Big Tech che utilizza l'elenco Intel del governo per prendere di mira i suprematisti bianchi

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I principali governi stanno passando dal rintracciare i terroristi islamici alla sorveglianza dei suprematisti bianchi e dei terroristi interni. I dati del governo vengono trasferiti a un'organizzazione privata finanziata da Big Tech per schiacciare il dissenso e l'opposizione. Editor TN

Un gruppo antiterrorismo privato formato dalle più grandi aziende tecnologiche del mondo, tra cui FacebookGoogle, e Microsoft, utilizzeranno elenchi prodotti dalle agenzie di intelligence del governo per controllare i contenuti di suprematisti bianchi, milizie e altri gruppi estremisti, secondo Reuters.

Il database gestito dal Global Internet Forum to Counter Terrorism (GIFCT) si è concentrato, fino a poco tempo fa, su video e immagini di gruppi terroristici su un elenco delle Nazioni Unite, quindi è stato in gran parte costituito da contenuti di organizzazioni estremiste islamiche come ISIS, al Qaeda , e i talebani.

Il gruppo ha detto a Reuters che ora amplierà notevolmente il database utilizzando gli elenchi di Five Eyes, un'alleanza di agenzie di intelligence governative composta da Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti, per prendere di mira i suprematisti bianchi e le milizie, tra cui gruppi come i Proud Boys, i Three Percenters e i neonazisti.

GIFCT non ha risposto immediatamente a una richiesta di maggiori dettagli o di un commento sulla sua collaborazione con Five Eyes. Secondo il rapporto pubblicato sul suo sito web questo mese, il gruppo ha affermato che avrebbe preso di mira “Five Eyes designate organizzazioni terroristiche di estrema destra”.

I membri di GIFCT condividono "hash", rappresentazioni numeriche uniche di contenuti originali che sono stati rimossi dai loro servizi. Altre piattaforme li utilizzano per identificare lo stesso contenuto sui propri siti al fine di rivederlo o rimuoverlo.

Quattordici aziende possono accedere al database GIFCT sui contenuti rimossi, tra cui Reddit, Snap del proprietario di Snapchat, Instagram di proprietà di Facebook, Verizon Media, LinkedIn di Microsoft e il servizio di condivisione di file Dropbox. Il gruppo ha recentemente aggiunto come membri il colosso degli affitti di case Airbnb e la società di email marketing Mailchimp.

GIFCT ha affrontato critiche e preoccupazioni da parte di alcuni gruppi per i diritti umani e digitali sulla censura centralizzata o troppo ampia.

"Questa espansione del database hash GIFCT non fa che intensificare la necessità per GIFCT di migliorare la trasparenza e la responsabilità di queste risorse di blocco dei contenuti", ha dichiarato in una nota Emma Llanso, direttrice della libera espressione presso il Center for Democracy and Technology. "Man mano che il database si espande, i rischi di rimozione errata non fanno che aumentare".

Il direttore esecutivo di GIFCT, Nicholas Rasmussen, ha affermato che "l'eccesso di risultati in questo ti porta nella direzione di violare i diritti di qualcuno su Internet per impegnarsi nella libera espressione".

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi di più: Big Tech che utilizza l'elenco Intel del governo per prendere di mira i suprematisti bianchi […]

[…] Leggi di più: Big Tech che utilizza l'elenco Intel del governo per prendere di mira i suprematisti bianchi […]

[…] Leggi di più: Big Tech che utilizza l'elenco Intel del governo per prendere di mira i suprematisti bianchi […]