Brookings: dare un senso al contraccolpo contro le piattaforme online

Brookings
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Brookings Institution ha profondi legami con la Commissione trilaterale che ha avviato il nuovo ordine economico internazionale tecnocratico in 1973. Numerosi commissari fanno attualmente parte del suo consiglio di amministrazione. Pertanto, quando Brookings parla, TN ascolta. ⁃ Editor TN

Non molto tempo fa, la tecnologia dell'informazione era stata annunciata come uno strumento di progresso democratico. Alcuni si riferivano alle rivolte della primavera araba che spazzarono il Medio Oriente come la "Rivoluzione di Facebook" perché gli attivisti usavano i social media per organizzare e radunare i concittadini. Si riteneva che le tecnologie della piattaforma online aiutassero a promuovere l'uguaglianza, la libertà e la democrazia autorizzando i cittadini a pubblicare le loro idee e trasmettere le loro realtà quotidiane senza vincoli da parte dei guardiani, a comunicare liberamente tra loro e a sostenere le riforme politiche.

Negli ultimi anni, tuttavia, sono emersi dubbi sugli effetti della tecnologia dell'informazione sulla democrazia. Un coro sempre più scettico sulla tecnologia sta attirando l'attenzione sui modi in cui la tecnologia dell'informazione sconvolge la democrazia. Nessun paese è immune. Dalla Nuova Zelanda al Myanmar agli Stati Uniti, terroristi, governi autoritari e avversari stranieri hanno armato Internet. La campagna di influenza online della Russia durante le elezioni presidenziali degli 2016 negli Stati Uniti ha dimostrato quanto facilmente ed efficacemente i cattivi attori potessero sfruttare le tecnologie della piattaforma per perseguire i propri interessi. Le rivelazioni su Cambridge Analytica, la società di consulenza politica assunta dalla campagna presidenziale di Donald Trump che ha acquisito dati personali da 87 milioni di utenti di Facebook, hanno rivelato l'incapacità di Facebook di monitorare le informazioni raccolte da terzi attraverso la sua piattaforma e prevenirne l'uso improprio.

La preoccupazione si estende oltre incidenti isolati fino al cuore del modello di business alla base di molte delle grandi aziende tecnologiche di oggi. Le entrate pubblicitarie che alimentano l'economia dell'attenzione portano le aziende a creare nuovi modi per far scorrere gli utenti, visualizzare, fare clic, pubblicare e commentare il più a lungo possibile. Gli algoritmi progettati per raggiungere questo obiettivo spesso finiscono per visualizzare contenuti curati per intrattenere, scioccare e far arrabbiare ogni singolo utente.[4] I modi in cui le piattaforme online sono attualmente progettate sono quindi stati messi a fuoco per esacerbare la polarizzazione, radicalizzare gli utenti e premiare l'impegno con la disinformazione e il contenuto estremista. Mentre molte grandi aziende tecnologiche hanno investito poco nella protezione delle proprie piattaforme dagli abusi, hanno progettato un servizio che ha amplificato le tensioni politiche esistenti e generato nuove vulnerabilità politiche.

I paesi di tutto il mondo hanno risposto a questa crescente minaccia avviando indagini, approvando nuove leggi e commissionando rapporti. Nel frattempo, gli Stati Uniti sono rimasti indietro rispetto ad altri governi anche di fronte a abusi ben documentati durante le elezioni di 2016. Gli Stati Uniti sono stati più lenti a frenare la "grande tecnologia", in parte, a causa della paura del superamento da parte dello stato, dell'impegno costituzionale e culturale per la libertà di parola e della riluttanza a limitare la capacità delle aziende dinamiche di innovare.

I passi intrapresi dai governi di tutto il mondo, d'altra parte, possono essere spiegati da alcuni principi generali condivisi attraverso i confini. Un crescente consenso internazionale sostiene che i modi in cui sono attualmente progettate le piattaforme online dominanti rappresentano una minaccia intrinseca alla democrazia. In diversi paesi, i legislatori condividono l'opinione secondo cui il progetto strutturale dell'economia dell'attenzione ha provocato la disinformazione e la sua rapida diffusione online. Le potenti tecnologie odierne, sostengono, hanno accentuato il discorso pubblico saziando l'appetito per il tribalismo politico, fornendo informazioni - vere o false - che si accordano con le preferenze ideologiche di ciascun utente. Credono che i modi in cui le piattaforme dominanti filtrano e diffondono informazioni online rappresentano una grave minaccia politica non solo per le democrazie più recenti e più fragili, ma anche per le democrazie liberali occidentali di lunga data.

Mentre i legislatori negli Stati Uniti stanno iniziando a criticare i modi in cui le piattaforme online non sono riuscite a sorvegliare le proprie tecnologie, rimane una riluttanza a rispondere agli effetti collaterali negativi dell'economia digitale stabilendo termini per regolare il flusso di informazioni e classificando determinati contenuti come inaccettabile. Questo, secondo molti, violerebbe i diritti di libertà di parola del Primo Emendamento. Nel frattempo, altri paesi hanno identificato un ruolo normativo più chiaro per mitigare la minaccia che le piattaforme online rappresentano per le società democratiche.

Una divisione simile tra le azioni intraprese in Europa e negli Stati Uniti in materia di privacy online ha preso forma. L'Europa ha risposto con forza a proteggere la privacy online degli utenti, rafforzando la sua già solida serie di leggi sulla privacy quando ha approvato il regolamento generale sulla protezione dei dati nella primavera di 2016. La legge è ampiamente riconosciuta come la legge sulla privacy digitale più dura e completa dei libri ed è fondata su un attaccamento culturale alla protezione del diritto delle persone a controllare l'accesso alle loro informazioni personali.

...

Privacy dell'utente

Le piattaforme online che si basano su pubblicità mirata per generare entrate sono intese ad accumulare quante più informazioni personali sui propri utenti. Per anni, le aziende tecnologiche sono state in grado di raccogliere, utilizzare e condividere i dati degli utenti in gran parte senza vincoli. Un'indagine del New York Times ha scoperto che Facebook ha concesso a numerose grandi aziende tecnologiche l'accesso ai dati personali degli utenti, inclusi i messaggi privati ​​degli utenti. In un'altra indagine, il Wall Street Journal ha scoperto che le app per smartphone in possesso di dati personali altamente sensibili, comprese le informazioni sui cicli mestruali degli utenti, condividono regolarmente i dati con Facebook. Mentre gli utenti di Facebook possono vietare al sito di social media di utilizzare i propri dati per ricevere annunci pubblicitari mirati, gli utenti non sono in grado di impedire a Facebook di raccogliere i propri dati personali in primo luogo.

Nel frattempo, le violazioni dei dati di alto profilo hanno messo in evidenza l'incapacità di alcune delle più grandi aziende tecnologiche di proteggere le informazioni degli utenti dall'uso improprio. Cambridge Analytica, una società di dati politici collegata alla campagna presidenziale di Donald Trump ha preso di mira gli elettori in vista delle elezioni presidenziali di 2016 raccogliendo con successo informazioni private da un numero di utenti Facebook pari a 87, molti dei quali non avevano accettato di rilasciare Facebook le loro informazioni a terzi. La campagna ha utilizzato questi dati per indirizzare messaggi personalizzati agli elettori e "sussurrare individualmente qualcosa in ciascuna delle loro orecchie", come ha descritto l'informatore Christopher Wylie. Pochi mesi dopo la storia di Cambridge Analytica, gli hacker sono entrati con successo nella rete di computer di Facebook ed hanno esposto quasi 50 milioni di informazioni personali degli utenti.

Mentre gli utenti godono dell'accesso gratuito a molte piattaforme tecnologiche, stanno consegnando le loro informazioni personali con una scarsa comprensione della quantità, della natura o dell'applicazione delle società di tecnologia dei dati che detengono su di esse e della scarsa capacità di interromperne la raccolta. Lo scandalo Cambridge Analytica ha rivelato che interi sistemi e processi politici, non solo i singoli utenti, sono vulnerabili quando le grandi aziende tecnologiche non riescono a gestire correttamente i dati degli utenti e lasciano aperta la porta a coloro che sono interessati a sfruttare le fratture sociali e politiche.

L'Unione europea ha reso la privacy degli utenti online una priorità assoluta, affermandosi come leader globale in materia dopo aver approvato il regolamento generale sulla protezione dei dati. La legge stabilisce nuovi requisiti per ottenere il consenso dell'utente al trattamento dei dati, impone la portabilità dei dati, impone alle organizzazioni di comunicare tempestivamente agli utenti le violazioni dei dati e consente di imporre multe salate alle organizzazioni che violano il regolamento. Meno di un anno dopo il passaggio del GDPR, i funzionari francesi hanno imposto una multa di $ 57 milioni contro Google per non aver informato gli utenti sulle sue pratiche di raccolta dati e ottenere il consenso per la pubblicità mirata. Dopo aver affrontato le pressioni della Commissione europea, Facebook ha accettato di chiarire agli utenti che offre i suoi servizi gratuitamente utilizzando i dati personali per eseguire pubblicità mirate. In Irlanda, Facebook sta affrontando numerose indagini sulla sua conformità alle leggi europee sulla protezione dei dati. Queste mosse segnalano l'impegno dell'Europa a favore dell'applicazione forzata nell'ambito del suo nuovo regime sulla privacy.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti