La pandemia ha rivendicato la vita di decine di migliaia di aziende

Wikimedia Commons, Danikayser84
Per favore, condividi questa storia!
La pandemia ha facilitato il più grande trasferimento di ricchezza nella storia del mondo, poiché la classe media è stata sventrata e le società globali riempiono il vuoto. Il capitalismo è sul letto di morte, sotto un ordine di non resuscitare da parte di artisti come il World Economic Forum. ⁃ TN Editor

Cominciamo con le basi. Non ci sono prove che i blocchi funzionino per fermare la diffusione del coronavirus. Nessuna. Questa non è supposizione.

Dopo dieci mesi dalla pandemia, abbiamo dati da più di venti paesi principali in tutto il mondo che hanno provato i blocchi in varie forme. I blocchi vanno da estremi (come è successo nel Victoria in Australia) a moderati (Svezia) a inesistenti (South Dakota).

I risultati sono sorprendenti. Non c'era alcuna differenza sostanziale nel carico dei casi o nei tassi di mortalità indipendentemente dal tipo di blocco utilizzato. In alcuni casi, un blocco estremo ha ridotto lo spread per un breve periodo di tempo. Ma, prima o poi, il virus è tornato. I blocchi possono spostare brevemente il carico di lavoro da un periodo di tempo a un altro, ma non modificano il carico di lavoro totale nel tempo.

Nel frattempo, i blocchi uccidono. La mancanza di socializzazione durante un blocco porta a tassi drasticamente aumentati di suicidi, abuso di droghe, abuso di alcol, violenza domestica e altri comportamenti mortali. Le famiglie vengono separate (nella migliore delle ipotesi) o lacerate (nel peggiore dei casi) a causa della separazione e dello stress dei blocchi.

Molte persone con altre malattie come il cancro e le malattie cardiache evitano il trattamento per paura di contagio negli ospedali e finiscono per morire di conseguenza. Non c'è niente di sbagliato in semplici precauzioni come il lavaggio delle mani, l'allontanamento sociale e l'uso di maschere, sebbene ci siano buone prove che neanche le maschere funzionano. Ma questi passaggi sono a basso costo e le persone si adattano facilmente a loro.

In conclusione, i blocchi sono estremi, non funzionano e hanno un costo sociale enorme. Sono per lo più segnali di virtù per politici incapaci e giornalisti ancora più incapaci che li incitano.

Ma il danno economico che provocano è vasto e innegabile.

Ci sono stati miglioramenti

La crescita annualizzata nel secondo trimestre del 2020 è stata negativa del 31.4%, il più grande calo trimestrale nella storia degli Stati Uniti. E il National Bureau of Economic Research, il segnapunti designato per l'inizio e la fine delle recessioni, ha dichiarato che una recessione è iniziata a febbraio.

Nessuno dubita di quella chiamata per un istante. Da allora, alcune cose sono molto migliorate, è vero. La recessione tecnica era terminata entro il 30 giugno. Il mercato azionario è tornato ai nuovi massimi storici entro settembre per l'S & P 500 e il NASDAQ Composite. Il Dow ha raggiunto un nuovo massimo storico la scorsa settimana.

La disoccupazione è scesa al 6.9% all'inizio di novembre; ancora alto, ma un grande miglioramento rispetto al tasso di disoccupazione del 14.7% che abbiamo visto a maggio. Anche il PIL annualizzato è risalito, con un aumento del 33.1% nel terzo trimestre. Non è bastato a compensare il calo del primo tempo, ma è stato un buon inizio.

Quindi, con la disoccupazione in calo, l'economia in crescita e le scorte a nuovi massimi storici, questo significa che la costa è libera e il panico pandemico è finito?

Sfortunatamente no.

Il grande blocco degli affari Parte II

Abbiamo visto un nuovo picco di casi di coronavirus e vittime. La possibilità che diversi vaccini siano disponibili nel prossimo futuro è una buona notizia, ma ci vorranno settimane o mesi prima che la maggior parte degli americani riceva le iniezioni (il vaccino sarà inizialmente limitato ai cittadini più vulnerabili, il che è una buona politica di salute pubblica).

I politici stanno facendo l'unica cosa che sanno fare, che è bloccare l'economia.

Allora, sei pronto per il Great Business Lockdown Parte II? Potresti essere pronto, ma le piccole imprese sicuramente non lo sono.

Le imprese erano già in difficoltà dopo il blocco di marzo-luglio e le violente proteste che hanno colpito molte città la scorsa estate. Ora, molti prenderanno un altro colpo.

L'unica cosa di cui puoi essere certo è che i blocchi distruggono le piccole e medie imprese, che costituiscono il 45% del PIL e il 50% di tutti i posti di lavoro.

I consulenti sanitari di Joe Biden sono le voci più rumorose a favore dei blocchi. Potrebbero non fermare il virus, ma uccideranno l'economia.

Più specificamente, sembra che stiamo andando verso una recessione "double-dip". È allora che una recessione è seguita da una breve ripresa e poi ricade in una seconda recessione. Questo è ciò che accadde all'inizio degli anni '1980, quando una recessione terminò nel luglio 1980 e una nuova recessione iniziò nel luglio 1981, appena un anno dopo la precedente recessione.

C'è un altro fattore che aggraverà la nuova recessione: l'esodo di massa dalle città in corso da mesi.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Sapere Audete

Non la pandemia ma la puttana politica criminale $!