Cyber ​​Poligono? L'interruzione di Facebook potrebbe prefigurare un attacco simile a Pearl Harbor

Per favore, condividi questa storia!
Cyber ​​Polygon è un progetto del World Economic Forum ed è stato paragonato all'Evento 201 che apparentemente ha scritto la pandemia di COVID-19. Cyber ​​Polygon si concentra sulla risposta a un evento informatico globale in cui la maggior parte di Internet viene chiusa dagli hacker.

Secondo il WEF sito web,

Quest'anno le discussioni durante la conferenza in diretta streaming saranno incentrate sullo sviluppo sicuro degli ecosistemi. Con l'ulteriore accelerazione della digitalizzazione globale e la crescente interconnessione di persone, aziende e paesi, la sicurezza di ogni singolo elemento di una catena di approvvigionamento è la chiave per garantire la sostenibilità dell'intero sistema.

Durante l'esercitazione tecnica, i partecipanti affineranno le loro abilità pratiche nella mitigazione di un attacco mirato alla catena di approvvigionamento su un ecosistema aziendale in tempo reale.

Mentre Mark Zuckerberg ha partecipato alle riunioni del WEF a Davos, in Svizzera, Facebook non è un attore importante nella catena di approvvigionamento globale. Tuttavia, la sua interruzione di più ore di ieri ha suscitato paura e panico nei cuori dei suoi 2.8 miliardi di utenti. Ora, in un solo giorno, il mondo intero comprende i pericoli di un massiccio attacco informatico.

Questo articolo ora fa il collegamento tra l'interruzione globale di Facebook e un potenziale attacco simile a Pearl Harbor sferrato a Big Tech. Conclude: “Non regolamentate e prive di controlli ed equilibri sul loro funzionamento, le big tech potrebbero essere una minaccia per l'Occidente; questa rivelazione è una delle lezioni importanti della recente interruzione". ⁃ Editor TN

L'impressionante traiettoria dell'era di Internet e del dominio dei social media su come otteniamo le nostre informazioni è stata messa in mostra lunedì sera quando Facebook e le sue società – Instagram e WhatsApp – si sono schiantate in tutto il mondo.

Ampie aree del mondo si affidano a queste piattaforme e servizi, in gran parte non regolamentati dai governi, per fare tutto: inviare messaggi, effettuare chiamate, ricevere informazioni e coordinare riunioni e vita quotidiana.

Questa non è solo una piccola parte della vita delle persone nell'età moderna. L'era di Internet ha rapidamente spostato il potere nelle mani di alcuni grandi colossi tecnologici che operano come monopoli sui piani dell'hosting, della distribuzione e della diffusione delle informazioni.

Tuttavia, controllano anche altre reti che fungono sempre più da sostituti delle reti telefoniche.

Quando l'era di Internet è iniziata negli anni '1990, ha fornito un modo radicalmente nuovo per le persone di accedere alle informazioni; prima c'erano solo televisione e radio. La natura della Rete, interattiva in modi che gli altri due non erano, ha fatto sì che essa iniziasse rapidamente ad abitare in una molteplicità di luoghi nella vita delle persone che fino a quel momento non si pensava possibile.

Poco dopo, Internet ha fornito un modo alternativo per guardare la televisione: siti di streaming e YouTube. Questo è diventato rapidamente vero per la radio e altri mezzi di comunicazione. Le notizie sono andate online, colpendo i principali media legacy e sfidando la sua sopravvivenza. Le vendite di prodotti – lo shopping – si sono spostate online, così come la creazione di portali in cui le persone possono chattare, inviare messaggi e comunicare e creare versioni virtuali di se stesse.

La rivoluzione più recente è stata il legame di questi vari elementi sotto il potere di grandi aziende tecnologiche, come Facebook. Ciò significa che mentre l'era di Internet alla fine degli anni '1990 e all'inizio degli anni 2000 era un selvaggio West unico per tutti, la nuova era riflette maggiormente l'era dei ladri baroni degli Stati Uniti alla fine del 19° secolo - i monopoli e trust che arrivarono a dominare l'industria attraverso l'integrazione orizzontale e verticale.

Le grandi aziende tecnologiche sono così grandi che ora hanno divorato parti di Internet e controllano il modo in cui la maggior parte delle informazioni e delle comunicazioni fluiscono.

Un'interruzione come quella avvenuta lunedì non è senza precedenti. Vari grandi siti tecnologici di grandi dimensioni si sono bloccati in passato, di solito per un breve periodo. Negli ultimi anni c'è stato anche un aumento degli incidenti informatici, compresi gli attacchi informatici che hanno preso di mira infrastrutture critiche, sia in Israele, negli Stati Uniti o in altri luoghi.

La domanda che i governi dovrebbero porsi sempre più spesso è come possono replicare o mantenere la comunicazione e i principali sistemi Internet in caso di interruzione tra le grandi aziende che sono troppo grandi per fallire.

Questo non è un esperimento mentale arbitrario.

Il mondo sta entrando in un'era di incertezza, che si riflette non solo nella pandemia, ma anche nella grande competizione di potere. Questo perché l'ordine mondiale emerso dopo la Guerra Fredda, che ha portato al dominio globale degli Stati Uniti, si è ora spostato in una lega di paesi autoritari che sono in contrasto con Washington e le democrazie occidentali.

La maggior parte di loro censura anche alcune parti di Internet o temono un uso diffuso da parte dei cittadini nel suo insieme. Ciò include Turchia, Iran, Cina, Russia e altri stati.

Le grandi aziende tecnologiche spesso devono soppesare le richieste dei regimi autoritari per reprimerle, bilanciandole con i propri budget e obiettivi aziendali. Ciò significa, in alcuni casi, soccombere agli autoritari.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

12 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Greg

Aha, l'hack potrebbe essere un'altra "falsa bandiera" fatta in collaborazione con il WEF per aumentare la paura e rendere le persone più accettate dall'attuazione di misure ancora più draconiane che limitano i diritti e le libertà. Forse è un'ulteriore iterazione della vecchia formula che raramente fallisce... crea un problema e poi fornisci una 'soluzione', una soluzione che fa progredire ulteriormente le pulsioni megalomani dei sociopatici che bramano il controllo totale.

Carolyn Brouillard

Sono d'accordo. Facebook è stato avviato dal Deep State. Pensare che un'interruzione del genere sia stata un incidente sembra un po' ingenuo. Sembra una programmazione predittiva per enormi interruzioni digitali, che possono in qualche modo trasformare in una richiesta di più intrusioni digitali.

Michael

Voglio dire, per favore davvero? Evento informatico? Credo che il mondo potrebbe essere migliore senza Facebook. Spegnilo.

Giorgio

Gli hacker hanno scelto un ottimo sito da chiudere.
Nessuna censura male informata per un giorno.

elle

Concordato!

Ultima modifica 11 mesi fa di elle
Ren

Ho già cancellato FB. A causa della censura, le uniche persone che amano usare la piattaforma sono le nonne con ricette e video di gattini e democratici/comunisti. Le nonne hanno ancora la TV. Solo i Demo/Commie hanno sofferto. Ma forse questo ha lo scopo di spaventarli.

Erik Nielsen

Cosa facciamo con le pecore quando sono interrotte e non occupate da Facebook?
2,8 miliardi di utenti confusi che vanno in giro con gli occhi grandi e la bocca aperta senza sapere cosa fare? Abbiamo un grosso problema qui.

Ricostruisci Botter

James Corbett | Cina, Wall Street e la nuova economia globale | Hangout illimitato con Whitney Webb
Sono tutti molto intrecciati. Non farti ingannare.
https://vimeo.com/622202248

elle

"... la sua interruzione di più ore di ieri ha instillato paura e panico nei cuori dei suoi 2.8 miliardi di utenti." Sorprendente. Ha colpito FEAR in 2.8 miliardi di utenti di FB, il sito di propaganda controllato? Quelle persone sicuramente vivono in una realtà diversa dalla mia. Non avevo idea che fosse successo e non mi interessa. Ho avuto alti e bassi con la mia connessione durante quel giorno, ma PAURA? Chi ha paura, esattamente? Le aziende che dipendono dall'utilizzo di FB per informare i clienti ma non dovrebbero? Norme che non possono vivere senza una comunicazione costante per verificare la propria esistenza? Famiglie che vogliono comunicare tra loro? Paura? Strano. solo non farlo... Per saperne di più »

Vincitore

Internet sarà controllato in modo più centralizzato dagli algoritmi delle agenzie di intelligence del governo, oppure Internet diventerà più decentralizzato in un "file system interplanetario". Entrambe le opzioni dovrebbero essere motivo di grande preoccupazione per vari motivi. Cosa ti sta vendendo esattamente la catena di approvvigionamento devi chiederti ora prima che sia troppo tardi. La Cina sta producendo il 30% dei beni mondiali, la maggior parte dei quali sono scorie senza valore. C'è da decenni una sovrapproduzione di cibo, ma abbiamo spedizioni di aiuti destinati ai “buchi del terzo mondo” di DESIGN. Il piano è schiacciare la classe media in Occidente e trasferire tutta la ricchezza... Per saperne di più »

trackback

[…] Poligono informatico? L'interruzione di Facebook potrebbe prefigurare un attacco simile a Pearl Harbor […]

[…] Poligono informatico? L'interruzione di Facebook può prefigurare un attacco simile a Pearl Harbor (tecnocrazia) [...]