La Danimarca finirà la produzione di petrolio del Mare del Nord nel 2050

Wikimedia Commons, Erik Christensen
Per favore, condividi questa storia!
In uno spettacolo in tribuna, la Danimarca rinuncia all'estrazione di petrolio nel Mare del Nord per ridurre la CO2, ma nessuno sottolinea che 2/3 della produzione di energia rinnovabile della Danimarca proviene da combustibili da biomassa che producono altrettanta CO2. Quale carburante è più efficiente e concentrato? Olio. ⁃ TN Editor

La Danimarca lo farà Stop estrarre petrolio dal Mare del Nord nel 2050, ha detto il governo danese, aggiungendo che annullerà il suo ottavo round di licenze, annunciato all'inizio di quest'anno.

Il round non è riuscito ad attirare molta attenzione, comunque, con un solo richiedente che ha espresso interesse dopo il ritiro di French Total, Reuters noto in un reportage sulla notizia.

La Danimarca non è un produttore particolarmente grande di petrolio e gas, con la sua produzione giornaliera media quest'anno stimata in 83,000 bpd di petrolio e 21,000 di petrolio equivalente. Eppure è il più grande dell'Unione Europea, che esclude la Norvegia e, dal prossimo anno, il Regno Unito.

Il piccolo paese scandinavo è anche uno degli obiettivi climatici più ambiziosi. Copenaghen prevede di ridurre le emissioni del 70% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030 e di diventare a impatto zero entro il 2050.

"Stiamo ora ponendo fine all'era fossile e tracciando una linea retta tra le nostre attività nel Mare del Nord e l'obiettivo della neutralità climatica del Climate Act nel 2050", ha affermato il ministro del clima Dan Jørgensen nei commenti alla dichiarazione ufficiale sulla sospensione. di esplorazione di petrolio e gas nel Mare del Nord.

Il ministro ha aggiunto che i dipendenti dell'industria petrolifera e del gas i cui posti di lavoro saranno licenziati nell'ambito del piano riceveranno aiuto attraverso la formazione continua per trovare una nuova occupazione. I giacimenti di petrolio e gas saranno utilizzati per lo stoccaggio del carbonio, ha anche affermato Jørgensen

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
DawnieR

Mi stupisce ancora che le persone stiano ancora discutendo su queste cose. Da queste parti <<< Abbiamo petrolio / gas / fracking che sta DISTRUGGENDO il nostro pianeta. VEDERE i MILIONI di operazioni di pompaggio che spaventano il nostro Paese… ..è davvero VULGAR !! Poi, >>>> qui, abbiamo le "rinnovabili", che è una merda; molto UN-sostenibile !! Nel frattempo, oltre >>> QUI <<< stanno NASCONDENDO la VERA "Energia Libera" !! Abbiamo la tecnologia "free energy" di Nikola Tesla; abbiamo la tecnologia degli "ET" e, non ho DUBBIO, che "loro" abbiano trovato la nostra TECNICA ANTICA (da decine di migliaia di anni fa) !! Ma, come per il loro PLAYBOOK, mantengono il file... Per saperne di più »

statalista

Nach allen Erkenntnissen und Erfahrungen mit der Ölföderung haben wir Peak Oil im Jahr 2000 gesehen. Auch England wird nun zum Nettoeinkäufer von Öl, weil die Reserven nicht endlos sind. Zwar wird noch jahrelang gefördert, aber es kommt immer mehr Wasser, das nur von einer dünnen Ölschicht bedeckt ist. Für Förderung und Raffinierungmuß dann mehr Energie eingesetzt werden (EROEI - Energy Return On Energy Invested), bis die eingesetzte Energie größer ist und die Förderung sich nicht mehr lohnt. Der Klimawandel è un Behauptung, der mit falschen Beweisen begründet wird. Und damit nicht genug, man bekämpft nur in einem Anfall von... Per saperne di più »