2050: Bill Gates: tassa sul carbonio necessaria per emissioni zero di carbonio

Bill GatesImmagine gentilmente concessa da Wikipedia
Per favore, condividi questa storia!

Bill Gates è ora noto che le Nazioni Unite sono molto indietro rispetto alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

Secondo The Atlantic, "Gates è impegnato in una campagna di lobbying globale per spingere la sua specie a realizzare qualcosa su una scala che non ha mai tentato prima".

Specie, appunto. Chiede zero emissioni di carbonio dagli Stati Uniti e dalla Cina entro il 2050. Esatto, Zero emissioni. Inoltre, sta impegnando la sua vasta fortuna personale per assicurarsi che ciò accada.

Mentre anche le Nazioni Unite ammettono che una transizione da carbone e petrolio a gas naturale ridurrebbe le emissioni a breve termine, Gates ritiene che dovremmo semplicemente scavalcare questa fonte pulita di energia, che è economica e abbondantemente disponibile, e passare direttamente all'alternativa energia.

Tuttavia, Gates è confuso su ciò che l'attuale energia alternativa potrebbe raggiungere, sperando in alcune nuove invenzioni tecnologiche che non esistono ancora. Se non fosse per massicci sussidi governativi, l'industria eolica e solare sarebbe minuscola. Né sono economici a sé stanti.

Né il disinvestimento risolverà il problema. Secondo Gates, "Se pensi che il disinvestimento da solo sia una soluzione, temo che tu stia prendendo tutto il desiderio che le persone hanno per risolvere questo problema e in qualche modo esaurirai il loro idealismo ed energia per qualcosa che no emettono meno carbonio, perché solo poche persone nella società sono i proprietari delle azioni delle compagnie petrolifere o del carbone ".

Quindi, per Gates, la vera soluzione è scommettere su una tecnologia inesistente che aspetta solo di essere scoperta, se solo si potessero investire abbastanza soldi in R&D. Da dove verrebbero tutti questi soldi? Gates è schietto: "Senza una sostanziale tassa sul carbonio, non c'è alcun incentivo per innovatori o acquirenti di impianti a cambiare".

Il suo piano di ricerca e sviluppo principale includerebbe il finanziamento del contribuente generato da una "piccola percentuale" di carbon tax su tutti i consumi energetici.

Gates confronta questa iniziativa con l'industria farmaceutica:

“Ebbene, il successo degli Stati Uniti nella ricerca medica è davvero incredibile. Voglio dire, è fenomenale. Spendiamo 30 miliardi di dollari all'anno di soldi del governo e il settore privato esce e produce nuovi farmaci. "

 Per un uomo che ha fatto fortuna con il sistema economico capitalista, Gates apprezza poco come funziona il sistema. L'industria dovrebbe essere competitiva e guidata dal mercato. Il piano di Gates è guidato dal governo. Per Gates, il settore privato prende le elemosine gratuite del governo e poi esce e presenta nuove invenzioni a vantaggio delle società private che hanno avuto la fortuna di essere in fila in primo luogo.

Gates conclude: “Quindi dobbiamo avere un cambiamento radicale qui. Non ha precedenti muoversi così velocemente, cambiare un'infrastruttura di queste dimensioni: lo è veramente senza precedenti.

Ciò ricorda direttamente la definizione di "economia verde" dell'UNEP (Programma ambientale delle Nazioni Unite):

"Questi investimenti, sia pubblici che privati, forniscono il meccanismo per la riconfigurazione di imprese, infrastrutture e istituzioni, e per l'adozione di consumi e processi produttivi sostenibili".

Cioè, "riconfigurazione delle imprese, delle infrastrutture e delle istituzioni" per eliminare del tutto il capitalismo e la libera impresa, sostituendo allo stesso tempo lo sviluppo sostenibile.

Mentre gli obiettivi dichiarati dello sviluppo sostenibile sono davvero alti, il costo arriva nel consegnare le redini di tutta la produzione e tutti i consumi a un'oligarchia non eletta e non responsabile che crede di poter prendere decisioni migliori per l'umanità rispetto a coloro che compongono l'umanità.

Alla fine, Bill Gates spera in un miracolo: “E quando metti insieme tutti questi requisiti, abbiamo bisogno di un miracolo energetico. Ciò potrebbe sembrare troppo scoraggiante per le persone, ma nella scienza i miracoli accadono continuamente ".

Il vero problema per Gates e i suoi amici dello sviluppo sostenibile è che la stragrande maggioranza degli americani non è disposta a vedere la propria vita capovolta, la loro nazione riconfigurata e la libera impresa sostituita - sulla base di qualche miracolo indefinito per mano della scienza.

Sì, signor Gates, è troppo scoraggiante per noi.

 

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patrick McGean

L'aria compressa prodotta con energia solare, eolica e acqua è immagazzinabile nel sottosuolo. Cerca Bill Mullisson nel Queensland.
A zero emissioni di carbonio che frenano qualsiasi cosa per energia, i nostri attuali motori a combustione interna possono funzionare ad aria compressa

Patrick McGean

Comprimere l'aria

Al

Perché non confisciamo semplicemente la ricchezza del compagno Bill e non ci sarà bisogno di una tassa sul carbonio.