DARPA lavorando sul controllo mentale per i droni

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Il DARPA è il braccio di ricerca dell'establishment militare statunitense ed è incaricato di sviluppare tecnologie avanzate che porterebbero al dominio totale del campo di battaglia. Sfortunatamente, i militari rivolgono sempre più la sua attenzione ai cittadini americani. ⁃ Editor TN

L'agenzia statunitense per i progetti di ricerca avanzata sulla difesa ha testato un impianto che consente a un operatore di controllare simultaneamente, con i propri pensieri, fino a tre veicoli aerei senza pilota.

La tecnologia potrebbe un giorno portare a un'interfaccia diretta tra esseri umani e UAV.

Ma il pieno controllo mentale per i droni è ancora molto lontano. Controllare liberamente un piccolo UAV è una cosa. Il controllo diretto di diversi droni sofisticati, con comunicazione bidirezionale completa, è piuttosto un altro.

Le prove di controllo mentale si sono svolte a Pittsburgh tra giugno 2016 e gennaio 2017, secondo DARPA. Usando quella che l'agenzia chiamava "interfaccia neurale bidirezionale", un volontario di nome Nathan Copeland è stato in grado di guidare simultaneamente un UAV di guida simulato e mantenere la formazione di altri due aerei simulati in un simulatore di volo, ha affermato Tim Kilbride, portavoce della DARPA.

Copeland, che è parzialmente paralizzato, non ha mai guidato un vero drone usando solo i suoi pensieri. Invece, ha incanalato i suoi pensieri attraverso un impianto medico incorporato nel suo cranio, che utilizzava l'elettroencefalogramma, o EEG, per interfacciarsi con una simulazione al computer di un drone che navigava su un percorso ad ostacoli, il tutto mentre due alati robot si trascinavano dietro di esso.

"Il compito di Nathan era di esercitare il controllo verticale e laterale per far volare l'aereo di testa attraverso una serie di cerchi posizionati al centro dello schermo, mantenendo / correggendo anche la rotta laterale dei due aerei di supporto attraverso i loro stessi cerchi posizionati in posizioni di spostamento in la parte superiore dello schermo ", ha spiegato Kilbride.

La tecnologia di DARPA traduce pensieri specifici in codice comprensibile a un drone. Il drone a sua volta può scansionare il suo ambiente, rilevare un ostacolo e avvisare l'operatore. Il cervello dell'operatore traduce il segnale di ritorno del drone come una "risposta tattile". In altre parole, una sensazione forte.

Con la tecnologia di oggi è possibile solo per un utente comunicare vagamente con un drone alla volta. E questo non è l'unico problema della tecnologia.

"La grande sfida è che stai parlando di interfaccia con il cervello umano, non è una cosa da poco", ha dichiarato Bradley Greger, ingegnere neurale presso la Arizona State University. "È molto importante impiantare qualcosa nel cervello."

DARPA sta cercando di minimizzare quel rischio. Nel febbraio 2016 l'agenzia ha annunciato i primi test di successo, sugli animali, di un minuscolo sensore che viaggia attraverso i vasi sanguigni, si deposita nel cervello e registra l'attività neurale.

Il cosiddetto "stentrodo", una combinazione di stent ed elettrodo, potrebbe aiutare i ricercatori a risolvere uno dei problemi più fastidiosi con l'interfacciamento umano-drone. Come inserire un trasmettitore nel cervello di qualcuno senza anche praticare un buco nella testa.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti