Washington Post: la Silicon Valley marcia verso la tecnocrazia, non la democrazia

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Articolo da leggere - Questo scrittore colpisce perfettamente la testa: "L'ethos tecnocratico sembra essere riemerso come la risposta dominante a preoccupazioni diverse come notizie false, privacy dei dati e dipendenza da smartphone".

A prima vista, sembra essere un'altra parata del 4 luglio nelle foto sbiadite di Kodachrome. Cioè, fino a quando non iniziano a emergere sottili dettagli: i manifestanti in uniforme che distribuiscono opuscoli, l'emblema yin-yang che adorna gli stendardi, la flotta di identiche automobili grigie che guidano in lenta processione. "Operazione Golden Gate" era il nome di un piano 1948 tra i seguaci di un movimento politico noto come Technocracy Inc. per convergere nell'area della Baia di San Francisco. Questi tecnocrati autodescritti si sono riuniti da tutto il paese per educare il pubblico nella loro convinzione centrale: che i politici mancavano della capacità di gestire efficacemente le complessità del mondo moderno e che il pubblico dovrebbe delegare il processo decisionale invece a un piccolo gruppo di esperti tecnologici .

Alcune delle proposte più fantasiose dei Technocrati includevano una settimana lavorativa dell'ora 16, pari reddito per tutti sotto forma di certificati energetici e l'unificazione delle nazioni del Nord e Centro America nel Technate of America. Ma l'iconografia della Technocracy - le sue marce militaristiche, le sue insegne, le sue uniformi e i suoi saluti - non stava per conquistare nessun cuore subito dopo la sconfitta del fascismo in Europa. La parata di 1948 attraverso San Francisco, Palo Alto, Santa Clara e San Jose è stata una delle esibizioni pubbliche finali di questo oscuro tecno-utopismo che presto si sarebbe esaurito. I tecnocrati fecero le valigie e tornarono a casa dopo la loro parata verso quella che presto sarebbe stata chiamata la Silicon Valley.

Lì, dopo anni di dormienza, l'ethos tecnocratico sembra essere riemersa come la risposta dominante a preoccupazioni diverse come notizie false, privacy dei dati e dipendenza da smartphone. Mentre i reclami pubblici aumentano contro le poche aziende tecnologiche che determinano il modo in cui ci colleghiamo e comprendiamo il mondo che ci circonda, proposte concrete di azione vengono da quelle stesse aziende, piuttosto che dai legislatori. In assenza di un apparato normativo funzionante negli Stati Uniti, la Silicon Valley si sta avvicinando alla polizia stessa, come se il ripristino della fiducia nella sfera pubblica fosse qualsiasi altro tipo di manutenzione programmata.

Technocracy Inc. ha promosso una filosofia che richiedeva di trattare il pubblico come utenti passivi piuttosto che come cittadini attivi e finora le soluzioni proposte dall'industria tecnologica hanno adottato un approccio simile. Come nazione che cerca di capire cosa è diventato il consenso democratico in un'epoca di crescente frammentazione, questo approccio antidemocratico è esattamente l'opposto di ciò di cui abbiamo bisogno.

I politici, da parte loro, hanno parlato apertamente del superamento dell'industria tecnologica. Sulla scia delle rivelazioni in merito Cambridge Analytica, La condivisione dei dati di Facebook e l'hacking elettorale, i governi di tutto il mondo tengono audizioni sui social media e tutelano la privacy degli utenti. I prossimi mesi vedranno sicuramente uno scontro lento tra gli ideali del governo rappresentativo e la visione tecnocratica della gestione di esperti. Ma in molti modi, sembra che la visione tecnocratica abbia già vinto.

Mentre il regolamento generale sulla protezione dei dati dell'Unione europea ha recentemente oscurato numerosi siti con scarse protezioni per gli utenti in tutta Europa, la legislazione ha impiegato sei anni per concretizzarsi. Il presidente del Barack Obama "Informativa sulla privacy dei consumatori", Proposto anche in 2012, ha subito attacchi da tutte le parti e non ha mai lasciato il tavolo da disegno. Più di recente, le audizioni di aprile su Facebook a Capitol Hill sono sfociate due atti legislativi sovrapposti . Ma è improbabile che l'uno o l'altro ottengano trazione in un Congresso disfunzionale, specialmente come i politici scherzano che possono capire solo la metà di ciò che sentono durante le audizioni tecnologiche.

Nel frattempo, mentre il pubblico inizia a innamorarsi dei suoi gadget, la Silicon Valley si sta affrettando a fare ammenda. Gli ex ingegneri e investitori hanno formato il Centro per la tecnologia umana per "invertire la crisi dell'attenzione digitale". La non profit con sede a San Francisco Common Sense Media ha trasmesso una campagna pubblicitaria di servizio pubblico chiamata "Verità sulla tecnologia. "Persino Facebook è stato così disposto ad umiliarsi da modificare il feed di notizie per promuovere" interazioni sociali più significative "- e di conseguenza sta vedendo il primo calo di tempo trascorso sulla piattaforma ora leggermente meno avvincente.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti