Città tessuta: i centri futuristici della città di Toyota non guidano

Città tessutaImmagine di Toyota
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La Toyota è l'ultima entrata nelle città concept, chiamata Woven City, sarà costruita da zero per testare la tecnologia Smart City. Limitato a circa 2,000 residenti, non sarà certamente alla portata del cittadino medio in Giappone. ⁃ Editor TN

Toyota apparentemente non sta più creando contenuti corolle, Pickup Hilux e un sacco di soldi, poiché ora sta progettando di costruire un'intera città a sé stante. Sul serio.

Oggi a CES a Las Vegas, la casa automobilistica ha annunciato il suo ambizioso nuovo progetto di costruzione, chiamato Woven City. Situato vicino al Monte Fuji in Giappone, questo nuovissimo comune occuperà la posizione di un impianto di produzione defunto. La casa automobilistica ha recuperato un appezzamento di terreno di 175 acri che, nei prossimi anni, sarà trasformato in una città del futuro.

L'obiettivo di questo prototipo di conurbazione è quello di creare un laboratorio vivente per lo sviluppo di tecnologie future. Ciò comprende cose come veicoli a guida autonoma, robotica, case intelligenti, mobilità personale e altro ancora.

Città tessuta

Immagine di Toyota

Parlando a una tavola rotonda a seguito dell'annuncio della Woven City, James Kuffner, CEO del Toyota Research Institute Advanced Development, ha dichiarato: "Le città di oggi sono state modellate da automobili". Ma con questo progetto, la casa automobilistica sta esplorando un mondo di nuove tecnologie possibilità. Woven City potrebbe essere il banco di prova perfetto per questo.

I residenti, sì, le persone normali potranno vivere lì, così come gli edifici, le infrastrutture e i veicoli saranno tutti interconnessi, alimentati da un sistema operativo digitale in tutta la città. Toyota inviterà anche i suoi partner commerciali a lavorare lì, nonché accademici e scienziati di tutto il mondo, il tutto con l'obiettivo di favorire la creazione di nuove tecnologie. Mobilità connessa, autonoma, senza emissioni e condivisa sono alcune delle parole d'ordine utilizzate per descrivere il progetto.

Questa città progettata è progettata per essere completamente sostenibile, alimentata dalla tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno Toyota e da pannelli fotovoltaici montati sul tetto. Di conseguenza, non dovrebbe essere collegato alla rete elettrica convenzionale. Gli edifici saranno realizzati in gran parte in legno, incorporando la tradizionale falegnameria giapponese nella loro costruzione. Se i rendering di questa città e delle sue strutture sono accurati, dovrebbe essere un luogo elegante in cui risiedere.

Le strade della città tessuta saranno divise in tre sezioni, nessuna delle quali sosterrà veicoli a guida umana. Uno sarà dedicato al trasporto autonomo più rapido, un altro gestirà veicoli più lenti, a mobilità personale e pedoni, e l'ultimo sarà costituito da passeggiate simili a parchi dedicate esclusivamente alle persone.

Questi diversi elementi infrastrutturali si intrecciano insieme, cosa che ha contribuito a ispirare il nome del progetto. Questo è anche un cenno all'eredità di Toyota, dal momento che la casa automobilistica ha effettivamente iniziato a realizzare telai per tessuti.

L'ambiente attentamente pianificato della città tessuta dovrebbe facilitare la creazione e lo sviluppo della futura tecnologia di trasporto. Rendere più verdi le cose, la vegetazione autoctona e l'idroponica saranno sparse per tutto.

I principali elementi infrastrutturali saranno ospitati nel sottosuolo. Ciò dovrebbe includere cose come lo stoccaggio dell'idrogeno e l'impianto idraulico. Inoltre, la vita dei residenti sarà probabilmente semplificata grazie ai robot interni e all'intelligenza artificiale basata su sensori. In un mondo perfetto, la spazzatura verrà automaticamente eliminata e frigoriferi rifornito senza soluzione di continuità con gustosi vittles.

Dando un po 'di stile per abbinare la sua funzionalità, Woven City è stata progettata dall'architetto danese Bjarke Ingels. La sua azienda, il gruppo Bjarke Ingels, ha creato molti edifici iconici in tutto il mondo, tra cui alcuni per Google e 2 World Trade Center a New York.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti