Christiana Figueres fa esplodere i governi "irresponsabili" su COVID-19

christiana figueresWikimedia Commons, ONU
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
L'ex capo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici Christiana Figueres lega in modo succinto le isterie COVID-19 e Climate Change per guidare la profonda trasformazione economica dello sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy. Ciò significherebbe spendere fondi di stimolo per progetti di "decarbonizzazione". ⁃ Editor TN

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Brasile sono stati "nient'altro che irresponsabili" nei loro approcci isolazionisti alla crisi del coronavirus, e tali posizioni indeboliranno la risposta globale ai cambiamenti climatici, ha affermato la sostenitrice dell'azione per il clima Christiana Figueres. Allo stesso tempo, ha affermato, la pandemia ha creato un'opportunità per "reinventare" l'economia in un modo che ha valutato i risultati sostenibili sulla crescita.

Figueres, ex segretario esecutivo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici, ha commentato ieri un pubblico online al Hay Festival of Literature and Arts del Regno Unito, che quest'anno si terrà in digitale a causa del blocco del coronavirus in corso.

"C'è una responsabilità che i governi hanno ovunque, e cioè proteggere i loro cittadini", ha detto Figueres, riferendosi all'enorme morte pedaggi da COVID-19 visto in Gran Bretagna e America. D'altra parte, ha detto, "quei paesi che sono riusciti a proteggere i loro cittadini dal peggio di COVID-19 hanno fatto il loro lavoro e sono probabilmente quelli che stanno facendo un lavoro migliore sui cambiamenti climatici". Figueres individuò Germania, Islanda, Finlandia, Nuova Zelanda e Danimarca come paesi che a suo avviso avevano affrontato efficacemente la minaccia pandemica.

Parlando con Tom Rivett-Carnac, uno stratega per il Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, Figueres ha sottolineato la necessità di una maggiore cooperazione internazionale per combattere i cambiamenti climatici, ma che la pandemia di coronavirus ha avuto il potere di costringere i paesi a lavorare insieme.

Il recupero del coronavirus è stato "un enorme esercizio di collaborazione forzata, perché è l'unico modo per farlo", ha detto. "Quei paesi che vogliono esentarsi ed essere isolazionisti al riguardo possono avere misure molto difficili da affrontare, perché i confini potrebbero non essere aperti ai loro cittadini".

Figueres e Rivett-Carnac hanno discusso della necessità per la comunità globale di ridurre le emissioni cumulative del 7.5% all'anno entro il 2030, al fine di rimanere in linea con le raccomandazioni Obiettivo dell'accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1.5 gradi Celsius entro il 2100. Per raggiungere questo obiettivo, hanno affermato, i 15-20 trilioni di dollari di finanziamento finora stanziati per la ripresa economica globale dalla pandemia dovrebbero sostenere una strategia coerente di decarbonizzazione, anziché essere incanalato in una strategia per riportare il mondo come prima della pandemia.

"Se quel denaro viene investito in risorse ad alto contenuto di carbonio ... allora non vi è alcun modo in cui qualsiasi politica [separata] e misura sulla decarbonizzazione dell'economia possa raggiungere l'impatto che quei 20 trilioni di dollari avranno perché faranno impallidire gli sforzi sui cambiamenti climatici ", Ha detto Figueres. Quel tipo di denaro, secondo lei, "definirà i contorni dell'economia globale per almeno il [successivo] decennio".

Tom Rivett-Carnac, che insieme a Figueres è stato coautore Il futuro che scegliamo, un libro che esplora una risposta globale sull'azione per il clima, ha affermato a suo avviso che gli anni 2020 sono stati "il decennio più consequenziale nella storia umana", in cui il mondo avrebbe bisogno di ridurre le emissioni di gas serra del 50%, definendo i risultati climatici per resto del 21 ° secolo.

Figueres ha salutato gli sforzi in Europa da parte di governi e società private sollecitare l'UE per fare il Green Deal europeo una pietra miliare di eventuali misure di risanamento, e ha sottolineato la Spagna mossa recente elaborare una legge per vietare tutti i nuovi progetti di idrocarburi nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio a zero netto entro il 2050.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
STEPHEN

In alternativa, Christina, potremmo invece metterti in una giacca dritta, con una bella iniezione antipsicotica per calmarti.