La TSA sequestra il passaporto del giornalista di Turning Point USA di ritorno da Davos

Per favore, condividi questa storia!

Morgonn McMichael è giornalista a tempo pieno e ambasciatore di Turning Point USA a Tempe, in Arizona. Si è recata a Davos, in Svizzera, per coprire il World Economic Forum, ma durante il viaggio di ritorno ha appreso che il suo nome era stato aggiunto a un elenco della TSA che l'ha portata ad essere arrestata e perquisita in cinque diversi punti di controllo di sicurezza, inclusa la sua destinazione a Phoenix. Aeroporto internazionale.

La sua biografia sul sito web della TPUSA afferma:

In qualità di ambasciatrice, Morgonn ha costantemente fatto di tutto per potenziare e ispirare la prossima generazione americana di giovani leader donne conservatrici attraverso contenuti video online patriottici che hanno accumulato continuamente oltre 100,000 impressioni uniche ogni settimana su Instagram, TikTok, Facebook e altro ancora. 

Inoltre, Morgonn ha continuato a parlare in una serie di nostri capitoli TPUSA in tutto il paese, è stato presentato in un panel di discussione allo Student Action Summit di quest'anno ed è stato un commentatore ospite su Newsmax, Real America's Voice, OAN, Breitbart e di più.

Ci saranno senza dubbio maggiori dettagli sulla sua storia, ma è stata chiaramente presa di mira da qualche tecnocrate all'interno del governo che vuole inviare un messaggio a tutti i giornalisti che oseranno criticare la narrativa del WEF. Questa è una delle più gravi violazioni dei diritti del Primo Emendamento negli ultimi tempi.

Leggi la saga di Morgonn qui sotto...

 

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
capra

Sembra di aver già visto questo film.

Grande Mo

Mio quanto completamente NAZISTA dalla TSA

Igor Kulagin

Già... nazista perché non puoi pensare a un vero sistema totalitario senza ripiegare su qualcosa da cui siamo stati tutti salvati dai sovietici?

Suzanne L

Volevi dire "salvato dai nazisti E dai comunisti sovietici dagli americani". Là. L'ho aggiustato per te.

Ultima modifica 6 giorni fa di SuzanneL
Thomas L Frey

I nazisti catturano l'epitome della tirannia, giusto.
Ed è socialista e totalitarismo tutto in uno. Forse perché sono una cosa sola.

[…] La TSA sequestra il passaporto del giornalista di Turning Point USA di ritorno da Davos […]

[…] la storia è stata originariamente pubblicata su Technocracy News Condividi su FacebookTweetSeguiciSalva post Visualizzazioni: […]

[…] La TSA sequestra il passaporto del giornalista di Turning Point USA di ritorno da Davos […]