BLM continua ad acquistare terreni statunitensi da Nature Conservancy

A partire da 2017, la BLM possedeva 248 milioni di acri di terra negli Stati Uniti e continua ad espandere il suo portafoglio. Il riciclaggio di nuove terre viene spesso realizzato attraverso la tutela della natura, come nel caso di questo acquisto.

La conservazione della natura spesso acquisisce la terra attraverso servitù di conservazione, in cui i proprietari terrieri mantengono una proprietà di vita nella loro proprietà, e poi la cedono alla conservazione dopo la loro morte. ⁃ Editor TN

Il Bureau of Land Management ha chiuso con $ 5.6 milioni acquisto immobili Giovedì che aggiunge acri 7,268 alle terre pubbliche appena a nord del fiume Blackfoot.

L'acquisto proviene da The Nature Conservancy e utilizza Fondo per la conservazione della terra e dell'acqua dollari, che è un programma federale i cui soldi provengono dallo sviluppo offshore di petrolio e gas. Ciò porta il totale delle proprietà di proprietà di BLM nel drenaggio a circa 25 miglia a nord-est di Missoula a circa 27,000 acri, con l'obiettivo finale di espandere le proprietà terriere dell'agenzia federale nell'area a 60,000 acri.

L'acquisto ammonta a circa $ 775 per acro.

Joe Ashor, il responsabile del campo Missoula della BLM, ha affermato che il piano è stato messo in atto per un paio di anni. La Nature Conservancy senza scopo di lucro ha acquistato circa 117,000 acri da Plum Creek a 2014 nella grande area di Blackfoot per preservare il paesaggio intatto e impedirne la suddivisione in ranchette. Quando The Nature Conservancy acquistò la proprietà, il gruppo no profit dichiarò che non intendeva mantenere la proprietà, ma voleva passarla alle agenzie pubbliche statali e federali.

Ashor prevede che useranno $ 4.5 milioni in LWCF l'anno prossimo per acquistare altri acri 5,760, quindi fare ulteriori acquisti in 2021 e 2022.

"Tornato a 1986, il BLM ha gestito un enorme 40 acri in quella zona", ha detto Ashor al Missoulian giovedì. "Avanzamento veloce di quattro o cinque anni e che 40 potrebbe essere al di sopra degli acri 60,000."

L'acquisto arriva in un momento in cui i gestori fondiari federali sotto l'amministrazione Trump vengono accusati di voler vendere proprietà pubbliche e Ashor ha detto che spera che questo calmerà alcune di quelle paure. In un comunicato stampa, William Perry Pendley, vicedirettore BLM per Programmi e politiche, ha confermato il supporto. Pendley aveva precedentemente supportato la vendita di terre pubbliche, ma dopo essere stato nominato a capo del BLM ha dichiarato di aver rinnegato le sue opinioni passate.

"Il BLM, sotto la guida del segretario (David) Bernhardt, sta lavorando su più fronti per espandere l'accesso alle terre pubbliche per tutti gli americani e per aumentare le opportunità di caccia, pesca e altre attività ricreative all'aperto su oltre 245 milioni di acri che gestiamo" Pendley ha detto nel comunicato stampa. "Questa importante acquisizione incarna il nostro impegno e siamo orgogliosi di lavorare con i proprietari terrieri locali e i gruppi di sportivi per continuare a migliorare le partecipazioni pubbliche nello spartiacque del fiume Blackfoot".

Leggi la storia completa qui ...




culdesac

Tempe, AZ lancia il primo complesso residenziale senza auto

Tempe, in Arizona, è l'epicentro dello sviluppo sostenibile negli Stati Uniti. Il primo sviluppo di "Culdesac" ospiterà le persone 1,000 ma non è consentita l'auto. Camminare, scooter, biciclette e metropolitana leggera sono accettabili.

Il culdesac Il sito web afferma chiaramente le sue intenzioni: "Il nostro obiettivo è quello di rifare le città in tutti gli Stati Uniti per le persone, non per le automobili" Questo è un progetto modello di ingegneria sociale che incarna la tecnocrazia. ⁃ Editor TN

Il primo sviluppatore immobiliare post-auto al mondo, culdesac, ha annunciato oggi l'azienda e i suoi piani per costruire da zero il primo quartiere senza auto del paese Tempe, AZ. I residenti non avranno auto private o parcheggi, anche se il quartiere ospiterà il parcheggio per i visitatori e le modalità di trasporto basate su auto, come il ridesharing. A differenza delle comunità su piccola scala, senza auto accessorie - come i centri storici o le isole - Culdesac è il primo sviluppatore a costruire intenzionalmente uno sviluppo su scala locale senza auto per 1,000.

Culdesac ritiene che l'innovazione nel settore immobiliare non sia riuscita a tenere il passo con i rapidi cambiamenti della mobilità. I trasporti si sono evoluti al di là della dipendenza dalle auto, gli immobili no. Culdesac sta cambiando questo paradigma e oggi ha annunciato piani dettagliati per il suo primo quartiere, un progetto da $ 140 milioni chiamato Culdesac Tempe. La società ha anche annunciato di aver raccolto $ 10 milioni di fondi di capitale di rischio per investire nelle sue operazioni aziendali guidate da Khosla Ventures, nonché Initialized Capital, Zigg Capital, Bessemer Venture Partners e Y Combinator.

"Le comunità in cui viviamo sono state ottimizzate per l'era delle auto di punta", ha affermato Ryan Johnson, cofondatore e CEO di Culdesac. “Culdesac sta costruendo spazi per l'era post-auto. A partire dal prossimo anno, i residenti di Culdesac Tempe saranno in grado di vivere la vita dalla propria porta, invece di vederla attraverso il parabrezza. "

Il progetto Tempe segna il primo e unico accordo della nazione tra una città e uno sviluppatore per costruire una comunità su scala di quartiere con zero parcheggi residenziali. I piani per Culdesac Tempe mostrano un quartiere percorribile direttamente su una stazione della metropolitana leggera e vicino a un denso centro di lavoro nel centro di Tempe. Negli sviluppi tipici, i parcheggi spesso dettano il design e, senza questo vincolo, Culdesac Tempe è in grado di offrire una quantità di spazio verde tre volte superiore, insieme a cortili e spazi comuni amichevoli.

