Come pensano i tecnocrati: il concetto intellettuale dell'ideologia del QI

Per favore, condividi questa storia!

Spunti di riflessione sulla tecnocrazia. L'autore colloca correttamente Tecnocrazia: "Il movimento eugenetico, e il suo nuovo strumento di verifica dell'intelligence, speravano di sostituire la libertà e la dignità con la tecnocrazia totalitaria".  Editor TN

Il fascino culturale con l'idea di un "quoziente di intelligenza" o QI sembra sperimentare una rinascita. I test inarrestabili sono una caratteristica della scuola e dei ricoveri scolastici e i test sono utilizzati per una varietà di screening professionali. La pratica riflette un'intuizione che tutti noi abbiamo: alcune lampadine sono più luminose di altre. Sicuramente non c'è nulla di sbagliato nel conoscere, misurare e agire su tali informazioni, per quanto difficile possa essere valutare.

Dove le cose diventano sfuggenti è nel codificare tali abilità, riducendole tutte in un unico numero quantitativo, aggregandole in base ad altri tratti demografici, valutando la variabilità dei risultati, confrontando i risultati tra grandi gruppi di popolazione, determinando la varietà di fattori causali - genetici , ambientale, pura determinazione personale - che costituiscono ciò che chiamiamo intelligenza e che mettono insieme un piano per cosa fare con i risultati.

La ricerca di alcuni standard misurabili di intelligenza ha una storia profonda legata all'emergere della società pianificata, dell'eugenetica e dello stato leviatano del X secolo X.

Qui abbiamo un problema molto più complesso, complesso quanto la mente umana stessa. Il commentatore di amatuer potrebbe leggere a libro sull'argomento e spero di venire fuori con la sensazione che all'interno di questa letteratura troviamo la chiave per l'ascesa e la caduta di intere civiltà. L'aspirante pianificatore centrale saluta alla prospettiva! Ma più leggi, meno sei sicuro e più stupisci delle incognite, delle sorprese e del modo in cui il mondo reale continua a sfidare le previsioni dell'élite scientifica.

Il QI come strumento di pianificazione centrale

E poi ci sono le implicazioni sociali e politiche degli sforzi. Ciò che di solito non si comprende è che la ricerca di alcuni standard misurabili di intelligenza - e implicitamente il valore umano stesso - ha una storia profonda legata all'emergere della società pianificata, dell'eugenetica e dello stato leviatano del X secolo X.

Non è sorprendente. L'idea di un'élite scientifica che classifica le persone in base alle attitudini, assegnando un ruolo efficiente a tutti, fa appello al concetto di intellettuali. Mentre la curiosità per la biodiversità umana sembra innocente, la nascita di un'ideologia radicata nella misurazione quantitativa delle attitudini mentali, sostenuta da un'ambizione di pianificazione scientifica, evidenzia ovviamente tendenze anti-liberali.

La storia del QI inizia alla fine della guerra franco-prussiana quando le istituzioni civili francesi furono rimodellate per non perdere mai più una guerra. La teoria prevalente era che alla Francia mancavano le capacità tecniche necessarie per la guerra moderna. I cittadini avevano bisogno di formazione e questo significava riforma dell'istruzione. La scuola avrebbe sollevato un esercito cittadino e quindi doveva essere forzata. Da 1879 a 1886, la legislazione ha imposto l'istruzione obbligatoria a tutta la popolazione.

Il primo appassionato americano per il lavoro di Binet fu Henry H. Goddard, uno dei principali campioni dell'eugenetica e un campione dello stato di pianificazione.

Con tutti i bambini ora costretti a frequentare scuole non religiose, era tempo di imporre un metodo razionale per guidare i coscritti verso percorsi socialmente e politicamente ottimali. In 1904, proprio come il fascino dell'idea del socialismo scientifico aveva guadagnato moda, il Ministero della Pubblica Istruzione francese ha contattato lo psicologo Alfred Binet (1857-1911) per elaborare alcuni test di valutazione. Ha presentato una serie di domande dal più semplice al più difficile e ha classificato i bambini in base alla loro esecuzione dei test.

Il risultato fu la scala Binet-Simon. Dal punto di vista di Binet, l'unico scopo era identificare quali bambini necessitavano di attenzione e attenzione speciali in modo che non fossero lasciati indietro. Ma l'idea di quantità, classificazione e valutazione delle prestazioni cognitive ha preso piede negli Stati Uniti, dove eugeneticaera una moda intellettuale prevalente. Stava guidando le politiche pubbliche in materia di regolamentazione del lavoro, immigrazione, sterilizzazioni forzate, licenze di matrimonio, politica di welfare, regolamentazione aziendale e strategie di segregazione.

Il primo appassionato americano per il lavoro di Binet fu Henry H. Goddard, un campione leader dell'eugenetica e un campione dello stato di pianificazione. In 1908, Goddard tradusse il lavoro di Binet e lo rese popolare tra le classi intellettuali. Ha trasformato quella che avrebbe potuto essere una spinta umanitaria per fornire aiuto correttivo agli studenti in un'arma di guerra contro i deboli.

Cosa credeva che Goddard potesse essere fatto con le sue intuizioni?

He riassunto la sua visione politica come segue:

“La democrazia, quindi, significa che il popolo governa selezionando il più saggio, il più intelligente e il più umano per dire loro cosa fare per essere felici. Quindi la democrazia è un metodo per arrivare a un'aristocrazia veramente benevola. Tale compimento sarà raggiunto quando i più intelligenti impareranno ad applicare la loro intelligenza ... L'alta intelligenza deve funzionare in modo tale da favorire il benessere delle masse da comandare il loro rispetto e affetto ”.

Le opinioni di Goddard erano quelle della sua generazione ed erano i teorici dello stato totalitario.

Inoltre, “la società deve essere organizzata in modo tale che a queste persone di intelligenza limitata non debbano essere date o non possano essere mantenute posizioni che richiedono più intelligenza di quanta ne posseggano. E nelle posizioni che possono ricoprire, devono essere trattati in base al loro livello di intelligenza. Una società organizzata su questa base sarebbe una società perfetta. "

A tal fine, ha suddiviso la popolazione umana in categorie normative, le cui prestazioni inferiori hanno etichettato imbecilli, idioti e idioti - designazioni che sopravvivono fino ai giorni nostri. Ha proposto una nuova forma di ordine sociale in cui un'élite di intellettuali assegna compiti e stazioni di vita sulla base dei risultati dei test.

Illiberal al suo centro

Sì, sembra proprio Hunger Games, Divergente, o un numero qualsiasi di altri incubi distopici perché è esattamente ciò che immaginava di poter ottenere con il QI studi. Dopo aver letto molte dozzine di libri, articoli e resoconti contemporanei di tutta questa generazione di pensatori, niente di tutto questo è una sorpresa. Le opinioni di Goddard erano quelle della sua generazione, ed erano i teorici dello stato totalitario - i "Progressisti" negli Stati Uniti, i pianificatori post-bismarckiani della Germania imperiale, i socialisti scientifici della Russia e, in seguito, gli sterminazionisti demoniaci di Germania nazista. È tutto d'un pezzo.

Continuare la tradizione era Lewis Terman di Stanford che in 1916 ha proposto una revisione dell'ormai tradizionale test Binet, diventando un sostenitore aperto e aggressivo di segregazione, sterilizzazione, controllo dell'immigrazione, licenze di nascita e una società pianificata in generale.

Il movimento eugenetico, e il suo nuovo strumento di test dell'intelligence, speravano di sostituire la libertà e la dignità con la tecnocrazia totalitaria.

La supremazia bianca è stata un dono tra questa generazione e lui abbracciato apertamente: "Al momento non vi è alcuna possibilità di convincere la società che [i messicani, gli indiani e i negri] non dovrebbero essere autorizzati a riprodursi, sebbene da un punto di vista eugenetico costituiscano un grave problema a causa della loro riproduzione insolitamente prolifica". quello spirito, si unì al Fondazione per il miglioramento umano, che ha svolto il ruolo cruciale nel programma di sterilizzazione della California che ha avuto un'influenza così profonda sulle politiche razziali della Germania di Hitler.

I test di intelligenza divennero essenziali per una nazione in guerra, con gli eugenetici che consigliavano all'esercito americano l'idoneità dei soldati: i più stupidi sul fronte e i più intelligenti in posizioni di comando sicure. E consigliarono le autorità di immigrazione: chi poteva diventare americano e chi no. L'obiettivo era l'eugenetica e i test di intelligence divennero una parte cruciale dell'impiallacciatura scientifica.

Thomas Leonard sintetizza la sanguinosa storia:

“Per quanto dubbi fossero i test ei metodi di prova, i milioni di persone sottoposte a rozzi test di intelligenza hanno dimostrato un risultato inequivocabilmente. Gli scienziati sociali americani avevano convinto le autorità governative a finanziare e obbligare soggetti umani per un'impresa di misurazione senza precedenti, condotta per identificare e abbattere gli inferiori, il tutto in nome del miglioramento dell'efficienza delle scuole pubbliche della nazione, delle stazioni di accesso all'immigrazione, delle istituzioni per portatori di handicap, e militare. "

Ciò inizia solo a graffiare la superficie delle speranze di vasta portata del movimento eugenetico del QI. La relazione tra la teoria e l'ambizione politica è così stretta che sono davvero inseparabili.

Non sembra esserci nulla di particolarmente minaccioso nel voler valutare l'attitudine di un individuo. Eppure i test del QI sono stati creati e utilizzati come strumento di pianificazione sociale da utilizzare nell'istruzione obbligatoria e nella preparazione alla guerra e sono mutati in un'ideologia su vasta scala che non aveva alcun riguardo per i diritti umani, la teoria liberale dell'ordine sociale o la libertà più in generale . Il movimento eugenetico, e il suo nuovo strumento di test dell'intelligence, speravano di sostituire la libertà e la dignità con la tecnocrazia totalitaria.

Cos'è questa ideologia che contraddice l'idea di una società libera? Dov'è che l'ideologia del QI va storto?

Esistono tre problemi generali:

In primo luogo, i consumatori hanno gusti strani che hanno poco a che fare con l'intelligenza, definita scientificamente. L'intelligenza astratta non è necessariamente la cosa premiata dal mercato e ciò che conta. In una società libera, il valore di una risorsa non è oggettivo; il valore è conferito ai servizi dalle scelte che facciamo, qualunque esse siano.

Se esci alle gare di Nascar, l'alta intelligenza non è il primo tratto che si distingue. Lo stesso vale per i raduni di monster truck. Potrei sbagliarmi, ovviamente. Forse se somministrassi dei test a tutti i partecipanti e i consumatori, sarei sbalordito dall'intelligenza sproporzionata rispetto alla popolazione generale. Lo stesso vale per un concerto di Britney Spears, un gioco della NFL o per gli acquirenti di romanzi rosa di generi alimentari. Forse in questi gruppi trovi intelligenza più elevata di quella che trovi nel club di scacchi dell'università. Ne dubito seriamente, comunque.

Ma la vera domanda è: perché è importante? Importa se Michael Phelps è intelligente o se è il miglior nuotatore della storia? Il nuoto è ciò per cui ha apprezzato. È lo stesso con il canto e la danza di Beyonce o la recitazione di Matt Damon. O pensa al tuo ristorante locale preferito: in realtà non importa se il cuoco è intelligente o stupido.

L'imprevedibilità dei mercati al consumo sfidano le distribuzioni di intelligence. I processi di mercato non riguardano l'intelligenza gratificante; si tratta di premiare il talento, l'intuizione e il servizio agli altri.

In realtà, questo è esattamente il motivo per cui così tanti intellettuali hanno disprezzato i mercati nel corso dei secoli. Per loro, sembra sbagliato che un professore di fisica non faccia altro che una pop star, che un burocrate che scricchioli il numero vivrebbe in una piccola casa e una star del cinema possieda cinque palazzi, e così via. Ecco la fonte di oltre un secolo di risentimento contro il capitalismo.

Tutti affrontiamo vincoli di risorse, il tempo sopra ogni altra cosa. Questo è il motivo per cui collaboriamo attraverso il commercio con altre persone, anche con persone con capacità meno assoluta di quelle che possediamo personalmente.

Il modo in cui i mercati valutano ciò che valutano rimarrà sempre imprevedibile. Ciò che è cruciale è che l'uomo comune è responsabile del sistema e non dei pianificatori. E questo è il nocciolo della questione: chi dovrebbe decidere cosa costituisce il valore umano, chi è degno di essere trattato con dignità, chi dovrebbe essere responsabile di come le risorse del lavoro verranno utilizzate nella società? Abbracciamo la libertà o il dominio di un'élite saggia?

In secondo luogo, la legge di associazione rende tutti preziosi. Una convinzione fondamentale dell'ideologia del QI è che le persone intelligenti, misurate dai test, sono più preziose per l'ordine sociale delle persone più stupide. Ma l'economia ha fatto una scoperta diversa. Si scopre che attraverso la divisione del lavoro, o quella che Ludwig von Mises chiamava la "legge dell'associazione", tutti possono essere preziosi per tutti gli altri, indipendentemente dall'attitudine.

Michael Phelps potrebbe avere la capacità cognitiva di essere il più grande fisico nucleare, programmatore di computer o giocatore di scacchi al mondo - ma è nel suo interesse personale concentrarsi sul suo vantaggio comparativo, anche se ha un vantaggio assoluto su ogni persona nel mondo.

Tutti affrontiamo vincoli di risorse, il tempo sopra ogni altra cosa. Questo è il motivo per cui collaboriamo attraverso il commercio con altre persone, anche con persone con capacità meno assoluta di quelle che possediamo personalmente. Il risultato è più prezioso di quanto potremmo mai creare da soli. Lo sai se assumi il tuo prato per falciare, pulire la tua casa o andare nei ristoranti. Ogni ordine sociale è costituito da una rete infinitamente complessa di relazioni che sfidano la categorizzazione mediante test scientifici rozzi. Attraverso la divisione del lavoro come la libertà trova un modo per tutti di diventare preziosi per tutti gli altri.

Una terza critica di questa letteratura è più profonda. Osserva che l'intelligenza necessaria per la costruzione di una grande società non risiede nelle menti di individui particolari. La massima intelligenza dell'ordine sociale risiede nei processi e nelle istituzioni della società stessa. Non esiste in totale in nessuna singola mente e non emerge consapevolmente dai piani di alcun gruppo.

Spiega Hayek La controrivoluzione della scienza:

"Sebbene la nostra civiltà sia il risultato di un cumulo di conoscenza individuale, non è dalla combinazione esplicita o cosciente di tutta questa conoscenza in qualsiasi cervello individuale, ma dalla sua incarnazione in simboli che usiamo senza comprenderli, nelle abitudini e nelle istituzioni, strumenti e concetti, che l'uomo nella società è costantemente in grado di trarre profitto da un corpo di conoscenza che né lui né nessun altro uomo possiede completamente. Molte delle cose più grandi che l'uomo ha ottenuto non sono il risultato di un pensiero coscientemente diretto, e ancor meno il prodotto di uno sforzo deliberatamente coordinato di molti individui, ma di un processo in cui l'individuo gioca un ruolo che non potrà mai comprendere appieno. . Sono più grandi di qualsiasi individuo proprio perché derivano dalla combinazione di conoscenze più ampie di quanto una singola mente possa padroneggiare. "

E qui vediamo chiaramente la differenza tra l'ideologia del QI e la teoria della società libera. L'ideologia del QI ci tenta di credere negli stessi errori che hanno guidato il socialismo: la presunzione che una piccola élite, se dotata di risorse e potere sufficienti, può pianificare la società meglio delle associazioni, delle creazioni e dei commerci apparentemente casuali degli individui. La libertà, d'altra parte, colloca lo splendore dell'ordine sociale non nella mente di pochi, ma nel processo dell'evoluzione sociale stessa e di tutte le sorprese e le delizie che ciò comporta.


Jeffrey Tucker è direttore dei contenuti per il Fondazione per l'educazione economica e CLO della startup Liberty.me. Autore di cinque libri e molte migliaia di articoli, parla ai seminari estivi FEE e ad altri eventi. Il suo ultimo libro è Bit per bit: come P2P sta liberando il mondo.  Segui su Twitter e Mi Piace su Facebook. E-mail

Leggi l'articolo completo qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
rwhawk

Il QI è una misura per il test, ma la "teoria della disposizione" è l'aspetto più importante, nel senso che il "capitale umano" dello Stato ha la corretta disposizione dei valori, delle convinzioni e degli atteggiamenti (il dominio affettivo) che lo Stato desidera. Con l'uso di tablet nei centri di indottrinamento K-12 dello Stato, il test ora include anche una "riparazione" personalizzata in tempo reale secondo il metodo Operant Conditioning di BF Skinner.
Solo quelli con un alto QI, ma soprattutto, la disposizione corretta, potranno essere tecnocrati.

bongstar420

O hai il dominio dei più intelligenti o dei meno intelligenti. È davvero meglio per il genio essere schiavo del deficiente? Il dominio dei geni diffonderebbe la ricchezza molto più ampia di quella attualmente distribuita. Ci sono 1800 miliardari nel mondo ma ci sono 70,000,000 di persone con +130 QI. È molto probabile che la maggior parte di quelle persone con un alto QI traggano profitto da pari o inferiori a scapito del proprio valore. Distribuire ricchezza e potere secondo la scala del QI aumenterebbe notevolmente le posizioni del 100 QI in termini relativi. Strutturare la società attorno a questi... Per saperne di più »

Patrick Wood

Un QI eccezionalmente elevato e / o un'istruzione eccezionalmente brillante non qualificano da soli nessuno. è ampiamente riconosciuto che molti intellettuali di spicco hanno poco buon senso, capacità delle persone o compassione. Molti sociopatici sono geni. Trovare un uomo saggio è molto meglio che trovarne uno intelligente.

San Fernando Corto

"Le opinioni di Goddard erano quelle della sua generazione, ed erano i teorici dello stato totalitario".

Non credo che le opinioni sul nostro stabilimento siano cambiate affatto nell'ultimo secolo e un quarto.