App "Traccia gli occhi dell'utente" per assicurarsi che guardino le pubblicità

Per favore, condividi questa storia!
Vuoi il film gratis? Per prima cosa, guarda tutti gli annunci pre-roll. Non imbrogliare. La fotocamera del tuo telefono sta guardando i tuoi occhi. Distogli lo sguardo e ti verrà addebitato. Ma non preoccuparti, è solo una piccola terapia di lavaggio del cervello. Cosa potrebbe andare storto in questo? ⁃ Editore TN

Moviepass, il servizio ormai defunto che avrebbe dovuto consentire agli utenti di guardare film a buon mercato, si è imperniato leggermente sul business di essere una macchina pubblicitaria orwelliana.

Il servizio sta "tornando come un'app che seguirà gli occhi degli utenti quando guardano le pubblicità", secondo un nuovo allarmante rapporto di The Independent. In cambio del tuo attenzione indivisa verificata dal computer, l'app consentirà agli utenti di accedere ai film.

Moviepass ora utilizzerà il riconoscimento facciale e la "tecnologia di tracciamento oculare" per "assicurare che gli occhi degli spettatori guardino i contenuti promossi in cambio dell'accesso ai film".

Il co-fondatore di Moviepass Stacy Spikes ha dichiarato: “È un modo per chiudere quel cerchio e renderlo molto più efficiente di un sistema. Voglio poterlo vedere gratuitamente. Gli inserzionisti hanno messo insieme un pre-spettacolo non dissimile da quello che vedresti normalmente quando vai al cinema, ma questo è personalizzato per te".

“Mentre lo sto guardando, sta suonando. Ma se mi fermo e non ci sto prestando attenzione, in realtà il contenuto viene interrotto", ha continuato. “Avevamo una prima versione di questo in cui sai cosa è successo. Le persone hanno messo giù il telefono e se ne sono andate e non ci hanno prestato attenzione. In questo momento il 70 percento della pubblicità video non è visibile. Questo è un modo in cui gli inserzionisti ottengono l'impatto che stanno cercando, ma anche tu stesso ottieni l'impatto".

Le persone potranno anche acquistare prodotti tramite l'app in futuro, ha affermato Spikes.

La prima incursione della sua compagnia nei film economici, prima che finisse Matrice completa – si è conclusa nel 2019 quando l'economia dell'acquisto di un biglietto del cinema al giorno per $ 10 al mese non ha avuto successo.

La prossima iterazione del servizio sarà "alimentata dalla tecnologia web3", ha affermato Spikes.

Quindi ora, quando stai guardando la prossima iterazione della serie Terminator a casa, la tua attenzione sarà catturata da Skynet sia acceso e spento lo schermo…

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

Blaise Vanne

Scusa, Spikehole Stacey, la mia libertà non è in vendita.

Ma sono sicuro che puoi trovare un MAZZO di persone di sinistra che scambieranno la loro anima per una scodella di zuppa. Cercali nella sezione "Ottieni il tuo 5° colpo Covid gratis!" linea

Daniel38

La fotocamera del tuo telefono è all'interno dello schermo? Probabilmente no. In quanto tale: guarda il tuo telefono con il suo schermo coperto da un cartone o altro e attendi fino alla fine degli annunci. Quindi guarda il tuo film gratuitamente.

crio

utilizzare un video in loop continuo falso/preregistrato con una variazione sufficiente al suo interno da indurre l'input a ingannare l'app

gregory alan johnson

Tutto questo mi rende molto felice di NON possedere uno "smartphone".
Domanda quasi seria: come si può guardare seriamente un film su uno "smartphone", considerando le dimensioni dello schermo e la qualità del suono?

trackback

[…] App "Traccia gli occhi dell'utente" per assicurarsi che guardino le pubblicità […]