Il professore dell'Oregon incolpa i "cristiani bianchi" per gli incendi della costa occidentale

Wikimedia Commons, foto dell'aeronautica statunitense di Senior Master Sgt. Dennis W. Goff
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I religiosi del riscaldamento globale stanno tracciando la linea di battaglia contro i "cristiani bianchi" come fonte dei loro problemi. La professoressa Susan Shaw li incolpa per la stagione degli incendi senza precedenti della costa occidentale a causa della loro incredulità nei confronti del riscaldamento globale causato dall'uomo. Le opinioni anti-Bibbia e anti-Dio di Shaw sono chiaramente evidenti.

La religione dello scientismo è alla radice di tutte le cose tecnocrazia e transumanesimo, e postula che la verità sull'universo e sull'uomo può essere trovata solo attraverso la scienza. Tutti gli altri sistemi di credenze vengono categoricamente rifiutati. Pertanto, la filosofia, altri sistemi religiosi e soprattutto qualsiasi cosa collegata alla Bibbia, sono considerati privi di valore e, in questo caso, dannosi. ⁃ TN Editor

Un professore di studi su donne, genere e sessualità della Oregon State University ha affermato che i "cristiani bianchi" sono i responsabili degli incendi della costa occidentale a causa della loro "negazione della scienza del clima".

Come rivelato dalle persone attente del Campus Reform in un saggio del 2 ottobre, la prof. Susan Shaw ha insistito sul fatto che "l'Occidente sta bruciando mentre la maggior parte dei cristiani bianchi si allontana dalle cause profonde della devastazione".

Shaw scrive che "l'intensità e la portata di questi incendi sono il risultato del cambiamento climatico" e la sua diffusione è dovuta al fatto che "molti cristiani, in particolare i cristiani bianchi, hanno abbracciato la negazione della scienza del clima".

"Poco più della metà dei protestanti bianchi della linea principale concorda sul fatto che il cambiamento climatico è una crisi o un problema importante", Shaw dichiara. “Solo il 44% degli evangelici bianchi dice lo stesso. Quasi un quarto afferma che non è affatto un problema ".

Il problema non è solo religioso, ma è anche politico, afferma prevedibilmente Shaw.

"L'inquietante legame tra il sostegno evangelico dei bianchi a Trump e il disprezzo per il cambiamento climatico che colpisce in modo sproporzionato le persone povere di colore in tutto il mondo probabilmente non dovrebbe essere poi così sorprendente", scrive Shaw, che stati che i suoi "attuali interessi di ricerca riguardano gli studi femministi sulla religione".

"Non sorprende che più del 70% dei democratici accetti che l'attività umana causa il cambiamento climatico, mentre solo il 22% dei repubblicani lo fa", si lamenta Shaw. "Gli studiosi suggeriscono che la politica più che la religione può guidare queste convinzioni, specialmente in un contesto di parte come quello che abbiamo attualmente."

Shaw omette di menzionare il ruolo della gestione forestale nella dilagante diffusione degli incendi. Il mese scorso, NPR osservato che "la California e l'Oregon in particolare sono molto indietro rispetto agli obiettivi dichiarati di trattare milioni di acri di foreste e terre selvagge attraverso progetti di ripristino, diradamento selettivo di alberi e arbusti e bruciature prescritte".

"I trattamenti che hanno implementato per anni non sono stati davvero nella scala necessaria per compensare un evento provocato dal vento e aggravato dal cambiamento climatico", ha affermato Andrew Sánchez Meador, direttore dell'Ecological Restoration Institute at Northern Arizona University.

Allo stesso modo, Chuck DeVore, vicepresidente delle iniziative nazionali presso la Texas Public Policy Foundation, ha scritto l'anno scorso a Forbes che “non è il cambiamento climatico che sta bruciando le foreste, uccidendo persone e distruggendo centinaia di case; sono decenni di cattiva gestione ambientale che hanno creato una polveriera di legname non raccolto, alberi morti e fitto sottobosco ".

Shaw, invece, vede il problema come radicato nell'evangelismo apocalittico.

“Molti cristiani bianchi credono che Dio non permetterà ai cambiamenti climatici di distruggere la terra. Altri vedono i disastri legati al clima come segni della fine dei tempi ”, dichiara.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Il professore dell'Oregon incolpa i "cristiani bianchi" per gli incendi della costa occidentale […]

solo dicendo

Ovviamente nello stato in cui vivo. Menzionate loro la Bibbia e andranno fuori di testa! C'è spazio per UN'opinione ed è la loro ed è sempre sbagliata !! Il professore dell'Oregon è stato consegnato a una mente degradata. Il riscaldamento globale secondo la Bibbia sta arrivando di sicuro! Sì, i cristiani credono nel riscaldamento globale, ma non ancora. “Ma il giorno del Signore verrà come un ladro di notte; in cui i cieli passeranno con un grande rumore, e gli elementi si scioglieranno con un calore fervido (intenso), LA TERRA ANCHE e... Leggi di più "

Robert Olin

Satanisti o utili idioti dei satanisti?

Kathleen Wood

Wow! Non c'è da stupirsi che l'Oregon abbia così tanti problemi.