Al 79%, Instagram è il peggior trasgressore nella vendita dei tuoi dati personali

Per favore, condividi questa storia!
Anche se di proprietà di Facebook, Instagram supera di gran lunga il suo genitore nella vendita di informazioni personali degli utenti a terzi. Come l'olio del 21 ° secolo, i tecnocrati sono ossessionati dai dati, dalla loro raccolta, dalla loro analisi, dalla loro distribuzione e vendita. ⁃ TN Editor

Lo abbiamo sperimentato tutti: un secondo stai guardando la recensione di un prodotto su YouTube e quello successivo vedi un annuncio per esattamente quel prodotto nel tuo feed di Instagram.

Anche se sembra ancora che una sorta di magia oscura sia al lavoro lì, ci siamo praticamente abituati a questo tipo di cose ormai, anche se ci sono casi in cui sembra ancora un po 'inquietante, specialmente quando sei certo di te ho parlato solo di un prodotto o lo hai menzionato in un messaggio personale.

La verità della questione è, come osserva Felix Richter di Statista, le app e i siti Web che stiamo utilizzando raccolgono enormi quantità di dati su di noi e, in molti casi, questi dati vengono persino trasmessi a terzi. Questo, ovviamente, non dovrebbe accadere senza autorizzazione, motivo per cui di solito dobbiamo accettare un lungo elenco di termini e condizioni prima di utilizzare un'app. (E onestamente, quando è stata l'ultima volta che li hai letti prima di fare clic su Sì?)

L'anno scorso, Apple ha reso un po 'più facile per i consumatori capire che tipo di app di dati raccolgono e come vengono utilizzati tali dati. L'azienda ha introdotto le etichette sulla privacy nelle app nel suo App Store, classificando i dati personali in 14 categorie che vanno dalla posizione dell'utente agli acquisti, alla cronologia di ricerca e navigazione e alle informazioni di contatto.

Infografica: Dati personali: Instagram è un vero e proprio Tattletale | Statista

 

 

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti