La Cina gestisce un avamposto di polizia a New York City

The America ChangLe Association a New York City il 6 ottobre 2022. (Samira Bouaou/The Epoch Times)
Per favore, condividi questa storia!
Il lungo braccio della polizia cinese raggiunge gli altri paesi in cui risiedono i cittadini cinesi, incoraggiandoli a tornare in patria per affrontare un'azione penale. Il primo negli Stati Uniti è stato New York City. Questo ricorda i Centri Confucio cinesi nelle università a livello nazionale che spiavano il mondo accademico. ⁃ Editore TN

Le autorità cinesi hanno aperto almeno una "stazione di polizia d'oltremare" negli Stati Uniti nell'ambito della repressione transnazionale globale del Partito Comunista Cinese (PCC), secondo il gruppo per i diritti umani Salvaguardare i difensori.

“Queste operazioni evitano la cooperazione bilaterale ufficiale di polizia e giudiziaria e violano lo stato di diritto internazionale, e possono violare l'integrità territoriale nei paesi terzi coinvolti nella creazione di un meccanismo di polizia parallelo utilizzando metodi illegali,Il gruppo con sede in Spagna ha affermato in un recente rapporto.

L' rapporto, intitolato "110 Overseas: Chinese Transnational Policing Gone Wild", ha esaminato l'iniziativa, iniziata da 10 "province pilota" nel 2018. Queste stazioni sono anche chiamate 110 Overseas, dal nome del numero di telefono dei servizi di emergenza della polizia del paese.

Un avamposto a New York City è stato tra il "primo lotto" di 30 stazioni di servizio di polizia all'estero in 21 paesi istituito dall'Ufficio di pubblica sicurezza a Fuzhou, la capitale della provincia costiera meridionale del Fujian. Anche altre città cinesi stabiliscono i propri avamposti all'estero.

La divisione delle autorità di polizia cinesi a New York è stata aperta il 15 febbraio, secondo Dongnan News, un media sostenuto dal governo provinciale del Fujian. Il centro, chiamato Fuzhou Police Overseas Service Station, si trova al 107 di East Broadway, all'interno della sede dell'American ChangLe Association (ACA), un'organizzazione no profit con stretti legami con il regime cinese.

Safeguard Defenders ha identificato 54 stazioni di servizio di polizia all'estero in cinque continenti, comprese le città di Toronto a Dublino.

Il numero totale di tali stazioni non è chiaro.

"Non esiste un elenco completo di tali "110 stazioni di servizio di polizia d'oltremare" disponibili", afferma il rapporto. "[Il] numero è senza dubbio più grande e tali stazioni sono più diffuse".

ACA

Fondata nel 1998, l'ACA è una delle comunità più influenti per gli immigrati dalla provincia del Fujian negli Stati Uniti, secondo il suo sito web.

L'ACA ha collaborato con l'Ufficio di pubblica sicurezza di Fuzhou quest'anno per allestire la stazione di servizio di polizia di Fuzhou, ha affermato il presidente dell'associazione ad aprile durante un evento presso l'ufficio del gruppo mentre ospitava il vice consolato generale cinese a New York, Wu Xiaoming, Dongnan News segnalati al momento. Wu, secondo il rapporto, ha riconosciuto il contributo dell'associazione alla "promozione dell'amicizia sino-americana e al sostegno della pacifica riunificazione della Cina".

Il gruppo della comunità di New York, come molte organizzazioni cinesi presumibilmente di base, è legato alla tentacolare espansione del Partito Comunista Cinese “fronte unitosistema”. Ciò si riferisce a una rete di migliaia di gruppi d'oltremare controllati liberamente dal Dipartimento del lavoro del Fronte Unito, una potente agenzia del Partito che lavora per promuovere gli interessi del regime all'estero, anche effettuando operazioni di influenza straniera, reprimendo i movimenti dissidenti, raccogliendo informazioni e facilitando il trasferimento di tecnologia in Cina.

L'ACA mantiene stretti legami con il regime ed è stata elogiata per i suoi sforzi nel sostenere il PCC ei suoi leader. Le foto visualizzate sul suo sito Web includono a certificato di apprezzamento dal consolato cinese a New York nel 2015. Il consolato ha elogiato l'ACA per aver svolto un ruolo attivo nell'organizzazione di cittadini cinesi d'oltremare per accogliere il leader cinese Xi Jinping quando si è recato a New York per partecipare alle riunioni delle Nazioni Unite in quel momento.

L'ex presidente del gruppo, Zhang Zikuo, nel 2019 ha partecipato a una cerimonia ufficiale a Pechino per celebrare il 70° anno di governo del PCC sulla Cina come rappresentante dei cittadini cinesi d'oltremare negli Stati Uniti, secondo un 2020 rapporto dalla Fuzhou City Federation of Returned Overseas Chinese.

Nel maggio 2020, Zhang, l'allora presidente dell'ACA, ha partecipato a un seminario online organizzato dal Dipartimento del Fronte Unito del distretto di Changle di Fuzhou, durante il quale hanno avuto "uno studio approfondito dello spirito delle due sessioni", si legge nel rapporto . "Due sessioni" si riferisce alle riunioni annuali tenute dal legislatore del regime e dall'organo consultivo politico.

'Obiettivo sinistro'

Apparentemente, le stazioni di servizio di polizia all'estero servono a scopi amministrativi, con molti compiti, secondo il rapporto, che sarebbero "tradizionalmente considerati di natura consolare".

Ad esempio, il servizio più popolare della stazione di New York è stato l'assistenza ai cinesi d'oltremare nel rinnovo delle patenti di guida senza dover tornare nel paese, secondo un agosto rapporto di Dongnan News. Il rapporto afferma che dal 1 marzo al 27 aprile, 36 domande hanno completato un esame fisico online presso la stazione e sono state rinnovate le patenti di guida.

Le stazioni fanno sentire ai cinesi d'oltremare la "cura e l'amore" della madrepatria, ha detto il presidente dell'ACA Lu Jianshun a Dongnan News. Il rapporto menziona che Lu è anche un membro dello staff della stazione di New York.

Safeguard Defenders, tuttavia, ha affermato che tali 110 all'estero hanno "un obiettivo più sinistro, poiché contribuiscono a" reprimere risolutamente tutti i tipi di attività illegali e criminali che coinvolgono i cinesi d'oltremare ". Alcune delle stazioni sono già state "implicate nella collaborazione con Polizia cinese nello svolgimento di operazioni di polizia su suolo straniero”, ha affermato il gruppo.

Un esempio fornito nel rapporto è stato il ritorno riuscito di un latitante cinese di nome Xia, che è stato accusato di frode ed è fuggito in Serbia.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

"Alcune delle stazioni sono già state" implicate nella collaborazione con la polizia cinese nello svolgimento di operazioni di polizia su suolo straniero", ha affermato il gruppo.

Questo NON va bene, specialmente nell'ambiente attuale di New York, Trudeau e Biden che cercano di costringere gli Stati Uniti a una tecnocrazia fascista. Il PCC è alle nostre porte, attesa, un predatore.

Matteo Schumann

Suppongo che qualcuno debba sorvegliare i cinesi a New York.

[…] Visualizza il post originale qui: La Cina gestisce l'avamposto della polizia a New York City – technocracy.news […]