Aumentato o artificiale: quando la realtà non è reale

Per favore, condividi questa storia!
Piaccia o no, la realtà aumentata sta rapidamente avanzando al punto che le persone non saranno in grado di dire la differenza tra reale e irreale. Dove non esistono confini e privacy, questo creerà un mondo distopico. ⁃ Editor TN

L'attore di arti marziali Jet Li ha rifiutato un ruolo in Matrix ed è stato invisibile sui nostri schermi perché non vuole che le sue mosse di combattimento vengano catturate e possedute da 3D da qualcun altro. Presto tutti indosseranno fotocamere compatibili con 3D per supportare applicazioni di realtà aumentata (spesso denominate realtà mista). Tutti dovranno affrontare i tipi di problemi di acquisizione digitale in ogni parte della nostra vita che Jet Li ha evitato in ruoli chiave e che i musicisti hanno lottato per affrontare da Napster. AR significa che chiunque può strappare, mescolare e bruciare la realtà stessa.

Tim Cook ha messo in guardia l'industria "Il complesso industriale dei dati" e ha sostenuto la privacy come un diritto umano. Non ci vuole molto a pensare a dove alcune parti dell'industria tecnologica sono dirette a vedere l'AR inaugurare un futuro distopico in cui siamo bombardati da spiacevoli distrazioni visive, e ogni nostro movimento oculare e reazione emotiva viene monitorato per il targeting degli annunci. Ma come ha anche detto Tim Cook, "non deve essere inquietante". L'industria ha commesso errori di acquisizione dei dati durante la costruzione delle piattaforme tecnologiche di oggi e non dovrebbe ripeterli.

La distopia è facile per noi da immaginare, poiché gli esseri umani sono predisposti per l'avversione alla perdita. Questo hard-cablaggio si riferisce alla tendenza delle persone a preferire evitare una perdita rispetto a una vittoria uguale. È meglio evitare di perdere $ 5 piuttosto che trovare $ 5. È un meccanismo evolutivo di sopravvivenza che ci ha resi iper-allerta per le minacce. La perdita di essere mangiato da una tigre ha avuto più impatto del guadagno di trovare del cibo da mangiare. Quando si tratta di pensare al futuro, istintivamente reagiamo in modo eccessivo al rischio al ribasso e sottovalutiamo i benefici al rialzo.

Come possiamo avere un'idea di cosa significherà AR nella nostra vita di tutti i giorni, ovvero (ironicamente) basato sulla realtà?

Quando osserviamo lo stack tecnologico che abilita l'AR, è importante notare che ora è stato acquisito un nuovo tipo di dati, unico per l'AR. È la mappa del mondo 3D generata dal computer, leggibile automaticamente. I sistemi AR lo usano per sincronizzare o localizzarsi nello spazio 3D (e tra loro). I servizi del sistema operativo basati su questi dati sono indicati come "AR Cloud". Questi dati non sono mai stati acquisiti su larga scala e AR Cloud è il 100 percento necessario affinché le esperienze AR funzionino, su larga scala.

Funzionalità fondamentali come persistenza, multiutente e occlusioni all'aperto ne hanno bisogno. Immagina una versione super di Google Earth, ma le macchine invece delle persone la usano. Questo set di dati è completamente separato dal contenuto e dai dati utente utilizzati dalle app AR (ad es. Dettagli dell'account di accesso, analisi degli utenti, risorse 3D, ecc.).

I servizi di AR Cloud sono spesso considerati semplicemente come una "nuvola di punti", che porta le persone a immaginare soluzioni semplicistiche per gestire questi dati. Questi dati in realtà hanno potenzialmente molti livelli, tutti che forniscono vari gradi di utilità a diversi casi d'uso. Il termine "punto" è solo un modo abbreviato di riferirsi a un concetto, un punto 3D nello spazio. Il formato dei dati per come viene selezionato e descritto quel punto è unico per ogni sistema AR all'avanguardia.

La cosa fondamentale da notare è che affinché un sistema AR funzioni meglio, gli algoritmi di visione artificiale sono così strettamente legati ai dati che diventano effettivamente la stessa cosa. Gli algoritmi ARKit di Apple non funzionerebbero con i dati ARCore di Google anche se Google gli avesse concesso l'accesso. Lo stesso vale per HoloLens, Magic Leap e tutte le startup nello spazio. Le prestazioni delle soluzioni di mappatura open source sono generazioni dietro i principali sistemi commerciali.

Quindi abbiamo stabilito che questi "AR Clouds" rimarranno proprietari per qualche tempo, ma esattamente quali dati sono presenti e dovrei essere preoccupato che vengano raccolti?

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti