L'ONU spinge a criminalizzare l'opposizione alla migrazione di massa

vuoto
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
L'ONU spinge il mantra che lo sviluppo sostenibile è possibile solo in una società multiculturale, che garantisce l'eliminazione dello stato-nazione. Tuttavia, l'immigrazione viene spinta solo verso i paesi del Primo Mondo, come l'Europa e gli Stati Uniti. ⁃ Editor TN

Il politico olandese e membro del Parlamento europeo Marcel de Graaff ha emesso un terribile avvertimento in merito al Nazioni unite'visione spaventosa per criminalizzare l'opposizione alla migrazione di massa. La baby blue vuole essere un'organizzazione tirannica che sta persino chiedendo il controllo dei media sulla questione. Probabilmente non hai sentito molto delle osservazioni di de Graaff. Questo perché il media globalista big box ne ha oggi è già nel campo degli autoritari a favore della migrazione.

Leve di potere

In una conferenza stampa, de Graaff ha lanciato l'allarme per una conferenza internazionale tenutasi a Marrakech, in Marocco, il X. 11 e 12 del dicembre, in cui verrà firmato il Patto globale delle Nazioni Unite per una migrazione sicura, ordinata e regolare. Sebbene si dice che il patto sia non vincolante, è inteso a stabilire le basi per una campagna orwelliana per cementare la migrazione di massa come un diritto umano legalmente al di sopra di ogni critica.

"Un elemento fondamentale di questo nuovo accordo è l'estensione della definizione di incitamento all'odio", de Graaff dice. "L'accordo vuole criminalizzare il discorso sulla migrazione. Le critiche alla migrazione diventeranno un reato. I media che lasciano spazio alle critiche sulla migrazione possono essere chiusi. "

L'ultima frase non è un'esagerazione. L'Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani dell'Alto Commissario ha pubblicato sul suo sito web il testo di un sinistro 20 del novembre discorso tenuto dal segretario generale aggiunto per i diritti umani Andrew Gilmour. Il solo titolo del discorso mostra che il sindacato non sta nemmeno cercando di nascondere la sua agenda: "Words Matter: Ruolo e responsabilità dei media nel modellare le percezioni pubbliche su migranti e rifugiati e promuovere società inclusive".

Gilmour inizia il suo discorso con una dichiarazione radicale che evidenzia quanto sfrenata l'ONU si veda nelle sue macchinazioni per il potere.

"I crimini d'odio contro i migranti sono una manifestazione particolarmente spiacevole di ciò che io considero una reazione quasi globale contro i diritti umani", afferma senza mezzi termini. In una frase Gilmour sposa la migrazione di massa dei popoli verso le nazioni sovrane con l'intero concetto stesso di diritti umani. Da lì è facile giustificare un severo approccio autoritario a schiacciare il "razzismo" e la "xenofobia". E Gilmour fa sapere che il comando dei media deve essere una parte fondamentale dello sforzo del patto globale per fare proprio questo:

"Nel suo Obiettivo 17, il Global Compact impegna gli Stati e le altre parti interessate a promuovere la comunicazione di qualità da parte dei media di problemi e terminologia relativi alla migrazione, a investire in standard di comunicazione etici e pubblicità e a interrompere l'assegnazione di finanziamenti pubblici o supporto materiale ai media sbocchi che promuovono sistematicamente intolleranza, xenofobia, razzismo e altre forme di discriminazione nei confronti dei migranti. Questi sono punti cruciali su cui tutti dobbiamo basarci. "

Arrivederci, stampa libera. Gilmour spiega come il suo ufficio aiuterà gli stati a "distinguere la libertà di parola dalla parola d'odio" che, ovviamente, non ha il diritto di esistere. Sottolinea che i resoconti dei media non sufficientemente pro-migrazione non possono essere tollerati. "È chiaro a tutti noi che molti media non stanno deliberatamente fallendo nel promuovere il concetto di umanità comune", afferma Gilmour, definendo nuovamente la migrazione di massa come un diritto umano fondamentale. “Le parole ovviamente contano: la disumanizzazione della retorica razzista spesso porta all'odio, alle tensioni, alla violenza e ai conflitti. Richiede uno sforzo maggiore da parte della comunità internazionale per confrontarsi con i media che cercano di suscitare l'odio ".

Death Of Nations

Questo è l'appello alla tirannia di cui de Graaff mette in guardia. Distruggerà completamente le nazioni che vi si arrendono. "Questo accordo è un colpo di stato dei globalisti liberali a favore della migrazione, che andrà a grande beneficio delle multinazionali", afferma de Graaff. “I paesi che importano il terzo mondo diventeranno il terzo mondo. Ed è assolutamente chiaro che nei paesi del terzo mondo le multinazionali dettano le regole ”.

La buona notizia è che le nazioni sane si rifiutano di firmare questo patto suicida transnazionale. Guidato dal provocatorio licenziamento del presidente Trump del diritto delle Nazioni Unite di imporre la propria volontà in alcun modo al popolo degli Stati Uniti, che egli eloquentemente ribadito durante il suo discorso di settembre davanti a quella tana di vipere, ancora di più e ancora di più le nazioni stanno rifiutando questa presa di potere.

Sostenendo apertamente l'invasione dell'Occidente da parte di orde del Terzo mondo e invocando la repressione di una stampa libera e obiettiva, le Nazioni Unite si sono dichiarate nemiche del popolo americano. È passato molto tempo per rimuovere questa entità ostile dai suoi alloggi confortevoli sul nostro suolo. Gli Stati Uniti devono ritirarsi dalle Nazioni Unite e devono liberarsi dal nostro paese.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
cosmoprimo

È ora di rispolverare le ghigliottine ...

Cal

Chi se ne frega di ciò che le Nazioni Unite vogliono fare in quanto NON ha l'autorità LEGALE sulla nostra nazione e sulle nostre decisioni. SE chiunque presti servizio all'interno dei nostri governi - statale o generale (federale) - sostiene un'entità straniera negli Stati Uniti, sono TRAITORI e devono essere trattati adeguatamente, accusati dei crimini commessi, tradimento di alcuni reati e falsa testimonianza, data la loro giornata in tribunale, e se ritenuto colpevole, appeso al collo fino alla morte e lasciato lì per mezza giornata o più in modo che coloro che sono disposti a infrangere il giuramento o ad agire contro la nostra nazione ci pensino due volte.

RinH

La migrazione di massa è un'invasione di un paese non controllato, potresti cambiare un intero paese se l'immigrazione di massa è consentita o forzata su qualsiasi nazione. Ferma l'assurdità, è ovvio che i deficienti idioti che stanno spingendo il globalismo e il Nuovo Ordine Mondiale che usano le Nazioni Unite, stanno cercando di forzare i loro fantasmi in tutto il mondo. Indovina un po ', non accadrà qui negli Stati Uniti, senza una guerra di proporzioni bibliche. È anche invidioso che le Nazioni Unite e i gruppi finanziati da Siri stiano organizzando la migrazione di massa in Sud America e inviando gli Stati Uniti a... Leggi di più "