Altro: La tirannia crea sempre un capro espiatorio da demonizzare

Foto d'archivio Adobe
Per favore, condividi questa storia!
Sempre più avvertimenti stanno comparendo sui fenomeni del capro espiatorio che caratterizzano i non vaccinati come meno che umani e richiedono l'obbedienza forzata per proteggere il “bene comune”. L'inosservanza continuata deve essere punita con l'allontanamento dalla società. ⁃ Editore TN

Nel mio insegnamento preparo gli studenti universitari a diventare insegnanti di storia delle scuole superiori. In un corso, i candidati insegnanti preparano e impartiscono lezioni fittizie. I loro coetanei interpretano il ruolo di studenti delle scuole superiori e io osservo e fornisco feedback dopo queste lezioni pratiche. Che si tratti di una coincidenza o di un riflesso dei tempi, quest'autunno un buon numero di finte lezioni hanno coperto l'ascesa del totalitarismo. In un'eccellente lezione, un candidato insegnante ha chiesto ai suoi studenti di esaminare i contesti che hanno dato origine al totalitarismo. Ha accompagnato questa lezione con un estratto da una storia mondiale manuale elencare le caratteristiche del totalitarismo.

Questa lezione ha colpito il vero scopo di includere il totalitarismo nei programmi di studio delle scuole superiori. Questo scopo non è quello di onorare personaggi come Hitler, Stalin o Mussolini. Né questo scopo è quello di fornire i metodi del totalitarismo come manuale di istruzioni da seguire. Piuttosto, lo scopo dell'insegnamento sul totalitarismo è di lanciare un avvertimento: prestare attenzione alle condizioni che hanno prodotto il totalitarismo, in modo da poterle riconoscere ed evitare. Mentre osservavo la lezione di questo candidato insegnante, non ho potuto fare a meno di pensare a quello scopo nel contesto del nostro tempo presente.

Un passaggio del libro di testo della lezione mi ha preoccupato di più: “I leader totalitari spesso creano 'nemici dello stato' da incolpare per le cose che vanno storte. Spesso questi nemici sono membri di gruppi religiosi o etnici. Spesso questi gruppi sono facilmente individuabili e sono oggetto di campagne di terrore e violenza. Possono essere costretti a vivere in determinate zone o sono soggetti a regole che si applicano solo a loro» (pag. 876).

Creare un nemico dello stato richiede othering: un processo di disumanizzante attraverso l'emarginazione di un gruppo di umani come qualcosa di diverso, inferiore e altro. Tali altri gruppi diventano un facile bersaglio di capro espiatorio, assumendo ingiustamente la colpa dei mali di una società.

La storia è piena di esempi di othering. Gli antichi greci si basavano sulla lingua, etichettando coloro che non parlavano greco barbari. Negli Stati Uniti, la schiavitù e la segregazione dei beni mobili sono state sostenute attraverso l'alterazione basata sul colore della pelle. Nella Germania nazista, Hitler si basava sulla religione, definendo gli ebrei come nemici dello stato.

L'altro gioca spesso sugli stereotipi e sulle paure delle persone. Negli Stati Uniti, ad esempio, i neri sono stati considerati dei "teppisti", che giocano sulla paura della violenza e della criminalità. In un altro esempio, i funzionari della sanità pubblica nella Polonia occupata dai nazisti hanno giocato sulla paura umana primordiale delle malattie. Manifesti di propaganda proclamò "Gli ebrei sono pidocchi: causano il tifo".

Ora, alcuni politici sono altri i "non vaccinati". Questi politici tentano di fare da capro espiatorio ed emarginare questo gruppo minoritario, nonostante sappiano che le persone vaccinate e non vaccinate possono contrarre e diffondere il COVID-19. Di seguito, fornisco le parole di tre politici come esempi di altre lingue. Vi incoraggio anche a leggere le loro parole nel contesto.

Negli Stati Uniti, il 9 settembre del presidente Joe Biden conferenza stampa ha annunciato ampi mandati sui vaccini. Ha espresso che "molti di noi sono frustrati" con le persone non vaccinate. Ha dato loro la colpa per la continua pandemia; Biden ha affermato che questa "pandemia dei non vaccinati" è stata "causata da... quasi 80 milioni di americani che non sono riusciti a sparare". Ha incolpato "una distinta minoranza di americani" per "averci impedito di girare l'angolo". E ha promesso "Non possiamo permettere che queste azioni ostacolino la protezione della grande maggioranza degli americani che hanno fatto la loro parte e vogliono tornare alla vita normale".

Nel settembre 17 colloquio nel talk show del Quebec La Semaine des 4 Julie, Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha etichettato coloro che si oppongono alla vaccinazione come "misogini" e "razzisti". Quindi, ha esclamato che il Canada doveva fare una scelta: "Tolleriamo queste persone?"

In Francia, il presidente Emmanuel Macron ha dato un colloquio con Le Parisien il 4 gennaio. In questa intervista, ha classificato i non vaccinati come non cittadini, ha definito le loro "menzogne ​​e stupidità" i "peggiori nemici" della democrazia e ha proclamato "Voglio davvero far incazzare [i non vaccinati]". Macron ha sostenuto che queste persone non vaccinate sono solo "una piccolissima minoranza che sta resistendo" e ha posto una domanda agghiacciante: "Come possiamo ridurre quella minoranza?"

In queste comunicazioni, Biden, Trudeau e Macron hanno impiegato diverse pratiche di alterazione.

  1. Hanno creato una maggioranza all'interno del gruppo, segnalata dall'uso della prima persona plurale (noi, noi), e un gruppo di minoranza, segnalato dall'uso della terza persona plurale (loro, loro).
  2. Incolpano le politiche pandemiche del governo su quell'altro gruppo ("impedendoci di girare l'angolo").
  3. Usavano le parole per segnalare all'interno del gruppo che avrebbero dovuto essere arrabbiati con l'altro gruppo ("molti di noi sono frustrati", "Voglio davvero farli incazzare").
  4. Trudeau e Macron hanno usato specificamente etichette che svalutavano questo gruppo diverso: misogini, razzisti, nemici, non cittadini.
  5. La cosa più preoccupante è che Macron e Trudeau si sono chiesti se e come eliminare questo altro gruppo ("Tolleriamo queste persone?" e "Come riduciamo quella minoranza?").

La mia speranza è che tutto questo equivalga a nient'altro che a una retorica politica ignorata: le vuote spacconate che questi politici sperano ottengano alcuni punti di popolarità con la loro base elettorale. La mia paura è che non lo farà. In ogni caso, questa pericolosa lingua straniera deve essere riconosciuta e condannata.

Gli storici studiano la causalità: contesti, condizioni, eventi e loro risultati. Abbiamo esaminato le condizioni che hanno prodotto la schiavitù dei beni mobili, il gulag, l'Olocausto, Jim Crow, il Ruanda. Questo non è un tentativo di equiparare le attuali politiche pandemiche a queste tragedie passate.

Piuttosto, questa è una chiamata di avvertimento. Abbiamo già visto queste condizioni e abbiamo visto dove portano. Torna indietro ora: quella via porta all'oscurità.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Rachel

Biden è malvagio, o lo era fino a quando il suo cervello non si è trasformato in budino, quindi deve avere fili e burattinai. Fortunatamente per noi non è Mussolini, Stalin, Mao Tse Tung o Hitler.
Né Trudeau né Macron sono così carismatici. Ragazzini meschini e graziosi.

Ultima modifica 16 giorni fa di Rachel
Lutero

Molte persone vorrebbero dire che il romanzo di George Orwell "Nineteen-Eighty-four", non è accaduto, eppure ci sono questi tre leader mondiali: Biden, Trudeau, Macron che demonizzano i "non vaccinati". "non vaccinati" sono evidentemente i moderni "capri espiatori" presi di mira nell'"alterazione" della retorica di questi leader. Se osservi da vicino questi individui, hai uno psicopatico semi-cosciente, un megalomane e un "savant idiota" in quest'ordine. Credi a questi leader sulla base della descrizione completa del totalitarismo e del modo in cui si adattano allo stampo della tirannia? Allora in qualche modo hai perso il punto.

Erik Nielsen

Parliamo solo di segni! Sono segni.
Per come la vedo io, è un cambiamento piuttosto scioccante vedere la famiglia e gli amici trasformarsi durante la notte in membri della Setta Covidiot che chiedono test negativi, maschere, passaporti vaxx, distanza, per semplici riunioni o feste.
La linea rossa è superata.
Gli idioti malati si comportano come se avessero il diritto di gestire l'Asilo, e i pensatori sani e giusti sono trattati come malati di mente.

Dan Oster

Parole sagge Mr. Wood.
Grazie