Avvertimento dal Regno Unito: la tecnocrazia e il technate globale sono imminenti

Per favore, condividi questa storia!
Come altri scrittori vedono Technocracy per quello che è: “Un Technate degrada il cittadino allo status di un cane o di una macchina. Esistiamo solo per servire le direzioni del controllo continentale e della sequenza delle funzioni. Questi saranno guidati da una classe parassita intoccabile che reclama diritti e autorità assoluta su tutto”. La distinzione tra un mero governo tecnocratico e un tecnato in piena regola è fondamentale da comprendere. ⁃ Editore TN

Negli ultimi due anni la domanda di governo tecnocratico è diventato un punto di discussione nella società occidentale. Il dibattito riguarda il grado in cui esperti qualificati dovrebbero influenzare o forse anche controllare la politica.

In gran parte a causa della disillusione nei confronti della classe politica, molte persone sono ampiamente favorevoli a questa idea. È quindi fondamentale comprendere che la governance tecnocratica è solo un aspetto della tecnocrazia.

Una Technate - tecnocrazia applicata all'intera società - non si limita al governo tecnocratico. Va molto oltre ed è un costrutto sociopolitico nuovo e distinto.

Una governance technate vs tecnocratica

Durante la pseudopandemia, membri di spicco all'interno dello Scientific Advisory Group for Emergencies (SAGE) del governo britannico non si limitavano a fornire consigli, ma apparentemente guidavano le politiche. Persone come Chris Whitty e Patrick Vallance sono state "viste", da milioni di telespettatori, per guidare le decisioni del governo. Il mantra di accompagnamento dei politici britannici era che erano "guidati dalla scienza".

La gente ha presunto che questa sia tecnocrazia. Non lo è ed è fondamentale comprendere tutte le orribili implicazioni della vera tecnocrazia.

Se ci guarda più da vicino questa relazione tra l'esperto - il tecnocrate - e il politico durante la pseudopandemia, è forse più corretto affermare che la scienza è stata scelta dai politici perché ha sostenuto le loro politiche. Detto questo, una politica genuinamente guidata da tecnocrati non è insolita in Occidente, specialmente la politica monetaria.

La risposta politica ed economica al Covid-19, su entrambe le sponde dell'Atlantico, esemplifica l'influenza e il controllo tecnocratici. Ad esempio, gli economisti ei finanzieri delle banche centrali – gli “esperti” – hanno impegnato i contribuenti dell'Unione Europea (UE) a finanziare politiche senza alcuna significativa supervisione da parte dei politici.

Christine Lagarde, capo della Banca centrale europea (BCE), parlando nel 2020, Ha dichiarato:

Il Consiglio direttivo si impegna a fare tutto il necessario nell'ambito del suo mandato per aiutare l'area dell'euro a superare questa crisi. [. . .] È pienamente pronta ad aumentare le dimensioni del suo programma di acquisto di attività[.]

Il Consiglio direttivo della BCE ha deciso che i cittadini dell'UE dovevano inizialmente investire più di 1 trilione di euro per proteggere efficacemente la liquidità delle banche commerciali. La BCE lo è completamente indipendente dal Parlamento europeo, dalla Commissione europea e da tutti i governi degli Stati membri dell'UE:

Né la BCE né le banche centrali nazionali (BCN), né alcun membro dei loro organi decisionali, sono autorizzati a chiedere o accettare istruzioni da istituzioni o organi dell'UE, da qualsiasi governo di uno Stato membro dell'UE o da qualsiasi altro organismo.

Il consiglio direttivo della BCE Mandato è "formulare la politica monetaria per l'area dell'euro". Così, ad a misura significativa, anche la politica economica dell'UE è plasmata da tecnocrati non eletti. Si dice che la tassazione senza rappresentanza è la tirannia, ma nessuno sembra preoccupato. La Commissione Ue ci tiene a sottolinearlo l'UE rappresenta una "democrazia che si oppone all'autocrazia".

Indipendentemente dal dibattito sui relativi meriti e punti deboli della governance tecnocratica, dallo sviluppo sostenibile globale e dalla politica della salute pubblica alla politica economica e di difesa, i tecnocrati stanno chiaramente guidando la formulazione della politica in tutto il mondo. Ma questo da solo non è tecnocrazia.

Nel 1933 Technocracy inc. pubblicato il suo Corso di studio sulla tecnocrazia che ha fornito le specifiche tecniche per una proposta tecnocrazia continentale nordamericana. Una società basata sui principi della tecnocrazia è chiamata Technate:

La tecnocrazia ritiene che la produzione e la distribuzione di un'abbondanza di ricchezza fisica su scala continentale per l'uso di tutti i cittadini continentali possa essere realizzata solo da un controllo tecnologico continentale, una governance della funzione, un Technate.

Che cos'è la tecnocrazia?

La tecnocrazia è un tentativo apparentemente ingenuo da parte di un piccolo gruppo di ingegneri, economisti, sociologi e altri cervelloni di affrontare tutti i problemi sociali, economici e politici, così come li percepivano. Ciò verrebbe fatto sostituendo il sistema capitalista occidentale e, in particolare, il sistema monetario con la tecnocrazia. Per il resto dell'articolo chiameremo questo gruppo "i tecnocrati".

Alcuni aspetti della tecnocrazia, come la sua critica al "sistema dei prezzi" (sistema monetario) e al sistema legale, non erano privi di merito. L'obiettivo di fornire “vite di abbondanza” alla gente era encomiabile.

Sfortunatamente, come molte idee apparentemente ben intenzionate, le numerose carenze epistemiche della tecnocrazia, come il suo completo fallimento persino nel riconoscere la motivazione, l'hanno resa lo strumento perfetto per gli autoritari. Nelle mani di coloro che sono motivati ​​a esercitare il potere globale, è il sistema di controllo sociale più completo mai concepito. Da qui il suo appello a la classe dei parassiti.

Nel modello della tecnocrazia, la "classe", in senso socio-economico, sarebbe eliminata. Questo è un altro difetto dei modellisti: la tecnocrazia crea la struttura di classe più rigida che si possa immaginare.

Nei loro sforzi per liberarci dalla classe socio-economica, i tecnocrati hanno ribattezzato la struttura di classe "beccare i diritti". Hanno equiparato l'immensa complessità della società umana ai "diritti del becco" osservati nelle mandrie di mucche e nei pollai. Di conseguenza, hanno concluso che la migliore organizzazione sociale per l'umanità era quella "in cui gli individui [sono] collocati il ​​​​più vicino possibile rispetto ad altri individui in conformità con i diritti di peck".

I diritti di peck, sostenevano, venivano guadagnati da coloro che avevano le competenze tecniche richieste e la naturale capacità di guidare. Presumibilmente, quindi, i diritti di peck sono essenziali affinché la società umana funzioni nel modo più efficiente possibile. Il Corso di Studio di Tecnocrazia afferma:

Non ci deve essere, per quanto possibile, alcuna inversione dei naturali "diritti beccati" tra gli uomini.

I tecnocrati chiamavano la loro nozione di diritti di peck la "base della priorità naturale spontanea". Nel loro modo piuttosto maldestro, stavano apparentemente cercando di descrivere l'"ordine spontaneo" suggerito dai filosofi dell'Illuminismo scozzese che fu poi formalmente proposto da economisti come Friedrich Hayek e Milton Friedman.

Nella loro apparente ingenuità, i tecnocrati hanno ignorato la "teoria dell'élite" di Vilfredo Pareto, Gaetano Mosca, Roberto Michels e altri, che ha dimostrato che il potere politico è esercitato da coloro che controllano le risorse. Come i tecnocrati, i teorici dell'élite sostenevano che l'oligarchia fosse il risultato di una sorta di meritocrazia.

Mentre sia la teoria dell'élite che la tecnocrazia consideravano questo ordine sociale inevitabile, a differenza della tecnocrazia, la teoria dell'élite riconosceva come il potere potesse essere corrotto e abusato. I tecnocrati erano apparentemente inconsapevoli, o scelsero di ignorare, la probabilità che questa corruzione continuasse nel loro sistema tecnocratico ridisegnato.

Nella Tecnocrazia inc. Corso di Studio la parola “tecnocrate” non è citata. Invece la "sede centrale" composta da "personale tecnicamente preparato" amministra "l'intera operazione sociale e tutti i registri di produzione e distribuzione" per il Technate. Si diceva che tutte le “funzioni” sociali, industriali e tecnologiche erano interdipendenti e quindi l'intero sistema funzionale poteva essere pianificato e gestito centralmente.

Il Technate presumibilmente opererebbe attraverso un attento controllo delle varie "sequenze funzionali":

L'unità di base di questa organizzazione è la Sequenza Funzionale. Una Sequenza Funzionale è una delle più grandi unità industriali o sociali, le cui varie parti sono correlate l'una all'altra in una sequenza funzionale diretta. Così tra le maggiori Sequenze Industriali abbiamo i trasporti (ferrovie, vie d'acqua, vie aeree, autostrade e oleodotti); comunicazione (posta, telefono, telegrafo, radio e televisione); agricoltura (agricoltura, allevamento, caseificio, ecc.); e le grandi unità industriali come il tessile, il ferro e l'acciaio, ecc. impianti e istituti per i difettosi).

Sono state proposte ulteriori Sequenze Funzionali “speciali”. Tutto lo sviluppo tecnologico e scientifico sarebbe controllato attraverso la sequenza di ricerca continentale. La "sequenza delle relazioni sociali" avrebbe supervisionato la legge e l'ordine. Le giurie dovevano essere abolite e la sequenza delle relazioni sociali avrebbe creato tutte le "regole" ei suoi direttori avrebbero successivamente indagato e giudicato tutti coloro che non funzionavano in modo efficiente. Poiché anche la proprietà privata verrebbe abolita, non ci sarebbero contenziosi o controversie sulla proprietà.

A loro merito, i tecnocrati non consideravano la questione della legalità come definitiva nel determinare la moralità di un presunto "crimine". Hanno persino evitato la parola "crimine". Ironia della sorte, hanno sottolineato che il sistema legale è infinitamente corrotto e che la cosiddetta giustizia potrebbe essere comprata. Ma non riuscivano a comprendere la natura della corruzione che avevano identificato.

La tecnocrazia cade a faccia in giù perché i tecnocrati non potevano entrare in empatia con i loro simili. Di conseguenza, non avevano una valutazione interdisciplinare di cosa Wilhelm Dilthe hanno chiamato "le scienze umane". Hanno cercato di ridisegnare la società senza riuscire ad apprezzare ciò che è o come si forma.

Questo difetto fondamentale nel loro approccio è stato esemplificato dal loro concetto di "crimine". Che fossero illegali o no, credevano che tutti i crimini fossero interamente il prodotto del "Sistema dei prezzi" e separati dall'avarizia o dalla malevolenza. I tecnocrati hanno ignorato movente e illecito e hanno attribuito tutti i crimini solo ai mezzi e alle opportunità.

La Sequenza delle Forze Armate applicherebbe le regole imposte dalla Sequenza delle Relazioni Sociali e agirebbe in accordo con le decisioni strategiche della Sequenza degli Affari Esteri. La sequenza delle forze armate non solo coordinerebbe la difesa militare del Technate, ma anche la sicurezza interna e l'addestramento e l'equipaggiamento della polizia continentale.

Tutta la sicurezza interna sarebbe controllata sotto "un'unica giurisdizione" con la polizia continentale che applica le regole giudicate dalla direzione della sequenza delle relazioni sociali.

Il continente nordamericano doveva essere suddiviso in regioni gestite dalla "Sequenza di controllo dell'area". Tutte le Sequenze Funzionali sarebbero supervisionate dalla Sequenza di Controllo Continentale.

Pertanto, nella tecnocrazia, l'intero Technate è governato da un corpo autoproclamato:

Il personale di tutte le Sequenze Funzionali formerà una piramide sulla base delle capacità del capo di ciascun dipartimento all'interno della Sequenza, e il personale generale risultante di ciascuna Sequenza farà parte del Controllo Continentale. Un governo funzionale! Il direttore continentale, come suggerisce il nome, è l'amministratore delegato dell'intero meccanismo sociale. Nel suo staff immediato ci sono i Direttori delle Forze Armate, delle Relazioni Estere, della Ricerca Continentale e delle Relazioni Sociali e Controllo di Area. [. . .] Il Direttore Continentale è scelto tra i membri del Controllo Continentale dal Controllo Continentale. A causa del fatto che questo Controllo è composto solo da circa 100 membri, che si conoscono tutti bene, non c'è nessuno più adatto a fare questa scelta di loro.

Technocracy inc potrebbe aver sperato di creare un sistema che avrebbe fornito a tutti "vite di abbondanza", ma la riduzione degli umani da parte dei tecnocrati a macchine biologiche significava che puntavano verso l'apice del totalitarismo disumano. Nonostante le sue allusioni a ordine spontaneo, la tecnocrazia capovolge i meccanismi economici e sociali che potrebbero potenzialmente consentire il fiorire dell'ordine spontaneo. Li sostituisce con il sistema definitivo di potere centralizzato e controllo delle risorse.

Questo è precisamente il meccanismo che consente al potere di opprimere le popolazioni nell'attuale sistema sociopolitico. Come Technate, su scala continentale e globale, quel potere può agire senza restrizioni.

La scienza dell'ingegneria sociale

In 1938 in Technocrat Magazine vol. 3 n. 4 , la rivista interna di Technocracy inc., Technocracy è stata descritta come:

La scienza dell'ingegneria sociale, il funzionamento scientifico dell'intero meccanismo sociale per produrre e distribuire beni e servizi all'intera popolazione.

Come descritto sopra, un Technate si manifesta come un "governo della funzione". Ciò significa che la "produzione e distribuzione" di tutti i beni, servizi e risorse sono coordinate centralmente attraverso un unico sistema di "controllo tecnologico". Poiché tutti i cittadini del Technate dipendono dalle decisioni del controllo continentale, ciò consente un'ampia ingegneria sociale attraverso il "funzionamento scientifico" della società stessa.

Avendo presumibilmente sradicato la classe sociopolitica, sostituendola con i diritti di peck, si dice che la società in un Technate sia divisa in tre classi "funzionali". I bambini e i giovani sono classificati come coloro che non hanno ancora iniziato il loro "servizio sociale in una funzione o nell'altra", gli adulti che lavorano svolgono la loro "funzione di servizio" fino alla pensione, che i tecnocrati hanno descritto come "la fine del periodo di servizio fino al la morte dell'individuo».

Di conseguenza, il funzionamento scientifico della società consente al “servizio” dell'“animale umano” di agire come “motore umano” per l'efficiente funzionamento delle diverse Sequenze Funzionali. Sono fissati limiti per la spesa totale delle risorse nell'intero Technate, comprese le risorse umane. Affinché le Sequenze Funzionali rimangano “efficienti” queste non devono essere superate:

Il raggiungimento di questi fini risulterà da un controllo centralizzato con un'organizzazione sociale costruita secondo linee funzionali, simile a quella della forza operativa di qualsiasi grande unità funzionale del presente come il sistema telefonico o il sistema elettrico. [. . .] La popolazione deve essere addestrata e organizzata in modo da mantenere la continuità dell'operazione entro i limiti specificati.

I tecnocrati vedevano la "mente", la "coscienza" e la "volontà" umane come concetti ridondanti fondati nel "passato ignorante e barbaro" dell'umanità. Un essere umano era considerato un oggetto "che fa una certa varietà di movimenti e rumori", paragonato a un cane oa un veicolo. Lo scopo del Technate era quello di ingegnerizzare socialmente il comportamento dell '"animale umano" per il proprio bene. Il Corso di Studi, parlando di umanità, ha osservato:

Possono essere condizionati a non usare un certo linguaggio, a non mangiare certi cibi in certi giorni, a non lavorare in certi giorni, a non accoppiarsi in assenza di certe parole cerimoniali pronunciate su di loro, a non entrare in un negozio di alimentari per il cibo anche anche se potrebbero non aver mangiato per giorni.

Il “Sistema dei prezzi” capitalista era ritenuto “inefficiente” perché il “denaro” era il prodotto del debito che quindi non generava altro che rifiuti. Estinguendo il "sistema dei prezzi" capitalista, la tecnocrazia ha proposto che il costo di beni e servizi potesse essere determinato in base al costo energetico della produzione. Un numero corrispondente di "certificati energetici" verrebbe creato ogni due anni, supervisionato da Continental Control, commisurato alla spesa energetica totale pianificata del Technate:

[E] l'energia è misurabile in unità di lavoro: erg, joule o piedi per libbra. [. . .] Esiste un gran numero di dispositivi contabili diversi per mezzo dei quali è possibile tenere la distribuzione e le registrazioni del tasso di consumo dell'intera popolazione. [. . .] Con questo sistema tutti i libri ei registri relativi al consumo sono tenuti dalla sequenza di distribuzione del meccanismo sociale. Il reddito è concesso al pubblico sotto forma di certificati energetici.

Ciò consentirebbe uno stato di sorveglianza completo che monitorerebbe e controllerebbe le transazioni di ogni cittadino nel Technate:

La registrazione delle proprie entrate e del relativo tasso di spesa è tenuta dalla sequenza di distribuzione, in modo che sia semplice in qualsiasi momento per la sequenza di distribuzione accertare lo stato del saldo di un cliente sconosciuto.

L'idea dei tecnocrati era che tutti i cittadini avrebbero avuto una quota uguale di certificati energetici non commerciabili, loro assegnati, con cui acquistare beni e servizi. Questo sarebbe più che sufficiente per i loro bisogni e quindi eliminerebbe la povertà e assicurerebbe a tutti una vita di abbondanza.

I Titoli Energetici assegnati registrerebbero anche tutti i dati anagrafici del singolo cittadino beneficiario. In combinazione con la raccolta dei dati della sequenza di distribuzione, ciò consentirebbe l'ingegneria precisa della società garantendo che il cittadino utilizzi i propri certificati energetici come specificato per mantenere l'efficienza della relativa sequenza di funzioni:

Il significato di ciò, dal punto di vista della conoscenza di ciò che sta accadendo nel sistema sociale, e del controllo sociale, può essere meglio apprezzato quando si osserva l'intero sistema in prospettiva. In primo luogo, un'unica organizzazione presidia e gestisce l'intero meccanismo sociale. Questa stessa organizzazione non solo produce ma distribuisce tutti i beni e servizi. Quindi esiste un sistema uniforme di tenuta dei registri per l'intera operazione sociale, e tutti i registri di produzione e distribuzione sono riconducibili a un quartier generale centrale. La tabulazione delle informazioni [contenute sui Titoli Energetici] fornisce una registrazione completa della distribuzione, ovvero del tasso pubblico di consumo per merce, per sesso, per suddivisione territoriale, per occupazione, per fascia di età.

Purtroppo, la comprensione del potere degli oligarchi da parte dei tecnocrati era peurile. Nel tentativo di creare un sistema equo di distribuzione della ricchezza, hanno in realtà escogitato un modello che si presta perfettamente a una nuova forma di rampante capitalismo clientelare.

La critica di Technocracy Inc alla "ricchezza", delineata nel 1933 nella pubblicazione Introduzione alla tecnocrazia, non si opponeva alla ricchezza in sé, ma ridefiniva il modo in cui poteva essere misurata e distribuita:

Sotto un sistema di prezzi la ricchezza nasce esclusivamente attraverso la creazione di debito. [. . .] La ricchezza fisica, invece, è prodotta convertendo l'energia disponibile in forme d'uso e servizi. [. . .] La tecnologia ha introdotto una nuova metodologia nella creazione della ricchezza fisica.

I tecnocrati hanno anche deciso che coloro che hanno diritti di peck "devono" avere "ampio margine di manovra per l'espressione dell'iniziativa individuale". Quando questi fattori sono combinati con la proposta distribuzione dei certificati energetici, la portata di un nuovo modello di capitalismo clientelare è quasi illimitata:

[L'energia può essere allocata in base agli usi a cui deve essere destinata. L'importo necessario per i nuovi impianti, comprese strade, case, ospedali, scuole, ecc., e per i trasporti e le comunicazioni locali sarà detratto dal totale come una sorta di spese generali, e non a carico dei privati. Dopo aver effettuato tutte queste detrazioni, [. . .] il resto sarà destinato alla produzione di beni e servizi per il consumo da parte del pubblico adulto in generale. [. . .] Pertanto, se sono disponibili i mezzi per produrre beni e servizi [. . .] a ogni persona sarebbe concesso un reddito[.]

La prevista “equa” distribuzione dei Titoli Energetici alla popolazione rappresentava il “resto”. Il controllo continentale, e tutti i direttori e gli individui dotati che hanno il margine di manovra per esercitare i loro diritti individuali, prima decidono quanto devono stanziarsi per mantenere "il funzionamento scientifico dell'intero meccanismo sociale". Alle persone viene assegnato ciò che resta "se" ce n'è qualcuno "disponibile".

Gli approcci della tecnocrazia globale

Nell'America degli anni '1930 le idee presentate dai tecnocrati erano assurde. Il necessario sistema di sorveglianza "onnipervasivo" era un'impossibilità tecnologica. Oggi non è il caso.

La capacità tecnologica esiste già per consentire alla nuova razza di tecnocrati di gestire la popolazione controllando il nostro accesso alle risorse. I progressi nella tecnologia digitale, descritti dal World Economic Forum come la 4a rivoluzione industriale, ha permesso la costruzione di reti intelligenti, le Internet delle cose (IoT) e il necessario sistema di sorveglianza onnipervasivo. I certificati energetici sono ora interamente fattibili.

L'UE ha già avvertito la sua popolazione di prepararsi razionamento energetico. Vi sono tutte le ragioni per sospettare che ciò si applicherà presto a noi su base individuale. Ad esempio, tramite il tuo personal tracciatore di impronta di carbonio che potrebbe facilmente essere collegato ai pagamenti effettuati con Valuta digitale della Banca centrale (CBDC), o qualche variazione di esso.

CBDC è un "denaro programmabile" che può essere controllato dall'emittente per limitare determinate transazioni. L'ex vice governatore della Bank of China e attuale vicedirettore generale della il Fondo Monetario Internazionale (FMI), Bo li, ha detto al simposio del FMI Valute digitali della banca centrale per l'inclusione finanziaria: rischi e benefici:

CBDC può consentire alle agenzie governative e agli attori del settore privato di programmare [CBDC] per creare contratti intelligenti, per consentire funzioni politiche mirate. Ad esempio[,] prestazioni assistenziali [. . .], buoni consumo, [. . .] buoni pasto. Programmando, il denaro CBDC può essere mirato con precisione [a] che tipo di [cose] le persone possono possedere e che tipo di uso [per cui] questo denaro può essere utilizzato.

Questo è precisamente il "meccanismo di controllo sociale" sostenuto dalla tecnocrazia. Come previsto dal Corso di Studio:

Gli esseri umani, quando sono nutriti, alloggiati e vestiti, in modo non troppo disagevole, e quando sono consentite normali relazioni sociali tra di loro, tendono a cristallizzare le loro attività di routine in abitudini sociali immutabili. [. . .] Se, tuttavia, [. . . ] queste abitudini diventano incompatibili con le stesse necessità biologiche di cibo, vestiario, ecc., le abitudini sociali si osservano sempre riadattate [. . .] "Il cambiamento sociale", ha succintamente osservato Howard Scott, "tende a verificarsi a una velocità simile all'avvicinamento della parte anteriore dello stomaco alla spina dorsale". [. . .] Finché gli esseri umani sono ampiamente forniti delle necessità biologiche di base, cibo, quantità necessarie di vestiti e alloggio, e sbocchi sociali e sessuali, si esibiranno in modo routinario senza sconvolgere né le loro risposte condizionate né le loro inibizioni condizionate. Affronteranno letteralmente i proiettili piuttosto che la disapprovazione sociale.

Coloro che apprezzano il governo tecnocratico e pensano che sia tecnocrazia, e quindi presumono che la tecnocrazia non sia nulla di cui preoccuparsi, non capiscono cosa sia la tecnocrazia. Un Technate è la forma più completa di tirannia mai concepita dall'umanità.

Questo potrebbe non essere ciò che intendevano i tecnocrati, ma sono stati ostacolati dal loro orgoglio per la loro pretesa obiettività. Li rendeva ciechi rispetto alla realtà della natura umana, che non capivano né spiegavano.

Un Technate degrada il cittadino allo stato di un cane o di una macchina. Esistiamo solo per servire le direzioni del controllo continentale e della sequenza delle funzioni. Questi saranno guidati da una classe parassita intoccabile che reclama diritti e autorità assoluta su tutto.

Personalmente sono contrario all'idea.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

[…] Avviso dal Regno Unito: la tecnocrazia e il technate globale sono imminenti […]

Erik Nielsen

“Personalmente sono contrario all'idea”. Anche io.
È incredibile che possiamo continuare a correre sugli stessi vecchi concetti ancora e ancora. Tutto questo odora del vecchio regime di apartheid SA con enclavi di separazione razziale di neri, contadini e bianchi. Tutti britannici fino al midollo.

trackback

[…] Avviso dal Regno Unito: la tecnocrazia e il technate globale sono imminenti […]