I governi "Five Eyes" richiedono l'accesso backdoor ai dati dei social media

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La battaglia tra tecnocrati e governi si scalderà fino alla febbre. I governi vogliono i dati di Big Tech e i tecnocrati odiano i politici. Non è facile. Il sogno utopico di Technocracy è esclusivo di Technocrats, che credono solo di possedere la tecnologia per realizzarlo. ⁃ Editor TN

Un patto di cinque stati nazionali dedicati a una missione di sorveglianza globale "colleziona tutto" ha emesso un promemoria per chiedere ai propri governi di chiedere alle aziende tecnologiche di costruire un accesso backdoor ai dati crittografati dei propri utenti o di affrontare misure per costringere le aziende a conformarsi.

Il patto internazionale - Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda, noto come il cosiddetto gruppo di nazioni "Five Eyes" - ha rilasciato silenziosamente il promemoria la scorsa settimana chiedendo ai fornitori di "creare soluzioni personalizzate, adattate alle loro architetture di sistema individuali in grado di soddisfare i requisiti di accesso lecito ".

Questo tipo di accesso backdoor consentirebbe a ciascun governo l'accesso ai dati crittografati di chiamate e messaggi sui propri cittadini. Se le compagnie non autorizzano volontariamente l'accesso, le nazioni minacciano di far passare nuove leggi che costringerebbero il loro aiuto.

"Se i governi dovessero continuare a incontrare ostacoli all'accesso lecito alle informazioni necessarie per aiutare la protezione dei cittadini dei nostri paesi, potremmo perseguire misure tecnologiche, di applicazione, legislative o di altro tipo per raggiungere soluzioni di accesso lecite", leggi il promemoria, rilasciato dal governo australiano per conto del patto.

È l'ultima mossa di un'aggressione in corso da parte del gruppo di governi, che si è incontrato in Australia la scorsa settimana.

Il patto Five Eyes è nato per raccogliere e condividere informazioni in tutti e cinque i paesi, usando il potere diplomatico e le posizioni strategiche di ciascuna nazione come punti chiave per raccogliere il resto delle comunicazioni del mondo.

Dal le rivelazioni di Edward Snowden in 2013, le società tecnologiche hanno raddoppiato gli sforzi per bloccare l'accesso legale ai dati da parte del governo con la crittografia. Usando la crittografia end-to-end - in cui i dati vengono decodificati da un dispositivo all'altro - anche le aziende tecnologiche non possono leggere i messaggi dei loro utenti.

Senza accesso, le forze dell'ordine hanno ampiamente esercitato pressioni contro le aziende che utilizzano la crittografia end-to-end, sostenendo che ostacola le indagini penali.

I ricercatori della sicurezza e altri critici delle backdoor di crittografia hanno a lungo affermato che non esiste un modo matematico o praticabile per creare una "backdoor sicura" che non sia anche impermeabile agli attacchi degli hacker e che abbia ampiamente deriso qualsiasi sforzo di backdoor.

In 2016, la retorica si è trasformata in azione quando l'FBI ha avviato una causa legale per costringere Apple a costringere l'azienda a costruire uno strumento per bypassare la crittografia in un iPhone usato dal tiratore di San Bernardino, che aveva ucciso persone 14 in un attacco terroristico mesi prima.

L'FBI ha lasciato cadere il caso dopo aver trovato gli hacker in grado di entrare nel telefono.

Ma il mese scorso, il governo degli Stati Uniti ha rinnovato i suoi sforzi per stabilire un precedente legale prendendo di mira Facebook Crittografia end-to-end di Messenger. Il caso, archiviato sotto sigillato, mira a interrompere la crittografia dell'app di messaggistica per intercettare le conversazioni su sospetti criminali.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti