Flashback - Come la Commissione trilaterale ha convertito la Cina in una tecnocrazia

Deng Xiaoping e il presidente americano James Earl Carter, anch'egli membro della Commissione trilaterale
Per favore, condividi questa storia!

Non è stato un errore della storia che la Cina si sia trasformata da una dittatura comunista in una tecnocrazia neo-autoritaria.

A questo proposito, l'influenza della Commissione Trilaterale, dei suoi membri e delle politiche sulla scena mondiale è difficilmente quantificabile. La Commissione, fondata da David Rockefeller e Zbigniew Brzezinski nel 1973, ha ricevuto membri dal Nord America, Europa e Giappone. Su circa 300 membri, solo 86 provenivano dagli Stati Uniti, eppure hanno ideato e promosso politiche che si adattassero all'intera appartenenza, e lo hanno fatto sotto un mantello virtuale di invisibilità che dura anche nel 2013.

Oggi raccogliamo i "benefici" della manipolazione trilaterale. L'economia europea è spazzata via, l'economia giapponese è ancora fumante dalla metà degli 1990 e oggi gli Stati Uniti stanno molto peggio che alla fine degli 1960. Ma i sistemi politici di questi paesi non stanno molto meglio delle loro economie. Il frutto del decadimento negli Stati Uniti è dolorosamente evidente con una politica fratturata e controversa che sfida la riconciliazione anche sulle questioni più lievi.

I miei amici a Coalizione per un'America prospera e Economia in crisi, tra gli altri, stanno lavorando duramente per compensare le politiche commerciali incasinate che hanno messo l'industria americana nel cesso negli ultimi 30 anni. Finché abbiamo un po 'di libertà di parola, organizzazioni come queste sono una voce benvenuta, anche se vengono messe a tacere dal cartello globale di libero scambio.

Tuttavia, le persone devono sapere dove e come tutto è iniziato e chi ne era responsabile. Solo comprendendo la genesi della globalizzazione si possono comprendere le moderne tendenze economiche, politiche e sociali. Qualcuno può dire: "Pin la coda sull'asino?"

Trentacinque anni fa, nelle edizioni 1978 di novembre e 1979 di aprile Osservatore trilaterale, Antony C. Sutton e io abbiamo scritto la seguente analisi sulla Cina. Abbiamo avvertito degli effetti disastrosi che si sarebbero verificati se queste politiche andassero avanti e abbiamo completamente esposto i membri della Commissione Trilaterale che erano quasi gli unici responsabili dell'ascesa ascendente della Cina come potenza mondiale. Che nessuno ascoltasse in quel momento è ovvio, perché nulla è cambiato e nessuno ha resistito. (Per chiarimenti, i nomi dei membri della Commissione trilaterale sono in grassetto.)

Politica trilaterale della Cina

La politica di "normalizzazione" delle relazioni con la Cina comunista - in effetti un programma per trasformare la Cina tecnologicamente in un superpotere - è stata attuata da Zbigniew Brzezinski.

Una fonte dell'amministrazione di alto rango dice che: “Questo era il bambino di Zbig più di chiunque altro .:

Dall'esterno della Casa Bianca (da un alto politico che generalmente si schiera con Cyrus Vance):

“Zbig sta davvero andando in alto ora. Ha avuto il ruolo centrale dietro le quinte ed era tutto solo nella recita della stampa. Mi è stato detto che il presidente pensa che Zbig abbia svolto il 99% del lavoro sulla Cina ".

Più probabilmente, tuttavia, la politica cinese è stata formulata e attuata da una troika trilateralista: Jimmy Carter, Cyrus Vance e Brzezinski. E questa politica era solo una continuazione di una politica avviata sotto un'amministrazione "repubblicana", quella di Richard Nixon e Henry Kissinger, un altro trilateralista.

L'effetto inebriante che queste vaste esercitazioni politiche hanno su questi uomini, quasi una reazione infantile, è ben riportato nel Washington Post di febbraio 8, 1979 con il titolo, Politica cinese: un Brzezinski nato di nuovo,descrivendo come Brzezinski descriva con entusiasmo il suo incontro con Teng [aka Deng Xiaoping]:

FEBURARY 1979 - Gli occhi brillano di eccitazione anche giorni dopo. Le braccia scoppiano in improvvisi gesti ampi quando ne parla. E questo fa sì che le foto - circa una dozzina di esse - volino fuori dalle mani di Zbigniew Brzezinski e si spargano sul pavimento del suo ufficio mentre sta parlando.

 "Ecco Cy ... ed eccomi qui ... e c'è Teng proprio tra di noi ..."

 Brzezinski sta parlando così velocemente. Stile ritagliato ed eccitato che è il suo modo di fare, e indica una foto che gli rimane in mano mentre si china per raccogliere il resto, parlando tutto il tempo.

 â€œÃˆ incredibile, quando ci pensi. Il leader di un miliardo di persone - cenando a casa mia solo due ore dopo il suo arrivo in questo paese!

 "Voglio dire, è davvero piuttosto sorprendente!"

Zbigniew Brzezinski (a sinistra) e Deng Xiaoping (a destra) - 1979

Zbigniew Brzezinski (a sinistra) e Deng Xiaoping (a destra) - 1979

Trilateralisti e commercio cinese

Un esempio dell'influenza di una manciata di trilateralisti nella creazione di politiche egoistiche a molte migliaia di miglia dagli Stati Uniti, può essere illustrato da una recente conferenza in Giappone.

All'inizio di febbraio 1979 è stato sponsorizzato dal quotidiano giapponese Nihon Keizai un simposio sul commercio cinese. I pochi oratori erano principalmente trilateralisti e i trilateri erano d'accordo con le proposte degli altri creando così un blocco di potere. Riferendo negli Stati Uniti, il Washington Post (9 di febbraio, 1979) ha citato solo oratori trilateralisti.

Il principale oratore giapponese era il trilateralista Kiichiro Kitaura, Presidente di Numuru Securities Company, Ltd.

Quali sono state Kitaura di proposte? Li avevamo:

  • Internazionalizza lo yen
  • Consultazioni e cooperazione tra uomini d'affari giapponesi e americani su come penetrare nel mercato cinese
  • "Miscelazione" della tecnologia giapponese e americana

Naturalmente, Kitaura completamente d'accordo con il collega trilateralista Philip Trezise (da Brookings Institution) che il grande avanzo delle partite correnti del Giappone dovrebbe essere investito all'estero e non in Giappone. Trezise fu sostenuto da un altro trilateralista americano, Peter G. Peterson, Presidente di Lehman Brothers, Kuhn Loeb, Inc., che, come Kitaura, ha sollecitato un maggiore commercio giapponese.

In breve, questa importante conferenza è stata dominata dal pensiero trilateralista, e questo è stato il - esclusivamente. secondo il pensiero, tuttavia in superficie il collegamento trilaterale non è evidente al lettore laico.

 Costruzione trilaterale della Cina comunista

I trilateri propongono di costruire la Cina comunista. La politica trilateralista è ben definita. L'Occidente deve aiutare la costruzione della Cina comunista: questo è espresso in una panoramica delle relazioni est-ovest (Triangle Paper No. 15, p. 57) come segue:

"Garantire alla Cina condizioni favorevoli nelle relazioni economiche è sicuramente nell'interesse politico dell'Occidente" aggiungendo "... sembra che esistano modi sufficienti per aiutare la Cina in forme accettabili con una tecnologia civile avanzata".

Il foglio triangolare 15 aggiunge anche:

"La situazione è diversa ... per quanto riguarda le forniture di armi o le tecnologie militari avanzate, ad eccezione dei tipi di equipaggiamento che per loro natura hanno scopi puramente difensivi". (p. 58)

In effetti, come vedremo più avanti, le aziende trilaterali hanno esportato anche tecnologia militare avanzata nella Cina comunista.

Inoltre, come parte di un mondo, i trilateralisti vedono la fusione definitiva della libera impresa Taiwan con la terraferma comunista. Ancora più notevole, il documento prevede che la Cina comunista tornerà a una politica aggressiva espansionista a due condizioni:

  1. mentre la Cina comunista "diventa più forte"
  2. se i rapporti con i sovietici sono "normalizzati".

Il giornale aggiunge: "già ora, l'attività dei guerriglieri comunisti in Thailandia e Malesia, legati tra loro e che guardano alla Cina, persiste e sembra addirittura in aumento". (pagina 59)

Per quanto riguarda la Cina comunista, possiamo concludere che i trilateri:

  • Vuoi trasformare la Cina comunista in una superpotenza militare,
  • desidera farlo con la piena e chiara comprensione che la Cina probabilmente riprenderà il suo corso espansionistico in Estremo Oriente, e
  • sono disposti a sovvenzionare le attività di guerriglia in Thailandia e Malesia (gran parte della "tecnologia civile" attualmente trasferita è utile per la guerriglia).

Riconoscimento della tecnocrazia

Il trasferimento di tecnologia è stato un aspetto chiave della prima politica trilaterale. Certamente, il loro obiettivo dichiarato di "promuovere un nuovo ordine economico internazionale" non è stato pienamente compreso in 1978 - 79. Tuttavia, entro giugno 2001, almeno uno scrittore per Time Magazine (collegato alla Commissione Trilaterale, tra l'altro) lo ha inserito perfettamente Made in China: The Revenge of the Nerds: La Cina era stata convertita in un file Tecnocrazia! Secondo l'autore, Kaiser Kuo:

I nerd gestiscono lo spettacolo nella Cina di oggi. Nei vent'anni trascorsi da Deng Xiaoping [Ed. Nota: contare indietro per 1978 - 79] sono iniziate le riforme, la composizione della leadership cinese si è notevolmente spostata a favore di tecnocrati. ... Non è esagerato descrivere l'attuale regime come a tecnocrazia.

Dopo che la follia maoista si attenuò e Deng Xiaoping inaugurò l'apertura e le riforme iniziate alla fine di 1978, gli intellettuali scientifici e tecnici furono tra i primi a essere riabilitati. Rendendosi conto che erano la chiave delle Quattro Modernizzazioni abbracciate dai riformatori, furono compiuti sforzi concertati per riportare gli "esperti" nell'ovile.

Durante gli 1980, la tecnocrazia come concetto era molto discussa, specialmente nel contesto del cosiddetto "Neo-autoritarismo ”- il principio alla base del“ Modello di sviluppo asiatico ”che la Corea del Sud, Singapore e Taiwan avevano perseguito con evidente successo. Le credenze e le ipotesi di base dei tecnocrati sono state chiarite abbastanza chiaramente: I problemi sociali ed economici erano simili ai problemi di ingegneria e potevano essere compresi, risolti e infine risolti come tali.

L'ostilità aperta alla religione che Pechino mostra a volte - in particolare nella sua spinta ossessiva a sradicare il "culto malvagio" del Falun Gong - ha radici pre-marxiste. Lo scientismo è alla base della tecnocrazia post-Mao, ed è l'ortodossia rispetto alla quale vengono misurate le eresie. [Enfasi aggiunta]

Così, durante gli anni '1980, la tecnocrazia (e lo scientismo) hanno messo radici profonde non solo in Cina, ma anche in Corea del Sud, Singapore e Taiwan. Guadagni simili sono stati osservati in Europa durante gli anni '1990 e negli Stati Uniti dal 1973. L'utopico "Nuovo Ordine Economico Internazionale" della Commissione Trilaterale è Tecnocrazia, e la Cina è stata il primo esperimento e trasformazione moderni. E perché non la Cina? Trattare con un singolo dittatore comunista era molto più facile che trattare con un parlamento, un congresso o un senato in nazioni più democratiche. Il cosiddetto "neo-autoritarismo" di cui sopra è ampia prova che i paladini della tecnocrazia sapevano benissimo che sarebbe stato più facile trasformare una nazione già autoritaria in una nazione autoritaria; infatti, già nel 1932, i membri originali di Technocracy, Inc. negli Stati Uniti chiedevano una dittatura negli Stati Uniti per implementare la Tecnocrazia.

Questo è il resto della storia, di cui all'epoca ero un acuto osservatore. Ciò che mi mancava nell'istruzione e nella disciplina accademica era ampiamente sostenuto dal consumato ricercatore e studioso, Antony Sutton, che era professore di economia e ricercatore presso il prestigioso Stanford Hoover Institution for War Peace and Revolution in California. Sutton è ampiamente riconosciuto come scrittore più dettagliato e prolifico del XX secolo sul trasferimento di tecnologia dall'Occidente all'Est.

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

18 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Doug

Brazinsky e Kissinger hanno incontrato un giovane Obama a novembre 1971 e lo hanno reclutato segretamente nell'organizzazione e lo hanno governato per diventare presidente. Obama è scomparso in Russia fino a quando 1972 si è iscritto alla Columbia.

Tom Fiedler

Doug, Brazinsky? Obama non aveva 10 anni in Indonesia da Barry Soetero? 2 anni prima della costituzione della Commissione trilaterale? Obama entra in Harvard a 11 anni?

Stella

Cosa ne pensi della Cina e della Russia che vincolano le loro valute all'oro, a vicenda e al sistema di pagamento SWIFT europeo. Pensi che provino a ottenere la libertà economica dalla commissione triliterale ed è possibile che si schiantino il dollaro come valuta mondiale, allo stesso modo l'Unione Sovjet è stata schiacciata dall'iperinflazione 1989?

Al

Quale modo migliore per schiacciare l'America, degradare la sua indipendenza trasferendo industria e tecnologia in Cina, dove le multinazionali si nutrono di manodopera a basso costo, e gli Stati Uniti castrati, alla fine chiederanno un governo autoritario, poiché il Congresso diventa inefficace, la povertà si insinua più in alto e hai il cambiamento nei venti di una Costituzione sotto il fuoco. Bernie, a proposito, si è laureato alla New School. Se non ci svegliamo, siamo condannati. Se non è già troppo tardi.

Gene McKenney

Sono stati scritti articoli sugli effetti che la Commissione Trilaterale, anche il Gruppo Bilderberg, stanno avendo sulle ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti? Di sicuro le testate giornalistiche non stanno dicendo nulla. Onestamente credo che l'influenza stia avendo un effetto importante. Tuttavia, molto di ciò che si sa sulla loro attività è segreto, quindi pochissime informazioni verranno rese pubbliche fino a quando i loro obiettivi non saranno raggiunti.

Robert Ahmann

La maggior parte delle persone non ha la più pallida idea di cosa sia o non sia la tecnocrazia. La tecnocrazia è semplicemente un governo basato sulle leggi della natura, dove realtà osservabili di causa ed effetto dettano le soluzioni ai nostri più complessi problemi legati all'energia. La tecnocrazia non può essere corrotta da alcuna forma di intrattenimento e / o da elementi di interferenza politico-finanziaria perché trascende il mito del valore in quanto cerca di liberare abbondanti risorse energetiche e tecnologie a vantaggio di tutti. Pensa alla Tecnocrazia come un modo per servire le persone senza il mantello dell'inganno che attualmente usiamo per diffondere la propaganda e / o... Per saperne di più »

Robert Ahmann

Ciao Patrick, rispettosamente. Non stai parlando di Tecnocrazia, stai parlando di qualcosa di completamente diverso. Stai scrivendo di ideologie politiche che sono legate a obiettivi finanziari, nel qual caso non c'è Technate praticabile. Allora perché parlare anche di Tecnocrazia? Il comunismo e il capitalismo non sono una tecnocrazia, perché fanno parte di una clowncrazia in corso in cui l'offerta di moneta basata sul mitico privato ci informa su chi è valutato e chi no, poiché le soluzioni energetiche basate sulla realtà attualmente esistenti vengono ignorate. Per favore, non legare la Tecnocrazia al comunismo, perché la Tecnocrazia trascende ogni forma del Paese delle Meraviglie politico di Alice. Come... Per saperne di più »

Robert Ahmann

La tecnocrazia non può e non è mai stata dirottata da alcun interesse politico-finanziario acquisito. Questa è un'impossibilità, signore, perché la natura stessa della Tecnocrazia si basa sui FATTI della natura e non su opinioni politiche facilmente ripudiabili. Il tecnocrate originale di cui mi sono occupato nel corso degli anni non ha alcun merito per essere un tecnocrate, si chiamava Nikola Tesla, ha preceduto Howard Scott alla Columbia University e la sua preoccupazione principale era semplicemente trovare modi per liberare energia a grande beneficio di tutti senza alcuna interferenza politico-finanziaria. M. King Hubbert, Charles Steinmetz e la compagnia hanno effettivamente dirottato l'idea... Per saperne di più »

Tony Hayward-Ryan

Gli americani soffrono di essere trentanovesimi nella scala di alfabetizzazione globale e di essere una società che fa più affidamento sul lavaggio del cervello per la conformità sociale piuttosto che sulla logica e sulla conoscenza basate sull'evidenza. Aiuterebbe gli americani a leggere la genesi del libero scambio e le sue origini nell'industria dei banchieri di investimento, attraverso gli occhi dei non americani. Questo produce un'immagine molto diversa del mondo. Per questo e altri motivi, ho condensato tre volumi in 39 pagine, che esaminano l'impatto del libero scambio e della privatizzazione sull'Australia ... la nazione più simile all'America sulla Terra. Visita oziz60oziz.com/ e leggi cosa... Per saperne di più »

[…] da manipulação da Comissão Trilateral – “o bébé” di Zbigniew Brzezinski. […]

[…] in precedenza aveva detto a “Crossroads” di EpochTV che l'idea della tecnocrazia è stata introdotta nella Cina comunista negli anni '1970 da Zbigniew Brzezinski, uno scienziato politico, co-fondatore del […]

[…] in precedenza aveva detto a “Crossroads” di EpochTV che l'idea della tecnocrazia è stata introdotta nella Cina comunista negli anni '1970 da Zbigniew Brzezinski, uno scienziato politico, co-fondatore del […]

[…] in precedenza aveva detto a “Crossroads” di EpochTV che l'idea della tecnocrazia è stata introdotta nella Cina comunista negli anni '1970 da Zbigniew Brzezinski, uno scienziato politico, co-fondatore del […]

[…] ha detto a "Crossroads" di EpochTV che l'idea della tecnocrazia è stata introdotta nella Cina comunista negli anni '1970 da Zbigniew Brzezinski, un politologo, co-fondatore del […]

[…] Allo stesso modo, quasi l'unico responsabile dell'ascesa della Cina come potenza mondiale è venuto dall'impatto della politica della Commissione Rockerfeller/Trilaterale del 1979. L'Occidente ha aiutato lo sviluppo tecnocratico della Cina comunista. Altro: https://www.technocracy.news/trilateral-commission-converted-china-technocracy/ [...]