Delingpole: No, la Terra non è in una 'emergenza climatica'

Wikimedia Commons, Il re dei morti
Per favore, condividi questa storia!
I fatti concreti volano di fronte agli allarmisti climatici, ma ciò non li scoraggia dal perpetuare il mito dell'emergenza climatica. La pseudo-scienza non è vera scienza. È una narrativa inventata che si nasconde dietro la rispettabilità della vera scienza, ma non regge sotto esame. ⁃ TN Editor

Non esiste “l'emergenza climatica”, secondo a studio per la Global Warming Policy Foundation dallo scienziato indipendente Dr Indur Goklany.

Goklany conclude:

Mentre il clima potrebbe essere cambiato per il caldo:

• La maggior parte dei fenomeni meteorologici estremi non sono diventati più estremi, più mortali o più distruttivi

• Le prove empiriche contraddicono direttamente le affermazioni secondo cui l'aumento di anidride carbonica ha ridotto il benessere umano. In effetti, il benessere umano non è mai stato così alto

• Quali che siano gli effetti dannosi che il riscaldamento e la maggiore anidride carbonica possono aver avuto sulle specie terrestri e sugli ecosistemi, sono stati sommersi dal contributo dei combustibili fossili all'aumento della produttività biologica. Ciò ha bloccato e invertito la riduzione della perdita di habitat

Il rapporto sarà una lettura estremamente deprimente per tutti gli attivisti ambientali di spicco - dal Papa e Doom Goblin Greta Thunberg a Klaus Schwab del Great Reset - che hanno spinto la narrativa dell'emergenza climatica. È un articolo di fede per l'élite globalista e per i loro utili idioti nei media, in politica, negli affari e nel divertimento che il mondo è sulla rotta per il disastro climatico che solo un'azione internazionale radicale e costosa può prevenire.

Ma il rapporto di Goklany - Impatti del cambiamento climatico: percezione e realtà - afferma che ci sono poche o nessuna prova a sostegno della narrativa spaventosa.

Alla fine, Goklany fornisce una tabella, esponendo tutte le affermazioni allarmistiche fatte dai gruppi ambientalisti - e poi confrontandole con la realtà osservata. Solo una delle affermazioni si alza, secondo lo studio - il tempo è diventato leggermente più caldo:

Più giornate calde e meno giornate fredde - Sì

Cicloni / uragani più intensi o frequenti - No

I tornado aumentano e diventano più intensi - No

Inondazioni più frequenti e più intense - No

Siccità più frequenti e intense - No

Area bruciata da incendi in aumento - No (area raggiunta a metà del XIX secolo)

Rese di cereali in calo - No (sono triplicate dal 1961)

Forniture alimentari pro capite in diminuzione - No (aumento del 31% dal 1961)

Area di terra e spiagge in diminuzione, isole coralline sommerse - No. (espansione marginale)

Secondo lo studio, nessuna delle affermazioni fatali fatte sul declino del benessere umano si alza.

L'accesso ad acqua più pulita è aumentato; la mortalità per "eventi meteorologici estremi" è diminuita del 99% dagli anni '1920; meno persone muoiono per il caldo; i tassi di mortalità per malattie sensibili al clima come la malaria e la diarrea sono diminuiti (dal 1900 i tassi di mortalità per malaria sono diminuiti del 96%); i tassi di fame sono diminuiti; la povertà è diminuita (il PIL pro capite è quadruplicato dal 1950 anche se i livelli di CO2 sono sestuplicati); la speranza di vita è più che raddoppiata dall'inizio dell'industrializzazione; è aumentata l'aspettativa di vita adeguata alla salute; la disuguaglianza globale è diminuita in termini di reddito, aspettativa di vita e accesso ai servizi moderni; la terra è verde e più produttiva; l'habitat perso per l'agricoltura ha raggiunto il picco a causa delle tecnologie dipendenti dai combustibili fossili.

Sarà difficile per gli attivisti verdi liquidare Goklany come un "negazionista". Le sue credenziali di esperto di clima sono impeccabili. Era un membro della delegazione degli Stati Uniti che ha istituito l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) e ha contribuito a sviluppare il suo primo rapporto di valutazione. Successivamente ha servito come delegato degli Stati Uniti presso l'IPCC e come revisore dell'IPCC.

Goklany ha detto:

Quasi ovunque guardi, il cambiamento climatico sta avendo solo piccoli e spesso effetti positivi. L'impatto di eventi meteorologici estremi - uragani, tornado, inondazioni e siccità - è, semmai, in diminuzione. I danni economici sono diminuiti come una frazione del PIL globale. I tassi di mortalità per tali eventi sono diminuiti del 99% dagli anni '1920. Le malattie legate al clima sono crollate. E più persone muoiono per il freddo che per il caldo.

Anche l'innalzamento del livello del mare - previsto per essere l'impatto più dannoso del riscaldamento globale - sembra essere molto meno un problema di quanto si pensi, secondo i risultati dello studio.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
steve

Grazie mille per aver condiviso questo. Non sarà mai creduto dal mainstream, ma deve comunque continuare a essere condiviso.

Julie

Mi piace leggere le tue notizie frequenti e ho apprezzato la tua disponibilità a pubblicare punti di vista controversi, ma questo articolo non è accurato e credo anche che il suo intento sia in definitiva politico (specialmente quando non hai più fonti da tutto il mondo che inviano ricerche e altro ). Ho studiato meteorologia e conosco parecchi scienziati in questo campo. Vorrei raccomandare di includere più ricerche, articoli e punti di vista su questo argomento. Infine, come cristiano, vorrei ricordarti che Gesù ha avvertito che coloro che hanno il potere di influenzare i cristiani sono più responsabili della guida... Per saperne di più »

Fisher153

Concordo con l'affermazione di Julie sul dovere dei cristiani di dire la verità e credo che la scienza ci porti a una maggiore comprensione e apprezzamento del nostro meraviglioso Creatore. Dalla mia comprensione, penso che il signor Goklany abbia ragione. Le sue dichiarazioni sono coerenti con altri dati scientifici rivisti e convalidati da Climate Change Reconsidered (The Heartland Institute, 2013). http://climatechangereconsidered.org; https://www.heartland.org/Center-Climate-Environment/index.html Come mi disse un professore di scienze atmosferiche all'università, fino a quando non avremo compreso meglio l'impatto del vapore acqueo, non possiamo determinare l'impatto della CO2. Dato che la "finestra" radiativa della CO2 è quasi chiusa, la futura forzatura da CO2 sarà trascurabile, ma... Per saperne di più »