Robert Reich: l'ex membro della Commissione Trilaterale fa un discorso completamente contro la libertà

Robert Reich
Per favore, condividi questa storia!
L'icona legale Jonathan Turley prende Robert Reich incaricata del suo massetto contro la libertà di parola. Reich è un importante, ex membro della Commissione Trilaterale. Accademico, è entrato e uscito dal governo per 45 anni ed è stato nominato dalla rivista Time come uno dei "Dieci migliori membri del gabinetto" del secolo nel 2008. ⁃ TN Editor

We discusso di recente il raduno di politici democratici e personaggi dei media presso l'Università di Chicago per discutere su come modellare meglio le notizie, combattere la "disinformazione" e rieducare coloro che hanno opinioni conservatrici. L'élite politica e dei media ha condiviso idee su come espandere la censura e controllare ciò che le persone leggono o vedono nelle notizie. Le stesse cifre sono ora allarmate dal fatto che Elon Musk possa ottenere una maggiore influenza su Twitter e, perire il pensiero, ripristinare le protezioni della libertà di parola sul sito. L'ultimo è l'ex segretario del lavoro sotto il presidente Clinton, Robert Reich, che ha scritto una colonna perfettamente orwelliana nel Custode dal titolo "La visione di Elon Musk per Internet è una pericolosa assurdità.” Tuttavia, la rubrica offre uno spaccato della mentalità anti-libertà di parola che si è impadronita del Partito Democratico e dei media mainstream.

Musk è un sostenitore della libertà di parola su Internet. Come alcuni di noi, è un originalista di Internet. Ciò lo rende una minaccia esistenziale per coloro che hanno usato a lungo la "disinformazione" come scusa per mettere a tacere le opinioni dissenzienti nei media e sui social media.

Twitter è passato dal rifiuto di cercare di plasmare il discorso su Internet all'abbracciare quella funzione. Dopo che il vecchio CEO di Twitter Jack Dorsey è stato criticato per i suoi massicci sforzi di censura, Twitter lo ha sostituito con il CEO Parag Agrawal che ha espresso agghiaccianti sentimenti anti-libertà di parola. In un'intervista a Revisione della tecnologia era il caporedattore Gideon Lichfield chiesto come Twitter equilibrerebbe i suoi sforzi per combattere la disinformazione con il desiderio di "proteggere la libertà di parola come valore fondamentale" e rispettare il Primo Emendamento. Agrawal ha risposto;

“Il nostro ruolo non è quello di essere vincolati dal Primo Emendamento, ma il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica e le nostre mosse riflettono cose che riteniamo portino a una conversazione pubblica più sana. Il tipo di cose che facciamo al riguardo è concentrarsi meno sul pensare alla libertà di parola, ma pensare a come sono cambiati i tempi.

Uno dei cambiamenti che vediamo oggi è che il linguaggio è facile su Internet. La maggior parte delle persone può parlare. Dove il nostro ruolo è particolarmente enfatizzato è chi può essere ascoltato. La merce scarsa oggi è l'attenzione. Ci sono molti contenuti là fuori. Molti tweet là fuori, non tutti attirano l'attenzione, alcuni sottoinsiemi attirano l'attenzione.

Ha aggiunto che Twitter si starebbe "muovendo verso il modo in cui raccomandiamo i contenuti e... il modo in cui dirigiamo l'attenzione delle persone sta portando a una sana conversazione pubblica che è più partecipativa".

Reich mette a nudo quell'agenda nella sua colonna mentre condanna i sostenitori della libertà di parola come piccoli tiranni che opprimono le persone attraverso la libertà.

Reich spiega che non si tratta di libertà ma di tirannia. Più libertà di parola significa meno libertà. È il tipo di argomento comunemente usato in Cina e in altre nazioni autoritarie e in un numero crescente di accademici e scrittori americani. In effetti, la sua rubrica ricorda i professori che hanno chiesto l'adozione del modello cinese per censurare le opinioni su Internet.

In un articolo pubblicato su The Atlantic dal professore di diritto di Harvard Jack Goldsmith e dal professore di diritto dell'Università dell'Arizona Andrew Keane Woods ha chiesto la censura in stile cinese di Internet, affermando che "nel grande dibattito degli ultimi due decenni sulla libertà contro il controllo della rete, la Cina aveva ampiamente ragione e gli Stati Uniti avevano ampiamente torto".

Reich dice alla gente di non farsi allettare dalla libertà di parola: “Musk dice di voler 'liberare' Internet. Ma quello che mira davvero a fare è renderlo ancora meno responsabile di quanto non lo sia ora". Ciò che Reich definisce "responsabilità" è essere responsabili nei confronti di coloro come lui che possono filtrare opinioni e scritti ritenuti dannosi per i lettori.

Reich poi diventa completamente orwelliano:

“Musk sostiene la libertà di parola ma in realtà si tratta solo di potere. Power ha costretto Musk ad acquistare 2.64 miliardi di dollari di azioni Twitter, rendendolo il maggiore azionista individuale".

Reich insiste sul fatto che la censura di opinioni come l'ex presidente Donald Trump è "necessaria per proteggere la democrazia americana". Prendilo? Meno libertà è più libertà.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Brad

"Più libertà di parola significa meno libertà". Questa frase è stata plagiata direttamente da 1984 di Orwell? E pensare che quando ho iniziato a girare per siti web di attivisti come "Truth Out", mi sono imbattuto in articoli occasionali di Reich. Ho capito subito che era uno di quei mancini "So cosa è meglio per te" e provenivo dal movimento operaio. Chris Hedges era l'attrazione allora fino a quando non mi sono reso conto delle sue debolezze esagerate. La sua isteria antropogenica per il riscaldamento globale. Ho fatto commenti a tal fine, subendo le fionde e le frecce del mio primo incontro... Per saperne di più »

Elle

"... incontro di politici democratici e figure dei media presso l'Università di Chicago per discutere su come modellare meglio le notizie, combattere la "disinformazione" e rieducare coloro che hanno opinioni conservatrici". In realtà, l'affermazione di cui sopra è assolutamente tutto ciò che devi sapere. Il Partito Democratico è entrato a pieno regime nel totalitarismo negli ultimi anni. Si oppongono apertamente a ogni legge mentre promulgano l'illegalità ovunque guardiamo. Ignorano i diritti costituzionali ei diritti naturali di ogni essere umano di essere liberi. Come il loro amico Xi, abbracciano apertamente un modello tecnocratico/totalitario di controllo e tirannia. E affermano di nuovo questo fatto e... Per saperne di più »

Ultima modifica 7 mesi fa di Elle

[…] Robert Reich: l'ex membro della Commissione trilaterale fa un discorso completamente contro la libertà […]

Nigel Watson

Roberto III Reich. Solo un altro burattino satanico, posseduto dal demonio. La Chiesa è stata corrotta dalle stesse persone che nominano i nostri leader politici corrotti (marionette del WEF). Lo stato è il tuo nemico https://www.youtube.com/watch?v=Jt4zvaTYd3c&t=64s