Censurato: una revisione della scienza relativa alla politica sociale COVID-19 e perché le maschere non funzionano

FOTO: "Maschera facciale chirurgica" di NurseTogether è concesso in licenza con CC BY-SA 4.0. https://www.nursetogether.com/. https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Denis Rancourt, PhD, ha pubblicato oltre 100 studi peer-reviewed nella sua carriera, ma ResearchGate ha scelto di censurare e rimuovere questo documento perché non si adattava alla narrazione del Grande Panico del 2020 rispetto a COVID-19. Tale censura dimostra l'esistenza di un'agenda alternativa.

Ancora una volta, questo sottolinea la metodologia Technocrat di vergogna, ridicolizzare e censurare chiunque provenga da una vera scienza che confuta la loro pseudo-scienza. ⁃ Editor TN

Maschere e respiratori non funzionano.

Sono stati condotti ampi studi randomizzati e controllati (RCT) e revisioni meta-analisi degli studi RCT, che dimostrano che maschere e respiratori non funzionano per prevenire malattie simil-influenzali respiratorie o malattie respiratorie che si ritiene siano trasmesse da goccioline e aerosol particelle.

Inoltre, la fisica e la biologia note pertinenti, che rivedo, sono tali che maschere e respiratori non dovrebbero funzionare. Sarebbe un paradosso se maschere e respiratori funzionassero, dato ciò che sappiamo delle malattie respiratorie virali: il principale percorso di trasmissione sono le particelle di aerosol a lunga permanenza (<2.5 μm), che sono troppo fini per essere bloccate, e il minimo- la dose infettiva è inferiore a una particella di aerosol.

Il presente documento sulle maschere illustra in che misura i governi, i media mainstream e i propagandisti istituzionali possono decidere di operare nel vuoto della scienza o selezionare solo la scienza incompleta al servizio dei loro interessi. Tale incoscienza è certamente il caso dell'attuale blocco globale di oltre 1 miliardo di persone, un esperimento senza precedenti nella storia medica e politica.

Revisione della letteratura medica

Ecco alcuni punti chiave per l'ampia letteratura scientifica che stabilisce che indossare maschere e respiratori chirurgici (ad es. "N95") non riduce il rischio di contrarre una malattia verificata:

Jacobs, JL et al. (2009) "Uso di maschere chirurgiche per ridurre l'incidenza del raffreddore comune tra gli operatori sanitari in Giappone: uno studio randomizzato e controllato" American Journal of Infection Control, Volume 37, Numero 5, 417 - 419. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19216002

Gli operatori sanitari mascherati da N95 (HCW) avevano significativamente più probabilità di provare mal di testa. Non è stato dimostrato che l'uso della maschera facciale in HCW offra benefici in termini di sintomi del raffreddore o raffreddore.

Cowling, B. et al. (2010) "Maschere per prevenire la trasmissione del virus dell'influenza: una revisione sistematica" Epidemiologia e infezione, 138 (4), 449-456. https://www.cambridge.org/core/journals/epidemiology-and-infection/article/face-masks-to-prevent-transmission-of-influenza-virus-a-systematic- review/64D368496EBDE0AFCC6639CCC9D8BC05

Nessuno degli studi esaminati ha mostrato un beneficio dall'indossare una maschera, sia in HCW o membri della comunità nelle famiglie (H). Vedi le tabelle riassuntive 1 e 2 qui contenute.

bin-Reza et al. (2012) "L'uso di maschere e respiratori per prevenire la trasmissione dell'influenza: una revisione sistematica delle prove scientifiche" Influenza e altri virus respiratori 6 (4), 257 – 267. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/j.1750-2659.2011.00307.x

"Ci sono stati 17 studi ammissibili. ... Nessuno degli studi ha stabilito una relazione conclusiva tra l'uso della maschera / respiratore e la protezione contro l'infezione influenzale. "

Smith, JD et al. (2016) "Efficacia dei respiratori N95 rispetto alle maschere chirurgiche nella protezione degli operatori sanitari dall'infezione respiratoria acuta: una revisione sistematica e una meta-analisi" CMAJ mar 2016 https://www.cmaj.ca/content/188/8/567

"Abbiamo identificato sei studi clinici ... Nella meta-analisi degli studi clinici, non abbiamo trovato differenze significative tra respiratori N95 e maschere chirurgiche nel rischio associato di (a) infezione respiratoria confermata in laboratorio, (b) malattia simil-influenzale o (c) luogo di lavoro segnalato assenteismo."

Offeddu, V. et al. (2017) "Efficacia di maschere e respiratori contro le infezioni respiratorie negli operatori sanitari: una revisione sistematica e una meta-analisi" Clinical Infectious Diseases, Volume 65, Numero 11, 1 dicembre 2017, Pagine 1934–1942, https://academic.oup.com/cid/article/65/11/1934/4068747

La valutazione autonoma degli esiti clinici era soggetta a parzialità. La prova di un effetto protettivo di maschere o respiratori contro l'infezione respiratoria verificata (VRI) non era statisticamente significativa ”; come da Fig. 2c in essa:

Radonovich, LJ et al. (2019) "Respiratori N95 contro maschere mediche per prevenire l'influenza tra il personale sanitario: una sperimentazione clinica randomizzata" JAMA. 2019; 322 (9): 824-833. https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2749214

“Tra 2862 partecipanti randomizzati, 2371 hanno completato lo studio e hanno rappresentato 5180 stagioni di HCW. ... Tra il personale sanitario ambulatoriale, i respiratori N95 contro le maschere mediche indossati dai partecipanti a questo studio non hanno prodotto differenze significative nell'incidenza dell'influenza confermata in laboratorio. "

Long, Y. et al. (2020) "Efficacia dei respiratori N95 rispetto alle maschere chirurgiche contro l'influenza: una revisione sistematica e una meta-analisi" J Evid Based Med. 2020; 1- 9. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/jebm.12381

"Sono stati inclusi un totale di sei RCT che hanno coinvolto 9,171 partecipanti. Non ci sono state differenze statisticamente significative nella prevenzione dell'influenza confermata in laboratorio, infezioni virali respiratorie confermate in laboratorio, infezione respiratoria confermata in laboratorio e malattia simil-influenzale usando respiratori N95 e maschere chirurgiche. La meta-analisi ha indicato un effetto protettivo dei respiratori N95 contro la colonizzazione batterica confermata in laboratorio (RR = 0.58, IC 95% 0.43-0.78). L'uso di respiratori N95 rispetto alle maschere chirurgiche non è associato ad un minor rischio di influenza confermata in laboratorio. "

Conclusione riguardo al fatto che le maschere non funzionano

Nessuno studio RCT con esito verificato mostra un beneficio per HCW o membri della comunità nelle famiglie indossare una maschera o un respiratore. Non esiste tale studio. Non ci sono eccezioni

Allo stesso modo, non esiste alcuno studio che mostri un beneficio da un'ampia politica di indossare maschere in pubblico (maggiori informazioni su questo sotto).

Inoltre, se ci fosse qualche vantaggio nell'indossare una maschera, a causa del potere bloccante contro le goccioline e le particelle di aerosol, allora dovrebbe esserci più beneficio dall'indossare un respiratore (N95) rispetto a una maschera chirurgica, eppure diverse grandi meta-analisi, e tutto l'RCT, dimostra che non esiste un tale vantaggio relativo.

Maschere e respiratori non funzionano.

Principio precauzionale ribaltato con maschere

Alla luce della ricerca medica, quindi, è difficile capire perché le autorità della salute pubblica non siano costantemente irremovibili su questo risultato scientifico stabilito, poiché il danno psicologico, economico e ambientale distribuito da un'ampia raccomandazione di indossare maschere è significativo, non menzionare il potenziale danno sconosciuto derivante dalla concentrazione e dalla distribuzione di agenti patogeni su e dalle maschere usate. In questo caso, le autorità pubbliche avrebbero invertito il principio di precauzione (vedi sotto).

Fisica e biologia della malattia respiratoria virale e del motivo per cui le maschere non funzionano

Per capire perché le maschere non possono funzionare, dobbiamo rivedere le conoscenze consolidate sulle malattie respiratorie virali, il meccanismo di variazione stagionale delle morti in eccesso da polmonite e influenza, il meccanismo aerosol di trasmissione di malattie infettive, la fisica e la chimica degli aerosol e il meccanismo della cosiddetta dose minima infettiva.

Oltre alle pandemie che possono verificarsi in qualsiasi momento, alle latitudini temperate c'è un onere aggiuntivo di mortalità per malattie respiratorie che è stagionale e che è causato da virus. Ad esempio, vedi la recensione dell'influenza di Paules e Subbarao (2017). Questo è noto da molto tempo e il modello stagionale è estremamente regolare. (Nota dell'editore: tutti i collegamenti ai riferimenti sorgente agli studi qui di seguito si trovano alla fine di questo articolo.)

Ad esempio, vedere la Figura 1 di Viboud (2010), che ha "Serie temporali settimanali del rapporto tra decessi per polmonite e influenza e tutti i decessi, basate sulla sorveglianza di 122 città negli Stati Uniti (linea blu). La linea rossa rappresenta il rapporto di base previsto in assenza di attività influenzale ", qui:

La stagionalità del fenomeno non è stata ampiamente compresa fino a un decennio fa. Fino a poco tempo fa, si è discusso se il modello si è originato principalmente a causa del cambiamento stagionale nella virulenza dei patogeni, o a causa del cambiamento stagionale nella suscettibilità dell'ospite (come l'aria secca che causa irritazione dei tessuti o la diminuzione della luce del giorno che causa carenza di vitamina o stress ormonale ). Ad esempio, vedi Dowell (2001).

In uno studio di riferimento, Shaman et al. (2010) hanno mostrato che il modello stagionale della mortalità per malattie respiratorie extra può essere spiegato quantitativamente sulla sola base dell'umidità assoluta e sul suo impatto diretto sul controllo sulla trasmissione di agenti patogeni presenti nell'aria.

Lowen et al. (2007) hanno dimostrato il fenomeno della virulenza del virus nell'aria dipendente dall'umidità nell'effettiva trasmissione della malattia tra cavie e hanno discusso dei potenziali meccanismi sottostanti per l'effetto di controllo dell'umidità misurato.

Il meccanismo alla base è che le particelle o le goccioline di aerosol cariche di agenti patogeni vengono neutralizzate in un'emivita che monotonicamente e diminuisce significativamente con l'aumentare dell'umidità ambientale. Questo si basa sul lavoro fondamentale di Harper (1961). Harper ha dimostrato sperimentalmente che le goccioline che trasportano agenti patogeni sono state inattivate in tempi sempre più brevi, con l'aumentare dell'umidità ambientale.

Harper ha sostenuto che i virus stessi sono stati resi non operativi dall'umidità ("decadimento praticabile"), tuttavia, ha ammesso che l'effetto potrebbe essere dovuto alla rimozione fisica migliorata dell'umidità o alla sedimentazione delle goccioline ("perdita fisica"): "Segnalazioni di aerosol riportate in questo documento si basano sul rapporto tra il titolo del virus e il conteggio radioattivo nei campioni di sospensione e nuvola e possono essere criticati in base al fatto che i materiali di test e tracciante non erano fisicamente identici. "

Quest'ultima ("perdita fisica") mi sembra più plausibile, poiché l'umidità avrebbe un effetto fisico universale di causare crescita e sedimentazione di particelle / goccioline e tutti i patogeni virali testati hanno essenzialmente lo stesso "decadimento" guidato dall'umidità. Inoltre, è difficile capire come un virione (di tutti i tipi di virus) in una gocciolina sarebbe attaccato o danneggiato molecolarmente o strutturalmente da un aumento dell'umidità ambientale. Un "virione" è la forma completa e infettiva di un virus al di fuori di una cellula ospite, con un nucleo di RNA o DNA e un capside. Il vero meccanismo di tale “decadimento vitale” intra-gocciolante di un virione guidato dall'umidità non è stato spiegato o studiato.

In ogni caso, la spiegazione e il modello di Shaman et al. (2010) non dipende dal particolare meccanismo del decadimento dell'umidità dei virioni negli aerosol / goccioline. Il modello quantitativamente dimostrato di epidemiologia virale regionale stagionale di Shaman è valido per entrambi i meccanismi (o combinazioni di meccanismi), sia che si tratti di "decadimento vitale" o "perdita fisica".

La svolta raggiunta da Shaman et al. non è semplicemente un punto accademico. Piuttosto, ha profonde implicazioni di politica sanitaria, che sono state completamente ignorate o trascurate nell'attuale pandemia di coronavirus.

In particolare, il lavoro di Shaman implica necessariamente che, anziché essere un numero fisso (dipendente esclusivamente dalla struttura spazio-temporale delle interazioni sociali in una popolazione completamente suscettibile, e dal ceppo virale), l'epidemia numero di riproduzione base (R0) dipende fortemente o prevalentemente dall'umidità assoluta dell'ambiente.

Per una definizione di R0, vedi HealthKnowlege-UK (2020): R0 è "il numero medio di infezioni secondarie prodotte da un caso tipico di un'infezione in una popolazione in cui tutti sono sensibili". Si dice che l'R0 medio per l'influenza sia 1.28 (1.19–1.37); vedere la recensione completa di Biggerstaff et al. (2014).

In effetti, Shaman et al. ha dimostrato che R0 deve essere compreso come variabile stagionalmente tra valori umidi-estivi di appena superiori a "1" e valori di secco-inverno generalmente grandi come "4" (ad esempio, vedere la loro tabella 2). In altre parole, le malattie respiratorie virali infettive stagionali che affliggono le latitudini temperate ogni anno vanno dall'essere intrinsecamente lievemente contagiose a virulentemente contagiose, semplicemente a causa della modalità biofisica di trasmissione controllata dall'umidità atmosferica, indipendentemente da qualsiasi altra considerazione.

Pertanto, tutta la modellistica matematica epidemiologica dei benefici delle politiche di mediazione (come il distanziamento sociale), che assume valori R0 indipendenti dall'umidità, ha una grande probabilità di essere di scarso valore, solo su questa base. Per studi sulla modellizzazione e sugli effetti della mediazione sul numero di riproduzione effettivo, vedere Coburn (2009) e Tracht (2010).

Per dirla semplicemente, la "seconda ondata" di un'epidemia non è una conseguenza del peccato umano per quanto riguarda l'uso della maschera e la stretta di mano. Piuttosto, la "seconda ondata" è una conseguenza inevitabile di un aumento di molte volte causato dalla secchezza dell'aria nella contagiosità della malattia, in una popolazione che non ha ancora raggiunto l'immunità.

Se la mia visione del meccanismo è corretta (cioè "perdita fisica"), allora il lavoro di Shaman implica necessariamente che l'elevata trasmissibilità indotta dalla secchezza (grande R0) deriva da piccole particelle di aerosol sospese fluidamente nell'aria; al contrario di grandi goccioline che vengono rapidamente rimosse gravitazionalmente dall'aria.

Tali piccole particelle di aerosol sospese fluidamente nell'aria, di origine biologica, sono di ogni varietà e sono ovunque, anche fino alle dimensioni del virione (Despres, 2012). Non è del tutto improbabile che i virus possano quindi essere trasportati fisicamente su distanze intercontinentali (ad esempio Hammond, 1989).

Inoltre, è stato dimostrato che esistono concentrazioni di virus nell'aria indoor (in strutture diurne, centri sanitari e aerei di bordo) principalmente come particelle di aerosol di diametro inferiore a 2.5 μm, come nel lavoro di Yang et al . (2011):

“La metà dei 16 campioni era positiva e le concentrazioni totali di virus −3 variavano da 5800 a 37 copie del genoma m. In media, il 000% delle copie del genoma virale erano associate a particelle fini inferiori a 64 μm, che possono rimanere sospese per ore. La modellizzazione delle concentrazioni di virus in ambienti interni ha suggerito una forza della sorgente di 2.5 ± 1.6 × 1.2 copie del genoma m − 105 aria h − 3 e un flusso di deposizione su superfici di 1 ± 13 copie del genoma m − 7 h − 2 mediante moto browniano. Per un'ora, la dose per inalazione è stata stimata in 1 ± 30 dose infettiva per coltura di tessuto mediana (TCID18), adeguata per indurre infezione. Questi risultati forniscono supporto quantitativo all'idea che la via dell'aerosol potrebbe essere una modalità importante di trasmissione dell'influenza. "

Tali particelle piccole (<2.5 μm) fanno parte della fluidità dell'aria, non sono soggette a sedimentazione gravitazionale e non sarebbero bloccate da un impatto inerziale a lungo raggio. Ciò significa che il minimo (anche momentaneo) disadattamento facciale di una maschera o di un respiratore rende completamente irrilevante la norma di filtrazione del progetto della maschera o del respiratore. In ogni caso, il materiale di filtrazione stesso di N95 (dimensione media dei pori ~ 0.3-0.5 μm) non blocca la penetrazione del virione, per non parlare delle maschere chirurgiche. Ad esempio, vedi Balazy et al. (2006).

L'efficienza di interruzione della maschera e l'inalazione dell'ospite sono solo metà dell'equazione, tuttavia, poiché deve essere considerata anche la dose minima infettiva (MID). Ad esempio, se un gran numero di particelle cariche di agenti patogeni deve essere consegnato al polmone entro un certo tempo affinché la malattia possa prendere piede, allora un blocco parziale di qualsiasi maschera o tessuto può essere sufficiente per fare una differenza significativa.

D'altra parte, se il MID è ampiamente superato dai virioni trasportati in una singola particella di aerosol in grado di eludere la cattura della maschera, allora la maschera non è di alcuna utilità pratica, come nel caso.

Yezli e Otter (2011), nella loro recensione del MID, evidenziano le caratteristiche rilevanti:

  1. La maggior parte dei virus respiratori sono infettivi nell'uomo come nelle colture tissutali con una sensibilità di laboratorio ottimale
  2. Si ritiene che un singolo virione possa essere sufficiente per indurre la malattia nell'ospite
  3. La probabilità del 50% MID ("TCID50") è stata variabilmente trovata nell'intervallo 100-1000 virioni
  4. Esistono in genere da 10 a 3a potenza - da 10 a 7 virioni di potenza per gocciolina di influenza aerolizzata con diametro 1 μm - 10 μm
  5. La probabilità del 50% MID si adatta facilmente a una singola (una) goccia aerata
  6. Per ulteriori informazioni:
  7. Una descrizione classica della valutazione dose-risposta è fornita da Haas (1993).
  8. Zwart et al. (2009) hanno fornito la prima prova di laboratorio, in un sistema di virus-insetto, che l'azione di un singolo virione può essere sufficiente per causare la malattia.
  9. Baccam et al. (2006) calcolato da dati empirici che, con l'influenza A nell'uomo, “stimiamo che dopo un ritardo di ~ 6 h, le cellule infette iniziano a produrre virus dell'influenza e continuano a farlo per ~ 5 h. La durata media delle cellule infette è di ~ 11 ore e l'emivita del virus infettivo libero è di ~ 3 ore. Abbiamo calcolato il numero riproduttivo di base [in-body], R0, che indicava che una singola cellula infetta poteva produrre circa 22 nuove infezioni produttive. "
  10. Brooke et al. (2013) hanno mostrato che, contrariamente alle precedenti ipotesi di modellizzazione, sebbene non tutte le cellule infettate dall'influenza A nel corpo umano producano progenie infettive (virioni), tuttavia, il 90 percento delle cellule infette ha un impatto significativo, piuttosto che sopravvivere incolume.

Tutto questo per dire che: se qualcosa passa (e lo fa sempre, indipendentemente dalla maschera), allora sarai infetto. Le maschere non possono funzionare. Non sorprende, quindi, che nessuno studio privo di pregiudizi abbia mai trovato un beneficio dall'indossare una maschera o un respiratore in questa applicazione.

Pertanto, gli studi che mostrano un potere di arresto parziale delle maschere o che mostrano che le maschere possono catturare molte grandi goccioline prodotte da chi indossa una maschera da starnuto o da tosse, alla luce delle caratteristiche del problema sopra descritte, sono irrilevanti. Ad esempio, studi come questi: Leung (2020), Davies (2013), Lai (2012) e Sande (2008).

Perché non può mai esserci un test empirico di una politica nazionale che indossa maschere

Come accennato in precedenza, non esiste alcuno studio che mostri un beneficio da un'ampia politica di indossare maschere in pubblico. C'è una buona ragione per questo. Sarebbe impossibile ottenere risultati inequivocabili e senza pregiudizi [perché]:

  1. Qualsiasi beneficio derivante dall'uso della maschera dovrebbe essere un piccolo effetto, poiché non rilevato in esperimenti controllati, che sarebbe sommerso dagli effetti più grandi, in particolare il grande effetto del cambiamento dell'umidità atmosferica.
  2. La conformità della maschera e le abitudini di regolazione della maschera sarebbero sconosciute.
  3. L'uso della maschera è associato (correlato) con diversi altri comportamenti di salute; vedi Wada (2012).
  4. I risultati non sarebbero trasferibili, a causa delle diverse abitudini culturali.
  5. La conformità è raggiunta dalla paura e gli individui possono abituarsi alla propaganda basata sulla paura e avere risposte di base disparate.
  6. Il monitoraggio e la misurazione della conformità sono quasi impossibili e soggetti a errori di grandi dimensioni.
  7. L'auto-segnalazione (come nei sondaggi) è notoriamente distorta, perché gli individui hanno la convinzione egoistica che i loro sforzi siano utili.
  8. La progressione dell'epidemia non è verificata con test affidabili su campioni di grandi popolazioni e si basa generalmente su visite o ricoveri ospedalieri non rappresentativi.
  9. Diversi agenti patogeni diversi (virus e ceppi di virus) che causano malattie respiratorie generalmente agiscono insieme, nella stessa popolazione e / o in individui, e non vengono risolti, pur avendo caratteristiche epidemiologiche diverse.

Aspetti sconosciuti dell'uso della maschera

Molti potenziali danni possono derivare da ampie politiche pubbliche per indossare maschere e sorgono le seguenti domande senza risposta:

  1. Le maschere usate e caricate diventano fonti di trasmissione migliorata, per chi le indossa e altre?
  2. Le maschere diventano collezionisti e detentori di agenti patogeni che chi indossa la maschera eviterebbe altrimenti quando respira senza maschera?
  3. Le grandi gocce vengono catturate da una maschera atomizzata o aerata in componenti traspiranti? I virioni possono sfuggire a una goccia evaporante attaccata a una fibra maschera?
  4. Quali sono i pericoli della crescita batterica su una maschera usata e carica?
  5. In che modo le goccioline cariche di agenti patogeni interagiscono con la polvere ambientale e gli aerosol catturati sulla maschera?
  6. Quali sono gli effetti a lungo termine sulla salute del HCW, come il mal di testa, derivanti dalla respirazione impedita?
  7. Ci sono conseguenze sociali negative per una società mascherata?
  8. Ci sono conseguenze psicologiche negative nell'indossare una maschera, come modifica comportamentale basata sulla paura?
  9. Quali sono le conseguenze ambientali della produzione e dello smaltimento delle maschere?
  10. Le maschere rilasciano fibre o sostanze dannose se inalate?

Conclusione

Facendo raccomandazioni e politiche che indossano maschere per il grande pubblico, o condonando espressamente la pratica, i governi hanno entrambi ignorato le prove scientifiche e fatto il contrario di seguire il principio di precauzione.

In assenza di conoscenza, i governi non dovrebbero elaborare politiche che abbiano un potenziale ipotetico di causare danni. Il governo ha una barriera onus prima di istigare un ampio intervento di ingegneria sociale o di consentire alle aziende di sfruttare i sentimenti basati sulla paura.

Inoltre, gli individui dovrebbero sapere che non esiste alcun beneficio noto derivante dall'indossare una maschera in un'epidemia di malattia respiratoria virale e che studi scientifici hanno dimostrato che qualsiasi beneficio deve essere residualmente piccolo, rispetto ad altri e fattori determinanti.

Altrimenti, che senso ha la scienza finanziata con fondi pubblici?

Il presente documento sulle maschere illustra in che misura i governi, i media mainstream e i propagandisti istituzionali possono decidere di operare nel vuoto della scienza o selezionare solo la scienza incompleta al servizio dei loro interessi. Tale incoscienza è certamente il caso dell'attuale blocco globale di oltre 1 miliardo di persone, un esperimento senza precedenti nella storia medica e politica.

Denis G. Rancourt è ricercatore presso l'Ontario Civil Liberties Association (OCLA.ca) ed è stato professore ordinario presso l'Università di Ottawa, in Canada. Questo documento è stato originariamente pubblicato sull'account di Rancourt su ResearchGate.net. A partire dal 5 giugno 2020, questo documento è stato rimosso dal suo profilo dai suoi amministratori di RESEarchgate.net/profile/D_Rancourt. Sul blog di Rancourt ActivistTeacher.blogspot.com, racconta la notifica e le risposte ricevute da ResearchGate.net e afferma, "Questa è la censura del mio lavoro scientifico come non avevo mai sperimentato prima."

È disponibile il white paper originale di aprile 2020 in formato .pdf qui, completo di grafici che non sono stati ristampati nelle versioni Print o Web di Reader.

Note finali:

Baccam, P. et al. (2006) "Cinetica dell'infezione da virus influenzale A negli esseri umani", Journal of Virology Lug 2006, 80 (15) 7590-7599; DOI: 10.1128 / JVI.01623-05 https://jvi.asm.org/content/80/15/7590

Balazy et al. (2006) "I respiratori N95 offrono un livello di protezione del 95% contro i virus aerei e quanto sono adeguate le maschere chirurgiche?", American Journal of Infection Control, Volume 34, Numero 2, Marzo 2006, Pagine 51-57. doi: 10.1016 / j.ajic.2005.08.018 http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.488.4644&rep=rep1&type=pdf

Biggerstaff, M. et al. (2014) "Stime del numero di riproduzione dell'influenza stagionale, pandemica e zoonotica: una revisione sistematica della letteratura", BMC Infect Dis 14, 480 (2014). https://doi.org/10.1186/1471-2334-14-480

Brooke, CB et al. (2013) "La maggior parte dei virioni dell'influenza A non riesce a esprimere almeno una proteina virale essenziale", Journal of Virology Febbraio 2013, 87 (6) 3155-3162; DOI: 10.1128 / JVI.02284-12 https://jvi.asm.org/content/87/6/3155

Coburn, BJ et al. (2009) "Modellizzazione delle epidemie e pandemie influenzali: approfondimenti sul futuro dell'influenza suina (H1N1)", BMC Med 7, 30. https://doi.org/10.1186/1741-7015-7-30

Davies, A. et al. (2013) "Testare l'efficacia delle maschere fatte in casa: proteggerebbero da una pandemia influenzale?", Medicina del disastro e preparazione alla salute pubblica, Disponibile su CJO 2013 doi: 10.1017 / dmp.2013.43 http://journals.cambridge.org/abstract_S1935789313000438

Despres, VR et al. (2012) "Particelle di aerosol biologiche primarie nell'atmosfera: una revisione", Tellus B: meteorologia chimica e fisica, 64: 1, 15598, DOI: 10.3402 / tellusb.v64i0.15598 https://doi.org/10.3402/tellusb.v64i0.15598

Dowell, SF (2001) "Variazione stagionale della suscettibilità dell'ospite e cicli di alcune malattie infettive", Emerg Infect Dis. 2001;7(3):369–374. doi:10.3201/eid0703.010301 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2631809/

Hammond, GW et al. (1989) "Impatto della dispersione atmosferica e del trasporto di aerosol virali sull'epidemiologia dell'influenza", Recensioni di malattie infettive, Volume 11, numero 3, maggio 1989, pagine 494-497, https://doi.org/10.1093/clinids/11.3.494

Haas, CN et al. (1993) "Valutazione del rischio del virus nell'acqua potabile", Analisi del rischio, 13: 545-552. doi:10.1111/j.1539-6924.1993.tb00013.x https://doi.org/10.1111/j.1539-6924.1993.tb00013.x

HealthKnowlege-UK (2020) “Carta 1a - Epidemiologia: teoria epidemica (numeri di riproduzione effettivi e di base, soglie epidemiche) e tecniche per l'analisi dei dati sulle malattie infettive (costruzione e uso di curve epidemiche, numeri di generazione, rapporti eccezionali e identificazione di cluster significativi )”, HealthKnowledge.org.uk, accessibile il 2020-04-10. https://www.healthknowledge.org.uk/public-health-textbook/research-methods/1a- epidemiology/epidemic-theory

Lai, ACK et al. (2012) "Efficacia di maschere facciali per ridurre i rischi di esposizione per le infezioni disperse nell'aria tra le popolazioni generali", JR Soc. Interfaccia. 9938-948 http://doi.org/10.1098/rsif.2011.0537

Leung, NHL et al. (2020) "Diffusione del virus respiratorio nel respiro espirato ed efficacia delle maschere facciali", Nature Medicine (2020). https://doi.org/10.1038/s41591-020-0843-2

Lowen, AC et al. (2007) "La trasmissione del virus dell'influenza dipende dall'umidità e dalla temperatura relative", PLoS Pathog 3 (10): e151. https://doi.org/10.1371/journal.ppat.0030151

Paules, C. e Subbarao, S. (2017) “Influenza”, Lancetta, Seminario | Volume 390, NUMERO 10095, P697-708, 12 agosto 2017. http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(17)30129-0

Sande, van der, M. et al. (2008) "Maschere per il viso professionali e fatte in casa riducono l'esposizione alle infezioni respiratorie tra la popolazione generale", PLoS ONE 3(7): e2618. doi:10.1371/journal.pone.0002618 https://doi.org/10.1371/journal.pone.0002618

Shaman, J. et al. (2010) "Umidità assoluta e insorgenza stagionale dell'influenza negli Stati Uniti continentali", PLoS Biol 8 (2): e1000316. https://doi.org/10.1371/journal.pbio.1000316

Tracht, SM et al. (2010) "Modellistica matematica dell'efficacia delle maschere nella riduzione della diffusione dell'influenza novella A (H1N1)", PLoS ONE 5(2): e9018. doi:10.1371/journal.pone.0009018 https://doi.org/10.1371/journal.pone.0009018

Viboud C. et al. (2010) "Stime preliminari di mortalità e anni di vita persi associati alla pandemia A / H2009N1 del 1 negli Stati Uniti e confronto con le stagioni influenzali passate", PLoS Curr. 2010; 2: RRN1153. Pubblicato il 2010 marzo 20: 10.1371 / currents.rrn1153 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2843747/

Wada, K. et al. (2012) "Indossare maschere per il viso in pubblico durante la stagione influenzale può riflettere altre pratiche igieniche positive in Giappone", BMC Public Health 12, 1065 (2012). https://doi.org/10.1186/1471-2458-12-1065

Yang, W. et al. (2011) "Concentrazioni e distribuzioni dimensionali dei virus dell'influenza A nell'aria misurate al chiuso in un centro sanitario, un asilo nido e su aeroplani", Giornale della Royal Society, Interface. Agosto 2011; 8 (61): 1176-1184. DOI: 10.1098 / rsif.2010.0686. https://royalsocietypublishing.org/doi/10.1098/rsif.2010.0686

Yezli, S., Otter, JA (2011) "Dose minima infettiva dei principali virus respiratori e enterici umani trasmessi attraverso il cibo e l'ambiente", Food Environ Virol 3, 1-30. https://doi.org/10.1007/s12560-011-9056-7

Zwart, MP et al. (2009) "Un test sperimentale dell'ipotesi di azione indipendente nei virus-pathosystems degli insetti", Proc. R. Soc. B. 2762233-2242 http://doi.org/10.1098/rspb.2009.0064

Scarica PDF Qui….

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
25 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Dick Motta

Per il virus Covid-19, il problema è il governo. Le maschere non sono la soluzione. Indossare una maschera dovrebbe essere una decisione individuale basata sul buon senso e sui consigli di un medico per quanto riguarda le tue condizioni mediche. Il governo non dovrebbe emettere dettami basati su considerazioni politiche per problemi di salute. Niente più arresti dittatoriali dell'economia.

Mark

Sì. Le persone non ascoltano ciò che viene detto. Vogliono rallentare la diffusione (il che significa aumentare il dolore) invece di incoraggiare l'immunità della mandria. Non puoi FERMARE un virus. Devi aspettare fino a quando non esegue il suo corso. Dopotutto è un virus.

Weblure

"Aumentare il dolore" mi sta ancora rompendo, merda santa voi gente siete ritardati, non posso

SUZANNE PETRIE

Sì, d'accordo totalmente !!

Philip

Sì, proprio come obbedire a tutte le altre leggi dovrebbe essere una decisione individuale.

Andrew Santom

Yahoo non pubblicherà alcun link da questo sito

Mark

Grazie. Non capisco perché il cittadino medio non si chieda perché, dopo 4 mesi di maschera, distanziamento sociale e blocchi, il virus si sta ancora diffondendo. Suggerimento: è ciò che fanno i virus. Divertente come tutti siano darwinisti fino a quando non si verifica un evento darwiniano.

SUZANNE PETRIE

Oggi, il 1 ° luglio, non indossando maschere, ho posto la domanda quando ho sentito come stanno andando le cause. Mi sono chiesto! Non ha senso se il governo sta facendo tutti questi numeri tirannici delle politiche dovrebbero essere inferiori ... quindi sono d'accordo che cosa fanno i virus! Senti che sto pensando in modo sano grazie !!

Philip

La diffusione è stata ridotta del 90% laddove vengono applicati i mandati delle maschere, ad esempio New York, New Jersey.

Ian Allan

Ma la diffusione è essenziale per formare anticorpi per produrre immunità!

Kati

Le maschere non sono salutari, guarda quelle:

Maschera contro nessuna maschera: test di sicurezza della qualità dell'aria della normativa OSHA
https://www.youtube.com/watch?v=wPJ3nhCDVns

Il medico austriaco verifica i livelli di CO2 sotto la maschera
(lingua tedesca ma ottieni il punto)
https://www.youtube.com/watch?v=nEuvEVvq7YY

Ultima modifica 2 mesi fa di Kati
Oregon Dissenter

Ho anche trovato queste meta-analisi e alcune altre, e ho molte più argomentazioni supportate da prove contro maschere e blocchi. Altro a venire, quindi per favore aiutatemi a far uscire la parola.

Mi sono unito alla lotta, aggiungendo la mia voce. Dissidenti e scettici dell'Oregon al wordpress dot com. Questo non è per soldi, è per la verità!

D. Smith

Qualcuno deve portare questo messaggio a Sean Hannity e dirgli di smettere di idolatrare e sanzionare l'uso di queste maschere facciali inutili e pericolose. Deve davvero ascoltare la dottoressa Judy Mikovits o deve leggere il suo recente libro. Non può predicare la "verità in onda" se non dirà la verità TUTTO IL TEMPO.

JSRRR

Purtroppo penso che Hannity e gli altri alla Fox siano solo un'opposizione controllata per il nuovo ordine mondiale per mantenere placati i patrioti.

trackback

[…] Censurato: una revisione della scienza relativa alla politica sociale COVID-19 e perché le maschere non funzionano di Denis G. Rancourt, pubblicato nell'aprile 2020 [...]

[…] Allo scienziato Deni Rancourt, PhD, il Coronavirus si diffonde principalmente da edifici a tenuta di energia piuttosto che non indossando maschere, non […]

[…] Censored: A Review Of Science Relevant To COVID-19 Social Policy And Why Face Masks don't work POSTED BY: DENIS G. RANCOURT, PHD June 30, 2020 https://www.technocracy.news/censored-a-review-of-science-relevant-to-covid-19-social-policy-and-why&#8230; [...]

Philip

Nessuno degli argomenti o delle citazioni di Wood affronta nemmeno lontanamente la questione dei mandati delle maschere per covid-19. Questo dovrebbe essere evidente a tutti nella misura in cui le sue argomentazioni sulla maschera sono parte integrante della sua posizione secondo cui i virus sono stagionali a causa dell'umidità. Come tutti sappiamo, covid-19 è più virulento ora nel caldo dell'estate rispetto a prima. Probabilmente l'aspetto più importante è il fatto che tutte le sue citazioni riguardano l'uso della maschera come protezione per chi la indossa. Un mandato per le maschere utilizza maschere per impedire a chi lo indossa di trasmettere germi ad altri - una cosa completamente diversa... Leggi di più "

Ultima modifica 1 mese fa di un utente anonimo
Ian Allan

Video nicht verfügbar
Dieses Video non è più disponibile, weil das mit diesem Video verknüpfte YouTube-Konto gekündigt wurde.
Io traduco:
"Video non disponibile
"Questo video non è più disponibile perché l'account YouTube associato a questo video è stato cancellato."
Domanda: da chi?

JCLincoln

Siamo il Partito Demo / Comunista
Sarai assimilato
La resistenza è inutile
Preparati per la tua vaccinazione annuale obbligatoria

[…] È stato anch'esso ritirato. Considera le seguenti informazioni: un'analisi di Swiss Policy Research intitolata "Censored: A Review Of Science Relevant To COVID-19 Social Policy And Why Face Masks Don't W ... ha offerto il [...]