Perché Cap And Trade non funziona

Joachim Köhler / Creative Commons
Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: Cap and Trade non funziona. Non prima, non ora e non in futuro.

Molte persone, compresi molti economisti altamente qualificati, sembrano pensare che l'economia della decarbonizzazione dell'economia statunitense sia semplice e diretta. Ridurre l'uso di combustibili fossili per la produzione di beni e servizi imponendo tasse pari al costo economico stimato delle emissioni di CO2 generate dalla loro produzione. Aumentare la produzione e l'uso di energia eolica e solare sovvenzionando l'energia da queste fonti.

Gli impatti effettivi di tali imposte e sussidi non sono così semplici. Considerare innanzitutto il lato fiscale. Una tassa sul carbonio ha lo scopo di aumentare i prezzi di beni o servizi la cui produzione genera emissioni di CO2, riducendo la domanda e infine la produzione e le emissioni. Ma negli Stati Uniti, la domanda di molte cose ad alta intensità di carbonio - come la benzina per le automobili e l'elettricità per il riscaldamento e il raffreddamento - è altamente anelastica. Ciò significa che prezzi più alti non riducono significativamente il numero di miglia percorse dalle persone o la quantità di elettricità che usano. Ciò che i prezzi più elevati per beni e servizi ad alta intensità di carbonio faranno quasi certamente è punire severamente le famiglie povere e della classe media con costi più elevati per le necessità della vita - come andare al lavoro e riscaldare la casa, lasciando meno soldi per spese veramente discrezionali.

Se le tasse sul carbonio fanno più di questo e riducono effettivamente le emissioni di CO2, potrebbero effettivamente riuscire troppo bene. Una delle principali giustificazioni per le tasse sul carbonio è che le entrate derivanti da tali imposte possono essere utilizzate per ridurre le altre imposte che distorcono gli incentivi, consentendo al contempo di non incidere sul finanziamento dei servizi pubblici. Ma come dimostra la storia delle imposte statali sulle sigarette, utilizzate per finanziare le scuole pubbliche, una volta che i governi diventano dipendenti da una fonte fiscale, il loro incentivo è quello di aumentare il livello fiscale per ottenere maggiori finanziamenti, anche se i dati mostrano che questo aumento potrebbe non essere raggiungere il suo obiettivo apparente.

In effetti, se le emissioni di CO2 non diminuissero o addirittura aumentassero - come accadrebbe se per qualche miracolo la futura economia americana fosse in qualche modo sfuggita alla sua era di Obama senza sbalzi di crescita - la pressione per aumentare le tasse sul carbonio sarebbe enorme. Ma se i produttori di carbone, petrolio e gas naturale e altri beni e servizi ad alta intensità di carbonio dovessero aspettarsi maggiori tasse future sul carbonio e quindi minori entrate future, allora avrebbero un incentivo a produrre il più possibile ora. In questo modo, l'imposizione di una tassa sul carbonio potrebbe plausibilmente aumentare le attuali emissioni di CO2.

Il rovescio della medaglia di questa moneta consiste in sussidi o uso obbligatorio di fonti di energia rinnovabile di energia elettrica. Questi sono apparentemente progettati per creare incentivi per una transizione a lungo termine verso fonti rinnovabili e lontano da fonti energetiche di combustibili fossili. Come dimostrato dall'esperienza in Germania, tuttavia, i sussidi per l'eolico e il solare non solo puniscono i consumatori con massicci aumenti dei prezzi dell'elettricità, ma possono alla fine richiedere perversi sussidi per centrali termiche a combustibile fossile.

L'economia alla base è illuminata da un eccellente rapporto recente della ditta svizzera Finadvice. In Germania, i produttori di elettricità da fonti energetiche rinnovabili ottengono sussidi a prezzo fisso per l'energia prodotta chiamata tariffe di alimentazione (FIT). Ad oggi costato più di $ 412 miliardi e si stima (dall'ex ministro tedesco dell'Ambiente Peter Altmeier) di finire a costare $ 884 miliardi di 2022, il FIT tedesco è stato così alto che ha raddoppiato i prezzi dell'elettricità domestica in Germania da 2000 , con tasse e oneri (sussidi) in aumento dal 25 percento del prezzo totale in 1998 al 40 percento in 2012.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti