Foreign Policy Mag: Sec'y Of Treasury Janet Yellen etichettata come Tecnocrate

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Pubblicazione globalista Politica estera ha chiaramente identificato Janet Yellen come un tecnocrate, sulla falsariga del primo ministro Mario Draghi in Italia. Draghi ha formato un governo tecnocrate in Italia ed è un entusiasta sostenitore del Great Reset del WEF. ⁃ TN Editor

Negli ultimi anni, il mondo è stato intrattenuto con storie sulla crisi delle competenze. L'era del tecnocrate liberale era finita, ci dissero, uccisa dalla crisi finanziaria e dal populismo. Ma se le democrazie hanno difficoltà a convivere con l'esperienza, sembra che non possano nemmeno farne a meno.

All'inizio del 2021, due delle democrazie capitaliste più controverse al mondo, l'Italia e gli Stati Uniti, si sono rivolte a esperti familiari per tracciare una via d'uscita da nuove situazioni politiche. Se esiste un tecnocrate, Janet Yellen, il nuovo segretario al Tesoro degli Stati Uniti, e Mario Draghi, il nuovo primo ministro italiano, lo sono.

Negli ultimi 30 anni, sia Yellen che Draghi hanno ricoperto posizioni di alta autorità, culminate nel periodo tra il 2014 e il 2018 quando si sono sovrapposti come i capi della Federal Reserve statunitense e della Banca centrale europea (BCE), rispettivamente, i due più potenti banche centrali nel mondo. Sono stati scelti per esercitare il potere sulla base della loro esperienza e del loro giudizio, ma anche perché erano in linea con il marchio prevalente della politica centrista: Yellen più a sinistra, Draghi più a centro-destra. Ora sono stati richiamati ai bastioni, in un'età che normalmente suggerirebbe il ritiro, per assumere ruoli più politici che mai.

Yellen, la prima donna a guidare il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, è destinata a presiedere il più audace round di stimoli di qualsiasi democrazia in tempo di pace. Draghi, in qualità di primo ministro, affronta la sfida di riportare l'Italia alla crescita con l'aiuto di uno stanziamento senza precedenti di 209 miliardi di euro (254 miliardi di dollari) dal nuovo fondo UE Next Generation dell'Unione Europea, contrattato all'inizio della pandemia.

Questi sono compiti estremi, richiesti dalla situazione estrema in cui si trovano gli Stati Uniti e l'Europa. Su entrambe le sponde dell'Atlantico, aspettative deluse e timori per il futuro stanno contribuendo ad alimentare la politica nazionalista e di destra dirompente. Se la crescita su vasta scala non può essere riavviata, le implicazioni sono allarmanti.

Naturalmente, sarebbe assurdo incolpare Draghi o Yellen personalmente per la sequenza di cambiamenti e shock che ha destabilizzato le democrazie capitaliste dagli anni '1990 o per la crisi di fiducia che questi hanno innescato tra i liberali centristi. Ma come persone di enorme influenza e come rappresentanti di una classe di esperti che hanno governato il posatoio negli ultimi 30 anni, difficilmente possono nemmeno invocare l'innocenza. È stato sotto la loro sorveglianza che la crescita ha rallentato, la disuguaglianza tra classi sociali e regioni è diventata sempre più profonda e il rischio di inflazione si è trasformato in quello della deflazione. È stato sotto la loro sorveglianza che è stato consentito al sistema finanziario di diventare un volano di distruzione di massa. È stato sotto la loro sorveglianza che i rischi del cambiamento climatico e delle minacce di pandemia non sono stati affrontati.

Mentre i rivoluzionari del mercato degli anni '1970 e '80 erano radicali, schiacciando gli ultimi baluardi della vecchia sinistra e allontanando il lavoro organizzato con i bulldozer, Draghi e Yellen sono emersi negli anni '1990 come manager di quello che ora è conosciuto come il Grande Moderazione. Questo non vuol dire che idolatrassero lo status quo. Come ha osservato una volta Yellen: “Le economie capitaliste opereranno in piena occupazione in assenza di interventi di routine? Certamente no. I responsabili politici hanno la conoscenza e la capacità di migliorare i risultati macroeconomici piuttosto che peggiorare le cose? Sì." Ma la loro idea di intervento politico prendeva come dato l'orizzonte istituzionale esistente. Non per niente si sono affermati come banchieri centrali indipendenti: la posizione politica forse meno responsabile nei confronti della politica democratica e la leva politica per eccellenza dell'era neoliberista.

Eredi della rivoluzione del mercato, impegnati a gestire e migliorare lo status quo, la marcia di Draghi e Yellen attraverso le istituzioni è stata gloriosa, ma le loro carriere sono state anche definite da un costante adattamento a shock politici ed economici che non prevedevano e non potevano controllare . Questi shock hanno spinto Yellen e Draghi a esplorare i confini politici ed economici del potere tecnocratico.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti