Avvocato per i diritti umani: il riconoscimento facciale è arsenico nell'acqua della democrazia

vuoto
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Un critico di Social Engineering e Digital Slavery, noto anche come Technocracy, suggerisce che "La sorveglianza di massa ha un effetto agghiacciante che distorce il comportamento pubblico". In effetti, al mondo è rimasto poco tempo per invertire la tendenza. ⁃ Editor TN

Il riconoscimento facciale automatizzato rappresenta una delle maggiori minacce alla libertà individuale e dovrebbe essere vietato dall'uso negli spazi pubblici, secondo il direttore del gruppo di campagna Liberty.

Martha Spurrier, un avvocato per i diritti umani, ha affermato che la tecnologia ha avuto problemi così fondamentali che, nonostante l'entusiasmo della polizia per le attrezzature, il suo uso nelle strade non dovrebbe essere consentito.

Ha detto: “Non penso che dovrebbe mai essere usato. È una delle, se non la più grande, minaccia alla libertà individuale, in parte a causa dell'intimità delle informazioni che prende e passa allo stato senza il tuo consenso, e senza nemmeno la tua conoscenza, e in parte perché non sai cosa sia fatto con queste informazioni. "

Police in Inghilterra e Galles hanno utilizzato il riconoscimento facciale automatizzato (AFR) per scansionare la folla alla ricerca di sospetti criminali in processi nei centri cittadini, festival musicali, eventi sportivi e altrove. Gli eventi, da una commemorazione della domenica della memoria al Cenotaph al festival di Notting Hill e al rugby delle Sei Nazioni, hanno attirato milioni di persone.

Di recente San Francisco è diventata la prima città degli Stati Uniti a vietare alla polizia e ad altre agenzie di utilizzare il riconoscimento facciale automatizzato, a seguito della diffusa condanna dell'uso da parte della Cina della tecnologia per imporre controllo su milioni di musulmani uiguri nella regione occidentale dello Xinjiang.

Se utilizzate in spazi pubblici, le unità automatizzate di riconoscimento facciale utilizzano una telecamera per registrare i volti in mezzo alla folla. Le immagini vengono quindi elaborate per creare una mappa biometrica del viso di ogni persona, basata su misurazioni della distanza tra i loro occhi, naso, bocca e mascella. Ogni mappa viene quindi confrontata con una "lista di controllo" contenente le mappe facciali di sospetti criminali.

Spurrier ha dichiarato: “Penso che sia abbastanza salutare che la capitale mondiale della tecnologia abbia appena vietato questa tecnologia. Dovremmo sederci e ascoltare quando San Francisco decide che non vogliono questo per le loro strade.

“Va molto al di là di ciò che già abbiamo, come CCTV e stop-and-search. Ci porta in un territorio di sorveglianza statale invasivo inesplorato dove tutti sono sotto sorveglianza. Per sua natura è uno strumento di sorveglianza di massa. "

Ha affermato che la mancanza di un governo forte e il controllo potrebbero consentire alla polizia di implementare il riconoscimento facciale dal vivo di nascosto, senza un dibattito significativo sul fatto che il pubblico lo voglia o no. La tecnologia si stava sviluppando così in fretta, disse, che il governo non riusciva a tenere il passo.

"C'è un vero senso di determinismo tecnologico che è spesso spinto dalle grandi società, ma anche dalle forze dell'ordine e dal governo, che è inevitabile che avremo questo, quindi dovremmo smettere di parlare del perché non dovremmo averlo, " lei disse.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti