Il capo della Commissione per le origini del COVID-19 di Lancet fa un fischio

Per favore, condividi questa storia!
Pezzo dopo pezzo, la narrativa Big Pharma/globalismo si sta svolgendo mentre scienziati con posizioni importanti all'interno del sistema stanno piangendo. In questo caso, il professor Jeffrey Sachs avverte che il governo deve chiedere e imporre la trasparenza ai laboratori di biodifesa impegnati nella ricerca sul guadagno di funzioni.

Jeffrey Sachs non nega nulla, lavora alla Columbia University e strettamente allineato con le Nazioni Unite. Tuttavia, sta rivelando una parte importante del funzionamento interno dell'indagine sulle origini del COVID-19, vale a dire che è marcio fino al midollo. ⁃ Editore TN

Il capo della preminente rivista scientifica The Lancet's COVID-19 Origins Commission è "convinto" che il virus sia uscito da un laboratorio e afferma che una vera indagine è stata bloccata.

Professor Jeffrey Sachs ha detto Attualità di essere "abbastanza convinto [COVID-19] è uscito dal laboratorio di biotecnologia degli Stati Uniti" e ha avvertito che la ricerca in corso potrebbe portare a un altro focolaio di pandemia.

Sachs osserva che gli scienziati che hanno respinto la teoria della perdita di laboratorio lo hanno fatto "prima di aver fatto qualsiasi ricerca", aggiungendo "stanno creando una narrativa. E stanno negando l'ipotesi alternativa senza guardarla da vicino".

Sachs indica la ricerca sul "guadagno di funzione" e i marcatori genetici trovati nel coronavirus SARS-Cov-2 che indicano che è stato manipolato per essere più mortale.

“La cosa interessante, e se così posso dire, è che la ricerca, che era in corso molto attivamente e che veniva promossa, consisteva nell'inserire siti di scissione della furina in virus simili alla SARS per vedere cosa sarebbe successo. Ops!" afferma Sachs.

"Non stanno guardando", dice Sachs degli scienziati che respingono la perdita di laboratorio, aggiungendo "Continuano semplicemente a dirci: 'Guarda il mercato, guarda il mercato, guarda il mercato!' Ma non affrontano questa alternativa. Non guardano nemmeno i dati. Non fanno nemmeno domande. E la verità è che fin dall'inizio non hanno posto le vere domande".

Sachs definisce inoltre gli sforzi per distrarre dalla ricerca di laboratorio come "deviazioni" e "giochi di prestigio".

“Ci sono molte ragioni per credere che quella ricerca fosse in corso. Perché ci sono articoli pubblicati su questo. Ci sono interviste su questo. Ci sono proposte di ricerca. Ma NIH non sta parlando. Non è chiedere. E questi scienziati non l'hanno mai chiesto", afferma ulteriormente Sachs.

Continua: “Fin dal primo giorno, hanno tenuto nascosta alla vista l'alternativa. E quando discutono dell'alternativa, non discutono del programma di ricerca. Discutono di uomini di paglia completi sul laboratorio, non sul tipo reale di ricerca in corso, che consisteva nel confinare i siti di scissione della furina in virus simili alla SARS in un modo che avrebbe potuto creare SARS-Cov-2.

“Quello che sto chiedendo non è il conclusione. Sto chiamando per il indagine," Sachs esorta, aggiungendo "Finalmente, dopo due anni e mezzo di tutto questo, è tempo di confessare che potrebbe essere uscito da un laboratorio ed ecco i dati che dobbiamo sapere per scoprire se lo ha fatto".

Sachs si rivolge anche a EcoHealth Alliance e Peter Daszak, sottolineando che inizialmente era personalmente ha nominato Daszak a presiedere la task force del Commissione pandemica di Lancet.

Sachs dice “Mi sono reso conto che [Daszak] non mi stava dicendo la verità. E mi ci sono voluti alcuni mesi, ma più lo vedevo, più mi risentivo. E così gli ho detto: 'Senti, devi andartene.'"

Sachs aggiunge che una volta che ha licenziato Daszak, altri scienziati hanno iniziato ad attaccarlo.

"Ho chiesto loro: "Quali sono i tuoi collegamenti con tutto questo?" Non me l'hanno detto. Poi, quando il Freedom of Information Act ha rilasciato alcuni di questi documenti che il NIH aveva nascosto al pubblico, ho visto che anche le persone che mi stavano attaccando facevano parte di questa cosa. Quindi ho sciolto l'intera task force", osserva Sachs.

“Quindi la mia esperienza è stata quella di vedere da vicino come non parlano. E stanno cercando di tenere i nostri occhi su qualcos'altro. E lontano anche dal porre le domande di cui stiamo parlando”, avverte ulteriormente Sachs.

Sachs conclude dicendo che "non si fida" dei governi e degli scienziati che stanno respingendo la teoria delle fughe di laboratorio, aggiungendo "Voglio sapere. Perché anche quello che sappiamo della pericolosa ricerca è sufficiente per sollevare molte questioni di responsabilità per il futuro. E per porre la domanda: 'Ehi, su quali altri virus state lavorando? Cosa dovremmo sapere?'”

“Voglio sapere cosa si sta facendo. Voglio sapere cosa stanno facendo anche gli altri governi, non solo il nostro. Voglio un po' di controllo globale su questa roba", insiste ulteriormente Sachs.

Il professore infine chiede "un'indagine di supervisione del Congresso bipartisan che abbia potere di citazione", esortando "Dacci i tuoi record di laboratorio, i tuoi quaderni, i tuoi file di dati sui ceppi di virus e così via".

Come abbiamo evidenziato, ecco cosa Il senatore Rand Paul sta perseguendo senza sosta.

Dopo un'audizione iniziale la scorsa settimana davanti alla sottocommissione per la sicurezza interna e gli affari governativi del Senato, Paul ha rivelato che esiste una commissione che dovrebbe supervisionare la sperimentazione di virus potenzialmente letali, ma che è al di sopra della supervisione del Congresso.

“Non conosciamo i nomi. Non sappiamo che si siano mai incontrati e non abbiamo alcuna registrazione dei loro incontri", ha osservato il senatore, aggiungendo "È top secret. Il Congresso non è autorizzato a saperlo. Quindi non siamo sicuri che il comitato esista davvero".

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Daryl

Destra. Un ragazzo allineato con le Nazioni Unite sta "informando". Se compri questo, comprerai qualsiasi cosa.

WW4

È un idiota. Non c'è nessun virus. È un modello di computer. La truffa è uno psyop per giocare sui nervi dei nevrotici di tutto il mondo che pensano tutti di "ce l'ha". Si basa su un coronavirus con il più ampio spettro possibile di sintomi, ovvero è VAGUE e chiunque abbia problemi respiratori, siano essi raffreddore, influenza, allergia al tabacco, allergia all'inquinamento, problemi respiratori in gravidanza o semplicemente gravemente nevrotico, si precipiterà al pronto soccorso, cuore correndo, senza fiato, chiedendosi un tampone nel naso perché “sanno” di “ce l'hanno”. Non hanno niente. E inoltre, ogni dolore, ogni dolore, ogni epistassi, ogni... Per saperne di più »

William Huston

Jeffry Sachs è uno spacciatore di virus.
Un "informatore" che promuove la teoria della "fuga di laboratorio" che perpetua la frode della virologia.

http://apocalypticyoga.wikidot.com/virus-pushers-against-clotshots

[…] Il capo della Commissione sulle origini del COVID-19 di Lancet denuncia […]