La BRI crea "hub di innovazione" per tracciare il "futuro del denaro"

Benoit Coeuré, capo dei poli dell'innovazione della BRI (Andrej Klizan / Flickr)
Per favore, condividi questa storia!
I poli dell'innovazione della BRI sono una rete globale per lo sviluppo e il lancio di soluzioni Fintech per l'imminente Green Economy, alias Technocracy. Almeno 15 città globali sono programmate per ospitare un Innovation Hub e ognuna avrà il personale con i migliori informatici che il denaro possa comprare. ⁃ Editor TN

La Banca dei regolamenti internazionali (BRI) istituirà quattro ulteriori filiali "Innovation Hub" - a Toronto, Stoccolma, Londra e una sede congiunta per Parigi e Francoforte - nei prossimi due anni in una grande espansione del suo sforzo di un anno di riflessione il futuro del denaro.

Queste nuove sedi, annunciate martedì, "saranno ben posizionate per far avanzare il lavoro" sulla valuta digitale e la tecnologia di contabilità distribuita (DLT) insieme ad altre questioni di banca centrale, tra cui sicurezza informatica, intelligenza artificiale e pagamenti digitali, ha dichiarato Benoît Cœuré, capo dell'hub per l'innovazione, in una stampa dichiarazione.

La BRI, spesso definita la banca centrale per le banche centrali, ha anche annunciato che il suo polo di innovazione costituirà una partnership strategica con il sistema di riserva federale degli Stati Uniti.

In esattamente un anno dopo che la BRI ha svelato la sua visione di costruire una collaborazione tecnologica internazionale per le sue 62 banche centrali aderenti, l'espansione consolida la poliedrica spinta dell'istituzione svizzera di incubare il fintech ai massimi livelli di politica monetaria.

Segnala inoltre che la BRI rimane seriamente intenzionata a includere almeno una parte delle lezioni di criptovaluta in tali discussioni. In precedenza, la BRI aveva incaricato i suoi Hub di innovazione esistenti di indagare sulle stablecoin, le valute digitali DLT e le banche centrali (CBDC), tra le altre tendenze.

L'ultima serie di città hub potrebbe non sorprendere coloro che seguono da vicino il regno piuttosto oscuro dell'innovazione delle banche centrali. Il Bank of Canada di Sveriges Riksbank stanno entrambi prendendo in considerazione progetti che potrebbero fondamentalmente rimodellare il modo in cui la loro cittadinanza interagisce con il denaro e la Banca centrale europea (BCE), rappresentata da Parigi e Francoforte aderito alla BRI e altre quattro banche centrali a gennaio, compresi quelli di Svezia e Gran Bretagna, per studiare CBDC.

Forse più sorprendente è l'ampiezza sbalorditiva delle banche centrali che l'innovativa iniziativa Innovation Hub è ora destinata a unire.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti