Letale: il primo sciame di droni "Cerca e distruggi" con IA autonoma schierato in combattimento

Per favore, condividi questa storia!
La corsa globale agli armamenti per i droni killer autonomi è ufficialmente iniziata con il primo utilizzo di tali sistemi d'arma da parte di Israele. Anche tre anni fa, i governi mondiali ci assicuravano stupidamente che tale tecnologia sarebbe stata assolutamente vietata. Sapevamo meglio e abbiamo avvertito che sarebbe arrivato presto. Quel giorno è ormai arrivato. Editor TN

È stato riferito che Israele ha utilizzato il primo sciame di droni mai schierato in battaglia per dare la caccia ai terroristi di Hamas.

I droni non hanno input umani ma invece si collegano tra loro usando l'intelligenza artificiale per cercare i loro obiettivi.-

Hamas ha iniziato a lanciare razzi in Israele dopo le proteste dei palestinesi a maggio, provocando un conflitto di 11 giorni in cui 256 persone sono state uccise a Gaza e 13 in Israele.

Durante le violenze l'esercito israeliano afferma che più di 4,300 razzi sono stati lanciati da Gaza verso paesi e città.

Israele ha reagito con attacchi aerei e artiglieria, ma non ha schierato forze di terra nella sua battaglia con i terroristi.

Ora è emerso che le forze israeliane hanno usato sciami di droni per colpire Hamas, Rapporti di New Scientist.

Arthur Holland dell'Istituto delle Nazioni Unite per la ricerca sul disarmo ha affermato che "se confermati, sono sicuramente un passo avanti nella crescita incrementale dell'autonomia e della collaborazione da macchina a macchina in guerra".

I droni sono stati precedentemente diretti da un singolo operatore che "vola" l'aereo da una base remota.

Ma negli ultimi anni, i militari hanno lavorato allo sviluppo dell'intelligenza artificiale che consente ai droni di lavorare insieme senza la necessità di un operatore.

L'idea di base di uno sciame di droni è che le sue macchine sono in grado di prendere decisioni tra di loro.

Lo sciame continua la sua missione, anche se perde alcuni droni durante la sua missione.

Il sistema di apprendimento automatico è alimentato con dati provenienti da satelliti, altri droni da ricognizione e veicoli aerei, nonché informazioni raccolte da unità di terra.

L'Unità 8200 del Corpo di intelligence delle forze di difesa israeliane ha sviluppato algoritmi che utilizzano dati geografici, di segnale e di intelligence umana per identificare questi punti strategici di attacco.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Larry Riedel

Non vedo nulla che suggerisca che un sistema completamente automatizzato stia uccidendo qualcuno, facendo saltare in aria qualcosa o prendendo una decisione per fare una di queste cose.

capra

Dalla fonte “Durante le operazioni a Gaza a metà maggio, le Forze di difesa israeliane (IDF) hanno utilizzato uno sciame di piccoli droni per localizzare, identificare e attaccare i militanti di Hamas. Si pensa che questa sia la prima volta che uno sciame di droni viene utilizzato in combattimento.

Leggi di più: https://www.newscientist.com/article/2282656-israel-used-worlds-first-ai-guided-combat-drone-swarm-in-gaza-attacks/#ixzz6zxWag8ev

coronistan.blogspot.com

E chi controlla quasi tutti i droni in tutto il mondo? Oooh, brutto fallo.

Brett A Gleason

Merda, non riescono ancora nemmeno a ottenere un drone per consegnare la spesa, quindi penso che questo sia tutto pubblicizzato BS

Elle

Spero VERAMENTE che tu abbia ragione.

Elle

Quindi la fantascienza diventa realtà: "Captain America: The Winter Soldier". Ora possiamo TUTTI essere identificati, presi di mira e assassinati dalla folla elitaria di predatori del pianeta. E il ritmo continua...