Smart Grid a zero emissioni di carbonio: la Spagna vieta l'aria condizionata al di sotto degli 80 gradi

Per favore, condividi questa storia!
Il controllo della tecnocrazia sull'energia è reso possibile creando una crisi energetica artificiale e quindi utilizzando la tecnologia Smart Grid per controllare le persone e il comportamento. TN ha avvertito di questo per diversi anni eppure quasi tutti sbadigliavano e distoglievano lo sguardo. Ora spagnoli, italiani, tedeschi, ecc. gemono, se non urlano, sotto i draconiani blocchi energetici. ⁃ Editore TN

In risposta alla crisi energetica europea, la Spagna ha vietato in modo controverso che l'aria condizionata scenda al di sotto dei 27°C (80.6°F) in estate.

Il nuovo decreto del governo, che si applica a tutta una serie di edifici pubblici, negozi, hotel e altri luoghi, interromperà anche l'aumento del riscaldamento oltre i 19°C durante l'inverno.

"Le regole saranno obbligatorie in tutti gli edifici pubblici e commerciali, inclusi bar, cinema, teatri, aeroporti e stazioni ferroviarie", riporta EuroNews.

Inquietante, il rapporto rileva anche che l'azione è "estesa come raccomandazione alle famiglie spagnole", il che significa che un giorno potrebbe diventare obbligatoria in modo simile ai divieti di tubi flessibili ed essere applicata con multe.

Il governo ha approvato il disegno di legge per soddisfare la richiesta dell'Unione Europea di "limitare la dipendenza dal gas russo".

Le nuove misure saranno applicate con sanzioni onerose che potrebbero arrivare a un massimo di 600,000 euro per “gravi violazioni”.

Gli spagnoli hanno risposto lamentando che lavorare al chiuso a 27°C sarebbe stato troppo caldo.

"In questo momento, forse suggerito dall'ondata di caldo che stiamo vivendo, direi che con 27 gradi faremo molto caldo", ha detto Andrea Castillo, lavoratore dell'università di Castellón. "Forse potremmo lavorare a 25 gradi, ma non a 27".

A parte la crisi energetica, ci si aspetta di vedere una spinta affinché tali misure diventino permanenti in nome del perseguimento di politiche disastrose di "zero netto" per combattere il cambiamento climatico.

Come prima evidenziato, il più grande proprietario residenziale della Germania, che possiede circa 490,000 proprietà, è destinato a imporre un razionamento energetico che ridurrà il riscaldamento agli inquilini di notte.

Anche il ministro dell'ambiente di Amburgo avvertito Tedeschi che l'acqua calda potrebbe essere razionata e limiti alle temperature massime ambiente introdotte a causa della crisi energetica.

All'inizio di quest'anno anche l'Italia ha annunciato inizierebbe a razionare l'energia per "sostenere l'Ucraina", con il divieto agli edifici pubblici di far funzionare l'aria condizionata a temperature inferiori a 25 gradi o il riscaldamento a temperature superiori a 19 gradi.

Nel frattempo, nel Regno Unito, la maggioranza dei britannici pensa che la crisi del costo della vita porterà le persone a morire di congelamento e rivolte per le strade.

Tuttavia, almeno tutti si sono sentiti bene con se stessi per alcune settimane sventolando bandiere ucraine!

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Aless Mac

Lampioni spenti alle 10:XNUMX? Questo è quando la maggior parte dei ristoranti spagnoli apre solo per la cena. Prevedo un'ondata di crimini di strada contro coloro che cenano fuori casa.

Daryl

Questa è l'intenzione.

[…] Rete intelligente a emissioni zero: la Spagna vieta l'aria condizionata al di sotto degli 80 gradi […]

Taras

Certo. Prendiamo la Russia per prendere l'Ucraina. Non sono problemi spagnoli. Dopo diversi anni la Russia decide di accaparrarsi Lituania, Lettonia, Estonia. Oh..Non è nemmeno un problema di spagnolo. Successivamente Polonia e Repubblica Ceca. E un giorno rissian dirà. Hey ragazzi! Pensiamo che le case in Spagna costino davvero molto per i russi. Chiudiamo a te il GPL che fai in sconto per le nostre persone. I russi vogliono vivere in Spagna di fronte al mare)