Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità per creare un "momento di Parigi" per "salvare la natura"

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!

L'imminente Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità è per la natura ciò che la Conferenza di Parigi è stata per il riscaldamento globale. Il risultato estenderà il Global Biodiversity Assessment di 1,100 pagine del 1995 e specificherà tutti i comportamenti umani necessari per "salvare" la natura. ⁃ TN Editor

I diplomatici delle nazioni 130 si sono riuniti lunedì a Parigi per convalidare una severa valutazione delle Nazioni Unite sullo stato della natura e gettare le basi per un piano di salvataggio per la vita sulla Terra.

La distruzione della natura minaccia l'umanità "almeno quanto il cambiamento climatico indotto dall'uomo", ha detto il capo della biodiversità delle Nazioni Unite Robert Watson all'inizio dell'incontro di cinque giorni.

"Abbiamo una finestra di opportunità di chiusura per agire e restringere le opzioni".

Una bozza di 44 pagine di “Riepilogo per i responsabili politici” ottenuta da AFP cataloga i 1001 modi in cui la nostra specie ha saccheggiato il pianeta e danneggiato la sua capacità di rinnovare le risorse da cui dipendiamo, a partire dall'aria respirabile, dall'acqua potabile e dal suolo produttivo.

L'impatto dell'impronta e degli appetiti in espansione dell'umanità è stato devastante.

Secondo il rapporto, fino a un milione di specie rischiano l'estinzione, molte entro decenni, e tre quarti della superficie terrestre è stata "gravemente alterata".

Un terzo degli stock ittici oceanici è in declino e il resto, salvo alcuni, è raccolto ai margini della sostenibilità.

Un drammatico declino degli insetti impollinatori, in particolare delle api, minaccia ogni anno colture essenziali del valore di mezzo trilione di dollari.

Venti obiettivi decennali adottati nel 10 in base al trattato sulla biodiversità delle Nazioni Unite - per espandere le aree protette, rallentare la perdita di specie e foreste e ridurre l'inquinamento - falliranno, con una o due eccezioni, gravemente.

Sulla base di un rapporto di base che attinge dagli esperti di 400 e pesa sulle pagine di 1,800, il riassunto esecutivo deve essere controllato riga per riga dai diplomatici, con gli scienziati al gomito.

Il documento Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES), una volta approvato, sarà rilasciato a maggio 6.

Storicamente, la biologia della conservazione si è concentrata sulla difficile situazione dei panda, degli orsi polari e di una moltitudine di animali e piante meno "carismatici" che l'umanità sta raccogliendo, mangiando, affollando o avvelenando fino all'oblio.

Ma negli ultimi due decenni, l'attenzione è tornata su di noi.

"Fino ad ora, abbiamo parlato dell'importanza della biodiversità principalmente da una prospettiva ambientale", ha detto Watson all'AFP prima dell'incontro di Parigi.

L'agricoltura è la chiave

"Ora stiamo dicendo che la natura è fondamentale per la produzione di cibo, per l'acqua pura, per i medicinali e anche per la coesione sociale".

E per combattere il cambiamento climatico.

Le foreste e gli oceani, ad esempio, assorbono metà dei gas serra che scaldano il pianeta che emettono nell'atmosfera.

Se non lo facessero, la Terra potrebbe già essere bloccata in un futuro invivibile di riscaldamento globale in fuga.

Eppure, un'area di foresta tropicale cinque volte più grande dell'Inghilterra è stata distrutta da 2014, principalmente per soddisfare la domanda globale di carne bovina, biocarburanti, soia e olio di palma.

"Il recente rapporto dell'IPCC mostra fino a che punto il cambiamento climatico minaccia la biodiversità", ha affermato Laurence Tubiana, CEO della European Climate Foundation e uno dei principali artefici dell'accordo di Parigi, riferendosi al panel di scienze climatiche delle Nazioni Unite.

"E il prossimo rapporto IPBES - importante per l'umanità - mostrerà che questi due problemi hanno soluzioni sovrapposte".

Estinzioni difficili da vedere

La sovrapposizione, ha aggiunto, inizia con l'agricoltura, che rappresenta almeno un quarto delle emissioni di gas serra.

Istituito in 2012, l'IPBES sintetizza la scienza pubblicata per i politici allo stesso modo del pannello intergovernativo per i cambiamenti climatici (IPCC) sul clima.

Entrambi gli organi consultivi aderiscono ai trattati delle Nazioni Unite.

Ma la Convenzione 1992 sulla diversità biologica (CBD) è sempre stata una figliastra povera rispetto alla sua controparte climatica, e l'IPBES è stato aggiunto come ripensamento, rendendo più difficile da stabilire la sua autorità.

Gli esperti di biodiversità stanno cercando di progettare un "momento di Parigi" per la natura simile al trattato sul clima di Parigi del 2015.

Leggi la storia completa qui ...

Smassima perdita di biodiversità o potremmo affrontare la nostra stessa estinzione, avverte le Nazioni Unite

Jonathan Watts, The Guardian, 6 Nov. 2018

Il mondo deve concludere un nuovo accordo per la natura nei prossimi due anni o l'umanità potrebbe essere la prima specie a documentare la nostra stessa estinzione, avverte il capo della biodiversità delle Nazioni Unite.

In vista di un'importante conferenza internazionale per discutere del collasso degli ecosistemi, Cristiana Pașca Palmer ha affermato che le persone in tutti i paesi devono fare pressione sui propri governi affinché elaborino obiettivi globali ambiziosi da parte di 2020 per proteggere insetti, uccelli, piante e mammiferi che sono vitali per produzione alimentare globale, acqua pulita e sequestro del carbonio.

"La perdita di biodiversità è un killer silenzioso", ha detto al Guardian. “È diverso dal cambiamento climatico, dove le persone sentono l'impatto nella vita di tutti i giorni. Con la biodiversità, non è così chiaro, ma quando senti cosa sta succedendo, potrebbe essere troppo tardi. "

Pașca Palmer è segretaria esecutiva della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, l'organismo mondiale responsabile del mantenimento dei sistemi di supporto della vita naturale da cui dipende l'umanità.

I suoi membri - gli stati 195 e l'UE - si incontreranno a Sharm el Sheikh, in Egitto, questo mese per avviare discussioni su un nuovo quadro per la gestione degli ecosistemi e della fauna selvatica del mondo. Questo darà il via a due anni di frenetici negoziati, che Pașca Palmer spera possano culminare in un nuovo ambizioso accordo globale alla prossima conferenza a Pechino in 2020.

I conservazionisti sono alla disperata ricerca di un accordo sulla biodiversità che avrà lo stesso peso dell'accordo sul clima di Parigi. Ma finora, questo argomento ha ricevuto miseramente poca attenzione anche se molti scienziati affermano che rappresenta almeno una pari minaccia per l'umanità.

Gli ultimi due importanti accordi sulla biodiversità - in 2002 e 2010 - non sono riusciti a arginare il peggior perdita di vite umane sulla Terra dalla scomparsa dei dinosauri.

Otto anni fa, sotto il Obiettivi di Aichi biodiversità, le nazioni hanno promesso di dimezzare almeno la perdita di habitat naturali, garantire una pesca sostenibile in tutte le acque ed espandere le riserve naturali da 10% a 17% delle terre del mondo da 2020. Ma molte nazioni sono rimaste indietro e quelle che hanno creato aree più protette hanno fatto ben poco per sorvegliarle. Le "riserve di carta" possono ora essere trovate dal Brasile alla Cina.

Anche la questione è all'ordine del giorno nell'agenda politica. Rispetto ai vertici climatici, pochi capi di stato partecipano ai colloqui sulla biodiversità. Anche prima di Donald Trump, gli Stati Uniti si sono rifiutati di ratificare il trattato e hanno inviato solo un osservatore. Insieme al Vaticano, lo è l'unico stato delle Nazioni Unite a non partecipare.

Leggi la storia completa qui ...

 

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tommy Jensen

Rockefeller ha inventato le Nazioni Unite a Roosevelt, Churchill e Stalin e ha finanziato la costruzione delle Nazioni Unite. Molte delle campagne delle Nazioni Unite provengono dalle Fondazioni Rockefeller. Questi burloni pagati delle Nazioni Unite sono pazzi: la superficie dell'acqua del pianeta è del 75% x profondità. Qualsiasi idiota può prendere un secchio con acqua di mare, bollirla, portare l'umidità in "zone più fresche" e fare acqua fresca come fa la natura. Allora come possono questi venditori di auto usate farla franca con affermazioni che c'è mancanza di acqua fresca. La superficie terrestre del pianeta è del 25%, 7 miliardi di persone possono vivere come San Paolo... Per saperne di più »