Le preoccupazioni aumentano per le esportazioni globali cinesi di tecnologia di sorveglianza

La maggior parte degli scrittori e analisti non è a conoscenza della tecnocrazia in Cina, anche se agisce in perfetto accordo con la "scienza dell'ingegneria sociale" ed esporta i suoi sistemi di controllo della popolazione a chiunque li prenda. ⁃ Editor TN

La Cina ha creato a casa un vasto apparato di sorveglianza composto da milioni di telecamere dotate di tecnologia di riconoscimento facciale.

Ora, alcune delle più grandi aziende del paese hanno firmato accordi in tutto il mondo per vendere la loro tecnologia all'estero.

Gli esperti hanno espresso preoccupazione per il fatto che i dati vengano trasferiti in Cina, che i regimi autoritari utilizzano la tecnologia per aumentare il loro potere e, in definitiva, il Partito comunista cinese esercita maggiore influenza all'estero.

Cina la spinta ad esportare la sua tecnologia di sorveglianza attraverso alcune delle sue più grandi compagnie, comprese le democrazie liberali, ha sollevato preoccupazioni a causa del rischio che i dati vengano trasferiti a Pechino e la crescente influenza del Partito Comunista, hanno detto gli esperti alla CNBC.

La seconda economia più grande del mondo ha costruito un vasto stato di sorveglianza composto da milioni di telecamere con software di riconoscimento facciale. I dispositivi, appollaiati sui lampioni e all'esterno di edifici e strade, sono in grado di riconoscere gli individui.

Alcune delle aziende tecnologiche più preziose della Cina sono state coinvolte in tali progetti in tutto il paese. Ma questa tecnologia viene ora esportata mentre le aziende tecnologiche della nazione espandono la loro impronta globale.

Aziende tecnologiche cinesi - in particolare Huawei, Hikvision, Dahua e ZTE - fornire la tecnologia di sorveglianza dell'intelligenza artificiale nei paesi 63, secondo un rapporto di settembre del think tank Carnegie Endowment for International Peace. Di queste nazioni, 36 ha aderito al massiccio progetto infrastrutturale cinese, la Belt and Road Initiative, afferma il rapporto, aggiungendo che Huawei fornisce tecnologia al maggior numero di paesi.

Alcuni di questi cosiddetti progetti di "città intelligenti", che includono tecnologie di sorveglianza, sono in corso nei paesi occidentali, in particolare in Europa, tra cui Germania, Spagna e Francia, secondo l'analisi dell'Australian Strategic Policy Institute (ASPI).

Gli esperti hanno avvertito di una serie di rischi, incluso il potenziale accesso ai dati da parte del governo cinese.

"Penso che a volte si presuma che 'vabbè quando implementeremo questa tecnologia non la useremo in modo negativo, la stiamo usando per fornire servizi o la stiamo usando in un modo che si vede come accettabile, socialmente accettabile nella nostra società ", Samantha Hoffman, un collega del Cyber ​​Center dell'ASPI, ha detto al podcast" Beyond the Valley "della CNBC.

"Ma in realtà (noi) non possiamo esserne certi perché la differenza non è necessariamente il modo in cui la tecnologia viene distribuita, ma chi ha accesso ai dati che sta raccogliendo", ha detto. "Se si tratta di un'azienda cinese come Huawei, e che ... i dati tornano in Cina e possono essere utilizzati dalla parte in qualunque modo scelga."

Leggi e regolamenti cinesi

Hoffman citò le leggi in Cina che sembra costringere le imprese cinesi a consegnare i dati al governo, se richiesto. Non ha accusato Huawei di aver commesso un illecito, ma ha solo usato la società come esempio.

All'inizio di quest'anno, Ren Zhengfei, CEO di Huawei, ha affermato "direbbe assolutamente di no" a qualsiasi richiesta di dati dei clienti da Pechino.

“Penso che non comprendiamo nemmeno del tutto il problema che stiamo affrontando quando si tratta della tecnologia di sorveglianza cinese quando viene esportata. Non è solo che altri regimi possono usarlo in modi simili, è che quando viene esportato anche il Partito (comunista cinese) può attaccare i suoi interessi ”, ha aggiunto Hoffman.

In nessun luogo lo stato di sorveglianza della Cina è più visibile che nello Xinjiang, sede della minoranza uigura cinese. Il il territorio ha fatto notizia per i suoi campi di detenzione e di "rieducazione" quella presa circa 1.5 milioni di musulmani, molti di loro per aver violato cosa Amnesty International descrive come una legge "altamente restrittiva e discriminatoria" che la Cina afferma sia progettata per combattere l'estremismo.

Maya Wang, ricercatrice cinese presso Human Rights Watch, si concentra sullo Xinjiang e sulle attività di sorveglianza lì. Ha messo in guardia dai pericoli della tecnologia di sorveglianza cinese destinata agli stati autoritari.

"Penso che il futuro peggiore potrebbero essere questi governi che adottano queste tecnologie e aggiungono l'arsenale a quelli esistenti per il controllo delle persone", ha detto Wang alla CNBC.

All'inizio di quest'anno, un Rapporto ASPI ha messo in evidenza altre preoccupazioni della Cina che esportava la sua tecnologia di sorveglianza, compresa la capacità di minare le democrazie, ottenere un vantaggio sulle nuove tecnologie e nelle aree militari.

Leggi la storia completa qui ...




Penn State: dimentica la Costituzione, è Analytics, algoritmi e punteggio del credito sociale

La tecnocrazia sta già esercitando un'indebita pressione contro la Costituzione e lo Stato di diritto. Il punteggio del credito sociale è uno strumento personalizzato di modifica del comportamento che ovvia alla necessità di controlli esterni. ⁃ Editor TN

I punteggi sociali guidati dall'intelligenza artificiale per soppiantare la costituzione?

Il professor Larry Backer della Penn State University scrive in un documento 2018 che la resistenza ai sistemi di credito sociale in Occidente potrebbe essere sciolta quando le masse sono "socializzate ... come collettive" e "... il grande meccanismo di gestione della cultura della società occidentale sviluppa una narrazione in che tale attività è naturalizzata nella cultura occidentale. "

Un documento 2018 scritto da un importante professore di diritto Larry Backer di Penn State discusso dei modi in cui un sistema di credito sociale potrebbe essere attuato in Occidente. Backer scrive che lo spostamento della legge con questo sistema "...cambiare il focus del diritto pubblico dalla costituzione e dallo stato di diritto all'analisi e all'algoritmo... "

Nel documento, intitolato "Leggi di prossima generazione: sistemi di regolamentazione basati sulla governance e sulla responsabilità basati sui dati in Occidente e regimi di credito sociale in Cina“, Backer descrive le mosse al credito sociale in Occidente come“ fratturate ”, ma fornisce indicazioni su come le norme sociali potrebbero essere costantemente spinte ad accettare questo sistema.

Backer propone che il "grandi macchinari per la gestione della cultura"Dell'ovest normalizzare l'idea del credito sociale e la condivisione di dati privati. Backer scrive:

"Ma è possibile socializzare le masse, o persino la democrazia di massa come collettivo, per abbracciare questo modello di divulgazione dei dati al di là di questi
immediatamente sistemi self-service a circuito chiuso? Sarebbe possibile per lo stato sviluppare sistemi per l'applicazione delle leggi (criminali e regolamentari) che dipendono dall'intelligence inducendo le masse a servire come contributori positivi dei dati necessari per l'applicazione o la regolamentazione? La risposta, nelle democrazie liberali occidentali, può dipendere dalla capacità del grande meccanismo di gestione della cultura della società occidentale - la sua televisione, i suoi film e altri media correlati - di sviluppare una narrazione in cui tale attività è naturalizzata nella cultura occidentale".

Mentre la Big Tech e l'intelligenza artificiale si insinuano ulteriormente nelle nostre vite, una griglia di sorveglianza ad alta tecnologia ci ha impigliato. Come per pacificare la resistenza, questi sistemi (Google home, Apple Watch, Amazon Alexa) offrono "praticità" sotto forma di pubblicità mirata, contenuti personalizzati e altre funzionalità.

In realtà, questo sistema ha lo scopo di determinare se ti sarà permesso o meno di funzionare nella società moderna.

Secondo quanto riferito, l'amministratore di Trump sta prendendo in considerazione l'utilizzo di questa griglia di sorveglianza per monitorare la popolazione per segni di malattia mentale, innescando le autorità per confiscare le armi da fuoco da "individui pericolosi".

In 2013, Old-Thinker News ha posto la domanda "Le compagnie assicurative utilizzeranno gli elettrodomestici intelligenti per monitorare le abitudini "non salutari"?"

Poiché questo 2013 Wall Street Journal articolo dichiarato, la tua compagnia assicurativa:

"... sa già se hai preso le tue medicine, ti sei pulito i denti e hai fatto controlli medici regolari. Ora alcuni datori di lavoro o le loro compagnie assicurative stanno monitorando cosa mangiano i dipendenti, dove fanno acquisti e quanto peso stanno assumendo - e stanno prendendo provvedimenti per mantenerli in linea. "

L'intelligenza artificiale, programmata da individui affamati di potere, sta costantemente prendendo il controllo della nostra società. Sta già censurando le opinioni politiche. Prenderanno decisioni mediche, educative e finanziarie. Gli umani devono essere messi da parte. Il sistema di credito sociale ti seguirà attentamente per qualsiasi comportamento deviante. Se non stai attento, diventerai un emarginato. L'accesso al cibo, ai trasporti e alle cure mediche verrà negato.

Leggi la storia completa qui ...




HARPA: punteggio di credito sociale (mentale) per il controllo delle armi?

L'amministrazione Trump ha rotto il ghiaccio usando la tecnologia del punteggio di credito sociale per decidere chi è mentalmente abbastanza stabile per acquistare un'arma. Come un elenco "No-Fly", un elenco "No-Buy" si baserebbe sull'analisi AI dei post sui social media. ⁃ Editor TN

L'amministrazione Trump sta prendendo in considerazione una proposta che utilizzerà Google, Amazon e Apple per raccogliere dati sugli utenti che presentano caratteristiche di malattia mentale che potrebbero portare a comportamenti violenti, secondo quanto riferito dal Washington Post giovedì.

La proposta fa parte di un'iniziativa volta a creare un'agenzia per i progetti di ricerca avanzata sulla salute (HARPA), che si troverebbe all'interno del dipartimento di salute e servizi umani, il rapporto osserva, citando fonti all'interno dell'amministrazione. La nuova agenzia avrebbe un budget separato e il presidente sarebbe responsabile della nomina del suo direttore.

La HARPA si occuperebbe della Defense Advanced Research Projects Agency, o DARPA, che funge da braccio di ricerca per il Pentagono. L'idea è stata realizzata per la prima volta in 2017 ma da allora ha ottenuto una rinnovata spinta dopo le sparatorie di massa persone uccise 31 a El Paso, in Texas, e Dayton, Ohio, in agosto.

La Suzanne Wright Foundation si è recentemente avvicinata al presidente e ha proposto all'agenzia di includere un progetto chiamato Stopping Aberrant Fatal Events aiutando Overcome Mental Extremes o Safe Home, osserva il rapporto, citando due persone che hanno familiarità con la questione.

Il presidente Donald Trump ha una stretta relazione con Bob Wright, che ha fondato la fondazione dopo che sua moglie è morta di cancro. Wright era un ex presidente della NBC e occupò quella posizione mentre il presidente ospitava "L'apprendista".

HARPA svilupperebbe "tecnologie innovative con elevata specificità e sensibilità per la diagnosi precoce della violenza neuropsichiatrica", secondo una copia della proposta. "Una soluzione multi-modalità, insieme all'analisi dei dati in tempo reale, è necessaria per ottenere una diagnosi così accurata."

Il documento elenca diverse tecnologie che potrebbero essere utilizzate per aiutare a raccogliere informazioni, tra cui Apple Watch, Amazon Echo e Google Home. Geoffrey Ling, il principale consulente scientifico di HARPA, ha detto ai giornalisti giovedì che il piano avrebbe richiesto enormi quantità di dati e "rigore scientifico".

Ha aggiunto: “Tutti sarebbero volontari. Non stiamo inventando nuova scienza qui. Lo stiamo analizzando in modo da poter sviluppare nuovi approcci. ”La Casa Bianca ha rifiutato di fornire una dichiarazione alla Daily Caller News Foundation, ma le fonti hanno detto a WaPo che Trump ha reagito“ molto positivamente ”alla proposta - non è chiaro se abbia visto l'idea di Safe Home.

Leggi la storia completa qui ...