'Carbon Crimes': torturare la legge e la ragione per liberare il pianeta dai negazionisti del cambiamento climatico

Spettacolo teatrale "Kill Climate Deniers", Pleasance Theatre. Londra
Per favore, condividi questa storia!
Diversi anni fa, il propagandista del clima Al Gore ha dichiarato: "I negazionisti del clima meritavano di essere puniti". Man mano che la tirannia guadagna terreno, trova sempre un modo per sopprimere con la forza le sue vittime designate. Questo articolo lo inchioda: “Il movimento per il clima ha scoperto il diritto penale come strumento per condurre la politica climatica”.

Lo spettacolo di Londra 2019, Uccidi i negazionisti del clima, mostra adeguatamente il sentimento ultimo tenuto dall'eco-movimento verso i cosiddetti "negazionisti del clima".

Questo è un articolo importante che dovrebbe essere letto parola per parola per comprendere il cambiamento radicale nella teoria giuridica. Editor TN

 

Astratto

Il movimento per il clima ha scoperto il diritto penale come strumento per condurre la politica climatica. Per completare le cause civili contro gli stati e le società, gli attivisti del movimento intendono invocare la tortura e un crimine di "ecocidio" recentemente proposto per colpire dirigenti aziendali, politici e altri che ostacolano le loro politiche preferite. Nel promuovere la loro agenda, questi attivisti ricevono assistenza dalla magistratura, in particolare dalla Corte europea dei diritti dell'uomo.

L'uso del diritto penale per perseguire la politica climatica è un ulteriore passo nella radicalizzazione del movimento per il clima e rappresenta una minaccia per le libertà economiche e politiche, lo stato di diritto e la democrazia. Se il movimento è in grado di realizzare i suoi piani, tutti coloro che non sostengono politiche climatiche ambiziose dovrebbero temere procedimenti giudiziari e imprigionamenti. Al contrario, la minaccia di sanzioni penali contro politici e dirigenti aziendali creerà potenti incentivi per adottare politiche climatiche ambiziose e la narrativa dominante a favore del clima.

Lucas Bergkamp spiega come il diritto penale, nella visione del movimento per il clima, dovrebbe integrare il diritto civile e amministrativo per eliminare ogni e qualsiasi opposizione ai suoi piani per la realizzazione di un'utopia climatica.

governo europeo dei giudici

Nel corso di diversi decenni, la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è evoluta in un governo europeo a sé stante. Basato su dottrine progettata per consentirle di espandere i suoi poteri a sua discrezione, la Corte ha emanato una serie di mandati per nuove leggi e politiche per l'Europa. C'è poco controllo democratico sul ruolo della Corte nel portare avanti la politica progressista. Una volta che la Corte è intervenuta, i parlamenti nazionali non possono annullare il suo pontificato perché un diritto umano prevale sulla legge nazionale; i giudici nazionali sono obbligati ad eseguire le sentenze della Corte, anche se il loro diritto nazionale prevede diversamente.

Pur imponendo le sue elevate esigenze morali ai governi esecutivi, la Corte ritiene di essere abbastanza... esonerare da qualsiasi morale o vincoli legali. In un contributo precedente, ho discusso di come il contenzioso sul cambiamento climatico dinanzi alla Corte abbia minato lo stato di diritto, la separazione dei poteri e la democrazia. In questo articolo, mi concentro sul ruolo della Corte nel criminalizzare il dibattito sul clima. Il suo sconsiderato disprezzo dell'imparzialità giudiziaria, del diritto a un processo equo e della moderazione giudiziaria è un'altra manifestazione del sostegno della Corte al movimento progressista.

Criminalizzare la “negazione climatica”

Dieci anni fa, un avvocato americano sosteneva che il negazionismo climatico è probabilmente punibile come inganno criminale e... frode in base alla normativa vigente. Nel 2015, Al Gore ha affermato che "i negazionisti del cambiamento climatico dovrebbero essere puniti". Il ritiro del presidente Trump dall'accordo di Parigi sul clima è stato visto come un crimine contro l'umanità: "Questo è omicidio. "

Un libro recente, criminali del carbonio, Crimini climatici, descrive "ciò che le società del settore dei combustibili fossili, il governo degli Stati Uniti e la comunità politica internazionale hanno fatto o non hanno fatto in relazione al riscaldamento globale". Sul sito web dell'UNESCO, un articolo di primo piano sostiene che "i crimini climatici devono essere assicurati alla giustizia" e che "stati e corporazioni devono essere ritenuti responsabili delle loro azioni o inazione riguardo al cambiamento climatico”.

La logica a sostegno della criminalizzazione

L'argomento per criminalizzare la "negazione del clima" si riduce tipicamente al seguente argomento articolato da Jeremy Williams:

Dato ciò che sappiamo e sappiamo da decenni sui cambiamenti climatici, negare la scienza, ingannare il pubblico e ostacolare volontariamente qualsiasi risposta seria alla catastrofe climatica significa consentire a interi paesi e culture di scomparire. È derubare… i più poveri e vulnerabili del pianeta della loro terra, delle loro case, dei loro mezzi di sussistenza, persino delle loro vite – e le vite dei loro figli, e le vite dei figli dei loro figli. Per profitto. E per, potere…. Questi sono crimini. Sono crimini contro la terra, e lo sono crimini contro l'umanità.

Questa protesta emotiva non è solo un amalgama impenetrabile di ragionamento fattuale e morale, ma presuppone anche ciò che deve essere dimostrato. Per prevenire il disastro, è necessario riportare la razionalità nell'analisi. Purtroppo, come dimostra la CEDU, non possiamo fare affidamento sulla magistratura per farlo.

La “Corte europea per il cambiamento climatico”

Nel 2020, la CEDU ha segnalato alla comunità dei diritti umani che era aperta a ricevere domande da attivisti per il clima. La Corte e il Consiglio d'Europa hanno tenuto una conferenza, “Diritti umani per il pianeta”, in cui diversi giudici, tra cui il presidente della Corte, hanno svolto ruoli chiave. I discorsi pronunciati dai giudici della Corte sono stati giustamente percepiti come un invito aperto agli attivisti.

Diversi casi sul clima sono ora pendenti davanti alla Corte. Come previsto, la retorica dell'emergenza climatica domina le argomentazioni presentate dai querelanti. La Corte ha già dimostrato fino a che punto è disposta a spingersi per riscrivere la legge per salvare il pianeta.

“Emergenza climatica”
La Corte europea dei diritti dell'uomo, alla quale il suo presidente fa riferimento come "Corte Europea dei Cambiamenti Climatici", ha sfruttato l'opportunità offerta dal contenzioso sul clima che ha invitato a prendere l'iniziativa nella criminalizzazione del dibattito sul clima. Lo ha fatto in diversi modi. In primo luogo, il presidente della Corte e uno dei suoi vicepresidenti hanno dichiarato pubblicamente che "stiamo affrontando una terribile emergenza che richiede un'azione concertata di tutta l'umanità" e che "affronteremo il crollo di tutto ciò che ci dà la nostra sicurezza”. Pertanto, i leader della Corte hanno approvato apertamente e senza riserve la retorica allarmistica del movimento per il clima. Lo hanno fatto non basandosi sulla scienza ma su dichiarazioni allarmistiche di Sir David Attenborough, un noto biologo e attivista per il clima.

In secondo luogo, per evitare qualsiasi discussione sui fatti, i giudici hanno aggiunto: “Nessuno può legittimamente mettere in dubbio che stiamo affrontando una terribile emergenza che richiede un'azione concertata da parte di tutta l'umanità". Hanno inoltre impegnato la Corte sulla causa: “La Corte europea dei diritti dell'uomo, dal canto suo, svolgerà il suo ruolo nell'ambito delle sue competenze di tribunale, sempre consapevole che le garanzie della Convenzione devono essere efficace e reale, non illusorio.”

Nessun diritto a un processo equo per i negazionisti

Emettendo questi avvertimenti, la Corte ha di fatto chiuso qualsiasi dibattito sul cambiamento climatico e sulla scienza del clima prima ancora che qualsiasi processo fosse iniziato. In tal modo, ha privato gli stati convenuti di un argomento importante per difendersi dalle accuse secondo cui le loro politiche climatiche sono inadeguate per combattere la presunta crisi climatica. Prima che potessero presentare le prove scientifiche pertinenti che dimostrino che non esistono cose come l'emergenza climatica o la crisi climatica, i principali giudici della Corte hanno detto all'imputato afferma che non dovrebbero osare negare.

Etichettando come "illegittima" qualsiasi argomentazione secondo cui non esiste una crisi climatica, questi importanti giudici europei, che dovrebbero servire da esempi di imparzialità giudiziaria, hanno approvato la retorica negazionista del clima del movimento per il clima. Questa retorica è un gioco inappropriato e immorale Negazione dell'Olocausto. Contemporaneamente, e direttamente attinente all'oggetto di questo contributo, l'etichetta di “illegittimità” della Corte solleva anche lo spettro di un'azione penale.

Non c'è crisi climatica

È difficile pensare a una condotta giudiziaria che mostri maggiore faziosità e disprezzo per il principio di imparzialità giudiziaria rispetto alla condotta di questi giudici europei dei diritti umani. Il diritto a un processo equo, garantito da articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, è stato effettivamente riservato ai negazionisti del clima. Occorre chiedersi se, viste le opinioni espresse dai suoi vertici, la CEDU possa legittimamente pronunciarsi in qualsiasi caso climatico.

Il diniego di giustizia della Corte è tanto più scioccante alla luce della scienza, che non supporta l'affermazione che ci sia una crisi climatica. La Commissione Europea ha affermato: “Il termine 'emergenza climatica' esprime la volontà politica per adempiere agli obblighi derivanti dall'accordo di Parigi”. In quasi 4,000 pagine, il recente Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) AR6 relazione non utilizza nemmeno una volta i termini “crisi climatica” o “emergenza climatica” perché questi termini non appartengono alla terminologia scientifica (ricorrono solo in una sezione descrittiva sulla comunicazione). Piuttosto, sono slogan politici, come suggerito dalla Commissione. Al punto, l'indefinita “emergenza climatica” è un'invenzione degli attivisti.

Tortura

Sorprendentemente, anche il dito puntato alla negazione climatica percepita non è stato sufficiente per la CEDU. Nella prima causa sul clima pendente dinanzi ad essa, la Corte ha deciso, di propria volontà, di aggiungere “tortura” alle accuse contro 33 stati che presumibilmente non fanno abbastanza per combattere il cambiamento climatico, come richiesto dall'accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici. La Corte suggerisce che questi stati potrebbero aver commesso "torture" adottando "politiche climatiche inadeguate".

La tortura, ovviamente, è un crimine grave. Il statuto di Roma della Corte Penale Internazionale (ICC) prevede che la tortura, “quando commessa come parte di un attacco diffuso o sistematico”, è un crimine contro l'umanità. Di conseguenza, non attuare una politica climatica adeguata sarebbe un crimine contro l'umanità che può essere perseguito dalla Corte penale internazionale. Cosa penserebbero le vittime della vera tortura dell'uso improprio da parte della Corte di questo termine per ragioni politiche?

Minacce giudiziarie

I dirigenti aziendali delle società ritenute responsabili delle emissioni di gas serra, i politici che non sostengono politiche climatiche ambiziose e tutti coloro che si battono contro l'agenda del movimento per il clima sarebbero soggetti a procedimenti penali e alla reclusione fino a 30 anni. Non si tratta di un'interpretazione inverosimile della legge pertinente ma, come spiegato di seguito, di un'applicazione abbastanza semplice. Ovviamente, la CEDU era ben consapevole di ciò che stava facendo scivolando nella "tortura", ma si sentiva comunque a suo agio a procedere in questo modo.

Inutile dire che la minaccia dell'ergastolo è un disincentivo molto potente. Come ha affermato un autore accademico per l'UNESCO:

Le sanzioni penali sono le più potenti strumenti dobbiamo tracciare comportamenti che travalicano ogni limite di tolleranza. La condotta criminale viola i diritti fondamentali e distrugge la sicurezza umana. Riserviamo il duro trattamento della punizione per la condotta che danneggia le cose che riteniamo più fondamentalmente preziose. Il cambiamento climatico sta causando proprio questo danno.

Questo sembra essere esattamente ciò che giudici sulla CEDU credo. I dirigenti aziendali dovranno pensarci due volte sulle politiche climatiche aziendali e saranno inclini a cedere alle richieste degli attivisti. Allo stesso modo, i politici scettici sulle attuali politiche climatiche potrebbero sentirsi obbligati a rinunciare alla loro resistenza. Anche tutti gli altri dissidenti possono essere inclini a preferire la sicurezza personale all'onestà. La libertà economica, la libertà politica e la libertà di parola verrebbero cancellate. È questo che intende il presidente della Corte quando afferma che le garanzie della Convenzione europea devono essere “efficaci e reali, non illusorie”? L'inspiegabile decisione della Corte di aggiungere la tortura alle accuse nel primo caso sul clima non fa che aumentare la preoccupazione che i diritti umani proteggano solo coloro che sostengono cause progressiste, non coloro che hanno altre preferenze politiche.

Ecocidio

Invocando il crimine di tortura nel dibattito sul clima, la CEDU potrebbe anche aver inteso sostenere gli sforzi per far riconoscere l'ecocidio come crimine. “Ecocidio” si riferisce al “devastazione e distruzione dell'ambiente”, ma non esiste ancora una definizione legale ufficiale. Per decenni, i verdi hanno cercato di far riconoscere l'ecocidio come crimine internazionale, ma finora senza alcun risultato. Negli ultimi due anni, tuttavia, a causa dell'aumento della narrativa sulla crisi climatica, hanno compiuto progressi significativi. Ora c'è molta attività mira a persuadere le organizzazioni internazionali a legiferare sull'ecocidio. Nel maggio 2021, l'Unione interparlamentare (UIP), un'organizzazione globale che pretende di conferire ai parlamentari nazionali il potere di promuovere, tra l'altro, lo sviluppo sostenibile, ha adottato una risoluzione che invita tutti "i parlamenti membri a rafforzare il diritto penale per prevenire e punire i danni diffusi, duraturi e gravi all'ambiente” e “esaminare la possibilità di riconoscere il reato di ecocidio prevenire le minacce e i conflitti derivanti da disastri legati al clima e le loro conseguenze" (enfasi aggiunta).

Nel giugno 2021, un gruppo di esperti convocato dalla Fondazione Stop Ecocidio ha pubblicato a definizione di “ecocidio” destinato a fungere da base per un emendamento allo Statuto di Roma della CPI. Una volta modificato lo Statuto di Roma per includere l'ecocidio, le persone sospettate di aver commesso l'ecocidio possono essere processate davanti alla Corte penale internazionale.

L'ampiezza dell'emendamento

Con questo emendamento il divieto del negazionismo climatico diventa superfluo perché lo Statuto di Roma minaccia la reclusione non solo per chi commette un reato, ma anche per chiunque «induca alla commissione di un tale reato», «aiuti, favorisca o aiuti in altro modo alla sua commissione o il suo tentativo di commissione", o "in qualsiasi altro modo contribuisce alla commissione o alla tentata commissione di un simile reato da parte di un gruppo di persone”. Inoltre, lo Statuto di Roma si applica ugualmente a tutte le persone, senza alcuna distinzione basata sulla carica ufficiale; in particolare, i rappresentanti eletti e i funzionari di governo non sono esenti da responsabilità penale.

Pertanto, i politici, i dirigenti aziendali, i leader di pensiero e chiunque altro possono essere perseguiti penalmente se esprimono un'opinione o perseguono una politica ritenuta "anti-clima" che quindi può tradursi in un ecocidio. Nella lotta al negazionismo climatico, questo strumento avrebbe un valore incalcolabile.

“Leadership” dell'Unione Europea

Il Parlamento europeo ha fatto riferimento all'ecocidio in due recenti relazioni e ha espresso il desiderio di riconoscere l'ecocidio sotto Diritto dell'UE e diplomazia. Per preparare l'adozione di una direttiva dell'UE sull'ecocidio, l'Istituto di diritto europeo ha lanciato un progetto sull'ecocidio. Approfittando dello slancio, anche prima che questo progetto sia finito, il movimento ecocidio sta ora spingendo per includere l'ecocidio nell'UE Direttiva sui crimini ambientali, attualmente in corso di revisione.

Gli Stati membri dell'UE controllano una parte significativa dei voti necessari per una modifica dello Statuto di Roma e possono fornire incentivi per ottenere i voti aggiuntivi necessari per far adottare il reato di ecocidio. Le conseguenze di un tale emendamento potrebbero essere enormi se la CPI seguisse l'esempio della CEDU e saltasse sul carro degli attivisti per il clima.

Il cambiamento climatico è ecocidio

Non commettere errori: mentre la definizione di ecocidio è ampia e vaga, l'obiettivo principale del movimento per l'ecocidio è il cambiamento climatico. La legge sulla responsabilità civile e la legge sui diritti umani offrono agli attivisti del clima gli strumenti per costringere i governi e le aziende a soddisfare le loro richieste, ma questo tipo di contenzioso è costoso e richiede tempo. Il nuovo reato di ecocidio darebbe loro uno strumento potente per abbreviare il processo minacciando sanzioni penali contro dirigenti e funzionari aziendali, nonché politici e opinion leader riluttanti, e costringerli a cambiare strada.

Gli attivisti del clima credono anche che il termine "ecocidio" avrà un effetto emotivo e stigmatizzante che "causare il cambiamento climatico" non ha. Come un autore mette:

Il termine “ecocidio” suona drammatico. È più emotivo di "contribuire all'inquinamento" o "aumentare le emissioni di gas serra" o "investire in combustibili fossili". Comunica la gravità e l'urgenza della distruzione irreversibile che viene inflitta all'ambiente. Definisce inequivocabilmente i principali inquinatori come "cattivi", autori di un crimine (enfasi aggiunta).

Nessuna protezione

Le leggi nazionali non proteggono i sospetti. Secondo la definizione proposta dal panel internazionale, ecocidio significa "atti illeciti o sconsiderati commessi con la consapevolezza che esiste una sostanziale probabilità di danni gravi e diffusi o a lungo termine all'ambiente causati da tali atti". Si noti che "illegale", che è più ampio di "illegale", è la porta per ignorare i permessi per le emissioni e la conformità di attività e prodotti alle leggi nazionali.

Il trucco principale è che questa definizione non richiede alcun danno effettivo; è sufficiente la conoscenza di probabili danni in futuro, il che è un dato di fatto, alla luce della "scienza risolta" esposta nei rapporti dell'IPCC. I principi fondamentali del diritto penale sono solo un ripensamento, se mai sono sullo schermo radar.

Torturare i diritti umani e il diritto penale

Inutile dire che il suggerimento della CEDU secondo cui i governi "torturano" i propri cittadini attuando una "politica climatica inadeguata" è sia offensivo per le vittime della tortura che illegale. L'inclusione della tortura in una causa per la politica climatica è il culmine del progressivo passaggio della Corte da giudice per i diritti umani a istituzione di politiche sociali. Questo attivismo non solo ha danneggiato la reputazione della Corte come tribunale imparziale, ma ha anche creato seri problemi ai legislatori nazionali di fronte ai mandati politici spesso scardinati imposti dalla Corte.

Certo, abbiamo un problema di tortura, ma non sono i responsabili delle politiche climatiche europee che stanno torturando. Piuttosto, la stessa Corte ha torturato la legge per adattarla alla propria ideologia. La Corte ha torturato la Convenzione europea dei diritti dell'uomo fino a quando non ha confessato che si tratta di un programma per una politica progressista. Ha torturato il diritto alla vita e molti altri diritti umani fino a quando non hanno accettato di includere nel loro campo di applicazione tutta una serie di cosiddetti obblighi positivi, che solo la Corte può definire. Forse la cosa più eclatante, la Corte ha torturato la Convenzione fino a darle il diritto di rinunciare ai requisiti essenziali imposti dalla Convenzione per eliminare qualsiasi limite alla sua giurisdizione, il che ha poi permesso alla Corte di andare avanti con il primo caso di cambiamento climatico, che ha così disperatamente voluto.

Il crimine del cambiamento climatico

L'uso del diritto penale per perseguire la politica climatica è un nuovo capitolo nella saga del contenzioso climatico. Gli attivisti per il clima hanno scoperto che il diritto penale è uno strumento estremamente efficace per la politica climatica. I governi e le aziende possono essere subordinati attraverso la legge sui diritti civili e umani, ma per fare pressione su dirigenti aziendali e politici, il diritto penale è molto più efficace. Il diritto penale è il piede di porco che apre le porte dei consigli di amministrazione e delle camere in cui vengono prese le decisioni politiche.

Ciò che è notevole è che gli attivisti includono non solo le organizzazioni non governative che affermano di "lottare per il clima", ma anche i più alti giudici europei presso la Corte europea dei diritti dell'uomo. I limiti alla sua autorità sono davvero sollevati dalla crisi dichiaratasi?

Li rinchiudi!

Negli stati totalitari, i dissidenti politici sono controllati in tre modi: sono rimossi dalla vita pubblica come un "pericolo per l'ordine pubblico"; sono ricoverati in ospedali psichiatrici, poiché soffrono di malattie mentali; oppure sono imprigionati perché hanno commesso reati. L'ultima mossa del movimento per il clima segue questa terza via di “delegittimazione” e “denormalizzazione” dei suoi oppositori politici e di coloro che non sono d'accordo con il movimento.

Secondo il movimento per il clima, la presunta crisi climatica richiederebbe un'azione urgente per scongiurare la catastrofe imminente e salvare il pianeta e l'umanità. A suo avviso, ciò richiede che vengano messi da parte la democrazia, i principi fondamentali del diritto e i limiti del potere giudiziario. In questa lotta per la sopravvivenza, il movimento per il clima ha concluso che le emissioni di gas serra devono essere criminalizzate in modo che i negazionisti del clima possano essere rinchiusi. Sfortunatamente, la CEDU è caduta vittima del fascino emotivo della retorica del movimento.

Minacce alla libertà

La strategia del movimento per il clima è chiara: la tortura e l'ecocidio devono far parte della sua cassetta degli attrezzi in modo che i peccatori possano essere convertiti, i negazionisti possano essere puniti e l'utopia climatica possa essere realizzata. Inevitabilmente, però, “climatismo” si traduce nella soppressione della libertà e apre la strada al totalitarismo climatico. Ironia della sorte, la CEDU, creata all'indomani della distruzione del regime totalitario nazista per fungere da baluardo legale a tutela della libertà individuale, si è posta come promotore giudiziario di questo processo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Greg

Stiamo scendendo in un nuovo medievalismo, dove la superstizione e la paura dominano le menti delle persone e un'élite teocratica detta ogni dettaglio della vita delle persone, perché sicuramente i principali sostenitori del cambiamento climatico sono un clero, con accoliti come Al Gore e l'ancella Greta Thumberg che fanno il loro offerta. Dal 1348 in poi ondate successive della peste nera hanno prodotto gruppi come i "flagellati" che si sarebbero aggirati per le città frustandosi come penitenza per i peccati dell'umanità; cercando di placare Dio e scongiurare la sua punizione. Le persone tengono mazzi di fiori sotto il naso per proteggersi dal miasma del... Per saperne di più »

elle

“…la Corte ha effettivamente chiuso qualsiasi dibattito sul cambiamento climatico e sulla scienza del clima prima ancora che qualsiasi processo fosse iniziato. …ha privato gli stati convenuti di un argomento importante per difendersi dalle accuse secondo cui le loro politiche climatiche sono inadeguate per combattere la presunta crisi climatica. Prima che potessero presentare le prove scientifiche pertinenti che dimostrino che non esistono cose come l'emergenza climatica o la crisi climatica, i principali giudici della Corte hanno detto all'imputato afferma che non dovrebbero osare negare. Ehi, CEDU, perché non usi semplicemente l'asta da immersione delle streghe al fiume per determinare scientificamente se i negazionisti galleggiano?... Per saperne di più »

Ultima modifica 26 giorni fa di elle
DawnieR

Questi bassi QI hanno davvero bisogno di EDUCARE se stessi!!!!! Il clima di cui noi umani abbiamo goduto negli ultimi (più o meno) 10,000 anni NON NORMALE!!!!!!!!! Su questo pianeta, 'NORMALE' è o uno ESTREMO o l'ALTRO……o è veramente FREDDO, o è veramente CALDO! E poi abbiamo i periodi, come se avessimo vissuto in... con un clima 'mite'. Ma Madre Natura sta per cambiare TUTTO questo, con i prossimi MASSIMI Cambiamenti della Terra. Questo accade ogni volta che entriamo in una nuova Era. Mentre parliamo, stiamo entrando in Acquario. Shite sta per diventare ESTREMAMENTE SELVAGGIO!!! (è pronto... Per saperne di più »

elle

Assolutamente normale. Tale avidità e arroganza globalista saranno la loro rovina, per fortuna per il resto di noi!

Sheila Mikes

Sì, la natura sta per correggere 10mila anni di stabilità climatica poiché la specie invasiva più distruttiva che sia mai esistita sta per ridurre la sua popolazione dell'80% o più!

Sheila Mikes

Probabilmente 30 anni in ritardo per essere efficace! Il cambiamento climatico assoluto probabilmente porterà a guerre nucleari mentre le popolazioni combattono per le forniture di cibo e acqua e le migrazioni raggiungono livelli inimmaginabili!

Bruce

Quando le persone si renderanno conto che legale non è la stessa cosa di Legale. Siamo stati tutti condizionati a credere che siano la stessa cosa. Sicuramente non lo sono. La Common Law of the Land è al vertice della gerarchia della Legge della creazione. Legale è qualcosa che i governi creano che sono validi solo se sono legali quando testati contro la Common Law. Se qualcosa di legale contraddice ciò che è Lecito, è automaticamente invalido. C'è molto altro da condividere su questo argomento e la frode commessa contro ogni uomo, donna e bambino che ha portato al... Per saperne di più »