L'industria tedesca della carne avverte che gli scaffali dei supermercati sono vuoti e il prezzo della carne è aumentato del 40%.

ManzoWikimedia Commons, Jon Sullivan
Per favore, condividi questa storia!
Gli estremisti radicali del riscaldamento globale hanno dichiarato guerra a tutto campo alla carne perché i bovini producono troppa flatulenza, che secondo loro è una delle principali cause del riscaldamento. Sono pateticamente ignoranti dei fatti, ma stanno comunque facendo fallire l'industria della carne. La loro dieta preferita? insetti e occasionali prelibatezze vegetali. ⁃ Editore TN

"L'attuale governo federale vorrebbe abolire l'allevamento di animali e cambiare la dieta in Germania con verdure e farina d'avena", afferma Hubert Kelliger, responsabile delle vendite del gruppo presso il grande macellaio Westfleisch

L'industria tedesca della carne ha avvertito di imminenti colli di bottiglia nella fornitura, in particolare per quanto riguarda la carne di maiale, e un membro del consiglio sta dando almeno una parte della colpa all'attuale governo di sinistra tedesco, che è ben noto per i suoi attacchi alla carne e gli sforzi per la transizione verso un approvvigionamento alimentare di origine vegetale.

"Tra quattro, cinque, sei mesi non avremo nulla sugli scaffali", prevede Hubert Kelliger, responsabile delle vendite del gruppo presso la grande macelleria Westfleisch e anche membro del consiglio di amministrazione della Meat Industry Association (VDF), secondo The World.

Uno dei principali fattori che influenzano l'approvvigionamento di carne della Germania, secondo Kelliger, è la riduzione dei suini da ingrasso provenienti dagli allevatori. Altri agricoltori hanno semplicemente rinunciato alla produzione e stanno fallendo.

"Ciò significa inevitabilmente che ci saranno meno scorte nei prossimi mesi", ha affermato Kellinger, il che potrebbe portare i consumatori a vedere più scaffali vuoti ma anche un aumento significativo dei prezzi.

"Non è possibile quantificare oggi se sarà del 20, 30 o 40 percento, ma aumenterà di nuovo in modo significativo", ha affermato Kellinger. Un tale aumento sarebbe già sulla scia di aumenti già sostanziali. La Germania ha vissuto un generale 40 per cento aumento dei prezzi dei prodotti alimentari quest'anno, compreso un aumento del 73% delle patate. Ulteriori balzi di prezzo in avanti potrebbero essere disastrosi per i consumatori tedeschi.

Tuttavia, un drammatico aumento dei prezzi della carne potrebbe effettivamente rientrare nell'agenda del governo tedesco, che ha stato attivamente promosso un passaggio a una dieta a base vegetale. Kellinger non è stato a corto di critiche per il governo sull'argomento.

"L'attuale governo federale vorrebbe abolire l'allevamento di animali e cambiare la dieta in Germania con verdure e farina d'avena", ha detto; tuttavia, ha avvertito che, nonostante l'ideologia del governo, "è anche un dato di fatto che oltre il 90% delle persone in Germania compra e mangia ancora carne".

A sostegno della sua affermazione, ha fatto riferimento alle analisi dei ricercatori sui consumatori di GfK. Inoltre, un sondaggio del 2016 ha rilevato che l'83 percento di I tedeschi mangiano carne più volte alla settimana e più di un quarto della popolazione tedesca mangia carne ogni singolo giorno.

Kelliger ha anche criticato il ministro federale dell'alimentazione e dell'agricoltura Cem Özdemir, del Partito dei Verdi, per aver promosso un tassa sulla carne.

"Dovremmo mangiare meno carne in generale e assicurarci che provenga da animali allevati in modo appropriato alla specie", ha detto Özdemir t-in linea. Consiglia di "adattare il consumo di carne ai confini planetari e per il bene della nostra salute".

Mentre i politici verdi hanno condannato il consumo di carne, la realtà sociale è diversa, con quasi l'intera popolazione tedesca che mangia regolarmente carne. Tuttavia, le politiche agricole e verdi stanno soffocando la produzione di carne tedesca, rendendo la Germania totalmente dipendente dalla carne proveniente da paesi stranieri; questo sta creando una nuova dipendenza simile alla dipendenza della Germania dal gas russo, che si è rivelato un errore catastrofico.

"La Germania è ora il più grande importatore di carne in Europa", afferma Gereon Schulze-Althoff, membro del consiglio di amministrazione di VDF e responsabile senior per la sostenibilità e la qualità presso il macello Tönnies. "Ora siamo a un punto in cui possiamo calcolare quando non saremo più in grado di rifornirci di carne".

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

L'occidente sta causando i suoi problemi seguendo il WEF

[…] Bersumber dari Berita & Tren Teknokrasi […]

[...] Per saperne di più: l'industria tedesca della carne mette in guardia sugli scaffali dei supermercati vuoti [...]

[...] Per saperne di più: l'industria tedesca della carne mette in guardia sugli scaffali dei supermercati vuoti [...]

trackback

[…] L'industria tedesca della carne mette in guardia sugli scaffali dei supermercati vuoti, il 40% di aumento dei prezzi della carne […]