Il coraggioso nuovo mondo del capitalismo di sorveglianza

vuoto
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La sorveglianza incontrollata a scopo di lucro è alle porte, ma è guidata tanto dalla tecnocrazia quanto dal capitalismo stesso. I tecnocrati sono accaparratori di dati che non possono mai ottenere abbastanza dati né esaurire la loro spinta per l'analisi dei dati raccolti. ⁃ Editor TN

Alcune critiche radicali del capitalismo ritengono che debba necessariamente monetizzare tutto nel tempo. L'argomento di base è che il capitalismo richiede intrinsecamente una crescita economica infinita per funzionare correttamente, ma siamo in un mondo di risorse limitate. Man mano che le risorse tradizionali utilizzate per alimentare la fornace sono esaurite, è necessario attirare più aspetti della vita che in precedenza erano al di fuori dell'economia monetaria, comprese cose astratte come comportamento, relazioni e persino pensieri.

I meriti di tali teorie sono discutibili. Ciò che è al di là del dibattito è che i pensieri e le relazioni umane sono già nelle fasi avanzate della monetizzazione. Il Prof. Shoshana Zuboff, uno dei massimi esperti nel campo dell'amministrazione aziendale in ambito informatico sin dagli 1980, ha coniato l'idea di "capitalismo di sorveglianza" (nel Edizione 2015 di aprile del Journal of Information Technology) per descrivere questo fenomeno: l'osservazione e la registrazione di quanti più dati personali possibile per creare pubblicità mirate altamente efficaci.

Capitalismo di sorveglianza e privacy

Google è uno dei migliori e più antichi esempi di capitalismo di sorveglianza in azione. I loro servizi apparentemente "gratuiti", come Ricerca e Gmail, sono sempre stati monetizzati dai dati raccolti dagli utenti. Stessa storia con Facebook. Questi sistemi sono opachi al meglio per l'utente finale. Non puoi mai essere del tutto sicuro di cosa o quanti dati stanno raccogliendo, quanto dettagliato un profilo personale stanno costruendo su di te, per cosa vengono utilizzati o per quali mani passa. Quindi l'aspetto "sorveglianza" - è come se avessi telecamere nascoste che ti registrano continuamente mentre ti muovi nello spazio virtuale.

Lo scopo di tutto ciò non è niente di più sinistro della pubblicità. Più una società di marketing può entrare nella tua testa, più efficacemente può pubblicizzarti. La mancanza di rispetto per la privacy personale e la divulgazione equa in questo processo è sempre stata preoccupante, ma la maggior parte delle società tecnologiche che hanno il capitalismo di sorveglianza come modello di entrate centrali si preoccupano semplicemente di fare soldi vendendo le cose nel modo più spietatamente efficiente possibile.

Sfortunatamente, questo non è l'unico modo in cui questa tecnologia può essere utilizzata.

Gli estremi del capitalismo di sorveglianza

Mentre il capitalismo di sorveglianza a scopi di marketing è inquietante, diventa veramente pericoloso quando questi strumenti e risorse di database finiscono nelle mani di attori politici con cattive intenzioni.

Un esempio familiare è l'uso di pubblicità mirata da parte di agenzie di intelligence straniere per seminare disordini politici e sociali. L'Internet Research Agency, una nota "troll farm" con sede in Russia, è stata collegata ad almeno falsi account Facebook di 270 che pretendono di essere legati ai movimenti sociali americani. Questi gruppi falsi, con nomi come "Aztlan Warriors" e "Black Elevation", non solo hanno fomentato il dissenso diffondendo disinformazione online, ma sono riusciti a organizzare da remoto incontri e proteste nelle città americane. È stato scoperto che Internet Research Agency ha acquistato almeno 3,500 annunci di Facebook mirati per attirare gli utenti nei loro gruppi.

Naturalmente, queste tecniche sono state impiegate anche nella politica interna. L'accesso illecito di Cambridge Analytica ai dati di 87 milioni di utenti di Facebook è stato utilizzato in campagne pubblicitarie mirate nelle elezioni presidenziali di 2016 negli Stati Uniti. In altri paesi, è stato utilizzato per sostenere i regimi autoritari profilando i dissidenti, ingrandendo i culti della personalità e organizzando campagne diffamatorie.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti