La piccola Alfie Evans era una vittima della tecnocrazia

Alfie Evans - Foto: Facebook ufficiale dell'esercito di Alfies
Per favore, condividi questa storia!
A tempo debito, Tecnocrazia nel settore sanitario toccherà tutti personalmente. Il caso del piccolo Alfie è un segno delle cose a venire mentre i tecnocrati prendono decisioni sterili e "basate sulla scienza" su chi vive e muore e su quali trattamenti è consentito ricevere. ⁃ TN Editor

 morte di Alfie Evans, costretto a rinunciare al supporto vitale di medici, bioeticisti e giudici - estranei - e negato il diritto di prendere le decisioni di cura dai suoi genitori, porta l'assistenza sanitaria a un crocevia.

Per anni ci è stato detto che le decisioni di fine vita sono le più intime di tutte e che come persone autonome, noi - o se incompetenti, le nostre famiglie - dobbiamo essere liberi di decidere quando rifiutare il supporto vitale, a cui dico amen.

Alcuni, portano il meme ancora più lontano, insistendo sul fatto che l'autonomia è così fondamentale, i pazienti dovrebbero essere in grado di dirigere i medici a fornire una prescrizione letale o un jab se desiderano la cessazione per evitare sofferenze causate da malattia, disabilità o debilitazione.

Ma, adesso ci viene detto quando la vita è voluta, quando un paziente o una famiglia desidera lottare per ogni respiro, o i genitori decidono di dare ai loro figli ogni possibilità di superare una terribile crisi sanitaria, non importa quanto improbabile - beh, l'autonomia ha i suoi limiti, non lo sai. "I migliori interessi" e tutto il resto.

Questi casi stanno diventando più sfacciati. Alcuni lo chiamano "cure inutili" o "cure inadeguate" - in base ai valori utilitaristici della nostra classe tecnocratica di "esperti", che sta prendendo il potere su se stesso per decidere quando una vita non merita più di essere vissuta. Possono chiamarlo "standard professionali", tutto ciò che vogliono, ma le persone capiscono cosa sta realmente succedendo.

Ma ecco il punto: se Alfie fosse stato un bambino reale - sia di tipo politico che di celebrità - sarebbe ancora in supporto vitale se fosse quello che i suoi genitori volevano. Sarebbe in un altro ospedale con nuove menti e nuove immaginazioni alla ricerca di cause e trattamenti. E si classifica.

Le nostre istituzioni sono in uno stato di crisi di sfiducia. Nell'assistenza sanitaria, questo viene generato e aggravato da ogni caso di coercizione da parte degli "esperti". Lo so. Le persone mi contattano. Inviano e-mail o si avvicinano dopo i miei discorsi. Nelle storie che raccontano, sento che a volte due vite sono state perse nell'evento perché il senso di rabbia e perdita delle persone è così crudo che semplicemente non possono andare avanti.

Date le milioni di volte in cui pazienti e famiglie decidono di smettere di combattere la malattia o l'infortunio e consentire alla natura di fare il suo corso, è notevole che i biochimici e gli honchos della politica sanitaria sentano il bisogno di spingere i relativamente pochi dissidenti fuori dalla scialuppa di salvataggio. Non è giusto Non è solo E non è intelligente.

Ironia della sorte, credo che i medici dell'ospedale abbiano davvero pensato che fosse nel miglior interesse di Alfie fermare il supporto vitale. Potrei credere che era giunto il momento di lasciarlo andare anche lui.

Ma allora cosa importa e chi se ne frega? Non era il mio ragazzo. E non era loro. I genitori avrebbero dovuto essere in grado di effettuare quella chiamata e di trasferirlo in un altro ospedale disposto a continuare a provare.

E se avessero stabilito una tecnocrazia e nessuno avesse obbedito? Si trattava di energia pura. Se Alfie - Charlie Gard davanti a lui e alle vittime di cure inutili in questo paese - era sfuggito al diktat, presto ne sarebbero arrivati ​​anche altri che chiedevano la loro libertà.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti