Il Congresso suona regolarmente ai sordi CIA e NSA

Per favore, condividi questa storia!

Complici o ignoranti, il Congresso ignora sistematicamente il superamento e l'intensificazione dell'intelligence da parte dei tecnocrati. Molti informatori sono stati diffamati ed emarginati per aver lanciato allarmi.  Editor TN

I comitati che sovrintendono al vasto apparato di spionaggio degli Stati Uniti prendono sul serio gli informatori della comunità dell'intelligence? Esaminano seriamente le segnalazioni di rifiuti, frodi, abusi, negligenza professionale o crimini contro la Costituzione segnalati da dipendenti o appaltatori che lavorano per agenzie come la CIA o l'NSA? Negli ultimi anni di 20, la risposta è stata un clamoroso "no".

La mia esperienza in 1995-96 è illustrativa. In un periodo di due anni, lavorando con mia moglie Robin (che all'epoca era detenuta dalla CIA in una commissione del Senato), abbiamo scoperto che, contrariamente alle dichiarazioni pubbliche dell'allora presidente dei Joint Chiefs Colin Powell e di altri senior George Funzionari dell'amministrazione Bush di Bush (incluso il direttore della CIA John Deutch), le truppe americane erano state effettivamente esposte ad agenti chimici durante e dopo la guerra 1991 con Saddam Hussein. Mentre il comitato bancario del Senato sotto l'allora presidente Don Riegle, D-Mich., Stava cercando di scoprire la verità, i funzionari del Pentagono e della CIA stavano lavorando per seppellirla.

Alla CIA, ho obiettato internamente e sono stato immediatamente messo sotto inchiesta dall'Ufficio di sicurezza della CIA. Ciò è diventato chiaro pochi giorni dopo che abbiamo consegnato il primo dei nostri numerosi briefing interni a funzionari sempre più alti della CIA e di altre agenzie di intelligence. A febbraio 1995 ho ricevuto una telefonata dalla CIA Security che mi chiedeva se avessi avuto contatti con i media. Non l'ho fatto, ma avevo parlato con i funzionari della CIA con cui ci eravamo incontrati, sapendo che il giornale di stampa della CBS "60 Minutes" stava lavorando a un pezzo sulla copertura chimica della Guerra del Golfo. Questa chiamata non sarebbe l'ultima che riceverei dalla CIA Security sulla questione, né l'unica azione che l'agenzia avrebbe intrapreso contro di noi.

Nella primavera di 1995, un ex manager di Robin la discretamente la prese da parte e disse che gli agenti della CIA Security stavano facendo domande su di noi, parlando con ogni singola persona con la quale o per ognuno di noi aveva lavorato. Mi è sembrato di essere al centro dell'attenzione della loro attenzione, e l'ultima domanda che hanno posto ai nostri amici, colleghi ed ex manager è stata: "Credi che Pat Eddington avrebbe permesso alla sua coscienza di scavalcare l'accordo di segretezza che ha firmato?"

All'agenzia non importava aiutare a scoprire perché centinaia di migliaia di veterani della Desert Desert Storm fossero malati. Tutto ciò che importava era se avrei tenuto la bocca chiusa su ciò che i documenti e le relazioni segrete nei suoi database avevano da dire sulle potenziali o effettive esposizioni chimiche alle nostre truppe.

Vedendo la scritta sul muro, ho iniziato a lavorare su quello che sarebbe diventato un libro sulla nostra esperienza: “Gasato nel Golfo. ”L'agenzia ha cercato di bloccare la pubblicazione del libro e ha tentato di riclassificare centinaia di rapporti del Dipartimento della Difesa e di intelligence della CIA precedentemente declassificati che ci hanno aiutato a presentare il nostro caso. Dopo che ho intentato una causa, l'agenzia ha ceduto. Siamo partiti e siamo diventati informatori, la nostra storia a sensazione di prima pagina pochi giorni prima delle elezioni presidenziali di 1996. Nel giro di sei mesi, la CIA fu costretta ad ammettere che aveva effettivamente trattenuto i dati su tali esposizioni chimiche, che erano una possibile causa delle malattie del dopoguerra che alla fine avrebbero colpito circa un terzo delle truppe quasi 700,000 statunitensi che prestarono servizio in Kuwait e Iraq. Nessuno dei funzionari della CIA o del Pentagono che hanno perpetrato la copertura è stato licenziato o perseguito.

In questo periodo, un piccolo gruppo di dipendenti della NSA stava cercando di risolvere un altro problema di sicurezza nazionale: come consentire al governo di intercettare con successo nell'era di Internet.

Guidato dal cripto-matematico della NSA Bill Binney, il team ha sviluppato un ingegnoso programma tecnico chiamato ThinThread, che ha consentito alla NSA di elaborare le informazioni di sorveglianza in arrivo ma di separare e scartare le comunicazioni di americani innocenti. Il programma era innovativo, economico e assolutamente necessario. Ma pochi mesi prima degli attacchi dell'9 settembre, l'allora direttore della NSA Michael Hayden rifiutò ThinThread a favore di un'alternativa costosa e non testata chiamata Trailblazer, offerta da un appaltatore della difesa con sede a Washington, DC. È diventato un costoso gioco di parole che non ha mai prodotto un solo pezzo di intelligenza.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti