Cosa possono fare per la città la nuova agenda urbana e gli obiettivi di sviluppo sostenibile?

Per favore, condividi questa storia!

Questo costante lancio di vendite ricorda l'era della crisi pre-finanziaria quando la tua casella di posta era piena di offerte di carte di credito, eppure il credito era l'ultima cosa al mondo di cui avevi bisogno per migliorare la tua vita.  Editor TN

Le nostre città sono sempre più colpite dalla mancanza di alloggi a prezzi accessibili, disuguaglianze, infrastrutture in ritardo: l'elenco potrebbe continuare.

Per il salvataggio, ora abbiamo il Nuova agenda urbana e Sviluppo Sostenibile Obiettivi (OSS). Ma come possono aiutare?

In risposta al secolo urbano

Australia e 166 altri paesi hanno concordato la Nuova agenda urbana al Habitat III conferenza a Quito lo scorso ottobre. L'agenda incornicia la politica globale per le città e insediamenti urbani per i prossimi anni 20. I firmatari saranno misurati rispetto ai suoi obiettivi.

Questo accordo storico non ha attirato la stessa attenzione del Paris accordo sul clima, ma ha un potenziale altrettanto profondo e collegato. L'accordo di Parigi determinerà le azioni intraprese dai paesi in materia di cambiamenti climatici, dando forma alle politiche sull'uso dell'energia e sulla produzione di carbonio. La nuova agenda urbana punterà alla sostenibilità delle città, modellando la nostra vivibilità, case e quartieri.

L'agenda risponde al secolo urbano. Riconosce la crescita energizzata dalle città ma anche le loro disparità spaziali, sociali, culturali ed economiche.

Si richiede urgentemente un'azione per combattere la disuguaglianza. Il passaggio alle città non ha ridotto la disuguaglianza. Invece, ha spostato la povertà nelle città e approfondita disuguaglianza nel processo.

Due concetti chiave della nuova agenda urbana sono la "città per tutti" e il "diritto alla città". Si collega anche chiaramente a Sviluppo sostenibile Obiettivo 11, che mira a:

... rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili.

Una mancanza di pensiero unito

Tre problemi chiave affliggono il nostro approccio alle città. In linea di principio, la Nuova agenda urbana e l'SDG 11 possono aiutare a superarli.

1) I silos politici persistono nonostante decenni di retorica sull'adesione a politiche e programmi. L'accessibilità abitativa, la pianificazione e i trasporti, lo sviluppo economico, la sanità pubblica e l'istruzione, ad esempio, rimangono notevolmente intaccati.

La politica dei trasporti guarda raramente agli impatti sull'occupazione e sulla salute. La politica di fornitura di case a prezzi accessibili raramente esamina l'impatto dell'occupazione e la strategia economica sull'accessibilità degli alloggi. La promozione della coesione e dell'inclusione sociale è raramente considerata nello sviluppo e nella realizzazione del sistema educativo.

Le città sono raccolte intricate e intrecciate di persone, piani e infrastrutture. Lanciare soluzioni isolate e disconnesse a problemi complessi è una ricetta per il fallimento, ma è una che si ripete costantemente.

2) I governi non solo in genere dividono i loro approcci alla politica sociale ed economica, ma hanno anche divise le responsabilità tra i livelli di governo. Ministri e dipartimenti separati si occupano degli aspetti ben definiti del loro portafoglio.

In Australia, la separazione politica tra stati e governo federale ingigantisce la questione dei sili. Le ampie fessure tra i livelli di governo consentono di rinviare per decenni la pianificazione critica e le decisioni politiche.

In questa politica, i governi locali e delle città spesso aprono la strada a questioni di vivibilità, mitigazione dei cambiamenti climatici, sostenibilità e coesione sociale. Tuttavia, molte delle leve per il cambiamento sono al di sopra della loro portata. Tali poteri risiedono nei governi statali e federali.

3) Gli interessi del settore privato, del governo e della società civile rimangono fratturati e opposti. Non viene prestata sufficiente attenzione alla negoziazione di interessi comuni. Le città hanno bisogno di capitale ma devono anche essere luoghi vivibili per tutti i cittadini. Sono necessarie nuove alleanze per conciliare bisogni e risorse.

Tutti i problemi di cui sopra sono legati alla schiacciante necessità di integrazione, che fornisce un punto d'incontro comune per un'ampia gamma di attori per affrontare problemi complessi.

Non è un compito solo per il governo

L'Australia non ha cittadini alloggiamento or energia strategia. Ma entrambi sono fondamentali per le nazioni e le città di successo.

La formulazione congiunta di New Urban Agenda e SDG 11 offre un punto di accesso. Forniscono un catalizzatore per l'integrazione in tre aree critiche:

  • formulazione di politiche per affrontare molteplici problemi connessi;
  • nuovi tentativi di sviluppare una governance multilivello integrata; e
  • governance riformulata nella burocrazia, nelle imprese e nella società civile.

Gli ideali, gli obiettivi e i meccanismi di consegna condivisi collegati alla nuova agenda urbana sono il primo passo. Questo ha già portato alla creazione di a iniziativa multi-partner sostenere lo sviluppo urbano sostenibile.

La nuova agenda urbana è il prodotto di molte centinaia di studiosi urbani, sindaci, responsabili politici e voci della comunità. Fornisce un quadro politico integrativo che stabilisce una direzione ampia verso città migliori.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti