CDC dichiara di non avere registrazioni di trasmissioni naturalmente immuni di COVID-19

Wikimedia Commons, Jim Gathany
Per favore, condividi questa storia!
In risposta a una richiesta FOIA molto specifica relativa ai record di individui naturalmente immuni che hanno diffuso il virus COVID ad altri, il CDC è risultato completamente vuoto. In altre parole, zip, nada, zilch. Pertanto, tutte le affermazioni secondo cui le persone non vaccinate con immunità naturale possono diffondere il virus... si basano su Niente! Editor TN

I centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) afferma di non avere traccia di persone naturalmente immuni che trasmettono il virus che causa il COVID-19.

In autunno, il CDC ha ricevuto una richiesta da un avvocato per conto dell'Informed Consent Action Network per documenti "che riflettano qualsiasi caso documentato di un individuo che: (1) non ha mai ricevuto un vaccino COVID-19; (2) è stato infettato una volta da COVID-19, si è ripreso e in seguito è stato nuovamente infettato; e (3) ha trasmesso SARS-CoV-2 a un'altra persona quando è stata reinfettata”.

SARS-CoV-2 è un altro nome per il Virus del PCC (Partito Comunista Cinese), che causa il COVID-19.

Le persone che si sono riprese dal COVID-19 sono anche note per portare un certo grado di immunità naturale al virus.

In una risposta datata 5 novembre e reso pubblico recentemente, il CDC ha affermato di non avere documenti relativi alla richiesta. Il CDC ha confermato a The Epoch Times che il suo Centro operativo di emergenza non ha trovato alcun documento che rispondesse alla richiesta.

L'agenzia ha rifiutato di dire se fosse stata trovata documentazione tra il 5 novembre e il 12 novembre, ordinando a The Epoch Times di presentare una richiesta di legge sulla libertà di informazione per tali informazioni. Da allora The Epoch Times ha presentato tale richiesta.

"Si presume che se il CDC avesse intenzione di schiacciare i diritti civili e individuali di coloro che hanno l'immunità naturale facendoli espellere dalla scuola, licenziarli dal lavoro, separati dai militari e, peggio ancora, il CDC avrebbe almeno la prova di un caso di un individuo non vaccinato, naturalmente immune, che trasmette il virus COVID-19 a un altro individuo. Se lo pensassi, ti sbaglieresti", ha detto in un post sul blog Aaron Siri, l'avvocato che ha cercato i documenti per conto della rete.

La divulgazione del CDC ha attirato le risposte di diversi esperti medici, tra cui il dottor Marty Makary della Johns Hopkins, che ha affermato di aver sottolineato quanto pochi dati l'agenzia abbia rilasciato riguardo ai guariti. Makary ha invitato il CDC a rendere pubblici i dati su eventuali reinfezione che hanno provocato il ricovero in ospedale o la morte, comprese le informazioni sulle comorbidità dei pazienti o sulla loro mancanza.

“Il CDC dovrebbe essere trasparente con i dati sull'immunità naturale. Invece, riceviamo scorci di richieste FOIA come questa", ha scritto su Twitter.

Il CDC stabilisce poche regole fisse, ma la sua guida si è dimostrata enormemente influente durante la pandemia di COVID-19. Praticamente tutti i funzionari che impongono mandati di vaccinazione COVID-19 hanno rimosso l'opzione per le persone di rifiutare il vaccino se possono dimostrare di aver avuto COVID-19 e di essersi ripresi, con molti che citano il CDC come motivo per farlo.

I funzionari di tutto il paese hanno esortato le persone a farsi vaccinare affermando che proteggerà coloro che li circondano.

"Ottenere il vaccino è il modo migliore per proteggere te stesso e gli altri intorno a te, soprattutto perché la variante Delta più contagiosa si diffonde in tutto il paese", afferma la dott.ssa Rochelle Walensky, direttrice del CDC, disse in una dichiarazione durante l'estate.

Ma subito dopo, ha affermato che i vaccini "non potevano più prevenire la trasmissione" del virus durante un apparizione televisiva.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Vincitore

È quasi ridicolo aspettarselo dall'agenzia dell'alfabeto dello stato profondo che si scrolla di dosso la FOI nelle manovre dell'AVVOCATO - se il governo non fosse così malvagio. È semplicemente disgustoso.