La Cina automatizza completamente la clonazione dei maiali

Per favore, condividi questa storia!
A causa della mancanza di confini etici o morali, la Cina guida il mondo nell'editing genetico radicale e nella tecnologia di clonazione. Per rafforzare la produzione di suini, è stato sviluppato un processo completamente automatizzato per clonare rapidamente i suini. Le incubatrici umane del Brave New World di Huxley non sembrano così lontane adesso. ⁃ Editore TN

I ricercatori dell'Università cinese di Nankai hanno affermato questa settimana di aver clonato con successo i maiali attraverso un processo completamente automatizzato per la prima volta a marzo, secondo quanto riportato giovedì dal South China Morning Post (SCMP).

Una scrofa surrogata avrebbe dato alla luce sette maialini clonati a marzo presso il College of Artificial Intelligence presso l'Università di Nankai nella città di Tianjin, nel nord della Cina.

"Ogni fase del processo di clonazione è stata automatizzata e non è stata coinvolta alcuna operazione umana", ha detto ai giornalisti questa settimana Liu Yaowei, un membro del team di ricerca che ha sviluppato il sistema di clonazione robotica.

La rimozione degli esseri umani da un sistema di clonazione precedentemente sviluppato ha contribuito a semplificare il processo e ha migliorato il tasso di successo dei cloni, secondo Liu.

L'Università di Nankai lo aveva già affermato clonare maiali che utilizzavano robot nel 2017, sebbene il processo utilizzato all'epoca includesse contributi umani. Il coinvolgimento umano, hanno affermato gli scienziati cinesi, era correlato a un margine di errore più elevato che il team di Liu ha affermato di aver eliminato con successo durante il suo ultimo esperimento di clonazione attraverso algoritmi migliorati. Questi algoritmi, utilizzati dal sistema di intelligenza artificiale degli scienziati, avrebbero istruito i robot a eseguire azioni in modo più accurato degli umani.

"Il nostro sistema basato sull'intelligenza artificiale è in grado di calcolare la deformazione all'interno di una cella e indirizzare il robot a utilizzare una forza minima per completare il processo di clonazione, riducendo il danno cellulare causato dalle mani umane", Liu disse questa settimana.

Lo sviluppo della clonazione dell'Università di Nankai, se vero, è particolarmente significativo in Cina, che è il principale consumatore e produttore mondiale di carne di maiale. La nazione attualmente fa molto affidamento sull'importazione di suini da riproduzione per sostenere la sua industria di carne di maiale. Una tecnica affidabile per la clonazione dei suini potrebbe fornire una fonte di carne di maiale più economica per l'industria agricola cinese che andrebbe ulteriormente a vantaggio dei consumatori cinesi. L'industria cinese della carne di maiale ha subito un duro colpo dal 2018 al 2019 quando un focolaio nazionale del virus della peste suina africana ha decimato la popolazione di suini della nazione e ha ucciso gran parte del suo pool di riproduzione domestica. Pechino ha promosso una campagna agricola negli anni da allora progettata per svezzare gli allevatori di suini cinesi dal bestiame importato e incoraggiarli invece ad allevare mandrie autosufficienti.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] La Cina automatizza completamente la clonazione dei maiali […]