Richiedi il DSP in quanto la "vera valuta globale" è un'aringa rossa

SDR
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Il DSP è in circolazione da anni 50 ed è strutturalmente incapace di diventare la "vera moneta globale" del mondo. Pertanto, questa storia di un accademico globalista e di alto rango delle Nazioni Unite è un'aringa rossa destinata a distogliere l'attenzione da Fintech che dovrebbe finanziare la Green Economy, ovvero lo sviluppo sostenibile e la tecnocrazia.

Noi (Sutton e Wood) abbiamo scritto su SDR e Bancor negli 1970. Non ha mai preso piede allora, e non c'è motivo per cui prenderà piede ora. L'attuale pressione sulla finanza globale è quella di eliminare tutte le valute nazionali. Poiché i DSP si basano su un paniere di tali valute, anche questi saranno privi di valore. ⁃ Editor TN

Quest'anno, il mondo commemora gli anniversari di due eventi chiave nello sviluppo del sistema monetario globale. La prima è la creazione del Fondo monetario internazionale alla conferenza di Bretton Woods 75 anni fa. Il secondo è l'avvento, 50 anni fa, del Disegno speciale a destra (DSP), la risorsa di riserva globale del FMI.

Quando ha introdotto il DSP, il Fondo ha sperato di renderlo "la principale risorsa di riserva nel sistema monetario internazionale". Ciò rimane un'ambizione non realizzata; infatti, i DSP sono uno degli strumenti di cooperazione internazionale più sottoutilizzati. Ciò nonostante, meglio tardi che mai: trasformare i DSP in una vera valuta globale produrrebbe numerosi benefici per l'economia e il sistema monetario del mondo.

L'idea di una valuta globale non è nuova. Prima delle negoziazioni di Bretton Woods, John Maynard Keynes ha suggerito il "bancor" come unità di conto della sua proposta International Clearing Union. Negli 1960, sotto la guida dell'economista belga-americano Robert Triffin, sono emerse altre proposte per affrontare i crescenti problemi creati dal sistema a doppio dollaro-oro che era stato istituito a Bretton Woods. Il sistema è finalmente crollato in 1971. A seguito di tali discussioni, l'FMI ha approvato il DSP in 1967 e lo ha inserito nel suo Statuto due anni dopo.

Sebbene l'emissione di DSP da parte del FMI assomigli alla creazione di moneta nazionale da parte delle banche centrali, il DSP svolge solo alcune delle funzioni della moneta. È vero, i DSP sono un bene di riserva e quindi un deposito di valore. Sono anche l'unità di conto del FMI. Ma solo le banche centrali - principalmente nei paesi in via di sviluppo, sebbene anche nelle economie sviluppate - e alcune istituzioni internazionali usano i DSP come mezzo di scambio per pagarsi l'un l'altro.

Il DSP ha una serie di vantaggi di base, non ultimo il fatto che il FMI possa utilizzarlo come strumento di politica monetaria internazionale in una crisi economica globale. In 2009, ad esempio, il FMI ha emesso $ 250 miliardi in DSP per aiutare a combattere la recessione, a seguito di una proposta del G20.

Ancora più importante, i DSP potrebbero anche diventare lo strumento di base per finanziare i programmi del FMI. Fino ad ora, il Fondo ha fatto affidamento principalmente su aumenti di quote (capitale) e prestiti da paesi membri. Ma le quote hanno teso a rimanere indietro rispetto alla crescita economica globale; l'ultimo aumento è stato approvato in 2010, ma il Congresso degli Stati Uniti ha accettato solo in 2015. E i prestiti dei paesi membri, la principale fonte di nuovi fondi dell'FMI (in particolare durante le crisi), non sono veri e propri strumenti multilaterali.

La migliore alternativa sarebbe quella di trasformare il FMI in un'istituzione interamente finanziata e gestita nella propria valuta globale, una proposta fatta diversi decenni fa da Jacques Polak, allora economista di punta del Fondo. Una semplice opzione sarebbe quella di considerare i DSP che i paesi detengono ma che non hanno utilizzato come "depositi" presso il FMI, che il Fondo può utilizzare per finanziare i suoi prestiti ai paesi. Ciò richiederebbe una modifica degli articoli dell'accordo, poiché attualmente i DSP non sono detenuti nei normali conti del FMI.

Il Fondo potrebbe quindi emettere DSP regolarmente o, meglio ancora, durante le crisi, come in 2009. A lungo termine, l'importo emesso deve essere correlato alla domanda di riserve valutarie. Vari economisti e il FMI stesso hanno stimatoche il Fondo potrebbe emettere $ 200-300 miliardi di DSP all'anno. Inoltre, ciò diffonderebbe i benefici finanziari (signoraggio) dell'emissione della valuta globale in tutti i paesi. Allo stato attuale, questi benefici si accumulano solo per gli emittenti di valute nazionali o regionali che vengono utilizzati a livello internazionale, in particolare il dollaro USA e l'euro.

Un uso più attivo dei DSP renderebbe inoltre il sistema monetario internazionale più indipendente dalla politica monetaria statunitense. Uno dei maggiori problemi del sistema monetario globale è che gli obiettivi politici degli Stati Uniti, in quanto emittente della valuta di riserva principale del mondo, non sono sempre coerenti con la stabilità generale del sistema.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Brad

Ultimamente c'è stato un sacco di "rumore" proveniente dai banchieri istituzionali internazionali e la maggior parte parla di cambiamenti imminenti di grande rilevanza. È un dato di fatto che faranno finta in ogni direzione per quanto riguarda le loro vere intenzioni fintech, ma sappiamo che sarà solo verso una struttura più centralizzata sotto il loro controllo. Questo dovrebbe darci un'idea di quali misure e in quale sequenza dovrebbero seguire le loro operazioni.