le CBDC potrebbero offrire una serie di vantaggi pubblici, tra cui la facilità e la praticità d'uso, nonché la possibilità di indirizzare i benefici del governo in modo più preciso. E i governi possono trovare una miriade di pretesti per implementarne uno, da una crisi di salute pubblica al cambiamento climatico, alla sicurezza informatica, all'integrazione di un CBDC.

Ma secondo l'umile opinione di questo blogger, questi vantaggi sono notevolmente superati dai potenziali costi, rischi e insidie. Includono la perdita totale della privacy e dell'anonimato nel nostro comportamento di pagamento. Come il blogger e analista di Washington DC NS Lyons mette in guardia, CBDC, “se non deliberatamente e attentamente vincolati in anticipo dalla legge,… hanno il potenziale per diventare anche più del sogno di un pianificatore centrale tecnocratico. Potrebbero rappresentare la singola più grande espansione del potere totalitario nella storia”.

Sebbene la maggior parte dei discorsi, almeno in pubblico, riguardi i CBDC che integrano, anziché soppiantare, il denaro, l'obiettivo a medio e lungo termine è quello di piantare l'ultimo chiodo nella bara del denaro, come ammette candidamente Etulain:

"L'obiettivo qui è anche un cambiamento di comportamento fino al villaggio più remoto, per gettare una base che a lungo termine muova la società e l'economia verso i benefici di un'economia senza contanti".

Potenza senza precedenti

Come le CBDC, gli schemi di identità digitale offrono guadagni in termini di efficienza, trasparenza e convenienza, ma hanno anche il potenziale per concedere a governi e aziende un potere senza precedenti di costringere o incentivare cambiamenti nel comportamento umano, erodendo allo stesso tempo l'agire e l'autonomia individuali. Fedorov stesso crede che se offri alle persone un'enorme quantità di comodità accompagnata da una forte sicurezza informatica, non avranno altra scelta che fidarsi della tecnologia.

C'è un'aria minacciosa di TINA ("non c'è alternativa" di Margaret Thatcher) agli sviluppi in rapida accelerazione intorno all'identità digitale e ai CBDC, sia in Ucraina che nel mondo. Come accennato all'inizio di questo articolo, i governi di Ucraina e Regno Unito hanno concordato di collaborare sull'identità digitale, proprio come il Regno Unito ha già fatto con Singapore. Tale accordo segue una collaborazione simile sull'identificazione digitale tra Ucraina ed Estonia, che ha anche digitalizzato molti dei suoi servizi governativi.

Nell'UE, il Consiglio europeo ha appena adottato una posizione comune sulla proposta legislativa riguardante il quadro per un'identità digitale europea (eID). Anche la Russia lo è progettando di uscire un ID digitale ed è programmato per pilotare un rublo digitale l'anno prossimo. Nel frattempo, negli Stati Uniti dieci organizzazioni di difesa, tra cui la Better Identity Coalition, hanno chiesto al Congresso di approvare il Miglioramento della legge sull'identità digitale del 2022, che incarica il governo di sviluppare un'infrastruttura di identificazione digitale federale. Tutto questo sta avvenendo praticamente senza alcuna consapevolezza da parte del pubblico e tanto meno input.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Per saperne di più: nonostante la guerra, l'Ucraina si sta tuffando a capofitto nella tecnocrazia […]

[…] Per saperne di più: nonostante la guerra, l'Ucraina si sta tuffando a capofitto nella tecnocrazia […]

le feeme

Ma a Putin non interessa la tecnologia. Sarebbe bello se, per una volta, ci fossero alcuni scrittori che hanno effettivamente trascorso più di qualche giorno nell'Europa orientale, se non del tutto. Scrivete tutti di cose di cui in realtà non sapete nulla. Mostri anche esattamente qual è lo scopo della guerra. La Russia si concentra sull'eliminazione del potere dalla gente comune, mentre tutti i politici e gli oligarchi in Ucraina non hanno nulla di cui preoccuparsi. Questo ti mostra qual è lo scopo della guerra. L'opposizione alla Russia viene principalmente da Z... Per saperne di più »

[…] gli utenti possono ora caricare la propria patente di guida sul proprio telefono, abilitando un ID digitale. L'esperto di tecnocrazia Patrick Wood afferma che l'Ucraina si sta "tuffando a capofitto nella tecnocrazia" con il suo abbraccio del digitale [...]

[…] Nonostante la guerra, l'Ucraina si sta tuffando a capofitto nella tecnocrazia — la tecnocrazia […]