Tecnocrazia cinese in America: frenare il sistema di credito sociale di Big Tech

Per favore, condividi questa storia!
È sempre più riconosciuto che "gli uccelli di una piuma, si radunano insieme". Il terreno comune tra la Big Tech in America e gli ingegneri sociali cinesi è che sono tutti tecnocrati. Si considerano le uniche persone qualificate a gestire il mondo come un progetto di ingegneria sociale. ⁃ Editore TN

Le grandi aziende tecnologiche stanno facendo gli ordini del governo degli Stati Uniti in azioni che rispecchiano quelle della Cina sistema di credito socialee gli americani devono riconoscere ciò che sta accadendo e agire, secondo Kara Frederick, ex analista di informazioni di Facebook e ricercatrice presso la conservatrice Heritage Foundation.

Federico ha recentemente scritto a Rapporto della Fondazione del Patrimonio intitolato “Combattere Big Tech's Totalitarianism: A Road Map", che descrive in dettaglio come Big Tech ha esercitato il suo potere per censurare gli americani. Il rapporto propone una serie di azioni Gli americani possono prendere per contrastare la situazione.

“È l'integrazione del governo e delle grandi aziende tecnologiche con il discorso della polizia che penso sia preoccupante e molto evocativa dell'imminente totalitarismo”, ha detto Frederick su EpochTV Programma “American Thought Leaders”.. La definisce una "simbiosi tra il governo e le aziende tecnologiche".

Ha citato alcuni esempi, tra cui all'inizio di febbraio, quando l'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki, in una conferenza stampa, sollecitato Spotify e altre importanti piattaforme tecnologiche intraprenderanno ulteriori azioni per eliminare ciò che l'amministrazione Biden considerava "disinformazione COVID-19".

Non è la prima volta che Psaki dice alle grandi aziende tecnologiche cosa fare, ha osservato Frederick. Nel luglio 2021, Psaki e il chirurgo generale Vivek Murthy in una conferenza stampa sollecitato società di social media per combattere quella che l'amministrazione Biden ha chiamato "disinformazione sanitaria". A quel tempo, Psaki ha individuato 12 persone che, secondo lei, stavano "producendo il 65% della disinformazione anti-vaccino sulle piattaforme dei social media".

"Tutte [le 12 persone] rimangono attive su Facebook, nonostante alcune siano state addirittura bandite su altre piattaforme, incluso Facebook, quelle di proprietà di Facebook", Psaki detto al momento. Il giorno dopo, Psaki disse, "Non dovresti essere bandito da una piattaforma e non da altre... per aver fornito disinformazione là fuori".

Frederick ha notato che entro un mese tutti gli utenti e gli account sono stati eliminati dalla piattaforma Facebook.

A gennaio, il presidente Joe Biden ha dichiarato che stava rivolgendo un "appello speciale" alle società di social media e ai media per "affrontare la disinformazione e la disinformazione" e all'inizio di febbraio il segretario per la sicurezza interna Alejandro Mayorkas aveva ha emesso un avviso di terrorismo non solo contro la cosiddetta disinformazione su COVID-19, ma anche nel contesto dell'integrità elettorale e della sicurezza elettorale, ha anche osservato Frederick.

"Questo sta diventando pervasivo e le grandi aziende tecnologiche sono gli agenti disponibili affinché il governo abbia davvero una mano pesante sul popolo americano", ha detto Frederick.

"Quindi assolutamente, questo è un totalitarismo in arrivo, queste pratiche, francamente, rispecchiano quello che fa la Cina nel sistema di credito sociale", ha continuato. “Devi ricordare che [è] iniziato anche con aziende private e province specifiche nel settore finanziario.

"Quindi penso che sia estremamente importante per gli americani alzare la guardia e riconoscere ciò che sta accadendo come sta accadendo oggi".

Annullare le opinioni dissenzienti

Nell'intervista, Frederick esplora il modo in cui le aziende tecnologiche hanno riproposto alcuni strumenti che originariamente dovevano essere utilizzati per combattere le minacce alla sicurezza nazionale, per reprimere ora punti di vista dissenzienti o qualsiasi cosa il governo degli Stati Uniti chiama "disinformazione", "disinformazione" e "informazione errata".

“Credo che ci siano problemi reali su queste piattaforme, giusto? Tratta di esseri umani, pubblicità di cartelli della droga... abusi sessuali su minori, materiale, sfruttamento e pornografia dei minori e veri contenuti terroristici islamici stranieri. Questi sono problemi reali, per non parlare delle operazioni di influenza legate allo stato, in cui si hanno bot che vengono coltivati ​​a cittadini patriottici dal PCC, il Partito Comunista Cinese, per spargere bile su Internet o fare il tifo per il PCC. … Quindi è molto importante che ci siano persone all'interno di queste aziende che ci lavorano”.

In precedenza Frederick ha contribuito a creare e guidare il programma di analisi antiterrorismo della sicurezza globale di Facebook. All'inizio della sua carriera, aveva trascorso sei anni come analista antiterrorismo presso il Dipartimento della Difesa.

Ha osservato che sulle piattaforme dei social media sembra esserci una "tendenza molto preoccupante" per cui vengono allocate più risorse per regolamentare i contenuti di destra e i contenuti dissenzienti.

"Non siamo riusciti a concordare una definizione di disinformazione e disinformazione, e quale tipo di effettivo tipo organico di operazioni di influenza siano, rispetto alle operazioni di influenza legate allo stato da parte di attori nefasti", ha affermato. “In questo momento, la disinformazione sembra essere un concentrato di opinioni che alla sinistra non piacciono e che al regime di Biden non piacciono.

"Non esistono altri esempi dimostrativi oltre alla storia del laptop di Hunter Biden [e] la fuga di notizie dal laboratorio del Wuhan Institute of Virology: queste due cose erano considerate disinformazione all'epoca e saresti censurato, sospeso o bandito da Facebook e Twitter e altri social”.

Ciò che è inoltre preoccupante è un apparente tentativo di collegare la disinformazione al terrorismo, come con il recente Department of Homeland Security (DHS) consultivo o del Dipartimento di Giustizia stabilimento di una nuova unità per combattere il terrorismo interno, ha detto Frederick.

"Queste istituzioni hanno definizioni per una ragione", ha detto. “Chiamano le cose terrorismo per una ragione. Perché puoi, una volta etichettato qualcosa come terrorismo, puoi mobilitare la solidità dell'intero apparato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti sviluppato sulla scia degli attacchi dell'11 settembre.

«E puoi mobilitarli contro chiunque accusi di terrorismo. E quando colleghi la disinformazione, la cattiva informazione [e] la disinformazione al terrorismo, ciò dà loro la licenza di fare una varietà di cose sotto una varietà di autorità specializzate e di visitarle contro il fornitore di questa disinformazione o disinformazione".

Frederick consiglia agli americani di esplorare le piattaforme create dai nuovi entranti. «Non li nominerò in modo specifico. Ma penso che stiamo iniziando a vedere questi concorrenti emergere mentre riconoscono la sfida mentre cercano di assumere [le] pratiche monopolistiche di queste grandi aziende tecnologiche", ha affermato.

"Assicurati che anche la tua privacy sia prima di tutto, quindi utilizzando aziende che si dedicano effettivamente alla privacy", ha aggiunto.

La censura sfrenata non si limita alle società di social media, ha affermato Frederick.

"È importante che le persone capiscano che non si tratta solo delle società di social media o del tuo diritto di essere su Twitter, ma del tuo diritto di essere su Facebook", ha affermato. "È tutto: servizi di consegna e-mail, piattaforme di raccolta fondi online, la tua capacità di portare avanti un progetto creativo, la capacità della persona normale di avere un'attività su Instagram, la tua capacità di vendere merce che crei su Shopify, la tua capacità di effettuare operazioni bancarie online."

“Sappiamo che 17 piattaforme digitali si sono mobilitate entro due settimane all'inizio di gennaio per sospendere o bandire il presidente Trump dalle loro piattaforme. Può succedere anche all'utente di tutti i giorni", ha affermato. "Quindi penso che sia fondamentale renderci conto che non sono solo le società di social media, ma è ogni aspetto della tua vita digitale, che è vita per sempre".

Nega i collegamenti al PCC, recupera il senso del dovere verso l'America

Gli americani, compresi i membri del Congresso, devono capire che le grandi aziende tecnologiche stanno violando i diritti costituzionali degli americani, come libertà di parola, "soprattutto quando [Big Tech sta] lavorando con il governo".

"Invece di dire 'sono aziende private, possono fare quello che vogliono', riconoscere che questo è un problema", ha detto.

Inoltre, le grandi piattaforme tecnologiche devono abbracciare nuovamente i valori americani e recuperare il senso del dovere nei confronti del paese, e i legislatori statunitensi possono dare il via al processo "essendo coraggiosi, chiamando [Big Tech], riconoscendo che questo è un problema e adottando misure per rettificarlo", ha detto.

Frederick ha detto di essere stata "colpita" dal modo in cui le grandi piattaforme tecnologiche come Facebook hanno mostrato una "mancanza di gratitudine e cognizione" di come hanno prosperato e fiorito sotto un sistema americano.

"Grazie all'America, [queste grandi piattaforme tecnologiche] sono state in grado di accumulare tutta questa generosità, innovare e costruire tutte queste cose davvero interessanti per le persone del mondo", ha osservato. “Riconosco che sono aziende globali, ma quando si tratta del motivo per cui hanno avuto così tanto successo, è grazie all'America e al nostro sistema unico. Penso che le aziende debbano ritrovare il senso di essere di nuovo americane. ... Recuperare quel senso di dovere verso l'America e una gratitudine per ciò che è stata in grado di fare e creare per questi dirigenti e le persone che lavorano sotto di loro".

Ha detto che i legami della Big Tech con il PCC rappresentano un grosso ostacolo a questo sforzo e crede che il Congresso debba mettere in riga le aziende.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

elle

Il Congresso, allo stato attuale, non farà nulla per fermare la collusione tra governo e corporazioni: la tecnocrazia. Inferno, 1/2 di loro sono e sono stati a bordo per fare soldi dai loro investimenti interni al covid. Lo strumento covid totalitario che ha portato loro la loro opportunità finanziaria non sarà mai negato. Se noti in questo momento, stanno tutti dimenando nei loro imperscrutabili posti di potere cercando di capire come possono mentire, imbrogliare e rubare abbastanza per essere rieletti. “Diventiamo tutti amici; non facciamo divisioni, vediamo chi è veramente l'altro?" Sì? MORDIMI. Questa è la centrale... Per saperne di più »

Ultima modifica 8 mesi fa di elle
Argo

Perché Kissinger, e persone come Soros, non furono nemmeno imprigionati e/o semplicemente esiliati nel blocco orientale con cui lavoravano, è la domanda che le persone dovrebbero porsi. Ascoltalo qui, ed è la stessa retorica da decenni. Le persone che prendono parte a questo - sta già parlando di un "Piano marziale orientale accolto calorosamente negli Stati Uniti". Da paesi pieni zeppi di lavoro schiavo. E non è perché sono "poveri", è perché semplicemente non hanno standard sui diritti civili, non hanno la stessa storia, discussioni, battaglie su certe cose. E tu hai un mucchio di marmocchi nel... Per saperne di più »