Poiché è necessaria meno terra per parcheggiare i veicoli, Culdesac Tempe includerà un negozio di alimentari, una caffetteria, uno spazio di coworking, un mercato coperto e altri negozi al dettaglio, oltre agli appartamenti in affitto per i residenti di 1,000. Per contribuire a dare vita a questa visione, il team di Culdesac sta lavorando a stretto contatto con il famoso architetto Dan Parolek, che ha reso popolare il termine "Missing Middle Housing", un concetto per diverse opzioni abitative per creare luoghi sostenibili e percorribili.

Quando i residenti di 1,000 di Culdesac Tempe devono viaggiare, possono scegliere le modalità di trasporto preferite. Lo sviluppo è incentrato sulle esigenze di mobilità dei residenti, con stazione della metropolitana leggera in loco, un bus navetta connettivo, zone di pick-up dedicate al rideshare, scooter con rispettivo parcheggio, car sharing per il trasporto fuori sede e altro ancora. Culdesac fungerà inoltre da gestore della proprietà del quartiere, aiutando i residenti a ottenere il massimo dalla loro nuova comunità consentendo un accesso agevole ai trasporti e ai servizi.

"Abbiamo scoperto che il team di Culdesac è un vero partner per il nostro consiglio comunale e le sue comunità di quartiere e non vediamo l'ora di dare vita alla prima comunità senza auto del paese nella nostra città", ha affermato Mark Mitchell, sindaco di Tempe.

Il sito Tempe è stato scelto per il primo quartiere senza auto a causa del fiorente mercato del lavoro della città, dell'aumento della popolazione e dei terreni disponibili direttamente su una stazione della metropolitana leggera. Inoltre, la leadership locale ha la reputazione di essere innovativa, lungimirante e orientata all'azione. Culdesac sta valutando le sedi per ulteriori progetti, anche in città come Dallas, Denver e Raleigh-Durham.

"Poiché il potere dell'innovazione dei trasporti è su larga scala, stiamo prendendo in considerazione i siti di acri 50-100 per il nostro prossimo progetto", ha dichiarato Jeff Berens, co-fondatore e COO di Culdesac. "Le persone sono pronte a lasciare la propria auto alle spalle per lo stile di vita pedonale e vibrante che deriva dalla vita in un quartiere senza auto."

Leggi la storia completa qui ...




i diritti della natura

Il movimento per i diritti della natura distruggerà il concetto di proprietà privata

Questo nuovo precedente legale rimodellerebbe completamente le decisioni di autorizzazione e suddivisione in città, contea e stato, mentre disaccoppia i diritti di proprietà privata degli esseri umani dando diritti simili alla natura. ⁃ Editor TN

Quando i membri della banda della Terra Bianca di Ojibwe nel Minnesota tirano fuori le loro canoe per raccogliere il riso selvatico, stanno raccogliendo una fonte di nutrimento e seguendo una tradizione che li collega alla terra da generazioni.

Ma per la gente della Terra Bianca, manoomin non è solo una risorsa da utilizzare, è un'entità indipendente con il diritto di "esistere, prosperare, rigenerarsi ed evolversi".

Anche altre tribù e persino alcune città stanno abbracciando l'idea che ha Madre Natura —Creare il palcoscenico delle battaglie giudiziarie che potrebbero scuotere i governi, le imprese e il movimento ambientalista.

All'inizio di quest'anno, gli elettori di Toledo, Ohio, hanno approvato la Dichiarazione dei diritti del lago Erie, che dichiarava "i diritti irrevocabili per l'ecosistema del lago Erie di esistere, prosperare e evolversi naturalmente". Lake - con l'aiuto di un tutore umano - potrebbe entrare nel sistema giudiziario come querelante e denunciare gli inquinatori.

Riconoscere i "diritti della natura", come è noto il concetto, modellerebbe anche le decisioni di pianificazione e autorizzazione della città e dello stato. E potrebbe diventare un potente strumento per combattere i cambiamenti climatici e la perdita di habitat.

Ma è ancora incerto se una qualsiasi delle forme prese dal movimento - proteggere specifici bacini idrici, habitat e specie - si dimostrerà più efficace come tattica legale. E i critici nel mondo degli affari e del governo sostengono che dichiarazioni troppo ampie potrebbero paralizzare lo sviluppo e le infrastrutture importanti se interi habitat sono resi intoccabili.

"Il nostro sistema legale garantisce i diritti delle società, ma tratta la natura come proprietà che può essere sfruttata", ha dichiarato Tish O "Dell, organizzatore della Dell, Ohio, con il Fondo di difesa legale ambientale della Comunità, che ha contribuito a sostenere la votazione. "Se non abbiamo il diritto di pulire aria e acqua pulita nella Costituzione, ciò è dovuto al fatto che i nostri Padri Fondatori non potevano nemmeno capire che sarebbe qualcosa su cui avresti bisogno di scrivere."

Ma la Dichiarazione dei diritti del lago Erie, una delle poche misure adottate in tutto il paese, è stata contestata in tribunale. Drewes Farm Partnership, un'azienda dell'Ohio, afferma che la misura è incostituzionale e danneggerebbe l'agricoltura e altri interessi nella regione. Tale sfida è attualmente in attesa di una sentenza della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale dell'Ohio.

Alcuni procuratori statali generali, interessi agricoli e gruppi di imprese affermano che il riconoscimento dei diritti della natura renderebbe le imprese e i governi vulnerabili alle azioni legali per quasi ogni azione che abbia un impatto sull'ambiente. Thomas Fusonie, un avvocato che rappresenta uno dei querelanti nella causa Lake Erie, ha affermato che la misura di Toledo consentirebbe a qualsiasi residente cittadino di denunciare "qualsiasi attività commerciale o governo all'interno dello spartiacque per potenziali violazioni davvero indefinite".

"Quando stai parlando del diritto alla naturale evoluzione del suolo o delle zanzare, le persone avranno opinioni diverse su ciò che potrebbe violarlo", ha detto Fusonie. “Non puoi fare nulla per la terra. Non puoi coltivarlo, non puoi inserire nuove strade, non puoi fare il paesaggio. ”

Diverse tribù statunitensi hanno già emanato i diritti delle leggi sulla natura, sottolineando che gli indigeni hanno a lungo trattato la natura come una risorsa condivisa che deve essere preservata.

"Queste sono le leggi naturali che sono sempre esistite prima dell'avvelenamento della terra da parte dell'industria estrattiva", ha dichiarato Casey Camp-Horinek, consigliera della nazione Ponca in Oklahoma e leader nei diritti del movimento per la natura. "Se mangi, se respiri, se bevi acqua, allora è una connessione innegabile tra uomo e natura."

In 2017, la nazione Ponca divenne una delle prime tribù nel paese a emanare una legge sui diritti della natura, una misura anti-fracking volta a proteggere la tribù da un numero crescente di terremoti e da crescenti tassi di cancro e asma.

Poco dopo, la banda della Terra Bianca di Ojibwe emanò la propria legge che riconosceva i diritti del riso selvatico, nonché le sue risorse di acqua dolce e gli habitat. L'Ojibwe ha firmato un trattato con il governo federale in 1837, concedendogli l'accesso al riso selvatico su territorio ceduto.

Ma quel trattato non significa nulla se non rimane più riso selvatico da raccogliere, ha affermato l'avvocato tribale Frank Bibeau.

"Il riso selvatico ha il diritto di esistere, ha il diritto di prosperare", ha detto Bibeau. "Abbiamo il diritto di difenderlo e proteggerlo."

Per la tribù, la raccolta del riso selvatico non è solo una questione di importanza economica o nutrizionale, ma una continuazione di pratiche culturali e spirituali. Ha anche un valore strategico, poiché il trattato della tribù garantisce un accesso continuo alla risorsa e proteggere il riso significa proteggere l'acqua su cui cresce.

"Il riso selvatico è l'aspetto culturale più importante del nostro sostentamento", ha detto Bibeau. “Il nostro percorso migratorio ci ha portato qui ai Grandi Laghi, dove il cibo cresce sull'acqua. Se riusciamo a proteggere l'acqua, probabilmente stiamo proteggendo tutto il resto. "

La banda della Terra Bianca spera di poter usare la legge per bloccare future minacce alla risorsa, come oleodotti e miniere. Ma come molti altri aspetti della legge tribale, le questioni di giurisdizione rimangono una sfida.

"È molto difficile alzarsi (fare causa)", ha dichiarato Rain Bear Stands Last, direttore esecutivo del Global Indigenous Council. “Quando vieni a protezione o protezione di fiumi o salmoni, puoi teoricamente affrontare un tribunale tribunale con un caso, ma in realtà dovresti far comparire l'imputato. ... La tribù non ha giurisdizione al di fuori dei confini della prenotazione. "

Bear Stands Last ha contribuito a mettere insieme supporto in 2016 per il Trattato sui Grizzly, un documento firmato da più di 200 nazioni tribali statunitensi e canadesi che riconoscono il diritto dell'orso grizzly di esistere in un ecosistema sano. Quella coalizione vinse una vittoria in tribunale in 2018 che ribaltò il tentativo dell'amministrazione Trump di rimuovere le protezioni dell'Endangered Species Act per gli orsi.

Non è chiaro se i diritti del trattato di una tribù - o la sua connessione a una risorsa che attraversa le linee di confine - siano sufficienti per stabilire la giurisdizione.

I diritti del movimento per la natura sono iniziati in 2006 con una legge del Tamaqua Borough della Pennsylvania per impedire lo scarico di fanghi tossici. Da allora, circa due dozzine di comunità hanno elaborato le proprie misure, tra cui una disposizione anti-fracking a Pittsburgh, una misura elettorale per fermare l'irrorazione di pesticidi aerei nella Contea di Lincoln, nell'Oregon, e una legge sui diritti climatici che ha vietato l'estrazione di combustibili fossili a Lafayette, Colorado.

I sostenitori di entrambe le parti affermano che il movimento è pronto ad affrontare questioni cruciali sulla sua posizione nella legge degli Stati Uniti negli anni a venire.

"La legge come la conosciamo riconosce la terra e gli ecosistemi come proprietà umana", ha affermato Shannon Biggs, co-fondatore dei diritti di movimento, che sostiene i diritti della natura. "Le società possono impazzire nelle comunità o far esplodere le cime delle montagne - questo è un privilegio che è stato concesso alle società in questo paese. Non andrà facilmente. "

Leggi la storia completa qui ...




L'India ordina lo sfratto 'sfrenato' di 1 milioni di indigeni per salvare la fauna selvatica

I tecnocrati sbagliati collocano le persone su un piano inferiore rispetto agli animali e non hanno problemi a spostare 1 milioni di persone per far spazio all'ecologia. Le persone che vengono spostate non hanno il potere di resistere. ”TN Editor

La Corte Suprema dell'India ha ordinato al suo governo di sfrattare un milione di persone dalle loro case - per il bene della fauna selvatica del paese.

La sentenza, emessa mercoledì, è stata una sorprendente conclusione di un caso decennale che ha messo i diritti di alcuni dei cittadini più vulnerabili dell'India contro la conservazione delle sue foreste.

La corte ha detto al governo di sfrattare oltre un milione di persone - per lo più membri di tribù indigene - dalle loro case in terreni forestali pubblici perché non avevano soddisfatto il criterio legale per vivere lì.

Con oltre 700 gruppi tribali, l'India ospita oltre 100 milioni di indigeni. Mentre il territorio forestale è legalmente controllato dal governo, le persone hanno vissuto in tali aree per secoli.

Una legge di riferimento approvata in 2006 ha concesso i diritti legali sulle terre forestali e sui suoi prodotti alle tribù e alle comunità che vivono nelle foreste purché potessero dimostrare che le loro famiglie sono rimaste lì per almeno tre generazioni.

La battaglia per i terreni boschivi ricchi di minerali non è nuova in India. La sentenza è l'ultimo punto di infiammabilità negli interessi concorrenti dell'industria, degli ambientalisti e delle comunità forestali.

Negli ultimi anni di 30, il governo ha deviato 5,400 miglia quadrate di terreni forestali, le dimensioni del Connecticut, per progetti industriali - molti dei quali sono stati osteggiati dagli indigeni. I gruppi di animali selvatici sostengono che la concessione di diritti "ad ampio raggio" alle persone sulle terre forestali porta alla frammentazione delle foreste in un momento in cui la copertura forestale del paese si sta riducendo. I critici, tuttavia, affermano che nessuno dei due rappresenta i diritti delle popolazioni indigene che fanno affidamento sulla foresta per le necessità quotidiane e per il loro sostentamento.

Ora il tribunale afferma che coloro i cui reclami sono stati respinti devono partire - entro luglio 27. Si stima che il numero di persone colpite salga a 1.89 milioni quando più stati rispettano l'ordine.

I gruppi per i diritti umani e gli attivisti sono rimasti sbalorditi dalla sentenza. Nicholas Dawes, amministratore delegato ad interim di Human Rights Watch, ha scritto che aveva implicazioni "sconcertanti" per i più emarginati dell'India.

Forest Rights Alliance, un gruppo di difesa di base, ha definito la sentenza "draconiana". Un altro gruppo che sostiene i diritti degli abitanti delle foreste, la Campagna per la sopravvivenza e la dignità, ha definito l'ordine un "duro colpo". Ha anche notato che migliaia di richieste di i diritti fondiari ai sensi della legge - Forest Rights Act - vengono "erroneamente respinti".

Leggi la storia completa qui ...




California, cercando di essere il primo stato a incaricare i pannelli solari sulle nuove case

Gli ambientalisti radicali si stanno affermando di nuovo in California mentre cercano di imporre i pannelli solari per tutte le nuove case, che potrebbero costare fino a $ 30,000 in più per unità. La mentalità di Technocrat è che esiste una soluzione scientifica per ogni problema immaginabile, ma la libertà personale di scelta non entra nella loro mente. ⁃ Editor TN

Per sette anni, una manciata di costruttori di case ha offerto il solare come articolo opzionale agli acquirenti disposti a pagare un extra per diventare verdi.

Ora, la California è sul punto di creare standard solari praticamente su ogni nuova casa costruita nel Golden State.

La Commissione per l'energia della California voterà mercoledì, maggio 9, sui nuovi standard energetici che obbligano la maggior parte delle nuove case a disporre di pannelli solari a partire da 2020.

Se approvato come previsto, le installazioni solari sulle nuove case saliranno alle stelle.

Solo dal 15 al 20 percento delle nuove case unifamiliari costruite include il solare, secondo Bob Raymer, direttore tecnico della California Building Industry Association.

"La California sta per fare un salto di qualità negli standard energetici", ha detto Raymer. "Nessun altro stato nella nazione impone il solare e stiamo per fare quel salto."

Le nuove regole proposte si discosterebbero leggermente da un altro obiettivo molto acclamato: richiedere che tutte le nuove case siano “net-zero”, il che significa che produrrebbero abbastanza energia solare per compensare tutta l'elettricità e il gas naturale consumati nel corso di un anno.

Nuovi pensieri hanno reso tale obiettivo obsoleto, affermano i funzionari statali. Le vere case a “energia zero-net” fanno ancora affidamento sulla rete elettrica di notte, hanno spiegato, un momento in cui più impianti generatori si collegano online usando combustibili fossili per generare energia.

"L'energia netta zero non è sufficiente", ha dichiarato Andrew McAllister, uno dei cinque commissari statali per l'energia che votano i nuovi standard di costruzione di case. "Se perseguiamo (energia netta zero) come politica globale, faremmo investimenti che sarebbero in qualche modo fuori contatto con i nostri obiettivi a lungo termine."

Mentre ambientalisti e costruttori di case hanno elogiato i nuovi standard, le regole proposte hanno alcuni detrattori che sostengono ancora obiettivi netti zero.

"Siamo felici che stiano compiendo buoni progressi", ha affermato Kelly Knutsen, direttrice di avanzamento tecnologico della California Solar and Storage Association, un gruppo dell'industria solare. “Vorremmo che andassero oltre. Ci sono sempre compromessi. "

Case completamente elettriche

Oltre alla diffusa adozione dell'energia solare, le nuove disposizioni includono una spinta per aumentare lo stoccaggio della batteria e aumentare la dipendenza dall'elettricità sul gas naturale. Tra i punti salienti:

  • Il nuovo mandato solare si applicherebbe a tutte le case, condomini e condomini fino a tre piani di altezza che ottengono i permessi di costruzione dopo il gennaio 1, 2020.
  • Eccezioni o alternative saranno consentite quando le case sono ombreggiate da alberi o edifici o quando i tetti della casa sono troppo piccoli per ospitare pannelli solari.
  • Gli array solari possono essere più piccoli perché le case non dovranno raggiungere il vero stato net-zero.
  • I costruttori che installano batterie come Tesla Powerwall otterrebbero "crediti di conformità", consentendo loro di ridurre ulteriormente le dimensioni del sistema solare.
  • Le disposizioni incoraggeranno un uso più elettrico o persino case completamente elettriche per ridurre il consumo di gas naturale. Funzionari statali affermano che il miglioramento della tecnologia sta rendendo gli scaldabagni elettrici sempre più convenienti.

Il mandato risale a 2007 quando la commissione statale per l'energia ha adottato l'obiettivo di rendere l'edilizia domestica così efficiente "gli edifici di nuova costruzione possono essere netti zero energia da 2020 per le residenze e da 2030 per gli edifici commerciali".

Leggi la storia completa qui ...




Rapporto delle Nazioni Unite: migliore utilizzo del territorio e gestione critica per l'agenda 2030

I dati alla base di questo rapporto delle Nazioni Unite sono pieni delle tipiche costruzioni di dati e fatti. Ti porterebbe a pensare che gli alberi si stiano esaurendo e moriremo tutti per la privazione dell'ossigeno. Tuttavia, a 2011 studio ha dimostrato che gli Stati Uniti avevano più alberi di quanti ne avesse 100 anni fa. Negli Stati Uniti orientali molto popolati, la crescita delle foreste era 380 percento maggiore rispetto a 1920. Editor TN

Il consumo delle riserve naturali della terra è raddoppiato negli ultimi anni di 30, con un terzo della terra del pianeta ora gravemente degradata. Ogni anno perdiamo 15 miliardi di alberi e 24 miliardi di tonnellate di terreno fertile. I piccoli agricoltori, le donne e le comunità indigene sono i più vulnerabili, data la loro dipendenza dalle risorse terrestri, aggravata dalla loro esclusione da infrastrutture più ampie e dallo sviluppo economico ", secondo la nuova pubblicazione, The Global Land Outlook (GLO), lanciato oggi, all'13th riunione della Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione (UNCCD) a Ordos, in Cina.

Attualmente, oltre 1.3 miliardi sono intrappolati in terreni agricoli degradanti, aumentando drasticamente la concorrenza per servizi ecosistemici cruciali come cibo, acqua ed energia. La GLO si basa su un'analisi delle recenti tendenze della produttività del suolo e sulla modellizzazione degli scenari di domanda di terra fino all'anno 2050. Descrive come invertire le tendenze nella condizione delle risorse del territorio potrebbe accelerare gli sforzi per raggiungere molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile, adottando una pianificazione più efficiente e pratiche sostenibili.

Parlando al lancio, il segretario esecutivo dell'UNCCD, Monique Barbut, ha dichiarato: "Il degrado del suolo e la siccità sono sfide globali e intimamente legate alla maggior parte, se non a tutti gli aspetti della sicurezza umana e del benessere - sicurezza alimentare, occupazione e migrazione, in particolare".

“Man mano che l'offerta pronta di terreni sani e produttivi si prosciuga e la popolazione cresce, la concorrenza si sta intensificando, per le terre all'interno dei paesi e a livello globale. All'aumentare della competizione, ci sono vincitori e vinti. Per ridurre al minimo le perdite, Outlook suggerisce che è nel nostro interesse fare un passo indietro e ripensare il modo in cui gestiamo le pressioni e la concorrenza. Outlook presenta una visione per trasformare il modo in cui utilizziamo e gestiamo la terra perché siamo tutti decisori e le nostre scelte possono fare la differenza - anche i piccoli passi contano ”, ha aggiunto.

Accogliendo con favore la nuova pubblicazione di punta dell'UNCCD, Achim Steiner, amministratore dell'UNDP, ha dichiarato: “Oltre 250 milioni di persone sono direttamente colpite dalla desertificazione e circa un miliardo di persone in oltre cento paesi sono a rischio. Includono molte delle persone più povere ed emarginate del mondo. Il raggiungimento della neutralità del degrado del suolo può fornire una vita sana e produttiva a tutti sulla Terra, compresa la sicurezza idrica e alimentare. Il Global Land Outlook mostra che ognuno di noi può davvero fare la differenza, e spero che nella prossima edizione saremo in grado di raccontare ancora più storie su un migliore uso e gestione del territorio ”.

Questa pubblicazione di riferimento sullo stato attuale e futuro delle risorse terrestri del mondo è la prima analisi approfondita delle molteplici funzioni del territorio viste da una vasta gamma di settori e aree tematiche correlate, come il nesso cibo-acqua-terra, così come i driver "meno ovvi" del cambiamento nell'uso del suolo, in particolare la natura della crescita economica, la scelta dei consumatori e gli schemi commerciali globali. Fondamentalmente, il rapporto esamina una crescente disconnessione tra i valori finanziari e socio-economici della terra e come ciò influisce sui poveri.

La prima edizione della GLO è stata pubblicata dalla segreteria dell'UNCCD con il sostegno di numerosi partner, tra cui la Commissione europea, i governi di Corea, Svizzera e Paesi Bassi e UNDP. È disponibile sia in formato cartaceo che digitale su un apposito piattaforma web.

Leggi l'articolo completo qui ...




Terra controllata federale

Obama's Historic Land Grab: 553 milioni di acri per "conservazione"

La tecnocrazia come sistema economico basato sulle risorse, intende collocare tutte le risorse terrestri in una fiducia comune globale da "amministrare" gli scienziati e gli ingegneri di Technocrat. Questa truffa del land-grab è sempre tramandata su Sviluppo sostenibile, Green Economy o Conservazione. Ma lo sviluppo sostenibile è tecnocrazia! Editor TN

Il presidente Barack Obama ha decretato altri due monumenti nazionali dalla sua casa di vacanza alle Hawaii mercoledì, prendendo 1.65 milioni di acri di terra occidentale in più per la gestione da parte del governo federale.

Il nuovo monumento Bear Ears Buttes include 1.35 milioni di acri dello Utah e il monumento Gold Butte include circa 300,000 acri nel Nevada.

Ciò rende un totale di 553 milioni di acri di terre e acque nazionali che Obama ha riproposto per la conservazione e la protezione usando l'atto 1906 Antiquities, più di ogni altro presidente, secondo il New York Times. Più del 80 percento del Nevada e circa il 65 percento o Utah è di proprietà del governo federale, secondo Radio pubblica nazionale.

I leader repubblicani dello Utah al Congresso furono furiosi dopo che Obama decise di designare il controverso monumento Orecchie dell'Orso.

https://www.youtube.com/watch?v=GKjjTa2cL2A

"Questo atto arrogante di un presidente anonimo zoppo non resisterà", ha dichiarato il senatore repubblicano dello Utah Mike Lee. "Lavorerò instancabilmente con il Congresso e l'amministrazione Trump in arrivo per onorare la volontà del popolo dello Utah e annullare questa designazione".

A Sondaggio di novembre dei residenti nello Utah ha mostrato che l'60 percento era contrario all'idea e che solo l'33 percento lo supportava.

Anche il deputato Jason Chaffetz lo era furioso.

"La mossa di mezzanotte è uno schiaffo in faccia al popolo dello Utah, tentando di mettere a tacere le voci di coloro che sopporteranno il pesante fardello che impone", ha scritto, definendo le azioni di Obama una "grande rottura con il protocollo" perché non ha avere il sostegno del Governatore dello Utah, della delegazione congressuale dello stato, né di funzionari eletti locali o legislatori statali che rappresentavano l'area.

Obama ha usato il suo potere per creare 29 monumenti nazionali separati, usando l'Antiquities Act, ma il Il Washington Post rapporti che dovrebbe crearne uno o due in più per abbinare o battere il record di Franklin D. Roosevelt delle designazioni 30.

Leggi la storia completa qui ...




new Orleans

I tecnocrati cercano di sostituire alcuni processi democratici a New Orleans

Leggi in fondo: "Gli" esperti "prendono le decisioni e se il pubblico perde la possibilità di fornire contributi, avrebbe dovuto prestare maggiore attenzione." Editor TN

Tecnocrate. Noun. Un insulto oscuro usato per descrivere un politico che promuove il progresso attraverso l'innovazione e la tecnologia a spese del modo in cui le cose sono sempre state fatte. Il termine viene spesso visto sul lato sinistro o liberale dello spettro politico per descrivere i funzionari eletti democratici ritenuti insufficientemente protettivi nei confronti degli interessi liberali o progressisti e che frequentano l'Aspen Institute un numero di volte troppe.

Per quanto riguarda le definizioni, è una piccola lingua in guancia, ma è il contesto che circonda il termine quando lo vedo. E lo vedo usato su Twitter o altrove sui social media, di solito all'interno di una discussione traballante su qualche oscuro punto politico. Un po 'ironico se ci pensi troppo.

Il che è un lungo modo di dire che pensavo che "tecnocrate" fosse una di quelle parole inventate che significano qualcosa solo per le persone che sono già d'accordo l'una con l'altra. Ogni volta che lo vedevo, alzavo gli occhi al cielo e smettevo di ascoltare. Come i fan del baseball che si immergono profondamente nelle erbacce sul significato dell'ERA di un lanciatore o sui punti di discussione più fini che senti quando i tifosi di calcio parlano della valutazione del QB per trimestre - ovviamente, è tempo di cambiare argomento su tutto ciò di cui stiamo parlando e trova un'altra birra.

Ma l'altro giorno ho scoperto che il termine "tecnocrato" mi è saltato in testa mentre guardavo gli emendamenti del Master Plan proposti dall'ufficio del sindaco. Se non hai avuto la possibilità di superare tutti gli emendamenti del Master Plan proposti per il tuo quartiere di New Orleans - probabilmente perché hai qualcosa chiamato "vita sociale", potresti voler dedicare qualche minuto a esaminarli e vedere cosa i poteri che vorresti fare con la tua città.

Di particolare interesse per me sono gli emendamenti proposti al capitolo 15 del piano generale.

Il capitolo 15 è la parte del Master Plan che afferma che i cittadini di New Orleans dovrebbero essere informati sulle proposte di utilizzo del territorio e le questioni di zonizzazione nella loro comunità, informati sul significato di tali proposte e avere la possibilità di offrire le loro opinioni ai decisori delle città durante il processo decisionale. Se suona come una meravigliosa versione di Norman Rockwell di How Democracy Works in America, ecco di cosa si tratta. O dovrebbe essere.

Come avrai intuito, la realtà è abbastanza diversa. Il sistema che abbiamo ora dipende totalmente dai cittadini che si offrono volontariamente il loro tempo libero per capire di cosa parlano tutti gli esperti pagati e gli investitori quando prendono le decisioni sull'uso del territorio.

Ricevi mai una lettera per posta riguardo a qualche sviluppo che si sta svolgendo vicino a casa tua? Di solito comportano una proposta per una varianza o un uso condizionale, forse un cambiamento di zonizzazione. Di solito c'è una zuppa alfabetica di designazioni di zone di cui potresti aver sentito parlare prima, ma non sei davvero sicuro di cosa significhino. A volte queste proposte sono solo i tuoi vicini che vogliono costruire una tettoia. Altre volte, sono sviluppatori che propongono qualcosa che suona bene, come un bar o un bel posto in cui le famiglie possono vivere. Se vai a un incontro di quartiere a riguardo, dicono qualcosa su come quello che stanno facendo è "riparare un errore fatto dalla città" o come la loro intenzione è di "fornire miglioramenti alla comunità". Sono sempre e solo qui per dare una mano, lo sai. Le uniche persone che conosci a lamentarsene sono i "vicini pazzi di NIMBY" che sembrano odiare tutto. La tua naturale reazione umana è quella di dire "certo, questo sviluppo suona bene, sono sicuro che tutto è in crescita". Avvii la notifica nel riciclaggio e non ci pensi nulla.

Poi, due mesi dopo, senti come qualcuno sta demolendo un edificio che esiste da sempre e sta costruendo appartamenti 400. O forse stanno lasciando cadere un edificio di sei piani tra tutti i fucili che si raddoppiano lungo la strada da casa tua. Ecco dove stanno mettendo 5,000 piedi quadrati di spazio commerciale e non devono fornire alcun parcheggio. Ci sarà un nuovo ristorante che serve alcolici fino a 2AM. All'improvviso, tu e un gruppo di vicini siete pazzi, perché non avete mai sentito parlare dei dettagli di ciò che stanno progettando di fare. La cosa di cui hai sentito parlare non era ciò che pensavi di aver sentito, e ti senti mentito.

Questo è il sistema che abbiamo attualmente perché non abbiamo fatto ciò che il Master Plan aveva richiesto. Se lo facessimo, ci sarebbero membri della tua comunità che potrebbero aiutare a spiegare esattamente cosa veniva proposto e facilitare la comprensione da parte della comunità delle regole in modo che tu e i tuoi vicini poteste prendere una decisione informata sulla base di più della notifica ufficiale che ricevete nella posta. Dovresti comunque partecipare al processo nel tuo tempo libero, ma potrebbe non sembrare che stai sprecando quel tempo.

Non l'abbiamo perché fare ciò che il Master Plan richiede costerebbe denaro. E New Orleans non ha molti soldi. Invece di costruire intenzionalmente una cittadinanza ben informata che si sente fiduciosa nel processo e sa quali domande devono essere poste, abbiamo un patchwork di volontari a livello di quartiere che cercano di tenere il passo con tutto ciò che sta succedendo. In Perdido Street, il personale addetto alla pianificazione della città e l'ufficio di vicinato e il personale degli uffici dei membri del consiglio comunale fanno il possibile per dare una mano quando i volontari del quartiere iniziano a porre domande, ma sono tutti piuttosto snelli. Ci sono solo così tante ore al giorno, le richieste degli sviluppatori sono infinite, ed è difficile per i volontari non pagati del quartiere conoscere le domande giuste da porre.

Ciò significa che i vicini a volte ottengono la vecchia City Hall Surprise di cui ho scritto prima, dove scoprono solo alcuni sviluppi vicino alla loro casa alla fine del processo, dopo mesi di lavoro sono già stati fatti. È stato inviato un avviso ufficiale, sono state riportate notizie nei punti vendita locali e volontari del quartiere hanno cercato di dire alla gente cosa sta succedendo. City Planning ha pubblicato il suo rapporto e approvato il piano. Il Consiglio Comunale si sta preparando per ascoltarlo, ma ora tutti vengono urlati dai vicini, quindi la decisione viene rinviata. E rinviato. E rinviato. Ora tutti fanno più lavoro e costa a tutti più denaro e tempo.

La democrazia basata sulla partecipazione pubblica è una cosa disordinata e disordinata. Può essere confuso e esasperante per i residenti e imbarazzante per i decisori. Può essere difficile tenere il passo. Può essere molto difficile gestire con un budget ridotto. Per lavorare richiede che i cittadini rinunciano al loro tempo libero, si informino a proprie spese e affrontino questioni complesse e spesso controverse. Come Fight Club, la democrazia richiede che tu determini il tuo livello di coinvolgimento. Per un gruppo di persone, quel livello di coinvolgimento significa non essere coinvolto.

Ma un pubblico non coinvolto blocca la democrazia partecipativa.

Ed è qui che entra in gioco la tecnocrazia. Invece di aspettare che il pubblico venga coinvolto, i tecnocrati consolidano e automatizzano il processo. Gli "esperti" prendono le decisioni e se il pubblico perde la possibilità di fornire contributi, avrebbe dovuto prestare maggiore attenzione. Le soluzioni tecnocratiche rimuovono il caos della democrazia e rendono le cose più facili, rapide ed economiche per coloro che sono maggiormente investiti, connessi e consapevoli del processo. Se agli elettori non piace, possono partecipare il giorno delle elezioni - se si presentano anche ai sondaggi.

Gli emendamenti proposti al capitolo 15 raddoppiano la non partecipazione dei residenti consolidando il processo democratico grande, disordinato e difficile nella gestione da parte di un piccolo ufficio nel municipio. Anche se ogni impiegato cittadino in quell'ufficio ha a cuore le migliori intenzioni, quanto tempo passerà prima che il peso di questo processo richieda meno accesso da parte del pubblico e più decisioni in alto?

Leggi la storia completa qui ...




La BLM Board condanna a morte o espulsione i cavalli selvaggi 45,000

A differenza dei lupi, i cavalli non uccidono e mangiano inutilmente bestiame, pecore, alci e altri animali selvatici; tuttavia, sono originari dell'America e un tesoro nazionale della biodiversità. Non sentirai mai alcun gruppo governativo di gestione del territorio dire: "Uccidi tutti i lupi grigi". Allora, cosa ti dà qui? Dov'è l'amore per la biodiversità?

Questa dicotomia dimostra la truffa che il BLM (et. Al.) Vuole semplicemente ogni cosa scomoda MENO la "loro" terra. I lupi e gli orsi grizzly che hanno piantato metodicamente sono un detergente naturale della terra: spaventano la gente, allontanano gli allevatori e mangiano altri selvaggi selvaggi con abbandono. Quando tutto ciò sarà realizzato, i lupi saranno contrassegnati per l'estinzione proprio come i cavalli. Editor TN

Il governo degli Stati Uniti sta subendo il fuoco di attivisti per i diritti degli animali tra le preoccupazioni che quasi i cavalli selvaggi 45,000 possano essere eutanizzati nel tentativo di controllarne il numero.

La scorsa settimana il National Wild Horse e il Burro Advisory Board dell'Ufficio di presidenza del Bureau of Land Management hanno raccomandato all'Ufficio di presidenza di eutanizzare o vendere "senza limitazione" cavalli e burros "inapplicabili" in eccesso nei recinti e nei pascoli fuori portata del BLM.

Un cavallo o un burro "non adattabile" ha in genere almeno 5 anni, il che li rende meno attraenti per l'acquisto o l'adozione. L'ufficio ha più di cavalli 44,000 e più di burros 1,000 in pascoli e recinti fuori gamma.

La raccomandazione ha suscitato una risposta rabbiosa da parte della Humane Society degli Stati Uniti. "La decisione del comitato consultivo BLM di raccomandare la distruzione dei cavalli selvaggi 45,000 attualmente in possesso di strutture è una completa rinuncia alla responsabilità per la loro cura", ha dichiarato Holly Hazard, vicepresidente senior di Humane Society.

Secondo i termini dell'1971 Wild Free-Roaming Horses and Burros Act, il BLM gestisce, protegge e controlla i cavalli selvaggi e i burros. La legge autorizza l'agenzia a spostare cavalli selvaggi e burros al di fuori delle gamme per sostenere la salute delle terre pubbliche. Oltre agli animali off-range, l'ufficio stima che più di 67,000 cavalli selvaggi e burros siano in roaming su pascoli gestiti da BLM negli stati occidentali di 10.

Praticamente senza predatori naturali, le dimensioni della mandria di cavalli selvaggi e burro possono raddoppiare ogni quattro anni circa, il che significa che ogni anno migliaia di animali vengono rimossi dalla gamma per controllare le dimensioni della mandria e proteggere la terra. Il BLM ha i propri recinti fuori gamma in stati come il Nevada e la California, nonché contratti con ranch privati ​​in località come Kansas e Oklahoma.

L'Ufficio di presidenza non ha ancora dato una risposta formale alla raccomandazione del consiglio di amministrazione, sebbene, in una nota, abbia affermato che continuerà a prendersi cura e a cercare buone case per gli animali che sono stati rimossi dalla gamma. "Ciò significa che continueremo con la nostra attuale politica, che non è quella di vendere o inviare cavalli selvaggi o burros al macello", ha detto.

Leggi la storia completa qui ...




La trappola è pronta: i governi esplorano gli scambi di "debito per terra" con la Banca mondiale

TN Nota: O è il contrario? Cioè, la Banca Mondiale sta esplorando gli Swap con paesi carichi di debito. Gli unici paesi che possono presentare domanda sono quelli che hanno attivamente giurato di attuare e sostenere lo sviluppo sostenibile. La Banca mondiale chiama queste "condizionalità" e sono a dir poco estorsioni per costringere i paesi a cambiare le politiche contro la loro volontà. In questo caso, la Giamaica non si rende conto che stanno giocando proprio nella ragnatela che potrebbe significare la loro fine definitiva come nazione. Per quanto riguarda l'élite globale, questo è a dir poco un accaparramento di terra sfacciata che include risorse preziose da rinchiudere e lontano dall'uso pubblico.

Il primo ministro Andrew Holness afferma che il governo sta esplorando con la Banca mondiale un'innovativa iniziativa di scambio del debito per migliorare il profilo del debito della Giamaica.

Dice che fa parte della strategia di gestione attiva del debito del governo.

Holness ha fatto l'annuncio in una conferenza stampa durante l'incontro annuale del Board of Governors della Caribbean Development Bank ieri sera, a seguito di discussioni con il vicepresidente della Banca mondiale Jorge Familiar.

“Abbiamo approvato l'idea degli swap di debito per politica. E parlerò più di questo nella mia presentazione del budget. Ma puoi immaginare cosa significhi. È un modo per premiare i paesi con un profilo di debito elevato, che intraprendono nuove e audaci iniziative per preservare l'ambiente su questioni come i cambiamenti climatici ", afferma il Primo Ministro.

"Esiste già una modalità a livello globale, su come incentivare i paesi che adottano politiche allineate alla conservazione ambientale e alla gestione dei cambiamenti climatici, e uno scambio debito-politica potrebbe essere un modo. Il livello di significatività di questo deve essere determinato, ma certamente vale la pena esplorarlo ”, aggiunge.

Holness afferma che tutte le opzioni per ridurre il debito nazionale saranno esplorate al fine di creare più spazio per gli investimenti e che la piattaforma di incontro del CDB è stata utilizzata per porre tali questioni davanti alla comunità internazionale.

“Non è solo uno scambio di debito per politica sulla natura. Ma poi inizi a guardare altre cose, il debito per l'equità, ad esempio lo scambio di debito per terra ... ", dice.

Nel frattempo, Holness afferma che anche la Banca mondiale ha accettato di sviluppare un nuovo progetto per sostenere il credito alle piccole e medie imprese.

Dice che la Banca Mondiale ha anche concordato iniziative di finanziamento innovative, tra cui un debito per natura e swap di resilienza e una garanzia basata sulla politica, per la Giamaica.

Intervenendo anche alla conferenza stampa, il ministro delle finanze Audley Shaw ha affermato che il governo ha avuto proficue discussioni con la Caribbean Development Bank, in relazione al sostegno per aumentare i partenariati pubblico-privato volti a facilitare la crescita e l'efficienza del settore privato.

Shaw afferma che è ora di smettere di offrire un servizio efficiente ai partenariati pubblico-privato e le organizzazioni multilaterali svolgono un ruolo chiave in tal senso.

Sostiene che hanno un ruolo catalizzatore nei governi che lavorano a stretto contatto con il settore privato per portare a termine le cose.