Il deterioramento della rete energetica americana sarà il principale motore di un grande ripristino

Per favore, condividi questa storia!
La guerra ai combustibili a base di carbonio, unita all'aumento delle energie alternative, ha degradato la rete energetica americana al punto che ci troviamo di fronte a bollette elettriche in aumento, blackout continui, chiusure di fabbriche e totale guasto della rete. Se l'inaffidabilità non attira la tua attenzione immediata, lo faranno le tue bollette energetiche future. ⁃ Editore TN

I segnali di pericolo sono ovunque. Stiamo inciampando verso una crisi energetica che probabilmente sarà molto più grave e di lunga durata rispetto agli sconvolgimenti degli anni '1970. E no, non si tratta di Russia o Ucraina. Si tratta dello stato pericoloso della rete elettrica statunitense.

Se non si prenderà presto un'azione per affrontare l'affidabilità disgregativa della rete, gli Stati Uniti dovranno affrontare lo spettro di blackout continui, chiusure di fabbriche, perdita di posti di lavoro e bollette elettriche in aumento. La nostra organizzazione CASE ha recentemente rilasciato a breve politica sottolineando quanto sia grave la situazione.

Gli eventi degli ultimi anni dimostrano quanto sia grave la situazione. Secondo il Wall Street Journal, le interruzioni sono passate da meno di due dozzine di gravi interruzioni nel 2000 a più di 180 nel 2020. I catastrofici blackout che hanno attanagliato il Texas per una settimana nel febbraio dello scorso anno avrebbero dovuto aprire gli occhi. Ora, gli avvertimenti di regolatori, gestori di rete e servizi pubblici suggeriscono che sta arrivando molto peggio.

Non c'è modo di aggirarlo. Il sistema di trasmissione dell'elettricità della nazione sta diventando sempre più inaffidabile. Infrastrutture invecchiate, condizioni meteorologiche avverse e il rapido passaggio dall'energia di carico di base all'energia solare ed eolica intermittenti stanno tutti contribuendo. Anche i problemi della catena di approvvigionamento e l'opposizione locale alla costruzione di nuove linee elettriche e all'ubicazione di progetti rinnovabili si stanno trasformando in ostacoli sempre più alti. Le aspettative di una maggiore domanda guidata dai veicoli elettrici non fanno che aggravare la sfida.

La transizione energetica sta avvenendo ma la domanda che dobbiamo porci è come gestirla responsabilmente? Sta diventando evidente che il passaggio alle energie rinnovabili è molto più difficile e complicato di quanto alcuni credessero. Coloro che vogliono chiudere ogni impianto di carbone e gas naturale ignorano che i combustibili fossili forniscono il 60% dell'elettricità americana. C'è un crescente allarme sul fatto che l'approccio casuale dell'America alla transizione energetica stia distruggendo la rete esistente e l'affidabile capacità di generazione che l'ha sostenuta a lungo, molto più velocemente di quanto stiamo aggiungendo alternative affidabili.

Le centrali a carbone, in particolare, vengono messe da parte quando diventa dolorosamente chiaro che l'opzionalità, la sicurezza del carburante e l'affidabilità che offrono alla rete sono ancora molto necessarie. Se continuiamo come siamo – abbandonando le centrali elettriche ben funzionanti che tengono insieme la rete durante il caldo intenso e il freddo pungente dell'inverno – non faremo altro che esacerbare questa crisi di nostra creazione.

Anche l'economicità del nostro alimentatore è in bilico. L'anno scorso, un aumento del 17% dell'elettricità a carbone ha aiutato a proteggere i consumatori dall'aumento dei prezzi del gas naturale. Mentre continuiamo a smontare la flotta a carbone, con altri 100 gigawatt di capacità di carbone che dovrebbero chiudersi entro il 2030, stiamo derubando la rete di un importante ammortizzatore dei prezzi per quando i prezzi del gas naturale aumenteranno. Con l'aumento della domanda globale di gas, l'aumento delle esportazioni statunitensi e l'invasione russa dell'Ucraina che genera volatilità nei mercati energetici globali, lo smantellamento dell'opzione del carburante è miope e sconsiderato.

La decisione dell'Europa di allontanarsi dal carbone e chiudere gran parte della sua capacità nucleare prima di disporre di alternative affidabili, l'ha lasciata alla mercé delle importazioni russe di gas naturale e dell'impennata dei prezzi globali del gas. La sicurezza energetica, oggi più che dalla crisi energetica degli anni '1970, richiede un'attenzione particolare. Il focus singolare e casuale della politica energetica basata sul clima richiede un brusco ripensamento.

Rimane un'opportunità per un ripristino della politica energetica, sia a livello statale che federale, per affrontare questa crisi di affidabilità e accessibilità economica. In primo luogo, dobbiamo riconoscere la necessità di una diversità di carburante spedibile e di sicurezza del carburante. Ciò deve includere anche l'impegno ad aumentare i margini di riserva di capacità nei mercati dell'elettricità invece di lasciarli continuare a ridursi. Mentre siamo alle prese con le complessità della transizione energetica e le sfide poste dall'integrazione di energia rinnovabile e dalla costruzione di infrastrutture di trasmissione, abbiamo bisogno di una polizza assicurativa di affidabilità e convenienza. L'assicurazione che possiamo fornire sta riconoscendo il valore della capacità di generazione che già abbiamo e l'importanza della diversità di combustibile dispacciabile. Percorrere in modo responsabile la strada da percorrere significa basarsi sulla nostra capacità di carico di base esistente, non smontarla.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Buffo. Sei preoccupato per le tue bollette energetiche America, ma quello che non capisci è che quando i combustibili a base di carbonio saranno eliminati, l'umanità cesserà rapidamente di esistere insieme alla maggior parte delle altre forme di vita sul pianeta per molto tempo.

elle

Non è di questo che parla l'articolo: niente energia, niente umanità.

[…] Leggi di più: La rete energetica in deterioramento dell'America […]

elle

"La decisione dell'Europa di allontanarsi dal carbone e chiudere gran parte della sua capacità nucleare prima di disporre di alternative affidabili, l'ha lasciata alla mercé delle importazioni russe di gas naturale e dell'impennata dei prezzi globali del gas". E negli Stati Uniti, abbiamo la stupidità infantile di identificarsi con i progressisti di sinistra che chiedono il rispetto del toro sul clima UN/WEF. Come mai? I fatti matematici dell'offerta di domanda non hanno alcuna influenza sul loro mondo immaginario di abbracciare la menzogna delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Presto dovranno accettare la verità in tempo reale. Sono interessato a vedere come va per loro.... Per saperne di più »