Delingpole: Il professor Neil 'Pantsdown' Ferguson ammette che i blocchi sono stati ispirati dalla Cina

Neil Ferguson
Per favore, condividi questa storia!
Il professore Ferguson, screditato dell'Imperial College di Londra, è stato il primo allarmista creatore di modelli informatici che ha scatenato il Grande Panico del 2020. È strettamente legato alle Nazioni Unite, agli allarmisti radicali del clima e alla Cina.

Ferguson originariamente prescrisse politiche di isolamento con maschere facciali, allontanamento sociale e chiusura di tutte le scuole come se fossero una sua invenzione. In effetti, ha offerto le stesse polizze nel 2009 durante la stagione influenzale H1N1.

Dall'accensione di Ferguson del Grande Panico del 2020, il suo software di modellazione al computer è stato completamente screditato da altri scienziati informatici e poi è stato arrestato per aver infranto le sue "regole" del coprifuoco incontrandosi segretamente per un'unione sessuale poliamorosa con un attivista climatico di estrema sinistra . Quest'ultima attività gli è valsa il cinico titolo di “Professor Pantsdown”. ⁃ TN Editor

Il professor Neil Ferguson, lo screditato modellatore di computer dell'Imperial College dietro le draconiane politiche di blocco della Gran Bretagna, è stato chiaro sulla sua ispirazione: niente di tutto ciò sarebbe stato possibile senza il fulgido esempio del Partito comunista cinese.

In una straordinaria intervista con il di stima (di Londra), Ferguson ammette che se non fosse stato per l'esempio della Cina, nessun paese occidentale si sarebbe mai sognato di mettere la sua popolazione agli arresti domiciliari.

Nel 2019, più o meno nel periodo in cui qualcuno veniva infettato da un pipistrello, i piani pandemici di nessun paese europeo hanno seriamente preso in considerazione la prospettiva di mettere un paese in pausa.

Allora, questo è quello che ha fatto la Cina. "Penso che la percezione delle persone di ciò che è possibile in termini di controllo sia cambiata in modo piuttosto drammatico tra gennaio e marzo", afferma il professor Ferguson.

Ferguson sembra trovare eccitante l'idea di emulare uno stato totalitario piuttosto che imbarazzante o vergognoso perché se ne vanta di nuovo più avanti nell'intervista.

A gennaio, i membri di Sage, il gruppo consultivo scientifico del governo, avevano assistito alla messa in atto da parte della Cina di questo intervento innovativo nel controllo delle pandemie che era anche un intervento medievale.

“Hanno affermato di aver appiattito la curva. All'inizio ero scettico. Ho pensato che fosse un enorme insabbiamento da parte dei cinesi. Ma con l'accumulo dei dati è diventato chiaro che si trattava di una politica efficace ".

Poi, mentre le infezioni si diffondevano in tutto il mondo, spuntando come foruncoli rabbiosi sulla mappa, Sage dibatté se, tuttavia, sarebbe stato efficace qui. “È uno stato comunista a partito unico, abbiamo detto. Non potevamo farla franca in Europa, abbiamo pensato. " A febbraio uno di quei foruncoli ha imperversato appena sotto le Alpi. “E poi l'Italia l'ha fatto. E abbiamo capito che potevamo. "

Quella frase "farla franca" è istruttiva. Ciò implica che, almeno a livello inconscio, Ferguson è consapevole che copiare la politica di blocco della Cina comunista non era un atto moralmente accettabile, ma semplicemente reso possibile da circostanze particolari.

Sebbene i blocchi siano senza precedenti nella storia moderna e, nel Regno Unito, siano stati responsabili del più grande crollo del PIL in 300 anni, nonché della distruzione di molte migliaia di imprese e centinaia di migliaia di posti di lavoro, Ferguson mostra zero contrizione per aver fornito gli scenari apocalittici modellati dal computer responsabili di tutta questa miseria.

Né si scusa per l'incidente durante la prima chiusura quando è stato sorpreso a infrangere le regole che ha contribuito a creare sfondando la sua amante a casa sua (non, ovviamente, nella casa che condivide con sua moglie). Questo gli è valso il soubriquet "Professor Pantsdown", oltre alla reputazione di ipocrita premiato.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Alfred

Non siamo più i visionari di una società libera, i nostri leader ora hanno l'invidia degli stivali, in cui hanno paura che i loro stivali che calpestano il volto dell'umanità, non siano grandi come gli stivali della Cina, quindi si sono precipitati a assicurarsi che i loro passi siano almeno marginalmente più grandi.

solo dicendo

Questo è ciò di cui si tratta:immagine del commento& exph = 567 & expw = 350 & q = statue + in + roma + of + feet + on + protestants + neck + holding + bible & simid = 607996434215669481 & ck = 9098EC341A48EDF11FE98870395470CA & selectedindex = 0 & form = IRPRST & idpp = Great poker face & ajaxh said before: 'come lo chiamava un gesuita, il dottor Fauci il gesuita! Cosa dovrebbe essere l'America? Protestante, ma non di più e fu solo per brevissimo tempo. Disprezzano la Bibbia di Re Giacomo perché in essa puoi trovare la vita eterna senza di loro. La 0a rivoluzione industriale riguarda il mondo che viene nuovamente governato da Roma senza ebrei e rinati cristiani. Roma li ha perseguitati per secoli. Il papa è un gesuita.

Ultima modifica 1 anno fa di just sayin
Barbara DBedard

bello

[…] natura benigna del "COVID" con un tasso di mortalità per infezione dello 0.3% (sopravvive il 99.7%), amplificato da modelli spuri e dalla paura che promuove le operazioni psicologiche dell'incredibile "Nudge Unit" degli inglesi […]